Fatturazione elettronica
gli approfondimenti tematici di edilportale.com

ME by Starck

News Parcelle Professionali

venerdì 22 maggio 2015
pubblicato da Alessandra Marra in NORMATIVA

Ristrutturazioni e Bonus Mobili: le Entrate aggiornano le guide

Revisionato anche il vademecum sulle agevolazioni prima casa per chi acquista o vende

Ristrutturazioni e Bonus Mobili: le Entrate aggiornano le guide
22/04/2015 – L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato ad aprile 2015 le guide su ‘Ristrutturazioni edilizie’ e ‘Bonus Mobili’.   Agevolazioni per le ristrutturazioni Ricordiamo che per chi ristruttura casa è possibile detrarre dall’Irpef (l’imposta sul reddito delle persone fisiche) il 50% delle spese sostenute (bonifici effettuati) dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2015, con un limite massimo di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare.   La detrazione deve essere ripartita in dieci quote annuali di pari importo, nell’anno in cui è sostenuta la spesa e in quelli successivi.   Oltre alle spese necessarie per l’esecuzione dei lavori, ai fini della detrazione è possibile considerare anche [Leggi tutto l'articolo ...]


giovedì 21 maggio 2015

In arrivo il nuovo Conto Termico e incentivi alle rinnovabili

Ministro Guidi: 'Il Governo lavorerà per definire nuove regole fino al 2020'

In arrivo il nuovo Conto Termico e incentivi alle rinnovabili
21/05/2015 – In arrivo un nuovo conto termico e nuovi incentivi per le rinnovabili elettriche diverse dal fotovoltaico (vedi bozza) fino alla fine del 2016; in più novità per il fotovoltaico.   Questo l’annuncio del Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, nel corso dell’Audizione alla Commissione Industria del Senato sulle politiche, soprattutto energetiche, del suo dicastero. La Guidi ha confermato che per il Governo le rinnovabili, insieme all’efficienza energetica, rientrano tra le principali priorità d’azione sul lungo termine; contestualmente però ha anticipato una revisione delle politiche energetiche con particolare attenzione alla riduzione dei costi delle bollette.   Incentivi per le FER [Leggi tutto l'articolo ...]


mercoledì 20 maggio 2015
pubblicato da Alessandra Marra in APPALTI

Qualità architettonica: il ddl Zanda introduce il diritto d’autore per i progetti

Iniziata al Senato la discussione sul testo che rende obbligatori concorsi di idee o di progettazione per tutte le opere pubbliche

Qualità architettonica: il ddl Zanda introduce il diritto d’autore per i progetti
20/05/2015 - È iniziato l’esame al Senato del Ddl Zanda sulla valorizzazione della qualità architettonica e sulle norme che disciplinano la progettazione di un’opera pubblica.   Qualità architettonica nell’interesse pubblico Il Disegno di legge introduce nell’ordinamento legislativo italiano la nozione di "qualità architettonica", da intendersi come ‘l’esito di un coerente sviluppo progettuale che recepisca le esigenze di carattere funzionale ed estetico poste a base della progettazione e della realizzazione dell’opera, garantendone l’armonico inserimento nell’ambiente circostante e il rispetto del paesaggio e dell’assetto urbano’.   La senatrice PD Rosa Maria Di Giorgi ha [Leggi tutto l'articolo ...]


martedì 12 maggio 2015
pubblicato da Alessandra Marra in PROFESSIONE

Cemento armato: i geometri riaprono la battaglia

Per il CNGeGL la categoria è competente in materia. La sentenza del Consiglio di Stato non ha valore assoluto

Cemento armato: i geometri riaprono la battaglia
12/05/2015 – Ai geometri non è preclusa la possibilità di progettare strutture in cemento armato e per questo si deve continuare ad operare, come sempre si è fatto, valutando caso per caso senza dare un valore assoluto all’ultima sentenza del Consiglio di Stato sull’argomento.   Lo ho dichiarato il Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL) che in una recente circolare riprende la questione delle competenze professionali circa la progettazione in cemento armato sollevata prima dalla sentenza del Consiglio di Stato, che aveva annullato la delibera  con cui un Comune riconosceva ai geometri la possibilità di progettare modeste costruzioni in cemento armato, e poi dalla Circolare del Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI) [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Gianluca
mercoledì 20 maggio 2015 - 08:06
Condivido quanto detto da Salvatore e da Angelo. E poi scusate, è inutile che ci si incazzi sempre con i geometri sperando di arrivare così ad avere più lavoro per i laureati, perchè questo è il fine. Non mischiamo il personale con le competenze, Tecnici ..
[Leggi questo commento]
Angelo
martedì 12 maggio 2015 - 23:53
Siamo sempre alle solite, non capisco cosi tanto accanimento per una categoria all'avanguardia, le uniche persone che vedo in cantiere sono esclusivamente loro, secondo me sono gli unici che sanno realmente cosa sia un cantiere e sopratutto come si realizza ..
[Leggi questo commento]
gabriele
martedì 12 maggio 2015 - 15:27
categoria da eliminare in quanto inesistente nel resto del mondo, altro che da salvaguardare. per l'edilizia spiccia la crisi non finirà mai, non lo avete ancora capito???


lunedì 4 maggio 2015
pubblicato da Alessandra Marra in PROFESSIONE

Professioni, Ministro della Giustizia: completeremo la riforma partendo dalle proposte dei tecnici

Le priorità indicate dalla Rete Professioni Tecniche: polizza obbligatoria, Società tra Professionisti, riorganizzazione degli Ordini

Professioni, Ministro della Giustizia: completeremo la riforma partendo dalle proposte dei tecnici
04/05/2015 – Il governo rivedrà e completerà la riforma delle professioni partendo dalle priorità messe in evidenza dalla Rete Professioni Tecniche (RPT).   A dichiararlo il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando al convegno che il 28 aprile 2015 ha accolto presso il Salone della Giustizia a Roma i rappresentanti delle professioni tecniche (architetti, agronomi e forestali, chimici, geologi, geometri, ingegneri, periti agrari, periti industriali, tecnologi alimentari) per discutere sull’argomento 'professioni'.   I professionisti tecnici per l’occasione hanno riproposto al ministro il documento contenente otto punti fondamentali per “adeguare gli ordinamenti professionali alle esigenze di una società [Leggi tutto l'articolo ...]


giovedì 30 aprile 2015
pubblicato da Paola Mammarella in NORMATIVA

Cna: niente split payment e reverse charge se si sceglie la fatturazione elettronica

La proposta per eliminare l’evasione fiscale senza provocare danni e perdite economiche alle imprese

Cna: niente split payment e reverse charge se si sceglie la fatturazione elettronica
30/04/2015 – No allo split payment e al reverse charge per le imprese che scelgono la fatturazione elettronica. È la proposta elaborata da Cna, Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa, nel Rapporto 2015 sulla tassazione delle Pmi.   Gli effetti dello Split Payment Obiettivo della Cna è l’allentamento della stretta del fisco, evitando che gli oneri dei controlli si trasferiscano sulle imprese. In quest’ottica la Confederazione ha sottolineato gli effetti negativi dello Split Payment. Si tratta, lo ricordiamo, del meccanismo in base al quale la Pubblica Amministrazione sdoppia il pagamento, cioè paga al fornitore il prezzo del bene o del servizio e versa l’Iva direttamente allo Stato, in modo che chi [Leggi tutto l'articolo ...]


mercoledì 22 aprile 2015
pubblicato da Cecilia Di Marzo in CONCORSI

Torino: presentato il concorso internazionale 'Mirafiori'

Idee per il riutilizzo temporaneo dell’ex area logistica di Fiat

Torino: presentato il concorso internazionale 'Mirafiori'
22/04/2015 - Sostenibile, partecipato, internazionale e multidisciplinare. Sono queste le linee guida del concorso internazionale di idee per il riutilizzo temporaneo dell’ex area logistica di Fiat a Mirafiori, che porterà alla selezione di otto progetti entro fine giugno e alla successiva fase di incarico per uno studio di prefattibilità.  L’iniziativa è promossa da TNE Torino Nuova Economia, società proprietaria delle aree dismesse dall’allora Fiat nel 2005, ed è sostenuta dalla Città di Torino e Regione Piemonte, principali azionisti della società.  Obiettivo del concorso di idee è di individuare la migliore proposta possibile per l’utilizzo temporaneo del fabbricato che si affaccia su via Settembrini, [Leggi tutto l'articolo ...]


martedì 14 aprile 2015
pubblicato da Alessandra Marra in PROFESSIONE

Architetti e ingegneri: quando versare a Inarcassa? Lo chiarisce l'Inps

In una circolare i criteri per capire qual è l’ente di previdenza cui far riferimento

Architetti e ingegneri: quando versare a Inarcassa? Lo chiarisce l'Inps
14/04/2015 – L’INPS ha pubblicato una circolare in cui chiarisce i criteri generali per la corretta individuazione dell’ente competente in materia di previdenza, per i liberi professionisti che svolgono attività professionale di ingegnere od architetto. La circolare specifica che l’art. 2 comma 26, della Legge 335/95, prevede che i “soggetti che esercitano per professione abituale, ancorché non esclusiva, attività di lavoro autonomo (secondo il comma 1 dell'articolo 49 del testo unico delle imposte sui redditi)”, sono tenuti all’iscrizione presso la Gestione separata INPS.   Inoltre secondo il D.M. 281/1996 “non sono soggetti alla contribuzione i redditi già assoggettati ad altro titolo a contribuzione [Leggi tutto l'articolo ...]


venerdì 10 aprile 2015
pubblicato da Alessandra Marra in PROFESSIONE

Prestazioni professionali occasionali: i dipendenti iscritti agli Albi devono avere la Partita Iva

Il Ministero dell’Economia corregge gli Ingegneri e chiarisce che i compensi sono equiparati ai redditi da lavoro autonomo

Prestazioni professionali occasionali: i dipendenti iscritti agli Albi devono avere la Partita Iva
10/04/2015 – Se un soggetto iscritto ad un albo professionale e lavoratore dipendente svolge un’attività tipica della professione per il cui esercizio è avvenuta l'iscrizione all'albo è obbligato ad aprire la partita Iva. Il chiarimento in merito alle prestazioni occasionali per iscritti agli albi arriva dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) che in una lettera risponde ai dubbi di Inarcassa in riferimento alle nota sui lavori occasionali del Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri.   Inarcassa infatti aveva messo in evidenza come la nota del CNI fosse “frutto di una errata sovrapposizione di piani normativi distinti e non coincidenti” e “di un ribaltamento della ratio delle normativa commentata”, [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Silvano
martedì 14 aprile 2015 - 18:44
Qualcuno e´in grado di dirmi se in qualita` di pensionato geometra, ancora iscritto all´albo ma non piu´alla cassa, posso svolgere, all'occorrenza, un lavoro occasionale senza bisogno di aprire una partita IVA ? In tutte le normative, infatti, non si ..
[Leggi questo commento]
Enrico
lunedì 13 aprile 2015 - 08:58
In riferimento all'articolo ... poichè troppo spesso è delegato agli Albi e Ordini locali la decisione, ed ovviamente vi sono mille indirizzi differenti ! credo sarebbe molto utile che qualcuno dei nullafacenti che ci governano, tirasse fuori una Legge ..
[Leggi questo commento]
Francesco
domenica 12 aprile 2015 - 16:37
Nella lettera del Mef dopo aver citato un coacervo di norme, leggi, decreti, ecc. che dicono tutto e il contrario di tutto, arrivano alla conclusione che per una prestazione occasionale anche di poche centinaia di euro bisogna aprire una partita iva. Sarà ..
[Leggi questo commento]


martedì 24 marzo 2015
pubblicato da Paola Mammarella in PROFESSIONE

Compensi professionali, per l’ingiunzione di pagamento non serve il parere dell’Ordine

Dopo l’abolizione dei minimi tariffari, le associazioni professionali non hanno motivo di esprimersi sulla congruità delle parcelle

Compensi professionali, per l’ingiunzione di pagamento non serve il parere dell’Ordine
24/03/2015 – Il professionista che non ha ricevuto il pagamento per la prestazione effettuata e che intende avviare un’ingiunzione di pagamento non ha bisogno che l’Ordine emetta un parere di congruità.   Lo ha spiegato il Giudice di Pace di Perugia, con una sentenza sulla questione dell’abolizione dei minimi tariffari.   Nel caso preso in esame, uno studio professionale aveva emesso una fattura di circa 3500 euro per una serie di servizi svolti nei confronti di una società. Dato che la società aveva rifiutato il pagamento, i professionisti si erano rivolti al Giudice di Pace, che aveva emesso un’ingiunzione a carico della società.   I rappresentanti della società sostenevano che l’ingiunzione non fosse [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Armagnac
domenica 29 marzo 2015 - 13:34
Mi pare però che le attuali regole, pur avendo abolito le vecchie ed utili tariffe, obblighino il professionista a presentare - PRIMA - un preventivo per la propria prestazione professionale, preventivo che deve essere chiaro e "trasparente". Ora, a ..
[Leggi questo commento]


» Tutte le news PARCELLE PROFESSIONALI

Speciale PARCELLE PROFESSIONALI sponsored by:

Sika
Pompe di calore ROTEX
Pompe di calore ROTEX


Side Unika
Gazebo