gli approfondimenti tematici di edilportale.com

News Parcelle Professionali

sabato 20 dicembre 2014
pubblicato da Paola Mammarella in NORMATIVA

Legge di Stabilità 2015, confermata la proroga dei bonus 65% e 50%

Nel testo anche nuovi minimi tassati al 15%, 400 milioni per il recupero degli alloggi di edilizia sociale e un piano per le periferie

Legge di Stabilità 2015, confermata la proroga dei bonus 65% e 50%
20/12/2014 – Approvata dal Senato con 162 voti favorevoli e 37 contrari, alla Legge di Stabilità per il 2015. Proroga dei bonus fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici e le ristrutturazioni, nuovo regime dei minimi, piano casa e strategia per la riqualificazione delle periferie tra le novità più attese.   Ecobonus e detrazioni su ristrutturazioni e mobili L’ecobonus 65% per la riqualificazione energetica degli edifici e la detrazione del 50% per le ristrutturazioni, i mobili e gli elettrodomestici, sono prorogati fino al 31 dicembre 2015 alle stesse condizioni attuali.   La ritenuta d’acconto trattenuta dalle banche sui bonifici per il pagamento degli interventi di riqualificazione energetica e ristrutturazione degli edifici [Leggi tutto l'articolo ...]


mercoledì 17 dicembre 2014
pubblicato da Paola Mammarella in NORMATIVA

Tecnici: lasciare a 30mila euro il tetto del regime fiscale dei minimi

Secondo la Rete Professioni Tecniche il nuovo regime previsto dalla Legge di Stabilità 2015 sarebbe sconveniente per molti professionisti

Tecnici: lasciare a 30mila euro il tetto del regime fiscale dei minimi
17/12/2014 – Il nuovo regime dei minimi, contenuto nella Legge di Stabilità per il 2015, potrebbe danneggiare un grande numero di professionisti. A denunciarlo è la Rete delle professioni tecniche (RPT) che ha proposto un emendamento per correggere gli squilibri che si verrebbero a creare.   Secondo RPT, il nuovo sistema presenta una serie di aspetti problematici. Per poter accedere al regime agevolato, il reddito dei professionisti non dovrà superare la soglia di 15 mila euro e sarà tassato con un’imposta sostitutiva al 15%. Fino ad ora, invece, il limite è stato fissato a 30 mila euro, con una tassazione dei ricavi del 5%.   In questo modo, sottolinea RPT, si escluderebbe un numero consistente di professionisti dal regime di vantaggio, [Leggi tutto l'articolo ...]


mercoledì 10 dicembre 2014
pubblicato da Paola Mammarella in NORMATIVA

Partite Iva, il nuovo regime fiscale dei minimi al 15% non convince

Servizio bilancio del Senato: nella legge di stabilità per il 2015 non ci sono dati sufficienti per capire l’impatto economico della misura

Partite Iva, il nuovo regime fiscale dei minimi al 15% non convince
10/12/2014 – La riforma dei minimi non convince. A dirlo non sono solo i professionisti, ma il Servizio bilancio del Senato, che ha esaminato il testo della Legge di Stabilità per il 2015.   Cosa prevede il nuovo sistema Con il nuovo sistema, il reddito degli autonomi sarà tassato con un’imposta sostitutiva al 15%. Per accedere al regime agevolato, sono previste delle soglie di ricavi diverse a seconda del tipo di attività esercitata, che vanno dai 15 mila euro per i professionisti ai 40 mila euro per i commercianti. Si tratta di un aumento rispetto all’attuale regime dei minimi, che prevede una tassazione dei ricavi del 5%. In compenso non ci saranno più limiti né di età né temporali (al momento si può usufruire [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Daniele
martedì 16 dicembre 2014 - 10:05
Buongiorno, volevo sapere se, nel caso si opti per aprire la P.IVA "regime agevolato" quest'anno, c'è la possibilità di passare alla nuova P.IVA "forfettario" o c'è qualche restrizione? Grazie Daniele
gianni
mercoledì 10 dicembre 2014 - 15:57
NON CAMBIEREMO MAI ! Se non sappiamo fare magari vediamo cosa fanno in paesi molto più evoluti del nostro e copiamo ... se sappiamo copiare !!!


martedì 9 dicembre 2014
pubblicato da Paola Mammarella in NORMATIVA

Controlli e multe per i contratti immobiliari senza APE, le novità del decreto Semplificazioni fiscali

Non si dovrà avvisare il Fisco se i lavori incentivati al 65% proseguono l’anno successivo, via la responsabilità solidale dagli appalti

Controlli e multe per i contratti immobiliari senza APE, le novità del decreto Semplificazioni fiscali
09/12/2014 – In vigore da sabato 13 dicembre le norme sulla semplificazione fiscale contenute nel Decreto legislativo 175/2014 attuativo della Delega fiscale (Legge 23/2014).   Eliminazione di alcune comunicazioni da inviare all’Agenzia delle Entrate e abolizione della responsabilità solidale negli appalti tra le novità più importanti del provvedimento. Irregolarità nell’APE Per chi non allega l’attestato di prestazione energetica (APE) ai contratti di compravendita immobiliare e affitto, il decreto prevede un sistema di controlli e anzioni attraverso la cooperazione tra l’Agenzia delle entrate e il Ministero dello sviluppo economico che si scambieranno online una serie di informazioni. Il  Ministero potrà [Leggi tutto l'articolo ...]


venerdì 5 dicembre 2014

Software per calcolare le parcelle, gli architetti li ritirano definitivamente

Gli Ordini di Firenze, Roma e Torino si impegnano con l’Antitrust a diffondere l’obbligo del preventivo

Software per calcolare le parcelle, gli architetti li ritirano definitivamente
05/12/2014 - L’Autorità Antitrust ha accettato e reso obbligatori gli impegni assunti dagli Ordini degli architetti di Roma, Firenze e Torino in ordine alle tariffe professionali.   I tre Ordini provinciali si impegnano a non pubblicare mai più sui propri siti web i software per il calcolo delle parcelle professionali e ad evidenziare agli iscritti la piena libertà di determinazione dei compensi richiesti per le proprie prestazioni.   Inoltre, gli Ordini si sono impegnati a diffondere tra i propri iscritti l’obbligo di sottoporre al cliente un “dettagliato preventivo”, in modo da stipulare poi un “accordo scritto” da perfezionare prima di avviare la prestazione. Questo strumento, oltre ad agevolare il consumatore nella [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Antonio R.3
domenica 7 dicembre 2014 - 11:52
Scusate ma nella foga mi è scapato un grave "Ha" al posto di un "a": inizio frase.
Antonio R. 2
domenica 7 dicembre 2014 - 11:50
Ha proposito perché l'Antitrust non si interessa anche delle gare di progettazione dove in genere vengono chiesti requisiti (soprattutto in termini di fatturato) impossibile al 90% dei tecnici italiani ? Quella non è concorrenza sleale o no. BUFFONI...
[Leggi questo commento]
Antonio R.
domenica 7 dicembre 2014 - 11:47
Chissà cosa gli hanno promesso ai capoccia dei nostri Ordini per svenderci in questo modo così squallido e vergognoso. L'Antitrust così ha finalmente risolto i problemi d' Italia : ha fatto diventare poveri anche tutti i tecnici italiani.


martedì 2 dicembre 2014

Architetti, obbligo formativo sulla deontologia rinviato a giugno 2015

Sei mesi in più di tempo per acquisire i quattro crediti formativi sui temi della deontologia e dei compensi professionali

Architetti, obbligo formativo sulla deontologia rinviato a giugno 2015
02/12/2014 - Il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha deciso di prorogare di sei mesi, al 30 giugno 2015, la scadenza entro cui conseguire i 4 crediti formativi obbligatori annui relativi alla deontologia e ai compensi professionali.   La decisione arriva ad un mese dalla scadenza del primo anno di vigenza del Regolamento per l’aggiornamento e lo sviluppo professionale, che prevede l’obbligo per gli architetti di acquisire un numero minimo di crediti formativi professionali (CFP): 60 per il triennio 2014/2016 e 90 per il triennio 2017/2019, con un minimo di 20 all’anno nel primo triennio e 30 all'anno dal secondo in poi, di cui almeno 4 sui temi della deontologia e dei compensi professionali. Sono esonerati dall’obbligo [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
archi
lunedì 8 dicembre 2014 - 18:52
Non sarebbe meglio abolire l'obbligo delle 4 ore per deontologia come previsto nel Regolamento degli ingegneri? O gli architetti sono sempre diversi?


lunedì 17 novembre 2014

Solon: innovazione e tempismo sul fronte del Service

Solon: innovazione e tempismo sul fronte del Service
17/11/2014 - Solon ha scelto Solar O&M Europe, una delle più autorevoli conferenze internazionali incentrate sul tema dell’Operations&Maintenance e dell’Asset Management per presentare al grande pubblico degli investitori e del mondo bancario un nuovo contratto per l’attività di Service che rivoluziona le formule adottate fino ad oggi. Questa innovativa tipologia contrattuale è stata definita in sinergia con il noto studio legale internazionale Watson, Farley & Williams per proporre una soluzione ideale ai proprietari di grandi impianti fotovoltaici, in grande difficoltà all’indomani dell’introduzione di leggi con valore retroattivo che hanno messo in seria discussione i piani di rientro degli investimenti effettuati. “Proposto [Leggi tutto l'articolo ...]


giovedì 13 novembre 2014
pubblicato da Alessandra Marra in AMBIENTE

Abruzzo, accordo Regione-Geologi sul dissesto idrogeologico

Ai professionisti 150 euro al giorno per l’attività di presidio territoriale

Abruzzo, accordo Regione-Geologi sul dissesto idrogeologico
13/11/2014 -  La Regione Abruzzo si potrà avvalere della collaborazione dei geologi abruzzesi per la  prevenzione del rischio idraulico e idrogeologico grazie ad un accordo di collaborazione al quale la Giunta regionale ha dato il via libera.   Sarà così favorita l’attività dei Presidi territoriali idraulici e idrogeologici, istituiti dalla Dirett. Pres. Cons. Min. 29/09/2005, che avranno compiti di supporto per le emergenze di natura idraulica e idrogeologica.   In base all’accordo i geologi dovranno “espletare attività di presidio territoriale, monitoraggio, censimento e catalogazione dei dissesti di natura geomorfologica; assicurare le valutazioni specialistiche richieste e il necessario supporto alle decisioni [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Nico
giovedì 13 novembre 2014 - 17:26
Ogni tanto una buona notizia!


martedì 11 novembre 2014

Riforma del catasto, via ai lavori per fissare i nuovi valori catastali

Le commissioni censuarie considereranno i metri quadri e non più il numero dei vani per allineare i valori catastali a quelli di mercato

Riforma del catasto, via ai lavori per fissare i nuovi valori catastali
11/11/2014 - Il Consiglio dei  Ministri di ieri sera ha approvato il Dlgs sulle commissioni censuarie, gli organismi che si occuperanno della revisione dei valori immobiliari e delle rendite, primo step della riforma del catasto prevista dalla Legge delega fiscale (Legge 23/2014).   Saranno istituite una commissione censuaria centrale, con sede in Roma, e 106 commissioni censuarie locali (provinciali), situate nelle città individuate nella tabella allegata al decreto.   Le commissioni censuarie avranno una sezione competente in materia di catasto terreni, una in materia di catasto urbano, e in fase di prima attuazione, almeno una sezione che si occuperà di riforma del sistema estimativo del catasto dei fabbricati.   In materia di catasto edilizio urbano, [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
iccacem
domenica 16 novembre 2014 - 13:45
Non è vero che con la legge vigente non venga considerara la superficie,tutti i tecnici sanno che esiste un rapporto nelle UU.II.in categoria A Vani catastali/superficie,inoltre tutti gli accessori vengono considerati con parametri diversi rispetto ..
[Leggi questo commento]
FILIPPO ROSSI
domenica 16 novembre 2014 - 11:59
Mq invece di vani. Va bene. Ma 1 mq deve costare lo stesso in tutta Italia. Non è giusto che chi ha 50 mqw a Milano, roma, firenze, etc paghi molto di più di chi ha 50 mq a Pistoia, Enna, Forlì. Non si può agganciare il valore catastale a quello di marcato, ..
[Leggi questo commento]


venerdì 7 novembre 2014

Da Fnailp una riforma della professione intellettuale tecnica

Tra le proposte: ripristino delle tariffe minime, corsi di formazione facoltativi, nessun obbligo di POS

Da Fnailp una riforma della professione intellettuale tecnica
07/11/2014 - Una petizione nazionale rivolta al Ministro della Giustizia Andrea Orlando, per una ‘riforma seria della professione intellettuale tecnica’. L’ha lanciata la Federazione Nazionale Architetti ed Ingegneri Liberi Professionisti (FNAILP) sintetizzando il suo progetto in 10 punti e augurandosi ‘che siano trasformati in legge di Stato’.   1) Ripristino tariffe minime o “soglie di anomalia tariffe” Tutte le attività professionali sono soggette a minimi tariffari o soglie di anomalia tariffa, per le  prestazioni verso committenza privata e pubblica. Il Governo redige un ‘nuovo tariffario di anomalia vincolante’, un ‘mansionario professionale generale’ e una ‘tabella valori di mercato’. Il [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Ing Prato
venerdì 7 novembre 2014 - 23:49
Un altro punto assai importante: l'eliminazione del contributo integrativo Inarcassa. Tale contributo risulta incostituzionale e totalmente a perdere. In pratica sono soldi che versiamo senza averne alcun rientro nè vantaggio per il futuro. In particolare ..
[Leggi questo commento]
GIOVANNI
venerdì 7 novembre 2014 - 18:28
UN'ALTRA COSA IMPORTANTISSIMA DA FARE URGENTEMENTE UNA NUOVA LEGGE SULLE COMPETENZE BISOGNA SAPERE COSA PUO' FARE UN PROFESSIONISTA E COSA NON PUO' FARE, SENZA INTERPRETAZIONI. DI MEZZO CI SONO 16000 INGEGNERI CON LAUREA TRIENNALE E TUTTE QUELLE FIGURE ..
[Leggi questo commento]


» Tutte le news PARCELLE PROFESSIONALI

Speciale PARCELLE PROFESSIONALI sponsored by: