gli approfondimenti tematici di edilportale.com

News Sicurezza Cantieri

martedì 11 novembre 2014
pubblicato da Rossella Calabrese in SICUREZZA

Sicurezza nei cantieri, il committente è il primo responsabile

Dall’Ordine degli ingegneri di Bologna una Guida per i cittadini

Sicurezza nei cantieri, il committente è il primo responsabile
11/11/2014 - “Basta normare le emergenze. Occorre mettere in atto un piano programmatico di interventi atto a tutelare la sicurezza del nostro Paese.”   È l’appello lanciato da Felice Monaco, Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Bologna, nel corso dell’incontro pubblico sul tema della sicurezza nei cantieri che si è tenuto sabato scorso presso la Sala Borsa del capoluogo emiliano.   L’evento, promosso dall’Ordine degli Ingegneri di Bologna, in collaborazione con il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI), ha visto la partecipazione di Armando Zambrano, Presidente del CNI, Giuseppe Piegari del Ministero del Lavoro, Leonardo Caruso, Vicepresidente Vicario dell’Associazione Nazionale Amministratori [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Giuseppe
lunedì 17 novembre 2014 - 09:46
Il DURC sconosciuto al sud?? Ma cosa scrive??? Diciamo che il nero lo fanno tutti, professionisti, impresari, maestranze e committenti compresi quando non hanno una dichiarazione irpef adeguata. Il vero problema del meridione è l'inettitudine diffusa ..
[Leggi questo commento]
michele
lunedì 17 novembre 2014 - 02:36
Ho amici nell'edilizia che lavorano in puglia con ditte abbastanza grandi che non sanno neanche che esista una legge con l'obbligo del responsabile della sicurezza su ogni cantiere e lavorano a turno di sei mesi essendo 6 operai 2 assicurati e 4 in nero ..
[Leggi questo commento]
salvatore ricciardiello
domenica 16 novembre 2014 - 19:40
la sicurezza deve essere un valore non un peso per le imprese, andrebbe gestita in modo semplice e chiaro.


venerdì 7 novembre 2014

Da Fnailp una riforma della professione intellettuale tecnica

Tra le proposte: ripristino delle tariffe minime, corsi di formazione facoltativi, nessun obbligo di POS

Da Fnailp una riforma della professione intellettuale tecnica
07/11/2014 - Una petizione nazionale rivolta al Ministro della Giustizia Andrea Orlando, per una ‘riforma seria della professione intellettuale tecnica’. L’ha lanciata la Federazione Nazionale Architetti ed Ingegneri Liberi Professionisti (FNAILP) sintetizzando il suo progetto in 10 punti e augurandosi ‘che siano trasformati in legge di Stato’.   1) Ripristino tariffe minime o “soglie di anomalia tariffe” Tutte le attività professionali sono soggette a minimi tariffari o soglie di anomalia tariffa, per le  prestazioni verso committenza privata e pubblica. Il Governo redige un ‘nuovo tariffario di anomalia vincolante’, un ‘mansionario professionale generale’ e una ‘tabella valori di mercato’. Il [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Ing Prato
venerdì 7 novembre 2014 - 23:49
Un altro punto assai importante: l'eliminazione del contributo integrativo Inarcassa. Tale contributo risulta incostituzionale e totalmente a perdere. In pratica sono soldi che versiamo senza averne alcun rientro nè vantaggio per il futuro. In particolare ..
[Leggi questo commento]
GIOVANNI
venerdì 7 novembre 2014 - 18:28
UN'ALTRA COSA IMPORTANTISSIMA DA FARE URGENTEMENTE UNA NUOVA LEGGE SULLE COMPETENZE BISOGNA SAPERE COSA PUO' FARE UN PROFESSIONISTA E COSA NON PUO' FARE, SENZA INTERPRETAZIONI. DI MEZZO CI SONO 16000 INGEGNERI CON LAUREA TRIENNALE E TUTTE QUELLE FIGURE ..
[Leggi questo commento]


venerdì 7 novembre 2014

Obbligo di POS per i professionisti, allo studio aiuti fiscali e sanzioni

Sottosegretario Enrico Zanetti: ‘il Governo sta valutando l’introduzione di un credito d’imposta, ma anche di sanzioni per gli inadempienti’

Obbligo di POS per i professionisti, allo studio aiuti fiscali e sanzioni
07/11/2014 - Il tavolo di lavoro sull’obbligo di POS, istituito presso il Ministero dello Sviluppo Economico, sta valutando l’istituzione di un credito d’imposta per agevolare i professionisti soggetti all’obbligo, ma anche l’introduzione di sanzioni o interdizioni in caso di inadempienza.   Lo ha annunciato il sottosegretario allo Sviluppo Economico, Enrico Zanetti, rispondendo all’interrogazione del deputato Giovanni Paglia in Commissione Finanze della Camera, che chiedeva   Zanetti ha, in primo luogo, ricordato che l’obbligo per esercenti e professionisti di dotarsi di POS, è finalizzato a ridurre l’uso del denaro contante e dei relativi costi legati alla minore tracciabilità delle operazioni, e a ridurre il rischio [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
luigi
lunedì 10 novembre 2014 - 14:25
come fanno ad essere cosi imbecilli ,da quando esiste la tracciabilità è assegni non trasferibili e riduzione uso del contanti a 1000 è aumentato il debito è aumentata la disoccupazione ,la persona non ride più , ma come si puo essere cosi incompetenti. ..
[Leggi questo commento]
Nicola
domenica 9 novembre 2014 - 16:53
Ricordiamoci inoltre che poi sono carte di DEBITO ( non sono carte di CREDITO .... ) con il massimale giornaliero quindi dei Bancomat che se per sbaglio ha fatto la spesa prima è già in ROSSO e quindi NON TI PAGA UGALMENTE ... e dicendoti in faccia ..
[Leggi questo commento]
Marco
domenica 9 novembre 2014 - 15:36
Poveri imbecilli, non hanno ancora capito che i soldi in nero sono finiti, come pure i soldi in tutti gli altri colori; non c'è lavoro = non ci sono soldi. Vorrei vedere la foto e l'indirizzo di questi mentecatti stipendiati dalle banche.


venerdì 17 ottobre 2014
pubblicato da Paola Mammarella in SICUREZZA

Investimenti per la sicurezza, domande da lunedì 3 novembre

Dall’Inail 30 milioni di euro per le piccole e micro imprese. Procedura online fino al 3 dicembre

Investimenti per la sicurezza, domande da lunedì 3 novembre
17/10/2014 – Da lunedì 3 novembre le piccole imprese interessate a mettere a punto interventi per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro potranno fare domanda per accedere ai 30 milioni di euro messi a disposizione dall’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL).   Si tratta del Bando Fipit, con cui l’INAIL finanzierà i progetti di innovazione delle piccole e micro imprese italiane, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio e operanti nei settori dell’agricoltura, dell’edilizia e dell’estrazione e lavorazione dei materiali lapidei.   Le risorse saranno ripartite in questo modo: 15.582.703 euro per il settore agricoltura, 9.417.297 euro per il settore [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
ziototo
mercoledì 22 ottobre 2014 - 22:04
Quanto costa un progetto per presentarlo all'INAIL+- l'importo del contributo?


giovedì 16 ottobre 2014

Viatec: annullata l'edizione 2015

16/10/2014 - Mentre l’anno scorso 119 espositori distribuiti su 5.000 m² di superficie hanno informato i circa 2.400 visitatori sulle novità più salienti nei settori dell’edilizia stradale, della segnaletica e molti altri, dando vita in questo modo a un’edizione ottimamente riuscita della Viatec assai apprezzata da tutte le figure coinvolte, per l’edizione del 2015 la direzione fieristica non si sente in grado di assicurare il livello di qualità che la piazza fieristica di Bolzano è abituata a garantire ai propri interlocutori, e ha quindi deciso di annullare la decima edizione 2015. Ma ciò non significa che la rassegna sarà cancellata dal calendario fieristico, anzi, se in tempi ragionevoli le condizioni economiche [Leggi tutto l'articolo ...]


venerdì 10 ottobre 2014

Professionisti: ‘il POS è un balzello inaccettabile di 150 euro all’anno’

I tecnici: ‘torniamo al primo decreto: obbligo solo per chi fattura più di 200 mila euro, esclusi i pagamenti effettuati all’esterno degli studi’

Professionisti: ‘il POS è un balzello inaccettabile di 150 euro all’anno’
10/10/2014 - I professionisti tecnici hanno manifestato tutte le loro perplessità in merito all’obbligo di installare il POS negli studi e hanno proposto di tornare alle regole messe a punto dal Ministero dello Sviluppo economico nel dicembre 2013.   L’occasione per tornare a discutere di questo obbligo, che grava su professionisti e imprese, è stata l’audizione della Rete delle Professioni Tecniche (RPT) presso le Commissioni Finanze e Attività produttive della Camera dei Deputati, impegnate nella revisione della disciplina relativa all’obbligo di accettare pagamenti con carte di debito e alle misure a sostegno del commercio elettronico.   La RPT ha fatto presente che gli interventi normativi del 2011-2012 hanno rivoluzionato il sistema [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Pippis
lunedì 13 ottobre 2014 - 11:33
Si svegliano ora? o meglio: continuano a "deplorare" come stanno facendo da 18 mesi ad oggi? E l'obbligo di fare formazione a pagamento chi l'ha imposta caro Zambrano? Per noi ingegneri siete voi dello CNI che avete imposto di non limitare l'aggiornamento ..
[Leggi questo commento]
GIUSEPPE
venerdì 10 ottobre 2014 - 09:58
I CORSI DI FORMAZIONDE PER L'AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE A 200 EURO L'UNO NON SONO UN BALZELLO PRESIDENTE VISTO CHE LI ELARGISCONO GLI ORDINI STESSI!!!! CI STATE ROVINANDO CNI IN TESTA!!!!


lunedì 6 ottobre 2014
pubblicato da Paola Mammarella in SICUREZZA

Sicurezza, in Veneto obbligo di ‘linee vita’ solo con lavori in corso

I dispositivi per prevenire le cadute dall’alto non dovranno essere mantenuti nelle fasi di manutenzione

Sicurezza, in Veneto obbligo di ‘linee vita’ solo con lavori in corso
06/10/2014 – Il Veneto alleggerisce gli adempimenti in materia di sicurezza sul lavoro e, in particolare, sulle linee vita, i dispositivi per prevenire le cadute dall’alto nei lavori in quota, che d'ora in poi non dovranno più essere installati in modo permanente sugli edifici.   Con la Legge Regionale 28/2014 è stato modificato l’articolo 79 bis della Legge Regionale 61/1985 in base al quale, tra la documentazione da allegare alla richiesta del permesso di costruire o alla presentazione della Denuncia di inizio attività, bisognava dimostrare di aver preso idonee misure preventive e protettive per consentire, anche nella successiva fase di manutenzione, l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori in quota in condizioni [Leggi tutto l'articolo ...]
commenti per questa notizia
Remigio
venerdì 7 novembre 2014 - 17:32
Concordo con la piattaforma molto più sicura e molto meno costosa con le sue verifiche obbligatorie per legge. Piuttosto che una linea vita praticamente abbandonata a se stessa e installata solo per obbligo normativo. Adesso sarebbe da rimborsare ..
[Leggi questo commento]
MAssimo Cristaldi
lunedì 13 ottobre 2014 - 15:37
intelligenza, furbizia, "scemaggine", ... in Italia mancherà sempre la "cultura" della prevenzione e del senso civico ... È come per le tasse: applausi a chi evade ... poi non lamentiamoci di come va la nazione; che poi le normative siano spesso assurde, ..
[Leggi questo commento]


mercoledì 1 ottobre 2014

Sicurezza Cantieri integrata a Computo e Contabilità Lavori: per una progettazione completa e coerente

Sicurezza Cantieri integrata a Computo e Contabilità Lavori: per una progettazione completa e coerente
01/10/2014 - La nuova soluzione STR VISION per la SICUREZZA risponde alla necessità del tecnico di avere integrate sullo stesso applicativo, oltre a funzioni per la redazione del computo, della contabilità lavori, del cronoprogramma e dei piani di manutenzione, anche tutto quanto serve per la gestione della sicurezza sui cantieri. Quattro sono i moduli disponibili realizzati tenendo conto delle differenti necessità: Piani di Sicurezza in fase di progettazione Pensato per gestire ed archiviare le varie versioni dei piani in relazione agli stadi di avanzamento della progettazione (preliminare, definitiva ed esecutiva), eventualmente integrati con il computo metrico di riferimento, il modulo consente di attingere a ricche banche dati di prescrizioni operative, [Leggi tutto l'articolo ...]


martedì 16 settembre 2014
pubblicato da Rossella Calabrese in SICUREZZA

Piani di sicurezza, ecco i modelli semplificati

Il Ministero del Lavoro pubblica i moduli previsti dal Codice Appalti

Piani di sicurezza, ecco i modelli semplificati
16/09/2014 - Con il decreto interministeriale del 9 settembre 2014, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato i modelli semplificati per la redazione dei Piani di sicurezza nei cantieri.   Si tratta del moduli per redigere i seguenti documenti: - Piano Operativo di Sicurezza (POS); - Piano di Sicurezza e di Coordinamento (PSC); - Fascicolo dell’Opera (FO); - Piano di Sicurezza Sostitutivo (PSS). Scarica il decreto 9 settembre 2014 e i Modelli semplificati   I moduli sono previsti dall’articolo 131, comma 2-bis del Codice dei contratti pubblici (Dlgs 163/2006). Entro due anni dall’entrata in vigore del decreto del 9 settembre 2014, il Ministero del Lavoro monitorerà l’applicazione dei modelli, rielaborandone [Leggi tutto l'articolo ...]


martedì 16 settembre 2014

Acca presenta i nuovi software per la sicurezza dei cantieri

Acca presenta i nuovi software per la sicurezza dei cantieri
16/09/2014 - Acca Software presenta CerTus 100S e CerTus-PC, i nuovi software dedicati alla sicurezza dei cantieri.  CerTus 100S Le novità introdotte nella nuova versione 100S del software per la sicurezza cantieri di ACCA rafforzano il prodotto come best in class di settore.  Con questa nuova versione diviene davvero difficile riscontrare sul mercato un prodotto altrettanto completo  e ricco di funzionalità. Sempre più tempestivo nel rispondere alle norme , sempre più completo negli archivi e massima libertà operativa calibrata sulle esigenze degli utilizzatori. Ampliata e rivista l’intera banca dati con nuovi esempi di piano tipo, nuove lavorazioni, macchine, attrezzi, rischi specifici in linea con le più recenti indicazioni [Leggi tutto l'articolo ...]


» Tutte le news SICUREZZA CANTIERI

Speciale SICUREZZA CANTIERI sponsored by: