Network
Pubblica i tuoi prodotti
Informazioni

Ediplin 2000 di Newsoft è un programma strutturale per la geotecnica finalizzato alla progettazione ed alla verifica di plinti superficiali e su pali in cemento armato, caratterizzato da affidabilità di modellazione, semplicità di input e velocità di esecuzione. Attraverso il software l'utente può definire il modello in completa autonomia o generare in automatico tipologie ricorrenti a forma triangolare, rettangolare o poligonale regolare, in assenza e in presenza pali. EDIPLIN consente l'inserimento di plinti superficiali (in assenza di pali), il calcolo e il progetto dei plinti a bicchiere per il contenimento di eventuali pilastri prefabbricati. Previsti anche i micropali con armatura tubolare (tecnologia tubfix).


Maggiori informazioni del produttore su EDIPLIN

Approfondimento

Calcolo Plinti su Pali
Ediplin è un programma per la progettazione e la verifica di plinti superficiali o su pali in cemento armato. Attraverso il software l'utente può definire il modello in completa autonomia o generare in automatico tipologie ricorrenti a forma triangolare, rettangolare, poligonale regolare o generica, in assenza e in presenza pali.
Ediplin consente il calcolo e il progetto dei plinti a bicchiere per il contenimento di eventuali pilastri prefabbricati e la costruzione delle carpenterie armature di tutti gli elementi strutturali.
E' previsto inoltre il progetto di micropali con armatura tubolare (tecnologia tubfix).

L'ambiente multifinestra del programma

La definizione del modello
Ediplin ha un'interfaccia grafica semplice e intuitiva. La facilità di inserimento dei dati e l'immediato riscontro grafico avvantaggiano notevolmente la produttività dell'utente e consentono di definire il modello in tempi rapidissimi, lasciando ampia libertà ai particolari geometrici, strutturali e alla stratigrafia dei terreni.
Molto utile è la procedura guidata per la generazione di un nuovo modello, basata sulla selezione della forma del plinto (triangolare smussato, rettangolare, poligonale regolare), delle sue dimensioni caratteristiche e del numero di pali, con la possibilità di personalizzare in qualsiasi momento ogni singolo dato, lavorando in griglie sincronizzate tra loro e con l'ambiente grafico.

Piante di un plinto triangolare (3 pali e 1 pilastro), ad U (4 pali e 4 pilastri), ottagonale (8 pali e 3 pilastri).

I dati di tipo geotecnico riguardano la definizione della stratigrafia e la modellazione meccanica dei terreni presenti, caratterizzati con tutti i dati significativi per il calcolo della portanza e dei cedimenti, secondo vari metodi a disposizione.

Sezioni verticali con la vista della stratigrafia del terreno per le tre modellazioni precedenti.

Con tali funzioni, è possibile seguire graficamente la costruzione del modello nella vista planimetrica, mano a mano che si assegnano i dati, permettendo così un primo controllo visivo della modellazione.
I pali vengono definiti, specificandone la posizione, il diametro, la lunghezza e le caratteristiche dei materiali. Per ogni palo è possibile inoltre assegnare direttamente la portanza di progetto a compressione e a trazione (se tali valori risultano noti da fonti esterne o da prove di carico eseguite).
In alternativa il programma provvederà alla stima della portanza secondo il metodo statico selezionato nei parametri geotecnici. Si potrà selezionare il metodo di Vesic, Hansen, Terzaghi e Meyerhof per il calcolo del carico limite, nonchè il metodo di Vesic, Hansen, Terzaghi, Meyerhof, Mathlock-Reese e Broms per il calcolo per le tensioni limiti orizzontali negli strati.
I carichi sono distinti per singola azione (permanente, variabili di vario tipo, sismiche) e possono essere assegnati direttamente o letti da un file di interfacciamento prodotto da un programma esterno di calcolo strutturale, come ad esempio Edisis che prevede un comando per l'esportazione degli scarichi nel formato compatibile Ediplin.

Modellazione accurata e affidabilità delle analisi
La peculiarità di Ediplin è l'uso di una modellazione sofisticata che sta alla base delle analisi strutturali e geotecniche del sistema. Ogni singola funzione del software è stata curata nel dettaglio, in modo tale da garantire all'utente una vasta varietà di casi analizzabili:

  • Analisi del plinto superficiale con terreno non reagente a trazione
  • Analisi del plinto su pali con elementi a deformabilità assiale, flessionale, tagliante e torsionale

  • Impostazione automatica o autonoma della portanza dei pali o del terreno superficiale

  • Impostazione automatica o autonoma delle reazioni di sottofondo del terreno

  • Valutazione dei contributi di rigidezza dovuti al terreno

Nel modello strutturale il plinto è schematizzato come una piastra rigida. Si considerano quindi trascurabili gli effetti dovuti alla sua deformabilità. I pali sono schematizzati come travi elastiche su suolo alla Winkler, incastrate nel corpo del plinto. La reazione elastica del terreno può essere assunta costante o lineare con la profondità. Il processo di analisi, robusto e affidabile, ricava la soluzione in termini di spostamenti e sollecitazioni per il plinto soggetto alle azioni di carico specificate.

Il progetto delle armature
Nel software Ediplin il progetto delle armature è svolto in modo da pervenire ad una armatura il più possibile ridotta e in grado di assicurare il rispetto delle disposizioni tecnologiche fornite dal progettista nel foglio dei parametri strutturali e di tutte le verifiche richieste dal sistema normativo selezionato.
Il programma prevede le funzioni di progetto delle armature del plinto, dei pali e dei pozzetti, con la costruzione delle relative carpenterie. Per i pali l'utente può scegliere la tecnologia tradizionale, costituita da una gabbia di ferri longitudinali e staffe oppure optare per la tecnologia tubfix, usuale nei micropali, con armatura costituita da un tubo metallico. C'è da segnalare, inoltre, che l'utente può modificare localmente le armature in tutti gli elementi, con l'utile supporto degli istogrammi di verifica, immediatamente aggiornati dopo ogni variazione. Da notare che questa capacità apre il programma anche alla verifica di plinti esistenti, per i quali si può definire l'armatura ottenuta dal rilievo o da esecutivi dell'epoca ed ottenere le relative verifiche.