Network
Pubblica i tuoi prodotti
Alvar Aalto

Alvar Aalto Architetto

Alvar Aalto

Alvar Aalto

Architetto

Helsinki

Profilo di Alvar Aalto

Alvar Aalto (1898-1976) ebbe una carriera eccezionalmente ricca e varia come architetto e designer, sia in Finlandia che all'estero. Dopo essersi qualificato come architetto presso l'Istituto di Tecnologia di Helsinki (in seguito Università di Tecnologia di Helsinki e ora parte della Aalto University) nel 1921, Aalto fondò il suo primo studio di architettura a Jyväskylä. I suoi primi lavori seguirono i principi del classicismo nordico, lo stile predominante a quel tempo. Alla fine degli anni '20 e all'inizio degli anni '30, compì numerosi viaggi in Europa in cui lui e sua moglie Aino Marsio, anch'ella architetto, acquisirono familiarità con le ultime tendenze del modernismo, lo stile internazionale. La pura fase funzionalista nel lavoro di Aalto è durata diversi anni. Ciò gli ha permesso di fare una svolta internazionale, in gran parte grazie al Sanatorio di Paimio (1929-1933), un importante traguardo funzionalista. Aalto aveva adottato i principi del design intuitivo e funzionale nella sua architettura. Dalla fine degli anni '30 in poi, l'espressione architettonica degli edifici di Aalto si arricchì dell'uso di forme organiche, materiali naturali e crescente libertà nella gestione dello spazio. Era caratteristico di Aalto trattare ogni edificio come un'opera d'arte completa, fino ai mobili e alle lampade. Nel 1935 nasce Artek per promuovere la crescente produzione e vendita dei mobili di Aalto. Il design dei suoi mobili combina praticità ed estetica con la produzione in serie, seguendo l'idea principale di Artek di incoraggiare una migliore vita quotidiana in casa. Per quanto riguarda il design, Aalto è stato guidato da un interesse per il vetro poiché ha offerto l'opportunità di gestire il materiale in un nuovo modo usando forme libere. La sua vittoria nel concorso di progettazione di articoli in vetro Karhula-Iittala nel 1936 portò alla nascita del famoso vaso Savoy. Dagli anni '50 in poi, lo studio di architettura di Aalto fu impegnato principalmente nella progettazione di edifici pubblici, come il municipio di Säynätsalo (1948-1952), l'Istituto di pedagogia Jyväskylä, ora Università di Jyväskylä (1951-1957) e la Casa della Cultura a Helsinki (1952-1956). I suoi piani generali di progettazione urbana in realtà superano gli edifici sopra menzionati, i piani più considerevoli tra quelli realizzati sono il centro di Seinäjoki (1956-1965 / 87), il centro di Rovaniemi (1963-1976 / 88) e il Jyväskylä in parte costruito e amministrativo centro culturale (1970-1982). Dall'inizio degli anni '50 in poi, il lavoro di Alvar Aalto si concentrò sempre di più sui paesi fuori dalla Finlandia, così che un certo numero di edifici sia privati ​​che pubblici furono costruiti su suoi progetti all'estero.

Attività
  • PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

Team di Alvar Aalto

Prodotti di Alvar Aalto