Network
Pubblica i tuoi prodotti
CONSORZIO ALVEOLATER

CONSORZIO ALVEOLATER Produttore

CONSORZIO ALVEOLATER

CONSORZIO ALVEOLATER

Produttore

Via Patini, 7 - 64026 Roseto degli Abruzzi (TE) Italia Website

CONSORZIO ALVEOLATER

Il Consorzio Alveolater, attivo dal 1986, è un'associazione che raggruppa i più qualificati produttori italiani di laterizi ad alte prestazioni con stabilimenti su tutto il territorio nazionale.
Il Consorzio, che ha la proprietà dei marchi Alveolater e Alveolater Bio e del know-how produttivo, ha introdotto per primo in Italia il concetto di "sistema muratura” che comprende sia gli elementi in laterizio, individuati da una sigla che ne definisce il campo di impiego, sia una malta termica che ha le stesse caratteristiche di isolamento dei blocchi.
La diffusione, la promozione e l'incremento dell'uso dei blocchi in laterizio ad alte prestazioni termiche Alveolater è lo scopo del Consorzio.
Pubblica documentazione tecnica e informativa, software per il calcolo termico e strutturale delle murature, promuove ricerche e prove sperimentali sul prodotto, controlla la qualità della produzione degli associati, fornisce assistenza tecnica a progettisti e imprese di costruzione e consulenza agli utenti per il migliore impiego dei prodotti. I blocchi Alveolater sono accompagnati dai documenti relativi alla marcatura CE, nei quali sono indicate le caratteristiche degli elementi obbligatorie per legge in Itali.

LE CARATTERISTICHE DEI LATERIZI

Le caratteristiche termoisolanti dei laterizi Alveolater sono dovute alla presenza, in tutta la massa del laterizio, di piccole cavità non comunicanti tra loro e contenenti solo aria. Queste cavità sono ottenute miscelando all'argilla sferette di polistirolo e/o segatura, farina di legno, pula di riso ecc. Nei laterizi Perlater le prestazioni termiche sono invece ottenute grazie alla presenza uniforme, nella massa del laterizio, di granuli di perlite.
La perlite, materiale inorganico, non subisce modificazioni durante il ciclo di cottura. La struttura dei blocchi è compatta, senza cavità e fori superficiali. Per entrambi i tipi di blocchi, un ulteriore contributo alla capacità di isolamento deriva dal disegno della foratura, che presenta in genere un elevato numero di file di fori nella direzione perpendicolare al flusso termico.
Le prestazioni termiche dei laterizi Alveolater e Perlater assicurano all'ambiente un isolamento sano, naturale, di durata praticamente illimitata. Inoltre la massa frontale delle pareti in laterizio Alveolater e Perlater è elevata, e questo consente di associare all'isolamento anche una notevole inerzia termica. Ma la massa è anche alla base dell'isolamento acustico, oggi sempre più importante per garantire una elevata qualità della vita.
Le pareti monostrato in laterizio alleggerito isolano dai suoni anche con notevole contenuto di basse frequenze, e ciò le rende ideali per proteggere dai rumori del traffico. L'elevata inerzia termica è essenziale per proteggere dal fuoco.
La parete infatti accumula calore rallentando fortemente l'aumento di temperatura della faccia non esposta al fuoco, garantendo quindi condizioni di sicurezza alle persone che si trovano nella necessità di evacuare un ambiente. Il fatto che la parete sia integralmente costituita da laterizio evita anche qualunque emissione nociva a qualsiasi temperatura. La resistenza meccanica ne consente ogni impiego, senza altre limitazioni se non quelle stabilite dalle norme vigenti in funzione della percentuale di foratura.

GLI STEP DI PRODUZIONE


ESCAVAZIONE
La scelta della cava è un’operazione determinante per la qualità del prodotto finale. La qualità e la potenzialità del giacimento, le eventuali impurità contenute, l’umidità minima e massima del materiale sono elementi che determinano i modi di sfruttamento della cava stessa, le macchine più adatte per lo scavo ed il trasporto, la linea tecnologica dell’impianto. Le analisi sistematiche sulla natura della materia prima (chimiche, mineralogiche, granulometriche, di plasticità, di attitudine all’essiccazione ed all’efflorescenza ecc.) sono sempre utili ed a volte indispensabili per stabilire a priori eventuali miscele o i correttivi da impiegare.

PREPARAZIONE
L’argilla proveniente dalla cava è un prodotto naturale spesso ineguale e poco omogeneo. Questa materia grezza deve essere trasformata in un impasto il più possibile uniforme che garantisca, con una lavorazione economica, un materiale finito di alto valore tecnico. Le varie fasi della lavorazione, schematizzabili in alimentazione-miscelazione-frantumazione raffinazione-bagnatura-omogeneizzazione, non hanno una sequenza funzionale o cronologica: la loro sequenza può essere variata secondo le varie esigenze.

PRODUZIONE
La fase "produzione" comprende la formatura del prodotto per estrusione o stampaggio e tutte le operazioni relative alla presa e al carico del materiale prodotto da avviare all’essiccatoio. La formatura per estrusione può essere realizzata "a freddo" oppure "a caldo" con l’impiego di vapore, con pressione di estrusione più o meno elevata. Il materiale prodotto viene quindi tagliato nelle misure richieste, raggruppato e caricato automaticamente sulle attrezzature di supporto da inviare alla successiva fase di essiccazione.

ESSICAZIONE
Un tempo il materiale "verde" veniva essiccato prima all’aria e poi incastellato al di sopra del forno per recuperarne in parte il calore. Attualmente si usano essiccatoi artificiali, alimentati con aria calda, prevalentemente recuperata dal raffreddamento del materiale cotto. In questa fase viene stabilizzata definitivamente la configurazione geometrica dei prodotti e conferita loro la necessaria resistenza meccanica per poter essere accatastati su carrelli e successivamente avviati alla cottura.

COTTURA
La trasformazione del pezzo "verde" in laterizio stabile avviene attraverso diverse modificazioni fisiche e chimiche che subiscono i componenti minerali per effetto della temperatura. I prodotti vengono cotti all’interno di un forno, detto a "tunnel", costituito da una galleria, chiusa alle estremità da un sistema di porte doppie, entro la quale scorrono dei carrelli a ciclo continuo. A metà circa della galleria sono praticati dei fori, o nella volta o nei fianchi, per l’immissione di combustibile(olio combustibile, gas metano, polverino di carbone, ecc.), in modo da realizzare una determinata "curva" termica lungo tutto il forno che realizzi il ciclo preriscaldamento-cottura-raffreddamento a cui devono essere sottoposti i prodotti per essere trasformati in "cotto". All’uscita dal forno i prodotti vengono scaricati dai carrelli, che tornano in circolo, e avviati all’imballo.

IMBALLO, STOCCAGGIO E SPEDIZIONE
I laterizi, scaricati dai carri del forno, vengono legati in pacchi mediante reggiatura con reggia metallica o di plastica, o avvolti con fogli di polietilene termoretraibile o estensibile. I pacchi, così confezionati, vengono avviati al piazzale di deposito, pronti per essere caricati sui mezzi di trasporto per la consegna.

LA QUALITA'

Il mercato chiede che i prodotti da costruzione siano ecosostenibili e biocompatibili. Non importa se sia laterizio o, invece, un materiale di sintesi: è essenziale che abbia il prefisso “bio” o qualche marchio ecologico. In realtà la distinzione non dev’essere tra nomi o marchi, ma tra aziende, tecnologie e prodotti in grado di rispettare e garantire i requisiti fondamentali.
Costruire secondo criteri di biocompatibilità ed ecosostenibilità significa preoccuparsi sia dell’ambiente che del consumo di risorse nonché della qualità e del comfort delle abitazioni.
L’industria del laterizi rispetta l’ambiente e il territorio.
Il laterizio viene realizzato utilizzando l’argilla. Chi esercita attività estrattive, oggi rispetta rigidi vincoli locali e opera compatibilmente con l’ambiente e con le con le attese della collettività. L’impatto sul territorio è limitato, anche nel tempo, grazie alle operazioni di ripristino, che costituiscono parte integrante dell’attività estrattiva. Il ripristino garantisce la restituzione dell’area scavata allo stato originale e il corretto inserimento nell’ambiente circostante, a volte riqualificando anche saggisticamente il territorio interessato, a beneficio di tutti.

LATERIZIO ALVEOLATER®, ECOLOGICO PER ECCELLENZA
Un’abitazione deve basarsi sull’utilizzo di materiali naturali, che richiedano poca energia di produzione e che siano facilmente riciclabili; che creino all’interno un clima salutare, consentendo alle pareti di “respirare” e di avere una spontanea regolazione della temperatura e dell’umidità interna; che realizzino un ambiente tranquillo e isolato dai rumori interni ed esterni.
Se si condividono questi principi, fondamentali per le costruzioni ecologiche, allora viene naturale associare a questi materiali naturali il nome “laterizio”, sia nella sua veste tradizionale, sia nelle molteplici tipologie pensate per ridurre naturalmente le dispersioni di calore dell’ambiente, come ad esempio il laterizio Alveolater®.

CON ALVEOLATER® I MURI RESPIRANO
A parte le enunciazioni, il laterizio ha effettivamente alcune caratteristiche di estremo interesse. La permeabilità al vapore, per esempio: il vapore che si crea negli ambienti abitati tende a spostarsi dalle zone di maggior concentrazione verso zone a minore concentrazione: in inverno, andrà dall’interno verso l’esterno dell’abitazione. Se la resistenza al passaggio del vapore è bassa, come soprattutto nel caso di laterizio Alveolater®, il vapore attraverserà la parete; in caso contrario condenserà all’interno della parete stessa. Naturalmente, per evitare di sprecare questa caratteristica, le finiture (intonaci e tinteggiature) dovranno avere caratteristiche omogenee, evitando con attenzione l'impiego di finiture superficiali caratterizzate da bassa permeabilità al vapore, le quali, bloccandone la migrazione, creerebbero pericolosi ristagni, con conseguente peggioramento delle caratteristiche termoisolanti inizialmente previste.
Una normale argilla alleggerita, estrusa, ha coefficiente di resistenza al passaggio del vapore µ pari a 8÷10 e quindi una permeabilità al vapore δ di 2,38÷1,94•10-8 g/msPa: valori di eccellenza fra tutti i materiali da costruzione.

ISOLAMENTO TERMICO SANO E NATURALE
La conduttività dell’argilla alleggerita in pasta può raggiungere valori di 0,28÷0,30 W/mK; e questo valore, associato a un accurato disegno delle foratura, e a un conveniente spessore della muratura, può consentire un elevato isolamento termico.
Una muratura in elementi semipieni a facce piane di 35 cm di spessore può raggiungere una trasmittanza U di calcolo (Uni En 1745) pari a 0,5 W/m2K e la massa frontale, ancora sufficientemente elevata (320 kg/m2), consente uno sfasamento dell’onda termica di 14 ore circa, attenuando i picchi di temperatura esterna; ma fornendo anche un’ottima protezione acustica (Rw = 54 dB).

MURI DI MAGGIOR SPESSORE PER UN MIGLIOR ISOLAMENTO
L’aumento dello spessore delle pareti non deve preoccupare: molte regioni ormai svincolano, per legge, la volumetria del fabbricato dallo spessore delle pareti, per la parte eccedente i 30 cm di spessore e fino a un massimo di ulteriori 20÷30 cm.
È il caso di Lombardia, Veneto, Puglia, Basilicata,Umbria e Abruzzo.
Il Consiglio dei ministri ha recentemente approvato in prima lettura uno schema di Decreto legislativo che recepisce la direttiva comunitaria 2006/32/CE. Questo Decreto è ora all’esame della Conferenza Stato Regioni e delle commissioni parlamentari.
Fra le altre misure che verranno adottate, una in particolare interessa il settore delle costruzioni: il Decreto estende a livello nazionale la possibilità di aumentare lo spessore delle pareti oltre i 30 cm e per ulteriori 25 cm e lo spessore dei solai oltre i 30 cm per un massimo di ulteriori 15 cm senza che questo abbia influenza sulla volumetria e sulle superfici utili, purché, ovviamente, l’aumento di spessore sia finalizzato al miglioramento dell’isolamento e/o dell’inerzia termica.
Fondamentale è il fatto che il Decreto ammette la deroga alle norme nazionali, regionali e ai regolamenti locali in tema di distanza minime fra edifici e dalle strade.
I Comuni dovranno quindi adeguare i regolamenti edilizi per non ostacolare il miglioramento energetico degli edifici.
Lo scorporo delle cubature può essere comunque immediatamente applicato poiché il limiti di spessore indicati sono tassativi e non potranno essere modificati da regolamenti locali.

MENO ENERGIA E BASSE EMISSIONI NELL'AMBIENTE PER PRODURRE E COSTRUIRE
Poiché l’ecologicità di un prodotto deve tenere conto di una somma di processi, dalla fase di estrazione della materia prima alla produzione, all’imballo, alla distribuzione, all’eventuale dismissione, ecco che il laterizio può esibire ulteriori pregevoli caratteristiche. Le tecnologie di produzione del laterizio, oggi molto evolute, limitano drasticamente le emissioni nell’ambiente, anche nel caso di laterizio alleggerito con materiali organici (polistirolo o farina di legno). Grazie alla vicinanza delle cave e al raggio di distribuzione relativamente limitato, l’energia di produzione è inferiore del 25 per cento di quella del cemento; è pari al 15 per cento dell’energia necessaria per l’acciaio e al 3 per cento di quella necessaria per produrre alluminio. Dal 1985 a oggi, il consumo unitario per tonnellata di laterizio prodotto è calato del 30 per cento, passando da 2,9 Giga Joule per tonnellata di cotto a meno di 2 GJ/ton. Parallelamente si è drasticamente ridotto il consumo di olio combustibile a favore del decisamente meno inquinante metano, passando da 26•1015 a 5•1015 Joule/anno, con le ovvie benefiche ripercussioni sull’ambiente, riducendo del 32 per cento le emissioni di CO2. E al termine della propria vita utile può trovare impiego come inerte con modesti costi energetici di trasformazione.

Beni e servizi forniti da CONSORZIO ALVEOLATER
  • Strutture
  • Murature portanti
  • Blocchi portanti in laterizio
  • Blocchi per murature armate
  • Pareti esterne e facciate
  • Blocchi, pannelli e lastre per pareti esterne
  • Blocchi da muratura in laterizio
  • Isolamento
  • Blocchi da muratura termoisolanti
  • Blocchi in laterizio termoisolanti
  • Materiali da costruzione
  • Manufatti in laterizio
  • Blocchi portanti in laterizio
  • Blocchi portanti in laterizio per murature armate
  • Blocchi per tamponamenti in laterizio
  • Blocchi in laterizio termoisolanti
  • Blocchi da tramezzature in laterizio
  • Calci, malte e cementi
  • Malte termoisolanti

Tutti i prodotti CONSORZIO ALVEOLATER

    Filtra Prodotti
    Filtra prodotti:

    prodotti per CONSORZIO ALVEOLATER

      Filtra Prodotti
      Filtra prodotti:

      Progetti di CONSORZIO ALVEOLATER

      Referenze di CONSORZIO ALVEOLATER

      Membri di CONSORZIO ALVEOLATER

      Notizie di CONSORZIO ALVEOLATER

      Prodotti di CONSORZIO ALVEOLATER

      Non ci sono prodotti collegati all'utente

      Cataloghi di CONSORZIO ALVEOLATER

      Attività nel Forum di CONSORZIO ALVEOLATER

      x Sondaggi Edilportale
      Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa