Carrello 0
GECOFIN PREFABBRICATI

GECOFIN PREFABBRICATI Produttore

GECOFIN PREFABBRICATI

GECOFIN PREFABBRICATI

Produttore

V. CIRO FERRARI, 16 - 37060 CASELLE SOMMACAMPAGNA (VR) Italia 045 8295900 045 8580326 Website

GECOFIN PREFABBRICATI S.p.A.

GECOFIN PREFABBRICATI S.p.a. produce costruzioni prefabbricate in calcestruzzo.

Beni e servizi forniti da GECOFIN PREFABBRICATI
  • Strutture
  • Strutture prefabbricate in cemento armato
  • Elementi strutturali prefabbricati in cemento armato
  • Coperture prefabbricate in cemento armato
  • Pannelli prefabbricati in cemento armato
  • Coperture
  • Sistemi tetto
  • Sistemi sottotegola
  • Elementi strutturali per coperture
  • Elementi strutturali prefabbricati per coperture

L'azienda


GECOFIN è un'Azienda di costruzioni prefabbricate in calcestruzzo operante in Italia da quasi cinquanta anni con i marchi "PRECEM", "IPRES", "LONARDI".
Il segmento di mercato in cui l'Azienda svolge in prevalenza la propria attività è quello privato degli edifici per l'industria e il commercio.
Fin dagli anni '60 GECOFIN ha indirizzato la propria specializzazione verso gli edifici a shed, cioè con elevato indice di illuminazione naturale proveniente da finestrature, posizionate in copertura, orientate a Nord.
Il destinatario di questa tipologia di edifici è un Committente dalle forti esigenze funzionali ed architettoniche che sviluppa un'attività ove necessitano ambienti naturalmente molto luminosi e ben areati, che non tollerano un'incidenza diretta dei raggi solari.
Oltre alla produzione dei componenti prefabbricati di propri originali sistemi costruttivi, al loro trasporto e posa in opera, nonché all'esecuzione completa delle opere di coibentazione ed impermeabilizzazione "acqua a terra", l'Azienda sviluppa da molti anni anche attività di "General Contractor" sino alla realizzazione di interi complessi "chiavi in mano".

I prodotti e la loro storia


» 1956 LASTRE FLESSIBILI
Rappresentano il primo esempio di piastre in calcestruzzo precompresso flessibili, utilizzate per il rivestimento impermeabile di canali e argini di fiumi. Grazie alla loro flessibilità le lastre venivano sollevate agli estremi assumendo la forma della catenaria e poi adagiate su apposito sottofondo.
Le foto illustrano il completamento del canale artificiale di Pontecorvo (FR) con lastre di spessore cm 3 e lunghezza m 25.
» 1963 SHED FELTRIA
Sistema costruttivo interamente prefabbricato per edifici a shed con pacco di copertura di spessore contenuto (m 2,30). Le travi principali a cassone fungono da gronda nella parte inferiore e da condotto per termoventilazione nella parte superiore; tegoli ad "U" in posizione di colmo e di conversa determinano la formazione delle asole di luce.
» 1965 SHED FIAT
Struttura prodotta in grande serie, preferibilmente su maglia quadrata 16x16, caratterizzata da tegoli a "T" in parziale spessore di trave chiusi in testa e con bordi rialzati, coppelle curve per la formazione degli shed e travi principali con sezione "omega" frequentemente utilizzate come condotti di termoventilazione, chiudendo il vano inferiore con carter in lamiera porta bocchette.
Le acque meteoriche sono convogliate a due sole grandi converse ricavate lungo i lati Est ed Ovest.
» 1970 SHED PAS
Struttura ad oggi forse insuperata per genialità di concezione e funzionalità. La piastra di copertura ha uno spessore complessivo di m 1,20, è attrezzata con ampli fori per la distribuzione bi-direzionale di tutti i principali impianti che risultano pertanto nascosti ma facilmente ispezionabili. L'intradosso è piano a fasce alternate di cemento e vetro retinato; all'estradosso le asole di luce vengono chiuse con cupole monolitiche a shed in vetroresina o doppia lamiera coibentata.
» 1972 VARIANT
Uno dei primi esempi di copertura con elementi mononervati, a testate chiuse e profilo longitudinale variabile, che tanta diffusione hanno avuto sul mercato in questi ultimi anni. I tegoli sono posizionati all'interasse ottimale di m 3,70 e possono raggiungere la luce di m 24,00.
» 1974 ECOSHED
La messa in produzione di questo sistema ha rappresentato una novità assoluta sul mercato: di fatto è stato proposto per la prima volta un manufatto monolitico e autoportante per la realizzazione di coperture a micro-shed ove la sensibile riduzione dell'interasse tra i lucernari consente un'ottimale distribuzione della luce naturale e la drastica riduzione dei volumi superflui. Il rapporto di illuminazione è pari al 25%; le acque meteoriche sono convogliate a due sole grandi converse ricavate lungo i lati Est ed Ovest.
» 1980 CONCORDE
Costituisce una variante del sistema Ecoshed nata dalla necessità di raggiungere luci più elevate e di conferire al tegolo una linea architettonica più armoniosa.
» 1985 ECODIN
Il sistema rappresenta la logica evoluzione di Ecoshed e Concorde conseguente anche all'adozione di nuove tecnologie produttive.
La luce diurna viene convogliata nell'ambiente in modo più uniforme e la geometria del tegolo consente un alloggiamento ottimale dell'impiantistica a soffitto.
» 1991 MIRAGE
Nella generazione dei tegoli mononervati, a testate chiuse e profilo variabile, rappresenta uno dei primi esempi di manufatto studiato per l'interasse ottimale di m 4,00 e luce sino a m 22,00. I lucernari zenitali possono essere alternati a zone cieche per una distribuzione della luce diurna funzionale alla destinazione d'uso dell'ambiente sottostante.
» 1995 ECOSHED 5000
Rappresenta un'evoluzione dello shed Fiat proposto nel 1965: è stata mantenuta l'idea compositiva, migliorando notevolmente le prestazioni statiche, il comportamento al fuoco e le linee architettoniche. Elemento caratterizzante è il tegolo tubolare a profilo costante ed ali rialzate, posto in opera all'interasse di m 5,00, intervallato da lastre nervate ad intradosso piano posizionabili in orizzontale o inclinate per la formazione degli shed.
» 2001 ECOSHED3000
Rappresenta il sistema più evoluto oggi sul mercato per la realizzazione di coperture microshed. La scelta progettuale della sezione tubolare nasce dalla necessità di dare una risposta risolutiva ai problemi di resistenza al fuoco e del corretto comportamento del manufatto in flessione deviata anche per luci sensibilmente superiori ai 22 metri, fino ad un massimo di 28 metri.
» 2001 ECO10000
Sistema di copertura a shed con passo nominale dieci metri e possibilità di graduare il rapporto di illuminazione in funzione delle esigenze progettuali. L'assenza delle travi di banchina rende il complesso strutturale particolarmente leggero e permette il totale sfruttamento del volume interno dell'edificio sino all'estradosso dei tegoli di copertura.
» 2004 GALILEO
Una nuova proposta Gecofin che amplia la gamma dei sistemi per coperture a configurazione mista shed e plan. GALILEO un sistema progettuale flessibile, ove l'economia si coniuga a qualitá e sicurezza.
» OGGI
GECOFIN
, forte della lunga esperienza maturata nel settore degli edifici a shed, propone una gamma completa di sistemi costruttivi basati sull’impiego di tegoli tubolari: ECOSHED3000, ECO5000 ed ECO10000. Caratteristiche di queste soluzioni sono la particolare rigidezza flessionale e torsionale, l'ampia gamma tipologica delle travi principali, la possibilità di conseguire maglie strutturali importanti, l'ottimo comportamento dell'opera finita alle sollecitazioni del sisma e del fuoco.
Il sistema ECODIN, che ha dimostrato la sua affidabilità in oltre quindici anni di produzione, continua a mantenere un posto di rilievo tra le soluzioni costruttive GECOFIN anche per le spiccate doti di eleganza architettonica.

La qualità


GECOFIN è stata tra le prime aziende del settore che hanno deciso di adottare un sistema qualità conforme alle norme UNI EN ISO 9000. Per la certificazione ha scelto un organismo, ICMQ, che è l'istituto settoriale di specifica professionalità e competenza.

Nel 1992 l'azienda ha conseguito la certificazione per la "progettazione e produzione di componenti prefabbricati in calcestruzzo" e nel 1996, prima in Italia, la certificazione per "costruzioni con strutture prefabbricate in calcestruzzo".

Nel 2003, con l'obbligo di adozione delle norme UNI EN ISO 9000:2000, altresì dette Vision 2000, GECOFIN ha proseguito il suo percorso sulla strada della qualità. "Progettare lo sviluppo dell'azienda partendo dai bisogni del cliente" è lo slogan, esplicitamente dichiarato nel Manuale della Qualità, che l'Azienda si sforza di tradurre in azioni concrete e misurabili.

Il software "Progettare con Gecofin"


GECOFIN mette a disposizione dei tecnici il software "Progettare con Gecofin" il cui scopo è facilitare la progettazione di edifici monopiano a pianta rettangolare, mediante l'impiego dei propri sistemi costruttivi.
Effettuata la scelta del sistema che meglio risponde alle esigenze tecniche e funzionali del progetto ed immessi i dati planovolumetrici e di carico, il programma determina in automatico la corretta dimensione dei componenti e la distribuzione ottimale dei componenti di copertura.
Sarà quindi possibile visualizzare e stampare le piante e le sezioni risultanti o trasferire queste su qualsiasi programma CAD mediante un file DXF.
Verrà inoltre creato e reso disponibile un breve capitolato tecnico/descrittivo dell'edificio progettato.
Il software "Progettare con Gecofin" è distribuito con licenza gratuita e dato "così com'è". Si veda la licenza d'uso per maggiori informazioni.

Tutti i prodotti GECOFIN PREFABBRICATI

    Filtra Prodotti
    Filtra prodotti:

    prodotti per GECOFIN PREFABBRICATI

      Filtra Prodotti
      Filtra prodotti:

      Progetti di GECOFIN PREFABBRICATI

      Referenze di GECOFIN PREFABBRICATI

      Membri di GECOFIN PREFABBRICATI

      Notizie di GECOFIN PREFABBRICATI

      Prodotti di GECOFIN PREFABBRICATI

      Non ci sono prodotti collegati all'utente

      Cataloghi di GECOFIN PREFABBRICATI

      x Sondaggi Edilportale
      Quanto è equo il compenso dei professionisti? Leggi i risultati