Loading...
Help
X
Il messaggio è stato inoltrato all’assistenza.
Ti risponderemo al più presto
Se non visualizzi correttamente la pagina o non riesci ad inviare la richiesta, descrivi in modo preciso il problema, cercheremo di risolverlo.
Richiedi info a Torggler Chimica

Il servizio è riservato agli utenti registrati.Effettua una o inserisci i tuoi dati per iscriverti al Sito. I dati saranno trasmessi alle aziende per le quali effettui una richiesta.

Dichiaro di aver letto l'Informativa Privacy.

Cliccando "INVIA RICHIESTA" dichiaro di aver letto ed accettato le Condizioni d'uso

https://img.edilportale.com/upload/immaginidossier/142829/142829_top.jpg
Scegli i prodotti e richiedi informazioni

ANTOL FLEXISTAR

Guaina polimerocementizia, impermeabilizzante elastica

Caratteristiche

ANTOL FLEXISTAR è una guaina polimero-cementizia monocomponente, premiscelata ed elastica, di colore grigio, a base di speciali polimeri altamente flessibili, cemento, inerti selezionati a grana fine, fibre e additivi specifici. Una volta mescolata con acqua si ottiene un impasto di ottima lavorabilità, applicabile con estrema facilità a rullo, pennello e spatola, anche in verticale senza colature e sfridi, con caratteristiche di ottima adesione al sottofondo.
Possiede una elevata flessibilità che permette di sopportare fessurazioni del sottofondo fino a 1 mm. Resiste ai cicli di gelo e disgelo e ai sali disgelanti, ed ha un’ottima resistenza alla diffusione della CO2. Mantiene un’ottima elasticità anche a basse temperature.

Confezioni: sacchi da 20 kg.
Consumo: ca. 1,2 kg/m² per mm di spessore.

Spessori massimi realizzabili

  • 1-2 mm per mano, fino 3 mm complessivi.

Campi d'impiego

  • Impermeabilizzazioni flessibili superficiali esterne e interne, sotto terra e fuori terra, di supporti cementizi e murature.
  • Rasature impermeabili flessibilizzate di intonaci microfessurati.
  • Impermeabilizzazione di vasche, piscine, serbatoi e contenitori di acqua in calcestruzzo fessurato.
  • Risanamento e impermeabilizzazione flessibile sotto il rivestimento ceramico di balconi e terrazze di qualsiasi estensione (sempre rispettando opportunamente i giunti di dilatazione).

Tipi di sottofondo

  • Calcestruzzo prefabbricato e gettato a piè d’opera.
  • Massetti cementizi ben stagionati.
  • Malte cementizie.
  • Intonaci cementizi.
Visualizza scheda tecnica

ANTOL CLS SYSTEM RESTAURO

Malta per la ricostruzione volumetrica del calcestruzzo

Caratteristiche

ANTOL CLS SYSTEM RESTAURO è una malta pronta all’uso, rapida, fibrorinforzata, di colore grigio, a base di cementi speciali, inerti selezionati, resine sintetiche e additivi speciali. L’elevata tissotropia permette di applicare la malta con facilità in verticale e a soffitto, sia manualmente che a spruzzo con idonea pompa, senza riscontrare segni di colatura. Una leggera espansione sia in fase plastica che in fase di post-indurimento permette di compensare il ritiro con notevole miglioramento delle caratteristiche finali di adesione, evitando nel contempo le fessurazioni. L’ottima ritenzione d’acqua diminuisce il pericolo di “bruciature” nel caso di applicazioni a bassi spessori (comunque non inferiori a 1 cm) e in condizioni climatiche critiche (alte temperature e ventilazione); in questo caso occorre comunque adottare idonee precauzioni (evitare l’esposizione diretta al sole, impastare con acqua fredda, applicare il prodotto preferibilmente nelle ore più fresche e poco soleggiate, ecc.). ANTOL CLS SYSTEM RESTAURO è un prodotto di riparazione non strutturale delle strutture in calcestruzzo per mezzo di malta idraulica di tipo PCC e classe R2 secondo UNI EN 1504-3.

Confezioni: sacchi da 25 kg.
Consumo: ca. 19 kg/m² per cm di spessore.

Campi d'impiego

ANTOL CLS SYSTEM RESTAURO è particolarmente indicato per il rifacimento di frontali di balconi, gradoni, parapetti e per la ricostruzione del copriferro in strutture di calcestruzzo degradate da fenomeni di carbonatazione o altro tipo di degrado, purché non si tratti di strutture che abbiano subito cedimenti di tipo strutturale (in questo caso usare ANTOL CLS SYSTEM STRUTTURALE). Può essere inoltre vantaggiosamente impiegato per regolarizzare difetti nei getti del calcestruzzo armato, quali nidi di ghiaia di una certa consistenza ed errato posizionamento con conseguente affioramento dei ferri di armatura, purché tali regolarizzazioni abbiano lo spessore di almeno 1 cm.
Ai sensi della UNI EN 1504-9 il campo d’applicazione dell’ANTOL CLS SYSTEM RESTAURO è riferibile ai principi 3 (Ripristino del calcestruzzo) e 7 (Conservazione e ripristino della passività) mediante i metodi 3.1 (Applicazione della malta a mano) e 7.1 (Aumento del copriferro con aggiunta di malta di cemento o calcestruzzo).

Spessori massimi realizzabili

  • Lo spessore minimo di applicazione è di circa 1 cm, quindi evitare di eseguire rasature a “zero”.
  • Lo spessore massimo complessivo è di circa 8 cm.
  • Lo spessore massimo per mano è di circa 4 cm. Per spessori complessivi maggiori di 2 cm il riporto deve essere armato con rete zincata e questa deve essere protetta con almeno 1 cm di copriferro. Nel caso di spessori complessivi maggiori di 4 cm si può impiegare anche la rete elettrosaldata. Nei casi che lo consentano confinare il riporto mediante casseri per poter contrastare l’azione espansiva della malta.
  • Nel caso di applicazioni in più mani applicare la mano successiva prima che la precedente abbia ultimato la presa e cioè non attendere oltre 90 minuti a 20 °C. Per spessori da 1 a 2 cm non occorre la rete di armatura ma comunque il sottofondo deve essere fortemente irruvidito per contrastare l’espansione.
  • Per i particolari di posa (p.es. esecuzione di spigoli e finiture superficiali) osservare le norme di buona tecnica e gli accorgimenti adottati nell’applicazione delle malte cementizie.
Visualizza scheda tecnica
torggler chimica
Torggler Chimica
Vai Prati Nuovi, 9
39020 - Marlengo (BZ)
Tel: +39 0473 282400 Fax: +39 0473 282501
www.torggler.com
vedi tutti i prodotti di Torggler Chimica su Edilportale.com Versione Stampabile