Network
Pubblica i tuoi prodotti
Forum / Professione / Asseverazione e Superbonus 110%, ai professionisti solo responsabilità?

Asseverazione e Superbonus 110%, ai professionisti solo responsabilità?

La RC professionale è un obbligo per un tecnico. Ma per la prima volta nell'ambito di una misura fiscale come i "bonus" viene esplicitamente sottolineato questo dovere.

Il professionista che lavorerà con il superbonus 110% non dovrà solo asseverare i requisiti tecnici ma anche la congruità della spesa.


https://www.edilportale.com/news/2020/05/normativa/superbonus-110-i-professionisti-dovranno-stipulare-una-polizza-da-500-mila-euro_76554_15.html


Cosa ne pensi? Credi che il Decreto Rilancio sia esclusivamente a favore dei clienti e del bilancio dello Stato? Mentre ai professionisti sono state delegate solo responsabilità?



 
Rispondi Mi piace (0)
Modifica Elimina
 
Commenti (15)
Segui
NE

Dall'articolo non si evince se la polizza dovrà essere stipulata per ogni singolo lavoro o ne basta una generale come avviene già ora?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

il sospetto che questo provvedimento sia stato adottato per favorire le grosse organizzazioni che sono scese in campo per riqualificare i condomini con imprese e tecnici affiliati è molto forte. il professionista diventa una sorta di dipendente della ditta che assume i lavori, al contrario della obsoleta ormai deontologia che prevedeva che il professionista dovesse tutelare il Committente dalle inadempienze dell’impresa. si dirà giustamente che si potevano trovare certificatori affamati anche tramite aziende che propongono offerte lampo che certificavano a poche decine di euro, ma questo è il frutto della scellerata norma che ha abolito non solo le tariffe ma i MINIMI TARIFFARI per i professionisti. ora un professionista per 100-150 € deve rispondere di decine o centinaia di migliaia di euro. ovviamente verranno in soccorso le aziende di cui parlavo prima con forti poteri contrattuali con le società di assicurazioni e chissà forti anche con gli organi di controllo! è la fine del professionista che mi hanno insegnato a prendere a modello al principio della mia carriera. Largo ai poveri giovani professionisti che pur di mettere insieme pranzo e cena si dovranno sottomettere a queste nuove illuminate regole.

 
 Rispondi Mi piace (4)
20/05/2020

"....adottato per favorire le grosse organizzazioni che sono scese in campo per riqualificare i condomini"""...leggasi Enel Luce e Gas con l'offerta #CAPPOTTOMIO.

Nell'intervista di Fanpage a Fraccaro mi sembra che il sottosegretario si lasci scappare proprio il nome di Enel o Eni nel momento in cui gli viene contestata la facilità per le imprese di accollarsi il credito. Egli ribadisce che esistono "aziende capienti a livello di imposte da sfruttare" e cita una di queste.

 
 Rispondi Mi piace (1)
20/05/2020

grazie per i nomi che avevo omesso pur conoscendoli bene. Ancora più interessante è conoscere i rapporti commerciali tra queste aziende e i poveri subappaltatori.

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
FB

non mi sembra di aver fatto alcun contratto col governo... in pratica: io professionista cosa ci guadagno? a me sembra ZERO


 
 Rispondi Mi piace (1)
20/05/2020
RC

Ma quale assicurazione?RCA.?Beh non è mai stata costituzionale la copertura di un rischio e soprattutto è incostituzionale obbligare i cittadini e i lavoratori tutti a farsi tutelare nelle proprie responsabilità civili da un [email protected] Non si obbliga alla copertura assicurativa il professionista che ne vuole approfittare finchè esistono,(ancora per poco) perchè conosce i limiti supi può farlo! Altrimenti ,capacità professionali garantiscono il lavoro svolto.e forniscono garanzie di sieci anni alneno rispetto a grandi opere!cosa,?cosa può garantire un assegno da cinquecentomila euro se il tizio professionista non fosse e vi facesse impianti da normativa assente? IN POCHE PAROLE ,LASCIATE LIBERO IL LAVORATORE!!ZAVORRE COPERTURE INESISTENTI NEMMENO QUANDO SERVITE CI SIETE! AVETE PER TROPPO TEMPO FATTO PASSARE PER OBBLIGO UNA LEGGE CHE OBBLIGA VOI E NOI NO. IL CITTADINO È IL POPOLO SOVRANO!!BENE!

Allora basta con imposizioni!👹dittatoriali.la decisione di qulunque prestatore di opere e servizi spetta sicuramente al libero professionista,che per scelta sua deciderà se assicurare una opera fatta dalla sua capacità o meno!personalmente se mi fornisce una garanzia decennale oggi come oggi ritengo la posa in opera fedele! E non volendo gravare l'attività di ulteriori costi che poi ricadrebbero sul cliente dico GIÀ SE SIETE ASSICURARI NON VI CHIAMO PER LAVORI E LAVORETTI!!SESIETE PROFESSIONISTI LAVORATE E RISPONDETE DEL VOSTRO LAVORO ,O NON MANGIATE E NON USCITE.

 
 Rispondi Mi piace (1)
20/05/2020
DM

Ben vengano le responsabilità ai liberi professionisti. E ben vengano parcelle congrue. Tenendo presente che la sanzione per falsa asseverazione (ma aggiugo errata, perche i giudici faranno fatica a dividere il dolo dalla colpa) parte da 2.000 a 15.000, io prevedo di far pagare le asseverazioni dal 5 al 10% dell'importo lavori, con importo minimo di 2.000€. Un notaio per rogitare chiede molto di piu. Con rischio 0


 
 Rispondi Mi piace (3)
20/05/2020

Sarà sufficiente la polizza che già abbiamo o dovremo integrarla?

Le responsabilità di noi tecnici potrebbero sembrare eccessive ma forse contribuiranno a scoraggiare i buontemponi

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
FC

A me preoccupa soprattutto la congruità degli importi. Che significa? Ci saranno dei parametri di riferimento? In caso contrario come si farà a dimostrare la congruità con un controllore, che potrebbe avere in testa dei prezzi totalmente differenti da quelli applicati nel contratto? E perché deve essere il tecnico ad avere questa responsabiltà? Non è giusto che sia la ditta che applica i prezzi ad assumersi questo onere? Come al solito non solo siamo discriminati per gli aiuti a fondo perduto, ma subiamo sempre e solo vessazioni di ogni sorta!!! Contenti noi!!!!


 
 Rispondi Mi piace (2)
24/05/2020
GS

La solita burocrazia da comunisti statalisti vecchio stampo e nuove regalie alle sanguisughe delle assicurazioni, delle grosse compagnie vedi ENI Luce Gas, Enel e compagnia briscola, che in ogni situazione e disgrazia Italiana affondano i denti. Nessuno di chi ci governa ha capito che artigiani e professionisti non possono fare da cassa allo Stato con gli anticipi in fattura, si pensi inoltre il contributo che sia del 65% o del 110% rimane pur sempre il vincolo del monte tasse ad un privato per valutarne la convenienza, poi mettiamoci anche i colleghi professionisti che si prostituiscono con APE ad un centinaio di Euri e questo sarebbe nuovo lavoro. Da notare bene che il tutto sarà da definire con un successivo decreto interministeriale, si sta navigando a vista, senza sapere dove si andrà a finire e gli ordini professionistici zitti come peones, nessuno che alzi la voce o pensi ad iniziative eclatanti per dire a questi governanti che é ora di finirla. Mi fermo qui ma ci sarebbe da scriverne un poema sulle castronerie che stanno facendo.

 
 Rispondi Mi piace (1)
24/05/2020

Pretendere dal professionista l'attestazione non solo dei requisiti, cosa assolutamente facile, ma pure la congruità della spesa sostenuta è semplicemente folle. Sono i committenti a scegliere le imprese in base a tanti elementi che vanno dalle garanzie che queste offrono alla fiducia che trasmettono, dalla disponibilità immediata ad eseguire l'opera al costo complessivo della stessa e altro ancora. Questo significa che pur raggiungendo lo stesso risultato al spesa può essere enormemente differente. Con quale criterio un tecnico stabilisce la congruità di queste spese senza rischiara la sanzione? In quale fase poi viene messa in discussione una tale attestazione? Controlli a campione in fase di denuncia dei redditi con il funzionario dell'Agenzia delle Entrate che contesta le fatture dicendo che si poteva spendere molto meno, dando del fesso al contribuente e del disonesto al tecnico attestatore? Prevedo migliaia di multe e la rinuncia dei tecnici a predisporre tali documentazioni. Personalmente non le farò.

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020
as

Non mi è chiaro un'aspetto della responsabilità del professionista sulla congruità delle spese. Supponiamo che per un qualunque motivo sia sancità l'infedeltà dell'asseverazione: visto che il beneficio fiscale decade, il committente si potrebbe rivalere sul professionista asseverante per l'intero importo del 110%? In tal caso, altro che 500k euro di massimale! E poi, siamo sicuri che un'assicurazione risponda a fronte di un giudizio di "infedeltà" di un'asseverazione? Secondo me no!

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020
RP

Vorrei dire solo una cosa agli scienziati che mettono maree di cavilli su leggi per far ripartire l'Italia-

cosa centra il progettista delle asservazioni con la congruità delle cifre-

ci sono dei preziari per tutti i lavori rimaniamo su questo presupposto di non superare il prezzario regionale , sul fotovoltaico e batterie già un paletto è stato posto , quindi basta così .

a cosa servono questi cavilli burocratici ????

 
 Rispondi Mi piace (0)
08/06/2020
sl

Ma vorrei capire anche un'altra cosa. Il tecnico che deve redigere le attestazioni, pre e post intervento, la congruità di spesa ecc.. Può essere lo stesso che partecipa alla progettazione e/o all'esecuzione dei lavori stessi?

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/06/2020
MM

@salvatorelombardo

Vorrei capire anch'io la stessa cosa... qualcuno sa rispondermi?

Se presento una CILA al Comune per realizzare il cappotto termico oltre alla sostituzione degli impianti esistenti, infissi ecc. ecc. posso anche fare l'autocertificazione all'ENEA a fine lavori, o sono incompatibile?


 
 Rispondi Mi piace (0)
11/12/2020

! Segnala questa discussione

Ok
Annulla

Grazie per la segnalazione

Chiudi

Segui la discussione

Ricevi le notifiche di nuove risposte via email

Segui
Annulla

Disattiva gli aggiornamenti

Non ricevere altre notifiche via email

Non seguire più
Annulla

Condividi con...

Thread Title

Impossibile caricare l'immagine

E' possibile inserire immagini del solo formato .jpg e di un peso non superiore ai 5mb complessivi.

Ho capito