Network
Pubblica i tuoi prodotti
Forum / Normativa Edlizia e Territorio / Coronavirus, decreto Cura Italia

Coronavirus, decreto Cura Italia

Buongiorno. Il settore edile aderisce all ultimo decreto?( che entra in vigore oggi) o i muratori, elettricisti, idraulici sono immuni da corona virus? Il muratore soprattutto non mi sembra un lavoro di prima necessità o sbaglio? Grazie

 
Rispondi Mi piace (0)
Modifica Elimina
 
Commenti (13)
Segui

Ciao Enza, quando ti riferisci alla lavoratore "muratore" stai parlando di un dipendente di un'impresa edile oppure di un lavoratore autonomo che svolge generalmente lavoro a cottimo?


Leggendo il DPCM 11 marzo 2020 mi pare di capire che in entrambi i casi non vi sia l'obbligo della sospensione ma l'obbligo di adottare tutte le misure per prevenire/evitare il contagio.


L'impresa edile, come il singolo muratore, fanno parte delle imprese artigiane che a loro volta afferiscono all'attività produttiva - ritengo che devi fare riferimento a quello che il DPCM dice sulle attività produttive.

Vediamo se qualcun altro dà un suo parere in merito

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/03/2020

Ciao Enza, tutte le notizie per i professionisti e le imprese del settore costruzione relative all'emergenza coronavirus, prodotte dalla nostra redazione, le può trovare in questa sezione del nostro portale:

https://www.edilportale.com/news/coronavirus

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/03/2020

Grazie mille. Mi riferivo a dipendente di impresa edile comunque sia mi pare di aver capito che o dipendente o autonomo o altro la cosa non cambia.

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/03/2020
CB

Ciao @edilportale avete pubblicato questo articolo:

https://www.edilportale.com/news/2020/03/lavori-pubblici/coronavirus-ance-costretti-a-sospendere-i-cantieri-in-tutta-italia_75400_11.html

Io sono un elettricista, lavoratore autonomo, che prendo in subappalto la realizzazione di impianti elettrici, soprattutto per cantieri edili di appartamenti, ristrutturazioni. Quindi il mio appaltatore ha committenti privati. Io che devo fare? ho un contratto da rispettare. Generalmente sono solo in cantiere al massimo un'altra persona come collaboratore con me, posso continuare a lavorare?

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/03/2020

Salve @Claudio B.,

il DPCM 11 marzo 2020 non ha disposto la sospensione d'ufficio dell'attività dei cantieri edili.


Nel suo caso, qualora decidesse di fermarsi, essendo un subappalto deve fare riferimento all'impresa affidataria.

Se quest'ultima non ha già comunicato al committente la momentanea sospensione, ma lei volesse esercitarla, si ritiene che può seguire le indicazioni che l'ANCE ha fornito nella  miniguida (che trova allegata all'articolo che lei stesso ha postato).


Cosa dice la guida:

- che è necessaria una comunicazione in cui vanno indicati i motivi della sospensione, questo al fine di ottenere una successiva proroga del termine, previsto dal contratto di subappalto, che andrà richiesta in ogni caso prima della sua scadenza.


Dunque, nel caso di subappalto, la comunicazione di sospensione dei lavori deve essere effettuata dal subappaltatore nei confronti dell’appaltatore e per conoscenza alla direzione dei lavori e al committente.


Nella comunicazione occorre specificare:

  • il periodo di sospensione dei lavori (quanto meno presunto e con riserva di comunicare ulteriori sospensioni sempre dovute a cause non imputabili all’impresa);
  • la giusta causa che dimostri l’impossibilità di eseguire la prestazione (es. difficoltà o interdizione nell’accesso al cantiere o difficoltà logistiche dovute a blocchi imposti dalle autorità, impossibilità di ricevere i materiali necessari per l’approvvigionamento del cantiere, provvedimenti amministrativi anche indiretti che hanno riflesso sull’attività del cantiere ecc.).


- La comunicazione deve essere effettuata alternativamente nella forma della PEC, della raccomandata a mano con ricevuta di accettazione, della raccomandata con avviso di ricevimento. In ogni caso è opportuno verificare se nel contratto siano state previste particolari modalità di comunicazione.


- Per il pagamento dei lavori eseguiti sino alla data di sospensione comunicata alla direzione lavori/committente è opportuno verificare l’esistenza di specifiche clausole contrattuali che dispongano al riguardo. In caso di assenza di tali clausole è consigliabile attivare una procedura di accordo tra le parti volta a consentire la liquidazione delle spettanze nei confronti dell’appaltatore/subappaltatore per i lavori eseguiti fino alla data della sospensione.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/03/2020
cl

SALVE,

CI SONO NOTIZIE IN MERITO AL NUOVO DECRETO IN MATERIA DI EDILIZIA CONTRIBUTI


 
 Rispondi Mi piace (0)
16/03/2020

@claudiolongobardo a questo link trova il nostro ultimo aggiornamento sul tema https://www.edilportale.com/news/2020/03/normativa/coronavirus-in-arrivo-le-misure-per-professionisti-partite-iva-imprese_75420_15.html

a cui seguiranno altri proprio in vista del nuovo decreto atteso per oggi


 
 Rispondi Mi piace (0)
16/03/2020

@EnzaVillirillo

Sul sito della presidenza del consiglio dei ministri alla sezione FAQ Lavoro c'è proprio scritto che:

"Le attività edili e artigianali non sono fra quelle sospese dal DPCM dell’11 marzo 2020 quindi tali prestazioni lavorative possono essere svolte qualora siano da considerarsi indispensabili e non prorogabili"

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/03/2020
I.

Ciao, mi aggiungo alla discussione, da quello che ho capito, l'indennizzo va indiscriminatamente a tutte le partite Iva, anche quelli che stanno lavorando e guadagnando, ma non ai professionisti iscritti a una cassa diversa da INPS?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/03/2020

@Ingfra .

l'indennizzo dei 600 euro a cui ipotizziamo tu ti stia riferendo non è previsto per i lavoraori autonomi  iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie. Quindi ai professionisti ordinistici per intenderci.


Misure inerenti ai professionisti ordinistici previste nel DL 18/2020 ?Cura Italia? sono quelle citate al'art. 44.


L'articolo 44 prevede che, per garantire sostegno al reddito per i lavoratori dipendenti e autonomi che in conseguenza dell’emergenza da COVID 19 hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro, è istituito il “Fondo per il reddito di ultima istanza” volto a garantire il riconoscimento di una indennità, nel limite di spesa di 300 milioni di euro per l’anno 2020

Sarà il Ministro del Lavoro, di Concerto con quello dell’Economia a definire entro un mese criteri di priorità e modalità di attribuzione dell’indennità, nonchè la eventuale quota dei 300 milioni di euro da destinare, in via eccezionale al sostegno del reddito dei professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria


Per i professionisti non iscritti all’INPS, si stanno attivando le rispettive Casse di Previdenza.

 


 
 Rispondi Mi piace (0)
23/03/2020
CA

Ho letto che c'erano dei ripensamenti da parte del governo in merito a questo, ossia che il bonus è esteso anche ai liberi professionisti iscritti ad un ordine e cassa privata o mi sbaglio?

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/03/2020

Sì, Anche i professionisti iscritti alle Casse di Previdenza private riceveranno l’indennizzo di 600 euro per il mese di marzo. Lo prevede il decreto (vedi bozza) firmato sabato 28.03.2020 dai Ministri del Lavoro, Nunzia Catalfo, e dell’Economia, Roberto Gualtieri.


legga il nostro approfondimento:

https://www.edilportale.com/news/2020/03/professione/coronavirus-600-euro-anche-ai-professionisti-con-casse-private_75673_33.html


A questo link trova la bozza del decreto:

https://www.edilportale.com/normativa/bozza-non-ancora-in-vigore/2020/ministero-del-lavoro-e-delle-politiche-sociali-e-ministero-dell-economia-e-delle-finanze-indennit%C3%A0-per-lavoratori-autonomi-e-professionisti-iscritti-agli-enti-di-diritto-privato-di-previdenza-obbligatoria_17665.html

 
 Rispondi Mi piace (0)
30/03/2020

! Segnala questa discussione

Ok
Annulla

Grazie per la segnalazione

Chiudi

Segui la discussione

Ricevi le notifiche di nuove risposte via email

Segui
Annulla

Disattiva gli aggiornamenti

Non ricevere altre notifiche via email

Non seguire più
Annulla

Condividi con...

Thread Title

Impossibile caricare l'immagine

E' possibile inserire immagini del solo formato .jpg e di un peso non superiore ai 5mb complessivi.

Ho capito
x Sondaggi Edilportale
Il Coronavirus stravolge il lavoro. Come uscirne? Partecipa