Network
Pubblica i tuoi prodotti
Forum / Normativa Edlizia e Territorio / Decreto Rilancio, testo definitivo, lavori agevolati dal superbonus 110%

Decreto Rilancio, testo definitivo, lavori agevolati dal superbonus 110%

In questa community negli ultimi giorni si è parlato tantissimo del Superbonus al 110%.

È sufficiente guardare la discussione Superbonus al 110%, per quali lavori? per capire l'interesse verso questa nuova misura fiscale ma allo steso tempo l'incertezza dell'applicabilità dell'incentivo per alcune lavorazioni.


Il Decreto Rilancio è stato approvato in via definitiva dal Senato ed è pronto per la Gazzetta Ufficiale

https://www.edilportale.com/news/2020/07/normativa/superbonus-110-parte-il-countdown-per-i-decreti-attuativi_77594_15.html


Una volta pubblicato in Gazzetta Ufficiale, scattano i termini per l’approvazione dei provvedimenti e dei decreti attuativi, molto attesi dai contribuenti e dagli operatori del settore.


!!!La discussione sul Forum di Edilportale più aggiornata sul tema è la seguente!!!

Superbonus al 110%, cos'è, come funziona e cosa comprende


Hai trovato la risposta che cercavi? O hai ancora dei dubbi? Allora, segui la discussione.

Oppure inserisci nei commenti la tua richiesta e riceverai risposta dalla community. Ma se vuoi, condividi il tuo pensiero e la tua opinione.


#followus

#staytuned



 
Rispondi Mi piace (3)
Modifica Elimina
 
Commenti (200)
Segui
VD

Buongiorno,

ho un appartamento (prima casa) all'interno di un condominio con terrazzo di copertura di proprietà. Potrò usufruire del bonus 110% se effettuerò isolamento termico del terrazzo (ed eventualmente isolamento con insufflaggio delle superfici opache orizzontali dell'appartamento) migliorando l'attuale classe energetica del mio appartamento di almeno 2 classi?

Grazie mille per gli eventuali chiarimenti!

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
DB

@VincenzoD anche io sono nella stessa situazione. Leggendo il decreto definitivo mi pareva di capire che si potesse fare ma dalle ultime dichiarazioni purtroppo no.




 
 Rispondi Mi piace (1)
20/05/2020
VD

@DESIREEB a quali dichiarazioni ti riferisci?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
DB

@VincenzoD Ho letto le dichiarazioni di Fraccaro e parlava proprio di non permettere alle singole unità immobiliari in condominio di accedere l'ecobonus. Diveramente ho appena avuto notizie che potremo farlo ( ed effettivamente se io leggo l'art. 119 comma 9 capisco che vale anche per i singoli appartamenti). Non c'è niente da fare... bisogna aspettare la circolare dell'Agenzia delle Entrate.

 
 Rispondi Mi piace (1)
20/05/2020
VD

@DESIREEB. Si conviene aspettare i chiarimenti, perché se leggiamo l'art. 119 comma 1 intervento a) parla di "involucro dell'edificio", di conseguenza potrebbero accedere all'ecobonus solo gli interventi in appartamenti la cui superficie disperdente è almeno il 25% di tutto l'edificio (purtroppo non è il mio caso).

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
AC

@DESIREEB. Buonasera, a pag 147 articolo 119 comma 9 dice che possono usufruire del 110% i condomini e le persone fisiche proprietarie di singole unità abitative. Ho una seconda casa in condominio dove dubito su possa procedere con cappotto termico condominiale e sarei intenzionato a fare insuflagio interno con infissi e aria condizionata, verificando prima se recupero 2 classi dall'attuale G. Il tema del 25% attiene secondo me al perimetro della singola abitazione; come farebbe una singola unità a coprire da sola il 25% dell'intero edificio? Che senso avrebbe inoltre? Vorranno incentivare il condominio a ricoprire parte significativa dell'edificio e singolo proprietario a ricoprire parte del proprio appartamento. Quello che conta sono le 2 classi energetiche guadagnate, magari non serve coprire tutta o il 50% della propria abitazione con cappotto interno a tal fine.

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
VD

@AndreaC. Il senso dell'ecobonus sui condomini l'ha spiegato Fraccaro "Il progetto l'abbiamo previsto per l'intero condominio, non per un singolo appartamento nel complesso condominiale....È difficile mettere d'accordo tutti i condomini per una ristrutturazione, però se nessun condomino deve mettere un euro è più facile raggiungere la maggioranza necessaria in uno stabile". Ora bisogna vedere se i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate indicheranno che con il termine "involucro dell'edificio" si riferisce al perimetro dell'appartamento nel caso di lavori in singole unità immobiliari.

 
 Rispondi Mi piace (1)
20/05/2020
AC

@VincenzoD Salve; quindi anche secondo Lei sono ammissibili lavori di riqualificazione energetica di singole abitazioni usufruendo del 110% senza interventi condominiali ? E se si, secondo Lei, il 25% sarebbe da relazionare al perimetro della propria abitazione ? Grazie per i chiarimenti

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020
VD

@AndreaC. Per come è scritto l'articolo con il lavoro di riqualificazione sulla singola abilitazione devi riuscire a coprire almeno il 25% dell'intero edificio. Sarebbe quindi fattibile solo per edifici piccoli di massimo 4 unità immobiliari.

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020
VD

@AndreaC. Aggiungo anche che le due classi energetiche si devono guadagnare sull’intero edificio, quindi penso non ci sia modo di estendere l’ecobonus agli appartamenti.

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020
AP

@AndreaC. Tutto fa riferimento alla singole unità abitative. Infatti anche gli APE in condominio vanno calcolati e redatti per singola unità.

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
AP

@AndreaC. L’APE cambia anche in base alle diverse esposizioni e al piano in cui si trova l’immobile. Bisogna concentrarsi sul progetto di riqualificazione per ottenere due classi energetiche superiori. A quanto pare, se si opta la cessione del credito di imposta, la stessa sarà pari all’importo di spesa e non più al 110% aliquota valida soltanto in caso di sgravio personale inn5 anni.

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
AP

@VincenzoD certamente potrà usufruirne se rispetta le condizioni dettate dal decreto e, da quanto mi dice, credo che potrà superare con facilità l’ostacolo delle due classi

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
VD

@AntonioPeraino secondo lei questo ecobonus è usufruibile anche dalle singole unità abitative di un condominio? Oppure è necessario che tutte le unità abitative di un edificio migliorino di due classi?

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
AC

@AntonioPeraino Buonasera. Io per guadagnare le due classi energetiche posso intervenire su infissi e aria condizionata con pompa di calore. Per ottenere tuttavia il 110 (o 100) devo coibentare. Siccome il condominio non coibenterà esternamente, dovrò fare insuflagio pareti (per non perdere mq con pareti rinforzate interne). Spero che insuflagio + infissi + a/c sia un pacchetto sufficiente ad ottenere il 110% (o 100%)

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

@AndreaC. Chiedevo anche io ma sembra che il salto di due classi sia obbligatorio per tutti gli appartamenti facenti parte del condominio.

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
LC

@AntonioPeraino il credito di imposta al 110% è stato pensato proprio perché fosse appetibile per le imprese e, soprattutto, le banche. Il committente o l'impresa, cedendo il credito d'imposta quinquennale al 110% otterrà l'anticipo del 100%. Attendiamo di conoscere il modus operandi.

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
FE

@VincenzoD buongiorno Vincenzo, io sono in un condominio da tre sole unità immobiliari. Ritieni io possa evitare di coinvolgere gli altri due condomini per attivare uno dei macro interventi per accedere all' ecobonus 110%? Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
28/05/2020
VD

@FrancescoErrichiello al momento la vedo dura. Se la superficie disperdente della tua abitazione è almeno il 25% di quella dell'intero EDIFICIO allora facendo l'isolamento termico solo del tuo appartamento rispetti l'art. 119 comma 1 lettera a). Tuttavia il comma 3 dice che per accede alle detrazioni gli interventi nel loro complesso devono assicurare il miglioramento di almeno due classi energetiche dell'EDIFICIO. Nel tuo caso mi immagino che anche gli altri due appartamenti debbano guadagnare due classi energetiche. Possiamo solo sperare che rilassino i vincoli prima che diventi legge allargando l'ecobonus ai singoli appartamenti.

 
 Rispondi Mi piace (0)
28/05/2020
OF

Vorrei capire esattamente, in parole povere:

Farei eseguire dei lavori di isolamento mediante cappotto e sostituzione di infissi al fine di far guadagnare le 2 classi energetiche. se spendo 25000 euro posso richiedere lo sconto totale alla ditta che esegue i lavori e non pagare nulla a fine lavori oppure bisogna vedere quanto pago all'anno sul 730 di irpef e quindi se ne pago 10000 posso solo chiedere lo sconto per complessivi 10000 euro e quindi anticiparne altri 15000 oppure portarli in detrazione per 3 anni oppure per i 5 previsti...come mi devo comportare?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

@OnorioFeo per come l'ho capita io, se la ditta accetta di farti lo conto in fattura (ossia uno sconto pari al valore totale della fattura che avrà saldo zero) la tua capienza irpef non avrà nessuna rilevanza.

 
 Rispondi Mi piace (1)
20/05/2020
AC

@OnorioFeo Salve, prima cosa assumere un geometra perito autorizzato a rilasciare ape modificata; chiedergli di preparare una cartella da sottoporre al caf di zona per verifica elegibilità per il 110%. Contattare un'impresa e concordare sconto totale in fattura prima dei lavori. Anche la parcella del geometra perito è detraibile 110%. Se fossero 25k senza cessione credito, sarebbero 5k all'anno per 5 anni. La cessione del credito costerà un 10% di commissioni factoring lato banca (per questo secondo me hanno messo 110%)

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

Salve ho un quesito da porvi.

Alla luce della definizione "Abitazione Principale" contenuta nel decreto, se io ho acquistato e sto ristrutturando casa e dato che nelle condizioni in cui si trova io proprietario non ho la possibilità di andarci a vivere né di spostare lì la mia residenza (visto che non è agibile), come posso usufruire del bonus se per me il mio immobile non è la mia abitazione principale?

 
 Rispondi Mi piace (1)
20/05/2020
AC

@PaoloBove anche io vorrei porre la stessa domanda.

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

@PaoloBove sono nella tua stessa situazione, ho una Scia aperta in Comune, per i lavori già fatturati e pagati sto usufruendo del bonus ristrutturazione 50%

Per i successivi posso usufruire dell'ecobonus?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
AC

@PaoloBove Il 110% dovrebbe valere anche sulle seconde case, purchè non villette indipendenti, bensì inserite in un contesto condominiale

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020
AC

@RosalbaMalizia Se i criteri di riqualificazione energetica sono soddisfatti (e non sono affatto banali), tutte le spese dal 1 luglio verranno trattate al 110% anche se le precedenti porzioni di progetto fossero state trattate al 50%

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@AndreaC. L'immobile che sto ristrutturando non si trova in condominio, è una abitazione unica e il mio problema è capire come posso rientrare nel bonus se l'immobile in questione non è ancora la mia abitazione principale(dato che non posso spostare ora lí la mia residenza) ma lo diventerà dopo i lavori.

 
 Rispondi Mi piace (1)
21/05/2020

@AndreaC. coibentazione interna di tutto l'appartamento, istallazione pannelli fotovoltaici, sistema di riscaldamento e raffrescamento con VMC ricircolo e depurazione aria . Tutto elettrico senza impianto di gas metano.....fotovoltaico già parzialmente pagato, il resto da realizzare e pagare. Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@PaoloBove ho lo stesso problema anche io.

Io sto ristrutturando la casa che diventerà la mia abitazione principale a fine lavori e vorrei sapere come comportarmi con gli interventi di efficientemente energetico.

Per esempio per la detrazione sugli interessi passivi sul mutuo per ristrutturazione danno 6 mesi di tempo dopo la fine lavori per spostare la residenza e far diventare l immobile abitazione principale.

Speriamo bene perché altrimenti non ha senso.

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@GraziaCinziaTumbarello speriamo venga considerato questo criterio deib6 mesi post fine lavori.

Anche perché che senso avrebbe tutto questo bonus visto che la maggior parte delle ristrutturazioni hanno ad oggetto immobili inagibili dove non poter portare nemmeno la residenza

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@PaoloBove abitazione principale, o prima casa.. se l'immobile a tuo nome risulta prima casa allora hai già la risposta...la residenza é tutta un'altra storia...

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

@PaoloBove Salve deve essere adibita a prima casa, bisogna aver la residenza.


 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020

@PieroMessinese certo però si può avere la residenza nella prima casa, ma essere domiciliato in un altra..perciò se l'immobile è di sua proprietà e nn ne ha altri intestati sarà considerata prima casa. .indipendentemente dal domicilio

 
 Rispondi Mi piace (0)
28/05/2020

@PaoloBove questo dettaglio interessa anche a me......spero venga sciolto nel giro di pochi giorni perchè mi cambierebbe la vita. A rigor di logica se l'intento è quello di riqualificare energeticamente e sismicamente gli edifici italiani......allora dovrebbe essere un sì. Il problema è che in questo modo potrebbero esserci diversi speculatori che spostano la residenza a fine lavori per ottenere il bonus....e poi spariscono. Per superare il rischio basterebbe mettere un'ammenda di restituzione del credito in caso la persona rispostasse la propria residenza nei (esempio) 2 anni successivi.

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020

Il ministero ha indicato le banche a cui si può cedere il credito ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
AV

Ritengo che sia sbagliato escludere le aree sismiche in zona 4 dal superbonus relativo al miglioramento antisismico degli edifici in quanto investire nella riqualificazione energetica senza aver rivisto la struttura non credo abbia senso. Ancor più se si pensa che, probabilmente, nel prossimo futuro bisognerà certificare lo stato delle strutture prima di poter vendere, come avviene oggi per l' APE.

 
 Rispondi Mi piace (1)
20/05/2020
GL

Domanda per chi è più esperto di me.

Nel decreto leggo "L’aliquota prevista al comma 1 si applica anche a tutti gli altri interventi di efficientamento energetico di cui all’articolo 14 del citato decreto-legge n. 63 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 90 del 2013"...

Leggendo detto articolo non riesco a trovare la voce che farebbe detrarre gli interventi per la realizzazione dell'impianto di riscaldamento a pannelli radianti...

Potete darmi maggiori informazioni?

grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

Per chi chiede cosa esattamente detrarre come, bisogna aspettare:

  • la conversione in legge entro 60 giorni del decreto legge n. 34/2020 ;
  • la pubblicazione dei provvedimenti attuativi da parte dell'Agenzia delle Entrate, entro 30 giorni.




 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
RD

Salve, essendo poco esperto della materia, e vista la maggiore esperienza nel forum avrei una curiosità da chiedere sul nuovo ecobonus 110.

Nel nostro condominio dovremo effettuare dei lavori di rifacimento tetto ed a questo punto anche cappotto esterno, per gli infissi mi pare di aver capito che si possono agganciare, ma se come singolo immobile volessi installare un inserto camino a legna sarebbe possibile?

Perché questo non è chiaro, è possibile solo per lavori su impianti centralizzati?

Però io pensavo si potessero inserire anche questi perché nel comma 2 dice " L’aliquota prevista al comma 1, alinea, si applica anche a tutti gli altri interventi di efficientamento energetico di cui all’articolo 14 del citato decreto-legge n. 63 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 90 del 2013, nei limiti di spesa previsti per ciascun intervento di efficientamento energetico previsti dalla legislazione vigente e a condizione che siano eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi di cui al comma 1.", e in questa Legge ci sono anche i generatori di calore a biomasse!

Grazie mille per gli eventuali chiarimenti!

Rob

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

@RobertoD Secondo me gli infissi Assolutamente si possono essere detraibili al 110% se inseriti in un condominio che compie una riqualificazione energetica per quel che riguarda il camino Penso proprio di no perché la legna bruciata è inquinante quindi non penso che possa passare

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@RobertoD Sul sito ENEA ci sono degli interessanti vademecum per ogni intervento di risparmio energetico. Come per gli infissi, che per accedere al risparmio energetico invece che alla semplice ristrutturazione devono rispettare determinati requisiti di trasmittanza, anche i generatori di calore a biomassa sono ammissibili se raggiungono un determinato livello di efficienza (se non erro 85%).

 
 Rispondi Mi piace (0)
26/05/2020

iscritto alla discussione.

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
RC

buon giorno, sono in fase di preventivo per il rifacimento del tetto. vorrei chiedere se rientra nel superbonus 110, integrando il lavoro con il cappotto.

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

@RobertoCabra solo un termo-tecnico potrà darle questa risposta.

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
RC

@ClaudioS. il mio quesito non riguarda la classe energetica che andrò ad ottenere a fine lavori, ma chiedevo se il tetto isolato rientra nel superbonus, in quanto io ho un tetto vecchio e non isolato, volendo fare il cappotto mi sembrava logico isolare anche il tetto, essendo la parte che disperde più calore.

ma credo che non sia una superficie opaca orizzontale.

 
 Rispondi Mi piace (1)
20/05/2020
AP

@RobertoCabra se l’intervento le permettere di superare due classi energetiche - certamente potrà avvalersi del superbonus

 
 Rispondi Mi piace (1)
24/05/2020
RR

Quindi se ho ben capito finché il decreto non viene convertito in legge (60 giorni) e finché non escono i provvedimenti attuativi dell' agenzia delle entrate (30 giorni) conviene non far nulla....preparare tutto ma non muoversi

 
 Rispondi Mi piace (2)
20/05/2020
VV

@RobertaRomani infatti bisogna aspettare, chiariranno anche tanti aspetti non chiari al momento

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

@VincenzoVenuto insomma.

Bisognerà poi aspettare gli interpelli perche anche nelle guide lasciano sempre qualche dubbio.

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020
VV

@GraziaCinziaTumbarello è appena stato pubblicato un vademecum dell’agenzia delle entrate sul decreto rilancio mi ha confuso devo dire altro che

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020
mf

Buonasera,

Esistono delle agevolazioni/iniziative che vengano in aiuto alle nuove costruzioni? il superbonus è applicabile anche al nuovo?

Grazie in anticipo

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

Salve, non mi è chiaro quale sia il tetto di spesa per gli interventi di riqualificazione energetica aggiuntivi a quelli obbligatori per usufruire del bonus. Esempio se in una casa singola monto un impianto a pompa di calore e devo aggiungere la sostituzione degli infissi per salire di due classi, quanto è il tetto di spesa totale?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

Salve, non mi è chiaro quale sia il tetto di spesa per gli interventi di riqualificazione energetica aggiuntivi a quelli obbligatori per usufruire del bonus. Esempio se in una casa singola monto un impianto a pompa di calore e devo aggiungere la sostituzione degli infissi per salire di due classi, quanto è il tetto di spesa totale?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
RC

Bisogna fare riferimento al precedente ecobonus

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

Quindi 153mila euro in totale?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
GP

al comma 1 . C. si parla di edificio unifamiliare. Abito una villetta bifamiliare al piano terra posso fare il fotovoltaico + pompa di calore?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

@GiampieroPittorra si, ma la classe energetica deve migliorare di due classi e deve verificare se quello è sufficiente.

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020
GP

@AlbertoFerracin quella verifica è stata già fatta e si salirebbe di 2 classi con fotovoltaico + accumulo + pompa di calore + Acs a pompa di calore. Il dubbio risiede nel fatto che il comma parla 1.c. parla di “edificio unifamiliare” e ho notato che la definizione a seconda del contesto (urbanistico o fiscale) può essere interpretato diversamente. Quindi il dubbio rimane. Se invece avessero scritto unità immobiliare abitativa indipendente rientrerebbero nel comma in questione sia gli edifici plurifamiliari e appartamenti.

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@GiampieroPittorra

No, una unità abitativa indipendente non è in genere un un'appartamento, che ha entrata comune ad altri.

Vedasi circ. Lav pubb. 1820 del 23.7.60

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020

Salve a tutti ma qualcuno può delucidarmi in merito? io sto facendo una ristrutturazione massiccia che includerà riscaldamento a terra, caldaia a condensazione, climatizzatori, finestre taglio termico e tutte le opere murarie.... è la mia prima casa in un condominio....quali lavori rientrano nel decreto rilancio x ottenere lo sconto diretto in fattura non mi interessa l'ecobonus al 110% in 5 anni.

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

Salve, io sto per iniziare i lavori di ristrutturazione.settimana prossima do inizio lavori, e mi chiedevo se dovendo fare cappotto, sostituzione impianti e finestre rientro nel bonus 110, visto che le spese le farò probabilmente fai mesi prossimi, quindi anche nel periodo successivo al 1 luglio...perché fino adesso si parla di spese affrontate dal primo luglio ma nn specifica se può riguardare anche pratiche gia avviate...

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/05/2020

Da quanto ho potuto capire, Al fine di accedere all’ecobonus 110%, servirà un APE precedente alla ristrutturazione ed una successiva che confermi il salto energetico.

Non si sa se sarà un APE esattamente uguale alle attuali e se il “super tecnico” che la rilascerà dovrà avere particolari requisiti.

Magari verrà confermata l’impostazione attuale ma ad oggi c’è un po’ di confusione su alcuni passaggi per rientrare nel fatidico 110%.

 
 Rispondi Mi piace (1)
21/05/2020

salve avrei una domanda se posseggo due immobili uno acquistato con agevolazioni prima casa e l'altro no... sto spostando la residenza nel secondo perché più grande è la famiglia è aumentata.... e avrei intenzione di eseguire dei lavori di miglioramento energetico, questi possono rientrare nel bonus del 110%?perché non ho capito se si considera la prima casa in quanto acquistata per prima o l abitazione principale dove si ha la residenza

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@FabioChezzi la prima casa è quella adibita a abitazione principale, in cui avrò la residenza

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

Dovrebbe essere l’abitazione principale.

ne sono quasi sicuro

 
 Rispondi Mi piace (1)
21/05/2020

@ClaudioS purtroppo devo essere certo, ma n sono riuscito a trovare nessuno che mi tolga qst dubbio

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@FabioChezzi nel decreto si parla di abitazione principale, ovvero quella dove si ha la residenza; non ha importanza se l'immobile in questione sia stato o meno acquisito con le agevolazioni prima casa.

Piuttosto, togliere la residenza dall'immobile acquistato come prima casa, potrebbe farle perdere le relative agevolazioni, verifichi questa eventualità

 
 Rispondi Mi piace (0)
26/05/2020
RR

Buongiorno a tutti...

Ho un dubbio ...la mia abitazione è all' interno di una riserva naturale...per istallare i pannelli fotovoltaici sul tetto e fare il cappotto devo chiedere il parere ai beni ambientali?

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020
GD

Buongiorno a tutti, leggendo il decreto mi sembra che le piccole imprese siano escluse dal suo utilizzo.

Quindi per poter lavorare, bisogna anticipare i soldi dei lavori al cliente e poi farsi rimborsare dallo stato. Quindi se faccio n 6 lavori per 80.000 euro cada uno devo avere un capitale di 480.00 euro per poter lavorare. Il tutto mi sembra assurdo e una classica presa x....... all'italiana.

Vorrei opinioni al riguardo

grazie e saluti

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@GianfrancoDelio il programma a mio parere può funzionare solo se il ministero individua un certo numero di banche nei vari territori che debbano obbligatoriamente accettare la cessione da parte dei cittadini.Infatti dobbiamo considerare che coloro che avevano i soldi hanno già fatto le loro ristrutturazioni con le norme precedenti .Adesso ci siamo noi stipendiati e pensionati che non abbiamo modo di pagare i lavori e ci arrangiamo con le case che abbiamo costruito negli della lira e che ora sono obsolete sia con riguardo alla sicurezza sismica sia alla efficienza energetica.Poi il mondo dell'edilizia è fatto da tante piccole aziende che rappresentano un grande patrimonio di esperienza ma non hanno la capacità di essere cessionarie.

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@MauroCiccarelli le banche (o chi per loro) dovrenno accettare il credito dalle aziende e non dai privati perchè se il privato cede alla banca il credito si da per scontato che l'azienda sia già stata pagata. Questo da una parte eviterebbe speculazioni al rialzo ma tornerebbero in gioco i requisiti/limiti della capienza fiscale (ricordo che siamo passati da 10 anni a 5) e della capacità economica del privato (se non ha soldi devi indebitarti...prima di riaverli dalla banca).

 
 Rispondi Mi piace (1)
21/05/2020

@ClaudioS. sì per me l'importante è che lo accettino .

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020

Buongiorno,

non essendo un tecnico non riesco a capire, in base all'art. 119 del D.Rilancio, se possiamo fare il cappotto termico all'intero edificio dove risiedo ed ho la mia prima abitazione.

In pratica l'edificio è formato da un piano interrato C2, da un piano terra C1 (entrambi intestati a mio sucero) e dal primo piano A3 (cointestato io e mia moglie). Il mio dubbio è se il C2 ed il C1 possano rientrare nei lavori o dovrei fare il cappotto solo per la parte di mia competenza (A3 abitazione principale)??


Inoltre gradirei sapere se siete a conoscenza di qualche azienda a livello nazionale, che ha già dato qualche segnale di disponibilità per la cessione del credito / sconto in fattura tipo la proposta di Eni CappottoMio per i condomini con la detrazione precedente al 75%??


Grazie

 
 Rispondi Mi piace (1)
21/05/2020
SR

Buongiorno,


ho appena comprato prima casa in condominio, devo ristrutturare la mia singola unità immobiliare, sostituendo infissi e installando impianto di condizionamento a pompa di calore, questo rientra nel 110% o nel normale 50%?

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020
MD

Salve, 

volevo sapere se in un condominio una singola unità immobiliare può installare una pdc e fotovoltaico usufruendo del 110%. Faccio questa domanda perché nel decreto si parla al punto C di interventi solo su edifici unifamiliari, i condomini vengono menzionati sul punto B ma vengono specificati impianti centralizzati, cosa ne pensate?

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

@MassimoD purtroppo no.

Per unifamiliare si intende edifici adibiti solo per ospitare un solo nucleo familiare.

Per tutte le opere in condomino devono essere intese per l INTERO condomino.

Poi... Con che modalità non si sa ancora

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/05/2020

Ciao a tutti,

abito in una bifamiliare, ed entrambi appartamenti hanno la propria caldaia.

Se volessi usufruire del 110% dovrei per forza centralizzare oppure potrei semplicemente cambiare entrambi le caldaie?

Secondo il principio che se si vuole efficentare gli interi edifici mi verrebbe da dire di sì, ma ho questo dubbio.

Fermo restando che per entrambi gli appartamenti si cambierebbero i serramenti per aumentare di 2 classi APE.

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/05/2020

@EmanueleAuriemma a mio parere occorre accatastare in due unità intestate a persone diverse ,altrimenti avrai un solo contributo

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/05/2020
cs

Se mi trovate una azienda che mi installa un fotovoltaico senza tirare fuori una lira, lo faccio subito. Anche il decreto crescita prevedeva sconti immediati ma non c era nessuna impresa che applicava questa legge.

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/05/2020
MR

Se al punto 1 comma A non estendono ed esplicitano il concetto di edificio e non includono almeno gli appartamenti con indipendenza funzionale (eliminando la parte strutturale) il beneficio sarà usato da pochissimi. Esempio, casa con ingresso singolo e solo una o due pareti che lo legano strutturalmente ad altri ad oggi è fuori e dovrebbe includere tutte gli altri immobili collegati e tutto dovrebbero fare le stesse opere. Lasciando solo l'indipendenza funzionale si aprirebbe a moltissimi. Con questo incliderebbero villette a schiera, parti di casolari etc. Al contrario vedo malissimo i condomini che possano passare due classi e 25% della superficie lorda. Il superbonus se non esteso sarà un flop e.la rivoluzione si limiterà ad un annuncio che ha bloccato due o tre mesi di edilizia. Ma ce li vedete i condomini che tornano a caldaie comuni? Ma dai...

 
 Rispondi Mi piace (1)
22/05/2020

Buonasera, vorrei capire se, con i maxi interventi inclusi in questo ecobonus del 110% si possono aggiungere i climatizzatori e gli infissi. Soprattutto per i climatizzatori alcuni mi dicono di sì, altri di no perché rientrerebbero soltanto nel caso andassero a sostituire il sistema di riscaldamento della casa, cosa che invece andrei a fare con altro tipo di impianto.

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/05/2020
ir

Qualcuno sa se i lavori subordinati per fruire del decreto possono essere retroattivi?

Nello specifico : la pompa di calore che ho istallato l'anno scorso, puo' essre motivo per cui potro' accedere al 110 istallando 3 kw di fotovoltaico?

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/05/2020

@ilarioroccafalotti no vale dal 1 luglio

 
 Rispondi Mi piace (0)
23/05/2020
GB

Buongiorno, ho una casa con PDC e canalizzato per riscaldamento e raffrescamento. Potrei usufruire del bonus cambiando la pompa di calore con una più efficiente e sostituire il canalizzato con riscaldamento a pavimento?

Premetto che farei pure cappotto rifacimento Tetto e pannelli fotovoltaici, grazie.

 
 Rispondi Mi piace (0)
23/05/2020
NP

Buongiorno,

in base a quanto indicato nel decreto, se ho un appartamento (prima casa e con residenza) all'interno di un edificio (es. condominio costituito da 10 unità abitative ), solo se si effettuano interventi sull'intero edificio potrò usufruire del bonus per rientrare nei lavori che effettuerò per migliorare l'attuale classe energetica del mio appartamento ?

In alternativa rimangono valide le vecchie detrazioni al 50-65%?

In sostanza rimangono fuori o no gli interventi sulle singole unità abitative...Ad esempio caso in cui si effettueranno interventi nel proprio appartamento indipendentemente da quello che verrà effettuato sull'edificio ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
23/05/2020
VD

@NILOPACENZA Esatto, occorre che l’intervento sia condominiale per poter accedere al 110%, anche perché le due classi energetiche si devono guadagnare sull’intero edificio. I lavori sui singoli appartamenti rimangono con le vecchie percentuali.

 
 Rispondi Mi piace (0)
23/05/2020
AC

@NILOPACENZA Secondo me ancora non è chiaro al 100%; in un punto in Gazzetta Ufficiale comma 9 art 119 pag 146 riporta che sono ammessi gli interventi anche sulle singole abitazioni. Il pdf dell'Agenzia delle Entrate previsto nei prossimi giorni chiarirà se il 110% si applica anche alle singole abitazioni che facciano coibentazione o altri strumenti previsti e che guadagnino le benedette due classi energetiche. Perchè se un individuo spende 30k euro per un cappotto e guadagna 2 classi non può avere il 110% ed il condominio invece si? Ci sono condomini che non vorranno grane e nkn vorranno investire neanche con il 110%. Se vogliamo rilanciare gli investimenti in questo Paese, non dobbiamo autolimitarci da soli.

 
 Rispondi Mi piace (1)
23/05/2020
VD

@AndreaC. Certo sono possibili gli interventi sulle singole abitazioni ma al comma 3) si dice "Ai fini dell’accesso alla detrazione, gli interventi di cui ai commi 1 e 2...devono assicurare, anche congiuntamente agli interventi di cui ai commi 5 e 6, il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio,". Se l'agenzia delle entrate chiarisce che nel caso di interventi sulle singole abitazioni il termine "edificio" diventa unità abitativa allora si può accedere alle detrazioni anche per i lavori sui singoli appartamenti. Ma la vedo dura perché l'intento secondo me è ridurre la platea.

 
 Rispondi Mi piace (1)
23/05/2020
MR

Esatto vincenzo, infatti il caso di villette a schiera con più tetti autonomi, tutte con indipedenza funzionale, ma non strutturale (collegate da 1 o 2 lati). Ad oggi paiono escluse, anche se i lavori portano a crescere di due classi e le coibentazioni superano il 25% della superfice disperdente (art.1 comma a).

 
 Rispondi Mi piace (0)
23/05/2020
NP

@vincenzo D @Andrea C. Per come è strutturato l'art. 119 anche secondo me l'intento è quello di ridurre la platea.. C'è da aspettare qualche chiarimento dall'agenzia delle entrate. Rimane inoltre da capire se decolla anche l'art. 121 sulla 'trasformazione delle detrazioni'. In tal caso si potrebbe optare per il recupero del 100%... Ma qui si apre il discorso imprese/banche.

 
 Rispondi Mi piace (0)
23/05/2020

Edificio autonomo con quattro appartamenti e alcune pertinenze in comproprietà con mia moglie e mio fratello. Un appartamento è occupato da mio fratello come abitazione principale e gli altri tre appartamenti sono locati.

Si può parlare di CONDOMINIO MINIMO, anche se non costituito?

E se è riconosciuto come condominio (quindi Superbonus anche per le seconde case) si potrà usufruire anche del Superbonus per isolamento termico della copertura dell'edificio e cappotto termico delle superficie perimetrali?

Sui singoli appartamenti, effettuando interventi di efficienza energetica con sostituzione di caldaie con caldaie a condensazione e sostituzione/installazione di infissi, contemporaneamente agli interventi trainanti si può usufruire anche per questi interventi del Supebonus? Grazie


 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
VD

@RaffaeleCapuano Secondo me si. Basta fare il cappotto all'edificio e tutto ciò che porta a guadagnare due classi energetiche.

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

Posto che mi riservo di attendere la conversione in legge perché qualche legittimo sospetto mi rimane. Una cosa che non ho ancora letto da nessuna parte è la seguente: alla luce del fatto che probabilmente saranno tolti i vincoli sulle seconde case, nel caso di immobile con destinazione ce che una volta ristrutturato diviene residenziale potrò accedere al super bonus analogamente a quanto avviene per l'ecobonus ordinario?

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

@AlessandroGusmerini ....anch'io sto cercando ovunque questo dettaglio per me importantissimo, ma non trovo nulla.

Mi chiedo, soprattutto:

1) L'APE prima dei lavori bisogna farla con la destinazione d'uso vecchia o nuova?

2) concedono la residenza (requisito per avere il bonus) se la casa non è abitabile?

 
 Rispondi Mi piace (0)
30/05/2020

Buon giorno,

avendo da sostituire la caldaia con una a condensazione e fare il cappotto Termico con montaggio di Panelli fotovoltaici a quanto ammonta il tetto per sostituzione infissi e finestre con agevolazione all110%??

grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

Buongiorno a tutti,


Noi siamo un'Azienda che vende Serramenti ed Infissi di tutti i tipi.


Come letto dal Decreto definitivo, si possono acquistare tali Articoli, ma solo congiuntamente ad un Cappotto Termico o ad una nuova Caldaia di Classe almeno A.


Ci sono tante domandae a riguardo:


1) Se la Persona Fisica che fa i Lavori sceglie imprese diverse per ogni Lavoro da effettuare, bisogna fare tre Richieste del Superbonus 110%? ;


2) Per caso si ha intenzione di far uscire un Software da parte dell'Agenzia delle Entrate apposito? ;


3) Le Banche avranno presto dei chiarimenti dalle loro Sedi per poi fornirli alle proprie Aziende Clienti? .


Poi ci sarebbero tane altre domande, ma per ora ci fermiamo qua.


Grazie.

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

Per i condomini, per accedere al 110%, si parla sempre di cappotto termico+altre iniziative (infissi, Pavimento radiante, caldaie metano classe A con gestione Domotica, etccc). Ovviamente previo salto di classi.

Nel caso Di un piccolo condominio (tre unità immobiliari) ove non si potesse Fare cappotto ma nella mia Propria unità Potessi ristrutturare con pavimento radiante, pompa di calore e nuovi infissi (termotecnico garantisce il salto di due classi) potrei accedere al superbonus 110?

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
VD

@ClaudioS. Nel caso di condominio si può usufruire del 110% facendo obbligatoriamente il cappotto su almeno il 25% della superficie disperdente dell’edificio oppure sostituendo impianto di climatizzazione con uno centralizzato di classe A (art.119 comma 1). Facendo uno dei due interventi si possono poi effettuare altri lavori (come la sostituzione di infissi) che andranno sempre al 110%. Alla fine di tutti questi lavori per poter usufruire dell’ecobonus è obbligatorio che l’intero edificio (quindi tutte le unità immobiliari) abbia guadagnato due classi energetiche. Al momento questo è quello indicato nel decreto, aspettiamo ulteriori chiarimenti dell’agenzia delle entrate.

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

@VincenzoD gli appartamenti hanno tutti riscaldamento autonomo e gli altri due non hanno intenzione di fare lavori.

ho capito, sono escluso.

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

Chiedo scusa ho ricevuto in messaggio nel quale mi veniva indicato che avevo ricevuto una risposta alla mia richiesta di chiarimenti? Potete aiutarmi identificarla? Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

Se riesco ad avere una risposta sul fatto che è corretto che si parli di CONDOMINIO MINIMO in presenza di appartamenti che si hanno in comproprietà?

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

@RaffaeleCapuano se non erro il condominio minimo esiste dal momento che ci siano almeno due unità abitative di fatto indipendenti.

la proprietà delle unità non dovrebbe incidere.

 
 Rispondi Mi piace (1)
24/05/2020
LC

@RaffaeleCapuano sono esplicitamente esclusi gli "edifici unifamiliari adibiti ad uso diverso da quello di abilitazione principale". Tutti gli altri dovrebbero essere inclusi se l'Agenzia delle Entrate non interpreterà diversamente. Aspettiamo la loro interpretazione.

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
LC

@ClaudioS. Se l'edificio ha un unico proprietario, fosse anche un palazzo con 100 appartamenti d'abitazione principale per i 100 affittuari, tecnicamente non è un condominio, il quale esiste con almeno 2 diverse proprietà. Ma nel decreto non si parla di esclusione per edifici senza un condominio, ma per quelli unifamiliari diversi da abitazione principale. Se l'Agenzia delle Entrate non dirà diversamente.

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020

@ClaudioS. Credo sia assolutamente necessario che si parli di proprietà ESCLUSIVE di almeno due proprietari. Se sono in comproprietà non si può parlare di Condominio

 
 Rispondi Mi piace (0)
30/05/2020

@LucioCocco

No. La proprietà non è rilevante.

Neanche se esista o meno un condomino.

Si parla di parti comuni. Ossia condominio di elementi fisici (strutture, impianti, tetto, scale) non di persone.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020
LC

@massimilianomarucci non mischiamo pere con mele: beneficiari del provvedimento sono

1. Il condominio

oppure

2. La persona fisica

oppure

3. IACP

oppure

4. Le cooperative ...

ecc...

poi, per quanto riguarda le PERSONE FISICHE fuori dalla attività d'impresa, UNICA ESCLUSIONE dal credito al 110% gli edifici UNIFAMILIARI con uso DIVERSO DA ABITAZIONE PRICIPALE. Tutto il resto fruisce del 110% (inoltre verrà votato un emendamento che cancella anche questa esclusione).

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020

@LucioCocco si, certo, ma rispondevo su un altro concetto.

Per condominio non si intende la costituzione o meno di condominio tra proprietari.

Ma condominio tra parti dell'edificio, ossia comunanza di parti fisiche (tetto, strutture, etc)

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020
LC

@massimilianomarucci e questo è molto importante per evitare confusione visto che in tanti fanno domande relative al condominio tra proprietari. La proprietà non influisce.

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/06/2020
gm

SCUSATE... OLTRE CHE AD ASPETTARE LE DIRETTIVE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE CHE DOVRà INDICARE LE CONDIZIONI PER POTER USUFRUIRE DELLE AGEVOLAZIONI... MA VOI AVETE TROVATO QUALCHE IMPRESA EDILE CHE SIA IN GRADO DI PRATICARE IL 110% SUI LAVORI? IO NO... ANZI A QUELLE CHE HO CONTATTATO PER CAPIRE SE SONO STRUTTURATE IN TALE SENSO, HO AVUTO SEMPRE RISPOSTE NEGATIVE. NESSUNO HA INTENZIONE DI ANTICIPARE DEL DENARO PER IL LAVORO E POI CEDERE IL CREDITO ALLE BANCHE O FINANZIARIE, LE QUALI TRATTERANNO TRA IL 15 E IL 20%...


 
 Rispondi Mi piace (2)
24/05/2020
LC

@gerardomontecalvo eccone due, tanto per fare un esempio

https://enigaseluce.com/offerta/business/cappotto-termico-condominio-cappottomio

https://www.enelx.com/it/it/risorse/storie/2019/02/cappotto-termico-ecobonus-riqualificazione-energetica

aggiorneranno i loro siti con ecobonus 110 per cento appena arriveranno decreti attuativi, queste sono già pronte a rilevare il credito di imposta, le altre arriveranno appena verrà definita la procedura per la cessione alle banche..




 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020

@LucioCocco si, si, come no.

Vedi che prezzo che ti fanno...

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020
LC

@massimilianomarucci io sceglierò l'impresa che mi offre le migliori condizioni economiche unite alla maggiore affidabilità, ovviamente a patto che i lavori non mi costino nulla grazie alla cessione del credito d'imposta (sono incapiente, purtroppo!): anche se paga lo Stato voglio che paghi il giusto visto che lo Stato siamo noi. Comunque dalle mie parti anche altre imprese si stanno attivando. Sicuramente, come già capita per il bonus ristrutturazioni, non ci si potrà interfacciare con i singoli artigiani ma con un impresario col quale stipulare un contratto capitolato d'appalto.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020
LC

@LucioCocco tra le grosse vedo che c'è anche Energit e cercando chissà quante altre se ne trovano...

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020

@LucioCocco

Mi occupo di queste cose x lavoro.

Ho contattato personalmente alcuni di questi player dell'energia.

Per la cessione del credito, loro pretendono di sostituirsi all'impresa come general contractor.

Alla fin fine, chiedono una stecca del 68%.

Non scherzo.

Tra commissioni, interessi, parcella dei tecnici, mi hanno chiesto questa cifra.

Spero che adesso, con la concorrenza delle banche, il costo della cessione si abbassi.


Cmq, il punto non è tanto a chi cedere il credito e quanto costerà.

Il punto è chi finanzia i lavori, prima della cessione del credito che diventa efficace a fine lavori.

Ma i soldi per fare i lavori chi ce li mette?

La committenza? Molto difficile, anche se li recupererà con la cessione del credito.

Le imprese? Molto difficile, sono tutte in estrema difficoltà, soprattutto per carenza di liquidità.

Dovrebbero essere le banche stesse a finanziare. Ma in questo caso, le banche per finanziare i lavori chiederanno garanzie (giustamente). E quanti potranno offrirne? E quanto tempo ci vorrà per sbloccare i finanziamenti?

l'emendamento più importante di tutti sarebbe quello di garantire il finanziamento da parte dello Stato, manlevando i funzionari bancari da responsabilità personale per incauto prestito.

Ma la vedo dura.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020
LC

@massimilianomarucci ho visto che questi general contractors prevedono la cessione del credito d'imposta contestualmente alla stipula del contratto d'appalto e non ad avanzamento lavori. Stabilito che la responsabilità riguardo la legittimità del credito rimane in capo a chi lo cede, le banche riceverebbero un titolo finanziario che ha come debitore lo Stato. Quindi finanziare immediatamente l'impresa con almeno il 100% dell'importo riservandosi non più del 10% per anticipare 5 rate quinquennali non dovrebbe essere un problema visto che, a pari rischio, e immensamente più redditizio di un titolo di stato. - io faccio un diverso lavoro ma cerco di informarmi -


 
 Rispondi Mi piace (1)
14/06/2020

@LucioCocco spero che tu abbia ragione, ma ne dubito.

Il problema è che il titolo finanziario diviene efficace solo a fine lavori.

Quindi la banca finanzia oggi a fronte di un titolo esigibile (forse) domani.

Cosa succede se i lavori non vengono terminati (ad esempio x un abuso edilizio, per coercizione da parte del Comune, perché l'impresa fallisce, perché il condominio litiga con l'impresa, etc)?

Chi tutela la banca in quel caso?

Correranno il rischio le banche?

Io dico di no. Chiederanno garanzie che pochi potranno dare.

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/06/2020

@LucioCocco

enel dice: SISMABONUS - Incentivo dal 75% all’85%.

Interventi di miglioramentodi una o due classi di rischio sismico (per zone sismiche1, 2, 3)incentivo 80% (cappotto termico superficie >25% + riduzione di 1 classe di rischio sismico)

Incentivo 85% (cappotto termico superficie >25% + riduzione di 2 classi di rischio sismico) non vedo 100% nè 110%

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/06/2020
LC

@massimilianomarucci sicuramente le banche non correranno il rischio e se si dovranno assicurare contro di esso il costo lo scaricheranno sul cedente. Ecco perché tutti attendiamo una soluzione dal decreto attuativo, altrimenti sarebbero in gioco solo i soliti grossi players (ENI, ENEL ecc...) capienti per rilevare il credito.

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/06/2020
LC

@MauroCiccarelli ovvio che prima di aggiornare la loro proposta aspettano di conoscere i termini del 110%, al momento sono aggiornati ai bonus precedenti già in vigore e operativi.

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/06/2020
LC

@MauroCiccarelli per le imprese interessate a lavorare grazie all'ecobonus 110% ho trovato questo: https://www.edilmode.it/

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/06/2020

@LucioCocco pensavo che si riferissero alle nuove norme

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/06/2020

@LucioCocco edilmode aiuta le imprese nella selva delle pratiche ,buona cosa ,ma temo un costo extra per l'impresa e quindi per noi.Staremo a vedere bene le regole!

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/06/2020

Ho appena riascoltato l’intervento di Fraccaro al sito Fanpage.

Ebbene, il sottosegretario parla di Main Contractor che dovrà emettere fattura unica.

In sintesi colui che ristruttura dovrà avere un solo interlocutore che si occupi di tutti gli interventi che ricadrebbero all’interno dell’Ecobonus (cappotto, caldaia-PDC, infissi...).

Ma nell’Italia delle piccole P.Iva e degli artigiani (per fortuna dico io) esiste questo soggetto?

Più si approfondisce Più questa storia mi sembra una presa in giro.

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
LC

@ClaudioS. Io invece penso che sia una misura rivoluzionaria e la più interessante di questo Governo. Dovranno farla funzionare e i modi esisterebbero. Vedremo. Poi, chi si sente preso in giro non è obbligato e può sempre optare per le vecchie detrazioni senza cessione del credito d'imposta (scherzo, ovviamente).

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020

@LucioCocco concorderà che, ad una prima lettura, sembra che per molti sia complicato accedervi (al 110%).

Nel mio caso specifico (unità immobiliare in condominio di tre) avrei (da stima del termotecnico) fatto il salto di due classi con pompa di calore, pav. radiante ed infissi.

Avrei ristrutturato appartamento dei miei nonni (in un centro storico in Toscana, palazzo dei primi del 900) mettendoci su bei soldoni oltre gli incentivi (che avrebbero inciso per circa il 40%). Così invece sono fortemente tentato di cercare immobile indipendente dove non sarò vincolato dalla volontà degli altri condomini.

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020

@LucioCocco una domanda casa unifamiliare, noi siamo 2 fratelli che possediamo 1/9 a testa e abbiamo la residenza e Viviano lì, mia madre 6/9 mia sorella1/9 però non sono residenti, posso richiedere l'ecobonus 110?


 
 Rispondi Mi piace (1)
27/05/2020
LC

@PieroMessinese se l'Agenzia delle Entrate non si esprimerà diversamente, penso che possa accedere all'ecobonus 110 %

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020
AC

@LucioCocco ma quando pubblica questo benedetto pdf agenzia entrate?

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020
LC

@AndreaC. Entro 60 gg. (si spera molto prima) il decreto sarà votato da Camera e Senato, che potrebbero emendarlo rendendolo magari più "inclusivo". Subito dopo saranno pubblicati i decreti attuativi (entro max 30 gg.) e quasi contestualmente l'Agenzia delle Entrate aggiornerà la guida relativa all'Ecobonus, che puoi trovare nel suo sito in formato pdf. Ma già oggi potresti recarti presso gli uffici dell'Agenzia e esporre il tuo caso. Dovrebbero confermare che sui lavori svolti nella vostra abitazione principale, e fatturate a vostro nome, tu e tuo fratello otterrete lo sconto o il credito di imposta del 110% anche se proprietari solo dei 2/9 della unifamiliare.

 
 Rispondi Mi piace (1)
27/05/2020

@LucioCocco si, è cosi.

Chiunque può detrarlo.

Proprietari, comproprietari, affittuari, conviventi di fatto, moglie (o marito), etc...

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020
LC

@massimilianomarucci in poche parole: chi paga detrae quello che paga

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020

da "ilSole24ore.com"

Eco esismabonus anche per seconde case

.......un altro correttivo in arrivo è quello che rendere utilizzabile Eco e Sismabonus al 100% per tutte le seconde case (“unifamiliari” comprese). Con Iv che spinge anche per un’ulteriore estensione, mentre M5S sembra puntare su enti locali, famiglia e stagionali del turismo.

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020
GD

Bisognera' aspettare quello che dice l'Agenzia delle entrate, il Mise e l'opinione delle banche al riguardo, altrimenti si sta parlando di nulla.Certo che e' un occasione unica per far ripartire l economia, che poi alla fine pensate al guadagno futuro che potrebbe avere lo stato in tutto questo.

Speriamo colgano l'occasione e non si risolva in una delle tante " Fuffe" politiche.

Quante imprese , piccole e grandi, hanno chiuso negli ultimi anni ? e di conseguenza quanti mancati incassi di IVA e Tasse ( di tutta la filiera collegata) ha avuto lo stato? Fanno continuamente il paragone con il Dopoguerra, che l'Italia si e' rialzata, pero' parlando con gente che lavorava quel periodo dicono che non c'erano tutte queste normative e leggi. Credo che se vogliono far ripartire l'economia devono dare la possibilita di poter lavorare e quindi poi di poter pagare le tasse.Non voglio essere pessimista ma non credo ci saranno altre occasioni come questa.

speriamo bene !

Mi piacerebbe ascoltare le vostre opinioni al riguardo.

Saluti

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020
LC

@GianfrancoDelio condivido tutto, escluso "aspettare opinione delle banche".

Alle banche va spiegato che è una offerta che non possono rifiutare, anche perché 10 per cento per anticipare ciò che riprendono in 5 rate annuali senza alcun rischio è più che congruo.


















 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020

@GianfrancoDelio a mio parere il ministero dovrebbe obbligare le banche ad accettare le cessioni,questo è il modo di dare successo a tutta l'operazione

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/05/2020

@GianfrancoDelio il problema sarà più che altro la congestione del sistema credo. Arriviamo praticamente a settembre anche solo per sapere con certezza cosa si può o non si può fare, a questo si aggiunga che i lavori devono essere seguiti da un unico soggetto e quindi la platea di imprese si riduce; anche considerando la possibilità di subappaltare una determinata opera, comunque la fase di progettazione etc è tutta in capo ad una ditta. In più ci sono per i condomini i tempi tecnici per le assemblee. In più le banche, oltre a dover gestire la sospensione dei finanziamenti, gli anticipi della cassa integrazione, i finanziamenti alle imprese etc.. dovranno gestire anche le richieste per la cessione dei crediti d'imposta.

Sono tutti aspetti burocratici che portano una mole di lavoro che richiederebbe un adeguamento di organico che le imprese difficilmente potranno adeguare in tempo utile, considerato che ad oggi bisogna fare tutto entro l'anno prossimo.

Per arrivare in fondo serve una coordinazione di soggetti diversi tale che moltissimi non ce la faranno comunque.

 
 Rispondi Mi piace (0)
26/05/2020

scusate, qualcuno mi sa dire se nel mio appartamento, all'interno di un piccolo condominio, dovendo cambiare la caldaia e mettendone una a condensazione (quindi con risparmio energetico) posso usufruire del bonus al 110 % ? avevo già fatto cappotto e infissi qualche anno fa, quindi dubito di poter fare il salto di due classi energetiche.

Grazie a chi mi risponde

 
 Rispondi Mi piace (0)
26/05/2020
MR

Buongiorno,

io ancora non riesco a capire se le unità immobiliari come per esempio nei centri storici dove la maggior parte degli edifici sono attaccati da una o più pareti verticali, ma di fatto non sono condomini, possono essere considerati unifamiliari e rientrare nel bonus o no? Se la risposta è no, è no per tutti gli incentivi? o solo per alcuni? tipo no per il sismabonus, ma per la parte termica (tipo facendo il cappotto interno)e per la climatizzazione si?

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020

@MaddalenaRic vivo in una situazione simile.

A me i tecnici comunali hanno detto che non permettono di fare cappotto esterno per una norma che impedisce il "restringimento dei borghi".

Questo basta per impedire l'accesso al superbonus che prevede un isolamento di almeno il 25% delle superfici opache verticali (esterne immagino). inoltre nella mia situazione mettere una pompa di calore è impossibile per mancanza di spazi.

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020
MR

@ClaudioS. ma il bonus è solo per la coibentazione esterna? non potresti farla internamente?

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020

@MaddalenaRic si parla di involucro condominiale.

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020
MR

@ClaudioS. Si ok, ma quindi chi ha una casa attaccata ad altre, anche se completamente indipendente e non facente parte di un condominio, ci rientra oppure no?

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020

@MaddalenaRic piacerebbe saperlo anche a me

 
 Rispondi Mi piace (1)
27/05/2020

@MaddalenaRic

Ripeto, si.

Circ. Min. Lav. Pubb. 1820 del 23 luglio 1960

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020
PA

Salve, ho un appartamento situato in un condominio dell'84. L'APE risulta essere F.

Avendo i condomini del piano di sopra che suonano strumenti musicali, posso realizzare un controsoffitto per un isolamento termo-acustico (magari più acustico che termo), legato magari anche al cambio caldaia e condizionatori pompa di calore con dei più efficienti e moderni aventi classe A o superiore e rientrare nell'ecobonus 110%?

Eventualmente il rifacimento dell'impianto elettrico (da far passare nel controsoffitto), rientrerebbe anch'egli nell'ecobonus 110%?

Con gli interventi sopra elencati, si riuscirebbe ad avere il salto delle due classi eenergetiche? Eventualmente in cos'altro dovrei intervenire?

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020

@PieroA "interventi di isolamento termico delle superficie opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie lorda dell’edificio medesimo."

Con il termine involucro temo si intenda le superfici esterne.

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020
PA

@ClaudioS. quindi ad esempio la tecnica dell'insufflaggio nemmeno rientra negli interventi? Faccio questa domanda per capire meglio cosa intendono per "interventi di isolamento termico delle superficie opache verticali e orizzontali...."

Se così fosse le singole unità immobiliari sarebbero escluse praticamente tutte?

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020

@PieroA per quanto ho capito, al momento, le singole unità immobiliari di un condominio non ottengono 110% se fanno cappotto (o analoghe opere di isolamento termico) internamente. Fraccaro ha esplicitamente detto che l’obbiettivo è fare il cappotto all’intero condominio e che lo sconto in fattura servirebbe a convincere quei condomini riluttanti. Altro passaggio controverso sta nell’obbligo per tutte le unità immobiliari al salto di due classi. Però, così come scritto adesso, il DL è soggetto ad interpretazioni. Il consiglio è aspettare i vari chiarimenti che arriveranno nei prossimi giorni/settimane.

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020

Non importa con quale tecnica o materiale é fatta la coibentazione (purché rispetti i requisiti minimi di legge) o se é interna o esterna, va bene anche l'insufflaggio.

Il problema é per le unità immobiliari in condominio, attualmente l'indicazione é che gli interventi devono riguardare almeno il 25% della superficie disperdente dell'intero edificio, per cui se faccio i lavori solo nel mio appartamento non raggiungo sicuramente tale requisito.

Se per assurdo tutti facessero coibentazione interna sulle pareti perimetrali, andrebbe bene, ma é ovviamente ancora più complicato che convincere tutti a fare il cappotto esterno.


 
 Rispondi Mi piace (0)
27/05/2020
GD

buongiorno ho trovato questo webinar un po lungo ma vale la pena di ascoltarlo,

http://www.ance.it/Docs/multimedia.aspx?id=4845&pid=-1&pcid=4715&docId=40290

saluti

 
 Rispondi Mi piace (0)
28/05/2020
pz

nel Super Bonus 110 vanno inseriti tutti i serramenti perimetrali cioè : finestre, portefinestre, portoncini, portoni, basculanti, diversamente manca un pezzo rendendo il sistema zoppo.

pericle zaghis

 
 Rispondi Mi piace (0)
29/05/2020
DF

Buongiorno, mio padre è possessore si un vecchio immobile che necessiterebbe di lavori di ristrutturazione... Sottolineo, è solo possessore, ha fatto regolare domanda di usucapione qualche anno fa, ma si è arenata in quanto non si riescono a contattare i vecchi proprietari e i loro eredi... Ad ogni modo, secondo voi è possibile usufruire del bonus al 110% per dare una sistemata all'immobile? Grazie a chi potrà aiutarmi o darmi delle indicazioni.

 
 Rispondi Mi piace (0)
29/05/2020

@DanieleFiordalisi il requisito è che sia "abitazione principale".

 
 Rispondi Mi piace (0)
29/05/2020

@ClaudioS. Mi puoi dare dei riferimenti giuridici riguardo questa affermazione grazieeee

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/04/2021
MR

Buonasera, in una diretta facebook il Ministro Patuanelli ha risposto ad una domanda riguardante il discorso se le case unifamiliari ma atteccate per una o più pareti ad altre, possano rientrare nel bonus, in poche parole le villette a schiera o le tipiche case nei centri storici dove sono tutte attaccate ma di fatto ognuno ha la sua indipendenza; la sua risposta è stata che dalla visura catastale si capisce come è classificata l'abitazione... ??? qualcuno può spiegarmi meglio? Per chi volesse vedere il filmato a cui mi riferisco basta andare su fb e cercare Fraccaro, è la diretta del 26/05/2020 alle 18.00 al minuto 51 circa Patuanelli risponde alla domanda.

Saluti

 
 Rispondi Mi piace (0)
29/05/2020

@MaddalenaRic

circ. Min. Lav Pubb. 1820 del 23 luglio 1960 definisce edificio indipendente accesso indipendente da spazio pubblico, anche se separata da muri cielo-terra da altre unità

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020
mm

@massimilianomarucci ciao massimiliano, puoi per cortesia spiegare meglio questa cosa? una bifamiliare con due accessi separati, impianti separati ecc ecc...ma divisa orizzontalmente per cui il tetto in comune , può accedere al bonus 110%?

se il tetto fosse solo del proprietario dell'ultimo piano cambia qualcosa nel caso?

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/07/2020
mm

@michelemolo

ciao Michele. Allora, il caso di cui mi parli è differente da quello a cui ho fatto riferimento. Tu parli di divisione orizzontale, io verticale.

Ad ogni modo, anche nel tuo caso è applicabile il superbonus.

Sicuramente come condominio. Ossia, dovreste presentarlo insieme, applicato alle pari comuni, quali pareti esterne, tetto, impiantistica comune (salvo poi integrarlo ognuno per conto proprio con bonus infissi, caldaia, etc, sempre al 110). La proprietà del tetto, come delle unità immobiliari stesse, non rileva. Sempre parte comune all'edificio resta. Quindi, senza dubbio, il condominio di cui mi parli può accedere al superbonus.

Aggiungo tuttavia che nell'ultima stesura delle Legge, non approvata ma in approvazione inParlamento, viene estesa l'applicabilità del Superbonus anche alla singola "unità immobiliare sita all'interno di edifici plurifamiliari che sia funzionalmente indipendente e che disponga di uno o più accessi autonomi dall'esterno". Ne deduco che tu possa applicare il superbonus per conto tuo, senza coinvolgere il proprietario dell'altra unità immobiliare.

Spero di averti aiutato, saluti

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/07/2020
mm

@massimilianomarucci ciao grazie massimiliano! il problema è quel FUNZIONALMENTE INDIPENDENTE che non capisco cosa vogliano intendere...il cappotto la nostra abitazione ce l'ha gia' realizzato nel 1992.. vorrei evitare di rimuoverlo e riposarlo con le nuove direttive... mentre entrambi i proprietari avrebbero necessità di cambiare la caldaia... ma sarebbe impossibile realizzare un unico impianto di riscaldamento in primis perchè le due abitazioni hanno impianti già separati e completamente diversi (uno è a pavimento e l'altro è tradizionale a termosifoni in ghisa...) e poi mi sembrerebbe ridicolo realizzare un impianto unico quando le unità immobiliari sono completamente separate! ... boh non capisco... una villetta a schiera e una abitazione bifamiliare che differenza ci sia dal lato applicativo del 110%... se entrambi gli appartamenti fanno interventi di efficentamento energetico, perchè limitare la bifamiliare divisa orizzontalmente rispetto ad una villetta a schiera?

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/07/2020
RS

Buonasera, oggi primo incontro con un architetto. Quando abbiamo toccato il punto: cappotto termico, salta fuori il primo problema ( e non da poco) Condominio in corte, in zona centro storico, lato strada comunale a senso unico. L'architetto mi ha consigliato di sentire l'ufficio tecnico del Comune,ma mi ha fatto capire che sono autorizzazioni che difficilmente rilasciano. C'è qualcuno che potrebbe darmi un parere a riguardo? Meglio lasciar perdere o c'è qualche possibilità, qualche normativa, una sentenza, insomma qualsiasi cosa che possa darmi un minimo di speranza?

 
 Rispondi Mi piace (0)
29/05/2020

@RacheleSchiavo nel

mio caso (paese in provincia di Arezzo) mi hanno negato la possibilità di cappotto termico per il “restringimento dei borghi” nei centro storici. Hanno ipotizzato l’uso di intonaco termico che, però, difficilmente permette il salto di classe energetica.

 
 Rispondi Mi piace (0)
29/05/2020
RS

@ClaudioS. grazie. Troppo bello per essere vero 😭

 
 Rispondi Mi piace (0)
30/05/2020

Si può definire condominio un edificio formato da 4 appartamenti con proprietà esclusive di due persone diverse che necessita di ristrutturazione e/o da demolire e ricostruire?

Cioè il concetto di condominio, con proprietà distinte e esclusive, esiste anche se l'edificio è da demolire per ricostruirlo ? Grazie a chi vorrà aiutarmi. Saluti

 
 Rispondi Mi piace (0)
30/05/2020

@RaffaeleCapuano si

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/06/2020

@massimilianomarucci non si parla di condominio ec codice civile, ma di parti comuni tra unità immobiliari.

In sostanza, il termine condominio è riferito alla comunione di porzioni fisiche, non slla comunione tra persone fisiche

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/06/2020
FL

Siccome gli interventi accessori (quali gli impianti di climatizzazione invernale, la sostituzione degli infissi, i pannelli solari), quando vengano realizzati insieme alla riqualificazione energetica e/o alla messa in sicurezza statica degli edifici, sono soggetti alla detrazione IRPEF del 110%, per non creare disparità di trattamento, dovrebbero essere agevolati con il Superbonus anche se venissero realizzati ora, singolarmente, su immobili che siano già stati isolati con cappotto termico e che siano idonei sismicamente.

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
bm

io vivo in un condominio, con 6 scale. Tutti abbiamo caldaie individuali, ma quelle poste sullo stesso asse verticale usufruiscono dello stesso tubo di scarico, che emerge dal tetto. La mia colonna comprende 2 caldaie, entrambe appartenenti alla mia famiglio. Vorrei costituire entrambe con altre caldaie singole, ma a condensazione. Pur essendo il mio un condominio potrei rientrare lo stesso nel bonus 110% ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
LP

Il decreto superbonus si applica anche a case unifamiliari o solo ai condomini e inoltre, viste che esclude edifici con sedi di arte e professioni, nel caso in cui in due stanza dell'abitazione siano adibite a studio professionale, il super bonus è accessibile ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
LC

L'ecobonus 110% è fruibile solo dalle persone fisiche e, esclusi gli edifici unifamiliari ad uso diverso da abitazione principale, non ho letto di altre esclusioni che riguardino la categoria dell'immobile.

Ritengo quindi una persona fisica possa fruire del credito d'imposta 110% anche per immobili ad uso non abitativo

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
LP

@LucioCocco grazie mille

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020

@LucioCocco per esempio un edificio con categoria catastate C2 può usufruire del bonus 110%?

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
LC

@MauroCiccarelli potrei anche sbagliare e per questo attendo la guida dell'Agenzia delle Entrate: il privato può accedere al credito d'imposta 110% dell'ecobonus anche su un immobile non residenziale se in edificio comprendente altre unità immobiliari.

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
LC

Scusate la domanda forse stupida. I massimali dei bonus 110% si applicano ad ogni singola unità abitativa. Ma se quindi io fraziono un fabbricato in 2 unità abitative distinte senza accedere ad alcun bonus e quindi, in un secondo momento, presento un progetto di ristrutturazione di quelle 2 unità abitative, posso accedere di fatto al bonus 110% con massimali doppi rispetto a quanto avrei potuto ottenere ristrutturando il fabbricato iniziale costituito da una sola unità abitativa?

 
 Rispondi Mi piace (0)
01/06/2020
LC

@LucaCasati prima di farlo chiederei lumi all'Agenzia delle Entrate. Si potesse, farebbero così tutti i proprietari di edifici unifamiliari ad uso diverso da abitazione principale.

 
 Rispondi Mi piace (0)
01/06/2020

@LucaCasati se sono due proprietari diversi di due diverse unità catastale ,nulla osta

 
 Rispondi Mi piace (0)
01/06/2020
LC
@MauroCiccarelli  beneficiarie, oltre che i condomini, possono essere anche le persone fisiche. Quindi, se l'Agenzia delle Entrate non interpreterà diversamente, le persone fisiche potranno utilizzare l'ecobonus 110% per tutti gli immobili esclusi gli "edifici  unifamiliari diversi da quello adibito ad abitazione principale", non necessita appartengano a un condominio e quindi non rileva la proprietà unica o in capo a diversi soggetti.

"

 
 Rispondi Mi piace (0)
03/06/2020
LC

@MauroCiccarelli beneficiarie, oltre che i condomini, possono essere anche le persone fisiche. Quindi, se l'Agenzia delle Entrate non interpreterà diversamente, le persone fisiche potranno utilizzare l'ecobonus 110% per tutti gli immobili esclusi gli "edifici unifamiliari diversi da quello adibito ad abitazione principale", non necessita appartengano a un condominio e quindi non rileva la proprietà unica o in capo a diversi soggetti.

 
 Rispondi Mi piace (0)
03/06/2020
AB

Buonasera, io abito in una villetta in un contesto condominiale,nel senso che condivido con il condominio solo il corsello dei box. Per quanto riguarda tutto il resto sono completamente autonomo, ho l'ingresso pedonale con numero civico personale, giardino personale e tetto completamente staccato dalla palazzina condominiale adiacente, e anche ad un'altezza diversa.

In questa casa ci abito solo io con la mia famiglia ed è la prima casa. Vorrei sostituire la caldaia a gas con PDC e mettere un impianto fotovoltaico sul tetto. Posso accedere al superbonus del 110% ?

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
01/06/2020
rs

Buonasera a tutti.

Dato che il Comune non mi concederà di effettuare il "tradizionale" cappotto termico esterno,sapete dirmi se sia possibile utilizzare un metodo alternativo, usufruendo sempre del bonus? ( Sono consapevole che bisognerà aspettare indicazioni certe, ma un parere tecnico mi darà comunque un'idea di massima)

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
03/06/2020
rs

Scusate, altro dubbio ( ho già interpellato altri tecnici, con risposte multiple)


Sisma bonus: il condominio è senza idoneità statica e perciò senza agibilità. È possibile usufruire del bonus, proprio con l'obiettivo di mettere in sicurezza l'immobile ed ottenere l'agibilità?


Altro punto,poi mi zittisco😁, non mi è chiaro, se le detrazioni per l'accoppiata eco+sisma sono al 110%.


Grazie ancora

 
 Rispondi Mi piace (0)
03/06/2020

Il 4 giugno alle 16.00 ci sarà il webinar di Edilportale sul Superbonus 110%, un incontro con gli esperti per conoscere le nuove opportunità per professionisti, imprese e condomìni.


https://www.edilportale.com/news/2020/06/risparmio-energetico/superbonus-110-domani-il-webinar-di-edilportale_76793_27.html


Interverranno:

Agostino Santillo, membro della Commissione Lavori pubblici e comunicazioni del Senato

Armando Zambrano, Presidente Consiglio Nazionale Ingegneri e coordinatore Rete Professioni Tecniche

Rudy Girardi, Vice presidente ANCE - Associazione Nazionale Costruttori Edili

Valeria Erba, Presidente ANIT - Associazione Nazionale per l'Isolamento Termico e acustico

Francesco Burrelli, Presidente ANACI - Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari

Modera Alessandra Marra, redazione Edilportale


ISCRIVITI AL WEBINAR

 
 Rispondi Mi piace (0)
03/06/2020
TP

Salve,


sto ristrutturando una villetta a schiera in un condominio e sono ormai a fine lavori (iniziati a novembre 2019 con rifacimento infissi, pavimenti, impianti elettrici, termici, idrici... ma mantenendo comunque strutture portanti, tetto ecc come tutte le altre; una ristrutturazione sostanzialmente interna).


Vecchio APE classe energetica G


sugli infissi ho gia fatto comunicazione all'ENEA e in parte sono pagati nel 2019 e il grosso nel 2020 all'installazione ad Aprile.


Ora in finale di lavori sto sostituendo la caldaia con una a condensazione e devo comprare nuovi condizionatori.


Questi ultimi mi permettono di usufruire del 110% o da soli (o comunque insieme alla caldaia) non bastano rimanendo al classico 50%?


Perchè ho letto che se non viene levato l'impianto originario con i termosifoni e gas allora non vale come ecobonus al 110%.


Della serie: posso comprarli adesso perchè non cambia nulla o mi conviene aspettare il 1 Luglio perchè rientrano comunque?


Non è chiarissima la cosa.


grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
03/06/2020
pz

nel SuperBonus 110 va bene per il Committente lo Sconto in fattura o Cessione del Credito, però alle imprese e/o ditte esecutrici dei lavori va data Loro la possibilità di poter Negoziare l'eccesso di Credito d'imposta con Banche ed Assicurazioni, non solo per gli anni successivi ma anche per un rimborso Certo entro una data garantita esempio dei 60 - 90 gg. Diversamente più lavori fanno più Credito d'imposta Accumulano e saranno costrette ad rinunciare ai lavori, per mancanza di liquidità

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/06/2020

@periclezaghis infatti il punto è tutto qui,le imprese non hanno capacità finanziaria .Le banche hanno processi lunghi e farraginosi.Per dare un impulso decisivo alla ricostruzione ,il governo dovrebbe dare disposizioni alle banche di pagare le imprese a presentazione fattura .

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/06/2020
LC

@MauroCiccarelli il Governo potrebbe istituire il "mercato telematico dei crediti d'imposta" dove qualsiasi operatore interessato possa acquistare o vendere in tempo reale i crediti di imposta immessi in esso dai cedenti beneficiari dell'ecobonus. Oppure renderne possibile l'immissione e contrattazione all'interno del mercato telematico dei titoli di Stato. Se qualche norma non lo impedisce sarebbe la soluzione più efficiente.

Ediportale o qualche associazione di imprenditori potrebbe farsi carico di suggerirla al Governo.

 
 Rispondi Mi piace (0)
26/06/2020

Aggiornamenti:

Edilportale ha redatto una guida al Superbonus:


SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL SUPERBONUS 110%


Il DL 34/2020 non è ancora stato convertito in legge. Il termine per la conversione in legge scade il 19 luglio. Da questa data decorrono poi i 30 giorni a disposizione dell’Agenzia delle Entrate per l’emanazione delle circolari esplicative. Si presume quindi che i lavori non inizieranno il 1° luglio, perché gli interessati attenderanno la definizione di regole certe.

Ma quest'attesa potrebbe essere proficua per apportare migliorie allo stesso DL come estenderlo alle seconde case oppure prorogarlo fino a fine 2022.


Leggi qui:

https://www.edilportale.com/news/2020/06/normativa/superbonus-110-dal-1%C2%B0-luglio-in-vigore-ecobonus-e-sismabonus-potenziati_77212_15.html


#followus

#staytuned

 
 Rispondi Mi piace (0)
26/06/2020
SR

Buongiorno,

Io dovrei iniziare i lavori di ristrutturazione totale del mio appartamento in condominio a Settembre 2020.

Se il condominio dovesse decidere di effettuare efficientamento energetico con apertura SCIA postuma rispetto a quella del mio appartamento, potrei rientrare comunque nel superbonus? Se si, quali sarebbero le condizioni necessarie che si dovrebbero verificare?

 
 Rispondi Mi piace (0)
26/06/2020

Buongiorno,

un edificio su 3 piani composto da 3 appartamenti, di proprietà ognuno al 50% tra due coniugi, può essere considerato condominio minimo e può usufruire degli incentivi fiscali con detrazione al 110% ?

Ho letto di un emendamento che fa riferimento ad un limite massimo di due unità immobiliari di proprietà ma se non ho capito male probabilmente si fa riferimento agli edifici unifamiliari...

Inoltre, gli appartamenti/condominio minimo non avendo alcun tipo di riscaldamento, nè autonomo nè centralizzato, possono accedere ad una delle 3 macrocategorie per accedere agli incentivi iscali con detrazione al 110% ?


 
 Rispondi Mi piace (0)
13/07/2020
GM

Buonasera,

ho un dubbio che spero qualcuno possa chiarire. dovendo ristrutturare una vecchia casa mi trovo a diminuire l'altezza del primo piano rispetto all'esistente. Al fine dell'ottenimento dei bonus fiscali (compreso il 110%) devo intervenire con la coibentazione di almeno il 25% delle strutture opache dell'involucro, ma non saprei se è più corretto calcolare questa percentuale sulla superficie disperdente iniziale o su quella più piccola del post demolizione.

Grazie anticipatamente a chi potrà rispondere.

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/07/2020

Salve, credo che il calcolo, riguardi la parte nuova..anche perché il salto di due classi energetiche, verrà verificato su un ape che verrà fatta a fine lavori o cmq in funzione al progetto definitivo..

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/07/2020
mm

gli isolamenti nanotecnologici in pasta (che a dir delle società "sostituiscono" la funzione del cappotto), potrebbero rientrare nelle spese del 110%? sono considerati interventi di efficentamento energetico?

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/07/2020

@michelemolo non mi pare che soddisfino i criteri per la trasmittanza

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/07/2020
mm

grazie @Maurociccarelli... a dirti il vero non ne ho proprio idea... ma c'è qualcuno che lo indica.. solo pubblicità falsa?

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/07/2020

penso di sì.Perchè ho chiesto informazioni al produttore di una pasta tillica ,mi ha risposto elencando i vantaggi dello spessore piccolo ma non mi ha detto i parametri di trasmittanza e l'eventuale congruità con le norme ministeriali ,nè tantomeno certificazioni . se vuoi provare anche tu questo è il sito :WEB SITE : www.cappottotermico.net



 
 Rispondi Mi piace (0)
16/07/2020
mm

grazie Mauro... lo dicono questo in un informativa trovata sul sito che mi hai indicato:


Attenendoci alla normativa vigente sull’isolamento termico si comunica che non è stato stabilito quali opere o impianti occorre realizzare per raggiungere le prestazioni energetiche richieste. L’intervento è infatti definito in funzione del risultato che lo stesso deve conseguire in termini di riduzione del fabbisogno annuo di energia primaria per la climatizzazione invernale dell'intero fabbricato. La categoria degli "interventi di riqualificazione energetica" ammessi al beneficio fiscale, include pertanto qualsiasi intervento o insieme sistematico di interventi che incida sulla prestazione energetica dell'edificio, realizzando la maggior efficienza energetica richiesta dalla norma. 

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/07/2020

@michelemolo esiste un documento dell'enea che non ricordo ora,che stabilisce le norme .Per scalare due posti nell'Ape non è semplice ,secondo me ci vuole EPS da 10:_12cm

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/07/2020

Mi potresti dare dei riferimenti giuridici di questa affermazione

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/04/2021

! Segnala questa discussione

Ok
Annulla

Grazie per la segnalazione

Chiudi

Segui la discussione

Ricevi le notifiche di nuove risposte via email

Segui
Annulla

Disattiva gli aggiornamenti

Non ricevere altre notifiche via email

Non seguire più
Annulla

Condividi con...

Thread Title

Impossibile caricare l'immagine

E' possibile inserire immagini del solo formato .jpg e di un peso non superiore ai 5mb complessivi.

Ho capito