Network
Pubblica i tuoi prodotti
Forum / Incentivi / Ecobonus collabenti

Ecobonus collabenti

Gentilissimi,

provo a chiedere qui perchè sto cercando informazioni ulteriori rispetto alla possibilità di sfruttare l’ecobonus per i collabenti come indicato nell'articolo

https://www.edilportale.com/news/2018/05/risparmio-energetico/detrazioni-fiscali-per-l-efficienza-energetica-anche-ai-ruderi_64006_27.html


Non mi è infatti chiaro come è possibile dimostrare la presenza di un impianto termico non funzionante in un collabente.

Inoltre secondo la normativa (https://www.casaeclima.com/ar_19264__QUESITI-NORMATIVI-FISCO-E-MATTONE-Miglioramento-termico-agefis-agenzia-delle-entrate-Miglioramento-termico-e-assenza-impianto-di-riscaldamento-detrazione-65-possibile.html) parrebbe che anche le stufe possono essere considerate impianto termico qualora la somma delle potenze nominali sia superiore a 5KW.

Quindi chiedo se è effettivamente sufficiente dimostrare (tramite fotografie?) la presenza di stufe negli ambienti.


Vi ringrazio in anticipo per la cortesia e disponibilità.

 
Rispondi Mi piace (0)
Modifica Elimina
 
Commenti (23)
Segui
 
 Rispondi Mi piace (0)
17/07/2020

@edilportale.com salve, nella normativa attuale si parla di impianto termico quello la cui potenza o somma di potenze al focolare sia maggiore o uguale a 5kw e non 15, è cambiata la normativa o nella risposta l'agenzia delle entrate si è limitata a rispondere esclusivamente al caso in esame invece di rimanere sul generico ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
23/07/2020
LA

Ma l'assenza di impianto di riscaldamento (nel mio caso c'è solo un camino) esclude l'accesso all'ecobonus anche limitatamente alle opere edilizie (cappotto termico)?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/07/2020

Gentilissimi nella risposta.

Il dubbio che ho è:

la risposta dell'agenzia delle entrate vale anche per un rudere che è stato accatastato come C2?

E' infatti un rudere di campagna dotato di stufe per il riscaldamento ma non ha mai avuto appunto l'abilitabilità.

Grazie mille a tutti

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/07/2020

@DavideFranzoni la risposta dell'agenzia delle entrate è riferita ad un immobile accatastato come collabente, F2.

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/07/2020

Se è C2 non può essere collabente, ma magazzino (se poi in effetti è instabile all'agenzia delle entrate importa poco) se ha un riscaldamento è detraibile il cappotto in quanto si parla di ambienti riscaldati e non ambienti abitabili riscaldati. Dopo i lavori va portato in cartegoria catastale A che indica le abitazioni.

 
 Rispondi Mi piace (0)
23/07/2020

Se nella vecchia abitazione non c'è impianto di riscaldamento il cappotto non è detraibile e neppure gli impianti di riscaldamento a meno che non venga detratto all'interno del massimale del bonus ristrutturazione al 50% o nel sismabonus all'80% con massimali di spesa di 96000 euro

 
 Rispondi Mi piace (0)
23/07/2020

Gentilissimi,

ho letto la documentazione messa a disposizione dall'Agenzia delle Entrate e mi è chiaro che per quanto riguarda la "sostituzione di impianti" deve essere presente un impianto. Per quanto riguarda invece l'isolamento termico invece non trovo riferimenti al fatto che gli ambienti debbano essere precedentemente riscaldati.

Sapete darmi alcuni riferimenti così da togliermi ogni dubbio?

Grazie mille per la disponibilità.

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/07/2020

Inoltre, scusate se vi stresso ulteriormente... :-)

Non mi è chiaro se gli interventi "trainati" di "efficientamento energetico" spettano anche se non viene sfruttato l'ecobonus ma solamente il sismabonus.


 
 Rispondi Mi piace (0)
25/07/2020

Per i trainanti dovrebbe bastare il sismabonus, per il cappotto confermo che gli ambienti devono essere riscaldati prima della ristrutturazione.

Se c'è una stufa od un camino viene considerato impianto di riscaldamento se la sua potenza è almeno 5kw, considera che una stufa o camino seppur piccolo 5kw li genera tranquillamente

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/07/2020

@AlessandroGuerrieri attualmente nel rudere è presente una stufa a legna ma può essere presente una stufa in un C2?

L'agenzia delle entrate accetterà mai la presenza della stufa come dimostrazione di un impianto termico?

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/07/2020

Fai foto e fai fare una relazione dal tecnico. L'agenzia delle entrate accetta la presenza di impianto termico su un c2 se l'immobile è stato edificato prima che il riscaldamento divenisse illegale su ambienti non abitativi o lavorativi. Se il tuo c2 è ante 1967 allora la presenza della stufa è legittima. Il punto è quante stanze ci sono nell'immobile? Perché tutte devono avere una stufa visto che ogni stanza in effetti è un ambiente

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/07/2020

Non in tutte le stanze infatti è presente una stufa.

Ma se intendo fare demolizione e ricostruzione come sono in relazione vecchie e nuove stanze? Potrebbero essere di più o di meno. Il cappotto si calcola in detrazione solo per la stanza riscaldata?

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/07/2020

Se cambi sagoma è un problema e rischi di perdere l'econonus.

Quante stanze sono riscaldare e quante non?


 
 Rispondi Mi piace (0)
25/07/2020

Il piano inferiore ha la stufa e sono due stanze comunicanti.

Il piano superiore non ne aveva bisogno credo perché la soletta è in legno.

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/07/2020

Il piano superiore quante stanze ha? Sempre 2 o una unica?

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/07/2020

Una unica

 
 Rispondi Mi piace (0)
25/07/2020

Un paio di vecchie stufe si trovano facilmente nei mercatini dell'usato. Per il resto un po' di immaginazione

 
 Rispondi Mi piace (1)
25/07/2020

Come mai mi hai chiesto quante stanze ha il piano superiore?

Il numero di stanze incide in qualche modo?

 
 Rispondi Mi piace (0)
26/07/2020

Sul numero di stufe che servono

 
 Rispondi Mi piace (1)
26/07/2020

Buongiorno Alessandro,

in riferimento a questo argomento ho trovato questa indicazione

https://www.lavoripubblici.it/news/2020/06/ENERGIA/23911/Ecobonus-l-ENEA-aggiorna-la-definizione-di-impianto-termico


che fa riferimento alla FAQ 9.D dell’Enea

https://www.efficienzaenergetica.enea.it/detrazioni-fiscali/ecobonus/faq-ecobonus/d-impianti-termici-comma-347.html


mi pare di capire che si allargano un po' le maglie. Mi conferma? Parrebbe che non ci sia più nemmeno l'indicazione sui KW minimi.


Grazie mille

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/08/2020

Scopro ora con piscere che è stato rimosso il limite di potenza minima dell'impianto termico che perciò è passato da 15kw di qualche anno fa, poi a 5kw e da due mesi è stato ridotto a 0, basta che sia un impianto fisso. Quindi vanno bene anche scaldasalviette elettrici, termoconcettori, ecc basta che siano fissati a terra o a parete. Questo limite si è abbassato sicuramente perché le case hanno bisogno di una potenza sempre più bassa, ad esempio in casa mia installerò una pdc aria aria da 4,2kw il quale non sarebbe nemmeno stato riconosciuto come impianto termico dalla vecchia definizione.

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/08/2020

Ricorda però il problema degli ambienti, cioè le stanze. Potrai usufruire della detrazione solo sul volume precedentemente riscaldato.

 
 Rispondi Mi piace (1)
10/08/2020

! Segnala questa discussione

Ok
Annulla

Grazie per la segnalazione

Chiudi

Segui la discussione

Ricevi le notifiche di nuove risposte via email

Segui
Annulla

Disattiva gli aggiornamenti

Non ricevere altre notifiche via email

Non seguire più
Annulla

Condividi con...

Thread Title

Impossibile caricare l'immagine

E' possibile inserire immagini del solo formato .jpg e di un peso non superiore ai 5mb complessivi.

Ho capito