Network
Pubblica i tuoi prodotti
Forum / Normativa Edlizia e Territorio / Garanzia lavori edili per vizi e difformità, durata e condizioni per usufruirne

Garanzia lavori edili per vizi e difformità, durata e condizioni per usufruirne

Ma

Buongiorno,


ho acquistato tre anni fa un appartamento appena ristrutturato dal precedente proprietario. Oggi mi ritrovo con una perdita d'acqua dalle tubazioni di scarico di un wc che sta creando gocciolamento nell'appartamento sotto il mio. Dovrò quindi ricorrere urgentemente a lavori nel mio appartamento e poi al ripristino dei danni causati.


Non conosco direttamente l'impresa che ha realizzato la ristrutturazione per conto del precedente proprietario, ma dagli elaborati risulta chiaramente che gli impianti di scarico dei bagni sono stati realizzati tutti ex-novo.


Mi chiedo, posso rivalermi in qualche modo su quest'impresa per un risarcimento?


grazie a tutti!



 
Rispondi Mi piace (0)
Modifica Elimina
 
Commenti (2)
Segui

Ciao Mauro,

abbiamo risposto ad un quesito simile in questa discussione

https://www.edilportale.com/forum/garanzia-2-e-10-anni_93018

come abbiamo risposto all'epoca

la durata della garanzia per quanto riguarda le ristrutturazioni è normata da codice civile (art. 1667) in 2 anni ed essa parte dalla consegna dell'opera, ossia dalla data di chiusura lavori e accettazione da parte del committente.

art. 1667 del cc

"L'appaltatore è tenuto alla garanzia per le difformità e i vizi dell'opera. La garanzia non è dovuta se il committente ha accettato l'opera [1665] e le difformità o i vizi erano da lui conosciuti o erano riconoscibili, purché in questo caso, non siano stati in malafede taciuti dall'appaltatore. Il committente deve, a pena di decadenza, denunziare all'appaltatore le difformità o i vizi entro sessanta giorni dalla scoperta. La denunzia non è necessaria se l'appaltatore ha riconosciuto le difformità o i vizi o se li ha occultati [1670].

L'azione contro l'appaltatore si prescrive in due anni dal giorno della consegna dell'opera. Il committente convenuto per il pagamento può sempre far valere la garanzia, purché le difformità o i vizi siano stati denunciati entro sessanta giorni dalla scoperta e prima che siano decorsi i due anni dalla consegna [181 disp. att.; 240, 855 c. nav.].

L'azione giudiziale, come espressamente è stabilito dal codice, si prescrive in due anni dal giorno della consegna dell'opera, e pertanto la scoperta di vizi occulti posteriori a tale termine ricade a carico del committente, a meno che i vizi non siano tali da influire sulla stabilità dell'opera e coinvolgere la responsabilità decennale dell'appaltatore nei limiti e con le modalità indicate dall'art. 1669.



 
 Rispondi Mi piace (0)
2 giorni fa
MB

Grazie mille per la risposta!


 
 Rispondi Mi piace (0)
2 giorni fa

! Segnala questa discussione

Ok
Annulla

Grazie per la segnalazione

Chiudi

Segui la discussione

Ricevi le notifiche di nuove risposte via email

Segui
Annulla

Disattiva gli aggiornamenti

Non ricevere altre notifiche via email

Non seguire più
Annulla

Condividi con...

Thread Title

Impossibile caricare l'immagine

E' possibile inserire immagini del solo formato .jpg e di un peso non superiore ai 5mb complessivi.

Ho capito
x Sondaggi Edilportale
Manovra 2020, Decreto Clima, Bonus casa. Quali sono le misure più urgenti? Partecipa