Network
Pubblica i tuoi prodotti
Forum / Incentivi / Superbonus 110 con demolizione e ricostruzione

Superbonus 110 con demolizione e ricostruzione

LD

Il decreto semplificazioni D.L.76 considera “ristrutturazione” la possibilità di demolire e ricostruire con diversa sagoma, sedime e volumetria rientrando nel SuperBonus 110%  , con adeguamento alla norma antisismica e efficientamento energetico. Qualora il comune grazie ad esempio al piano casa ( o comunque rigenerazione urbana) consentisse la ristrutturazione con ampliamento, l’agevolazione superbonus 110, è applicabile anche alle zone sottoposte a vincolo paesaggistico?

 
Rispondi Mi piace (2)
Modifica Elimina
 
Commenti (156)
Segui

Si, ovviamente la casa deve rispettare le norme comunali. Sul ampliamento non avrai bonus nonostante col piano casa i piccoli ampliamenti sono considerati ristrutturazione edilizia. Quello che fa fede è il volume riscaldato pre esistente

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/08/2020

@AlessandroGuerrieri Ciao Alesandro,

intendi dire che se demolisco e riscostruisco l'immobile in presenza di vincoli paesaggistici posso usufruire dell'ecobonus al 110% sulla parte preesistente, mentre sull'ampliamento posso accedere alle normali detrazioni fiscali?

Te lo chiedo perche avrei questa problematica e volendo effettuare tutto quanto possibile dalla norma (cappotto, fotovoltaico, Sismabonus, pannelli solari e pompa di calore) vorrei essere certo di non incorrere in problematiche future con l'AdE.

Grazie mille

 
 Rispondi Mi piace (0)
05/09/2020
CS

@marcoscialpi sembra che per immobili vincolati soggetti a demo-ricostruzione si debba rispettare strettamente sagoma, prospetti, volume delle edificio preesistente. Non sembrerebbero concessi ne aumenti ne riduzione di volume, tantomeno cambiamento dei prospetti, nonostante le normative “locali” lo concedano.

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/10/2020
gc

@AlessandroGuerrieri La risposta ad interpello nr. 455 A.Entrate di ottobre chiarisce (un pò confusamente) il discorso su demolizione e ricostruzione.. e in un passaggio si legge che le spese rientranti nel sismabonus (sembra tutte e non solo quelle strutturali) restano assorbite nel lavoro trainante con limite di spesa di euro 96.000. Questo significa che l'ecobonus al 110% non è applicabile (nè cappotto, nè impianti, nè trainati...esempio infissi) a parte ? Oppure è confusa la risposta ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/10/2020

@giacomocapecci nel sismabonus puoi far rientrare qualsiasi spesa, oppure usare separatamente anche dei vari ecobonus

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/10/2020
VV

@AlessandroGuerrieri molto interessante

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/11/2020
CS

buongiorno,

la normativa vigente (D.L.76), all'interno della fattispecie "demolizione e ricostruzione" non fa mai espresso riferimento alla RIDUZIONE DI VOLUME.

Si trovano in realtà pochi chiarimenti (Risposta 365 Agenzia delle Entrate) relativamente alle detrazioni 50% per ritrutturazione edilizia.

Ne sapete di più al riguardo?

Grazie

Claudio


 
 Rispondi Mi piace (0)
18/08/2020

Risposta n. 265 del 18 luglio 2019.

Con volume preesistente si intende la massima edificabilità del terreno su cui sorgeva l'immobile demolito

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/08/2020

Anche perché demolire e ricostruire con una volumetria identica non dico sia impossibile ma molto problematica. Io ho ridotto il volume di 12mc quando ho demolito e ricostruito casa

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/08/2020
CS

Grazie della risposta.

io passerei da 300m2 a 200m2.

immagino non ci siano limiti per le riduzioni.

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/08/2020

Buongiorno,

dopo aver letto e riletto nei mesi scorsi mi ritrovo ancora confuso.

In caso di demolizione e ricostruzione, (casa singola con tutti i parametri per rientrare )

oltre al Sismabonus, posso accedere anche ad altre agevolazioni ?


Alcuni professionisti dicono si ( 96 sisma+ 50isolamento+30riscaldamento pdc +48 fotovoltaico+60serramenti)

, altri no ( 96.000 e non oltre ),

altri parlano di tetto max 136.000,

un general contractor afferma che la stragrande maggioranza dei lavori saranno coperti ( lavori previsti dalla normativa )

Ora chiedo cortesemente un pensiero , prima di andare dal commercialista o direttamente in seduta psichiatrica .

Grazie per la cortese risposta.

 
 Rispondi Mi piace (2)
19/08/2020

"dopo aver letto e riletto nei mesi scorsi mi ritrovo ancora confuso"

benvenuto nel club.

Il 136000 vale solo per i condomini e include tutti i bonus in questo massimale portandoli tutti all'85% (adesso al 110%)

Tu puoi portare in detrazione 96000 euro al 80 o 110% se rientri in sismabonus o 96000 al 50% se in ristrutturazione edilizia semplice.

A questo bonus si aggiungono gli ecobonus (caldaia, infissi, cappotto) solo sul volume precedentemente riscaldato per un massimale dei singoli interventi.

Il bonus sul solare termico lo prendi comunque.

Il bonus fotovoltaico avrai un massimale di 32000 euro e non 48000 euro (1600 a kwp per 20kwp massimi che puoi installare) ma dovrà essere trainato o da sismabonus o da sostituzione caldaia o cappotto.

Ricorda che se la casa che hai demolito non ha impianto di riscaldamento non accedi a tutti gli ecobonus e il fv dovrà essere trainato dal sismabonus

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/08/2020

@AlessandroGuerrieri , grazie !

Essendo demoricostruzione di edificio singolo unifamiliare, se ho capito bene

96.000 in Sismabonus al 110

+ Fotovoltaico inteso come massimale di 32

+ Ecobonus nel volume precedente scaldato ( leggisi APE )

+ bonus solare termico che sinceramente non ho capito cosa è ... ( classico solare ACS eventualmente da integrare a impianto principale ? --> ps preferisco ottimo isolamento e pochi impianti ).

Molto gentile per sua cortese risposta.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/08/2020

@bucciolGianluca il solare termico è pannello che scalda direttamente l'acqua col sole.

Per il resto hai capito bene

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/08/2020
SF

buonasera. Un C2 da migliorare dal punto di vista sismico attraverso demolizione e ricostruzione, gode del sismabonus al 110% o al 70/80%? Tecnici a me vicini dicono senza dubbi 70/80% ma non 110%. voi cosa pensate?

 
 Rispondi Mi piace (0)
20/08/2020

Solo 70/80% se non viene portato ad abitazione a fine lavori.

In caso di passaggio categoria catastale residenziale allora anche il 110%

 
 Rispondi Mi piace (1)
21/08/2020
SF

@AlessandroGuerrieri grazie mille Alessandro!

 
 Rispondi Mi piace (0)
05/09/2020
LF

Salve, un C3 da migliorare dal punto di vista sismico mediante demolizione e ricostruzione può accedere al 110%? E' possibile costruire 2 nuovi immobili (sempre C3) la cui somma dei volumi non superi l'immobile demolito? Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
05/09/2020

Il superbonus al 110% vale solo su immobili residenziali non di lusso, se a fine lavori i laboratori verranno accatastati in abitazioni si. Puoi comunque usufruire del sismabonus 80% per 96000

 
 Rispondi Mi piace (0)
05/09/2020

Puoi dividerlo, ma il massimale di detrazione sarà comunque 96000 euro perché conta il numero di unità prima dei lavori

 
 Rispondi Mi piace (0)
05/09/2020
LD

Ma se si demolisce un A3 riscaldato insieme alla sua pertinenza C6, nel ricostruire con la stessa vumetria, il sisma bonus spetta per un max di 96.000 € al 110% ..+ Ecobonus... giusto? E se invece alla fine dei lavori, dallo stesso immobile di partenza demolito ( A3 con C6 ) uno scegli di fare 2 unità immobiliare cat.A3, unico proprietario, a che bonis uno potrebbe accedere?


 
 Rispondi Mi piace (0)
05/09/2020

@LucaDelGaudio lo stesso sismabonus 96000 e ecobonus vari. Quello che conta è il numero di unità immobiliari ad inizio lavori

 
 Rispondi Mi piace (0)
07/09/2020

Se ci fossero 2 immobili abitativi ed un immobile non abitativo ci sarebbe un bonus di 96000 euro per tre unità immobiliari poiché il c6 risulterebbe una "parte in comune" di un condominio

 
 Rispondi Mi piace (0)
07/09/2020
LD

Quindi se prima di demolire, si ricavano 2 unità immobiliari riscaldate oltre uno c6, si potrebbe usufruire di 3 x 96.000 € di sismabonus e 2 ecobonus vari anche se alla fine dei lavori si avrà 1 sola unità immobiliare ( syessa volumetri) ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
07/09/2020
LD

Quindi se prima di demolire, si ricavano 2 unità immobiliari riscaldate oltre uno c6, si potrebbe usufruire di 3 x 96.000 € di sismabonus e 2 ecobonus vari anche se alla fine dei lavori si avrà 1 sola unità immobiliare ( syessa volumetri) ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
07/09/2020

Credo di si anche nel caso dopo i lavori si portino da 2 a 1 unità immobiliare

 
 Rispondi Mi piace (0)
07/09/2020
GM

Scusa , io ho una situazione di questo tipo, ho demolito un'immobile (Abitativo) nel 2013 in forza del piano di Recupero approvato dal comune ma non ho ancora provveduto alla recupero della volumetria demolita , volendo realizzare , come previsto dal piano di recupero , una unità abitativa , posso accedere al sismabonus e ecobonus ?

Grazie in anticipo


 
 Rispondi Mi piace (0)
07/09/2020

@GiuseppeMencucci al sismabonus 110% si, all'ecobonus 110% no in quanto non puoi più fare l'APE pre lavori, agli ecobonus 65 e 50% si ma solo se trovi un termotecnico che asseveri la presenza di un impianto di riscaldamento funzionante all'epoca della demolizione

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/09/2020

buonasera, mia moglie ha acquistato una abitazione rurale(sua 1^ CASA) A3 da demolire e ricostruire . Essendo residente con me (PROPRIETARIO DELLA CASA DOVE VIVIAMO), per accedere al ecobonus e sismabonus , deve necessariamente cambiare residenza e far sì che dicenti abitazione principale?

 
 Rispondi Mi piace (0)
07/09/2020

Per cambiare residenza la nuova deve essere abitabile, se non ha impianti a norma o non è agibile non può prenderci la residenza. Il superbonus comunque vale anche sulle seconde case

 
 Rispondi Mi piace (0)
08/09/2020
LF

Buongiorno, è possibile chiedere il sismabonus 110% per effettuare demolizione e ricostruzione di un collabente (accatastato F2) in zona agricola?

 
 Rispondi Mi piace (0)
08/09/2020

@LucioFerri si

 
 Rispondi Mi piace (0)
09/09/2020

@AlessandroGuerrieri basta che ci siano i dati di costruzione dell'immobile in comune se post 1967 oppure serviranno le foto aeree per dimostrare che l'edificio è pre 1967 e realizzato legalmente senza chiedere permessi.

 
 Rispondi Mi piace (0)
09/09/2020
CS

qualcuno potrebbe gentilmente indicarmi il "passaggio" legislativo o "interpello all'Ag.d.E." dove si afferma che le demolizioni con RIDUZIONE della valumetria sono accettate?

Il termotecnico mi ha detto che non sono accettate per il 110%.

Grazie anticipatamente.

 
 Rispondi Mi piace (0)
09/09/2020
RF

In una demolizione e ricostruzione, i 96000 euro detraibili del sismabonus, sono relativi solo ai lavori di ricostruzioni delle parti strutturali o sono ricomprese anche di tutte le finiture?

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
09/09/2020

@RosarioFronte il sismabonus è come il classico bonus ristrutturazioni 50% ma potenziato per spronare la gente a fare interventi antisismici, può ricomprendere qualsiasi spesa dagli oneri allo strutturale fino agli impianti e finiture.

 
 Rispondi Mi piace (0)
09/09/2020
LD

Il documento cita infatti un parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (adunanza collegiale straordinaria del 16 luglio 2015), che nel chiarire alcune questioni interpretative relative al citato art. 3, comma 1, lettera d), DPR n. 380 del 2001, ha precisato che “la volumetria preesistente rappresenta lo standard massimo di edificabilità, cioè il limite massimo di volume edificabile, quando si tratta di interventi di ristrutturazione edilizia consistenti nella demolizione e ricostruzione, per i quali la norma non consente aumenti complessivi della cubatura preesistente”.

Di conseguenza, secondo il citato Consiglio Superiore, dice ancora la circolare: “interventi di demolizione e ricostruzione che non sfruttino l’intera volumetria preesistente, ma ne ricostruiscano soltanto una quota parte (…), appaiono rientrare a pieno titolo nella fattispecie della ristrutturazione edilizia”.

Quindi, conclude il documento dell’Agenzia, “nel caso in cui siano realizzati interventi edilizi di demolizione e successiva ricostruzione con una volumetria inferiore rispetto a quella preesistente, le relative spese potranno beneficiare della detrazione”.

 
 Rispondi Mi piace (1)
09/09/2020
ss

Salve,

se ho una seconda casa giudicata senza abitabilità per soffitti troppo bassi e finestre troppo piccole posso buttarla giù e ricostruirla con gli incentivi eco sisma? Abito nel ferrarese.

Grazie della risposta


 
 Rispondi Mi piace (0)
10/09/2020

@sarasimonin sismabonus si, ecobonus solo se c'è già un impianto termico

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/09/2020
ss

@AlessandroGuerrieri scusi se le faccio ripetere ma è per chiarezza. Quindi potrei demolire e ricostruire la casa che non ha la conformità edilizia ottenendo lo sconto in fattura e ricostruendola norma. Esiste un riscaldamento autonomo a gas metano senza certificazione di conformità

Grazie ancora per la risposta

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/09/2020

@sarasimonin attualmente la casa come è accatastata? È abusiva o condonata? Io sono partito dal presupposto che fosse a regola a livello urbanistico, se non è a norma a livello igenico sanitario all'agenzia delle entrate interessa poco

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/09/2020
ss

@AlessandroGuerrieri leggendo la perizia categoria A4 e altri due vani C2 le interessava questo dato? Ho la perizia della casa

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/09/2020

@sarasimonin se è stata accatastata a4 come mai non è agibile? All'epoca della costruzione deve essere stata a regola. Comunque se non è stata condonata hai susmabonus ed ecobonus sui vani riscaldati

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/09/2020
ss

@AlessandroGuerrieri è una casa all'asta condonata ma che ha ricevuto una perizia per la vendita all'asta, a cui non hanno dato l'abitabilità.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/09/2020

@AlessandroGuerrieri in assenza di un impianto di riscaldamento, un classico camino puo essere considerato sostituibile ai fini dell ecobonus?

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/09/2020

@sarasimonin se è condonata allora niente bonus di alcun tipo e se demolici non la puoi ricostruire. Le case condonate sono case abusive su cui chiudono un occhio tanto perché ormai le hai fatte ed almeno su esse ci paghi le tasse, ma puoi fare solo lavori di manutenzione ordinaria.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/09/2020

@GianlucaProietti si, però è un volume riscaldato solo le stanze dove c'è il camino o stufa o termoconvettore elettrico.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/09/2020

Alessandro Guerrieri

Si, ovviamente la casa deve rispettare le norme comunali. Sul ampliamento non avrai bonus nonostante col piano casa i piccoli ampliamenti sono considerati ristrutturazione edilizia. Quello che fa fede è il volume riscaldato pre esistente



marco scialpi

@AlessandroGuerrieri Ciao Alesandro,

intendi dire che se demolisco e riscostruisco l'immobile in presenza di vincoli paesaggistici posso usufruire dell'ecobonus al 110% sulla parte preesistente, mentre sull'ampliamento posso accedere alle normali detrazioni fiscali?

Te lo chiedo perche avrei questa problematica e volendo effettuare tutto quanto possibile dalla norma (cappotto, fotovoltaico, Sismabonus, pannelli solari e pompa di calore) vorrei essere certo di non incorrere in problematiche future con l'AdE.

Grazie mille

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/09/2020
LD

In presenza di il vincolo paesaggistico ( il decreto semplifiazioni ha modificato le cose in maniera più stringente) è possibile ricostruire solo mantenendo la stessa volumetria, lo stesso sedime , stessa sagoma e stess prospetto, senza possibilità di ampliamenti poiché diverrebbe nuova costruzione e non ristrutturazione, perdendo quindi i bonus.

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/09/2020

@LucaDelGaudio attento, il medesimo sedime, volume e forma vale per edifici vincolati, cone ad esempio quelli storici, ma il caso di Marco da quel che ho capito riguarda un edificio situato in zona con vincolo paesaggistico, ma l'immobile di per se non è vincolato.

Ovviamente il comune obbligherà av rifare un edificio con caratteristiche compatibili al luogo, quindi niente casa in stile artistico o moderna.

L'ampliamento non potrà godere di alcun tipo di bonus.

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/09/2020
LD

Il mio comune è sotto vincolo paesaggistico e hanno interpretato la norma come per i centri storici. Quindi stesso sedime, sagomane prospetto. Hanno solo concesso lo spostamento e il ridimensionamento di alcune finestre.

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/09/2020

@LucaDelGaudio ovviamente ogni comune fa regolamenti edilizi suoi, noi qui rispondiamo su leggi italiane e esperienze proprie

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/09/2020
TS

Ciao a tutti, vi sottopongo questo caso. Possiedo due edifici presenti nello stesso terreno, uno dei quali è diviso in due subunità. Entrambi gli edifici sono accatastati come C2.

Vorrei trasformare il più grande dei due edifici (quello che ha due subunità) in 4 piccole abitazioni, nell’altro edificio vorrei ricavare 4 magazzini da destinare allle future abitazioni.

Il progetto consisterebbe in una demolizione e ricostruzione con mantenimento della sagoma.

Entrambi gli edifici non possiedono un impianto di riscaldamento.

Posso accedere al sismabonus 110%? Ne avrei diritto solo per l’edificio trasformato in abitazioni o anche in quello che resterà C2?

Le procedure per richiedere il sismabonus al 110% è più complessa di quella per richiedere il sismabonus al 70/75%?

Avrei diritto a qualche altra agevolazione?

Grazie in anticipo!

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/09/2020
ac

Buongiorno a tutti. Vorrei sottoporre un quesito inerente il superbonus ed in particolare la detrazione delle spese sostenute dagli acquirenti delle cd case antisismiche. In generale questa detrazione spetta agli acquirenti di nuove case antisismiche che siano state realizzate da impresa costruttrice mediante demolizione con ricostruzione di un fabbricato. Il mio quesito riguarda se la detrazione è spettante anche nel caso di demolizione con ricostruzione di un immobile censito come c/2 e quindi non abitativo.

molte grazie

alessandro

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/09/2020

@alessandrocosatti se poi passa a civile abitazione si

 
 Rispondi Mi piace (0)
06/11/2020
GP

Salve a tutti, sto per iniziare un intervento di demolizione e ricostruzione. Per la costruzione di un porticato posso usufruire della detrazione per le schermature solari?per le finestre sotto il portico non installerei le persiane

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
28/10/2020
MD

Buonasera,

in caso di demolizione e costruzione la situazione di partezza presenta delle finestre di una certa grandezza, per esempio 10 metri in totale.......

nella ricostruzione decido di fare delle finestre più ampie per un totale di 30 metri

è vero che solo i 10 metri preisistenti possono rientrare nell'ecobonus 110?

i 20 metri restanti posso utilizzare solo la detrazione del 50%? saluti e grazie per linfo

 
 Rispondi Mi piace (0)
06/11/2020

@MaurizioDIFRANCO no, in caso di demolizione le finestre sono totalmente detraibili anche se ingrandisci o aumenti il numero

 
 Rispondi Mi piace (0)
06/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri


la ringrazio molto per la cortese risposta, il mio tecnico sosteneva che il 110 era solo per la metratura esistente.

 
 Rispondi Mi piace (0)
06/11/2020
MD

poi non ho capito bene altre due cose:

1) la casa da demolire comprende la casa A3 + un box C6

sono finicamente staccati ma sono nello stesso giardino

quindi sono 96.000 x 2? oppure solo 96.000 euro perchè la casa è unifamiliare?

per la ricostruzione si pagano gli oneri???


grazie ancora......

gentilissimo..

 
 Rispondi Mi piace (0)
06/11/2020

@MaurizioDIFRANCO hai solo 96000 euro in quanto il c6 è un annesso dell'abitazione.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

@MaurizioDIFRANCO per gli oneri si pagano quelli ridotti, ma senti in comune per sicurezza

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MM

@AlessandroGuerrieri, gradirei una sua opinione su questo caso: demolizione e ricostruzione in area sismica 3 di unità unifamiliare non di lusso, divisa su due piani fuori terra più mansarda con piano terra che comprende garage (C6), portico e altri locali riscaldati. Altezza piano terra 2,15 m. Volumetria complessiva (abitazione e pertinenza) 650 mc di cui 120 mc non riscaldati perché riferiti a portico e garage. La nuova costruzione avrebbe nuovo sedime, sagoma e prospetti, ma avrebbe i medesimi 650 mc di cui 120 mc dedicati a garage e locali tecnici non riscaldati. La nuova costruzione sarebbe in classe A e con miglioramento sismico. In tale situazione le detrazioni spettanti sarebbero: - Sismabonus 110% su 96.000 euro (per spese di ricostruzione del grezzo del fabbricato, ecc.); - cappotto e tetto (nella nuova costruzione coprirà direttamente tutti locali riscaldati) 110% con limite 50.000 euro; fotovoltaico 110% con limite 32.000 euro (1.600 euro a kwp per 20 kwp massimi installabili); impianto di climatizzazione invernale 110% con limite 30.000 euro; serramenti 110% con limite 54.545,45 euro e sotto limiti di 650 o 750 €/mq a seconda che ci siano anche tapparelle; domotica nel limite di 50€/mq (riscaldato o generale?) quindi ad esempio su 220 mq complessivi (incluso garage) sarebbero 11.000 euro; colonnina ricarica 110% con limite 3.000 euro. Concorda? Si potrebbe procedere ad un ampliamento tecnico solo per realizzare la centrale termica o questo ampliamento uscirebbe anche dai nuovi limiti di cui al DL Semplificazioni 2020? L’impossibilità di cumulare il Sismabonus alla detrazione “16-bis Tuir”, come chiarito dall’Agenzia delle Entrate già nel 2017, in quanto il Superbonus assorbe anche gli interventi “minori”, permane anche per il Superbonus incluso nella detrazione 110%?

 
 Rispondi Mi piace (0)
07/11/2020

@MauroMichelini il massimale delle finestre è da includersi in quello del cappotto termico.

Domotica riguarda la superficie riscaldata.

L'ampliamento in ristrutturazione è un tema scottante, diciamo che al 90% rischi di perdere i bonus quindi evitalo.

Il sismabonus 110% incorpora quello al 80% che incorpora il bonus ristrutturazioni 50%, perciò non puoi sommare i loro massimali. Comunque il sismabonus copre volendo tutte ke spese di ristrutturazione fino al massimale, non solo quelle necessarie a portare la casa al grezzo.

Il resto concordo su tutto

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MM

@AlessandroGuerrieri grazie. Perché non ci può essere l'autonomo massimale per i serramenti?

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

@MauroMichelini per un ammanco nella scrittura dei massimali superbonus che parla di lavori di risparmio energetico tramite riduzione della conducibilità termica dell'abitazione, senza fare distinzione fra superfici opache e finestre come avviene negli ecobonus vecchi.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MM

@AlessandroGuerrieri quindi si perdono i 54k teorici e ci si limita ai 50k? Allora in caso di demolizione diventa neutro o forse più conveniente e con meno sbattimenti fare la riqualificazione globale 65% con 153k circa di spesa e 100k di detrazione. Abbinando 110% con Sismabonus con trainato il fotovoltaico e la domotica + colonnina?

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
AA

Buonasera,

sono proprietario di un C2 di 36mq in Umbria , terremotato nel 2016, su terreno edificabile per oltre 300mq. Il C2 non ha attestazione energetica , poiche' rappresenta una vecchia stalla.

Vorrei demolire e ricostruire con aumento volumetrico ( circa 70 mq ) e cambio destinazione ad uso abitativo. 1) Posso usufruire del sismabonus 110 o 165? 2) Quali opere posso eseguire con il sismabonus ( es fondamenta / pareti /tetto...) ? 3)Il sismabonus copre anche le spese necessarie all'ampliamento da 36mq a 70mq? 4)Visto che non posso accedere all'ecobonus 110 ,per le opere rimanenti tipo impianti , pavimentazione posso accedere al bonus ristrutturazione con detrazione 50/65? 5) Per ottenere il sismabonus 110 posso eseguire solo le opere che rientrano in tale bonus e completare la casa in un secondo momento o sono obbligato pena la perdita del bonus ? Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
09/11/2020
MM

Per i serramenti nella demolizione con ricostruzione con sagoma diversa (quindi casa completamente diversa da quella iniziale), come si calcola la detrazione dei serramenti nuovi della ricostruzione dell'edficio? Enea (https://www.youtube.com/watch?v=VC0VNvcZzaY - minuto 1h.52.00) parla di "sostituzione" quindi come ci si comporta? Si calcola il numero di fori pre demolizione e si limita la detrazione a quel numero nella ricostruzione? Si guardano anche i mq dei serramenti pre intervento? La pratica Enea, se non erro, chiede di indicare per ogni serramento le caratteristiche del vecchio e del nuovo: come si fa se non c'è corrispondenza delle misure stante il nuovo edificio completamente diverso?

 
 Rispondi Mi piace (1)
10/11/2020
MD

@MauroMichelini anch'io ho fatto una domanda come la tua ma nessuno risponde

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/11/2020
MM

@MaurizioDIFRANCO credo purtroppo che non ci sia attualmente una risposta. É un caso da interpello. Spero che nella circolare di prossima pubblicazione, venga trattato questo caso altrimenti serve un interpello ad hoc.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MD

@MauroMichelini si penso che sia così anch'io. teniamoci aggiornati.grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

@MauroMichelini la risposta c'è ed è poco più in alto, scritta 4 giorni fa. In caso di demolizione e ricostruzione i serramenti sono detraibili completamente, anche in caso di aumento di numero o modifica di dimensioni

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MM

@AlessandroGuerrieri L'ho letta, tuttavia non sembra sia così. Vedi https://www.youtube.com/watch?v=VC0VNvcZzaY - minuto 1h.52.00

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

@MauroMichelini il tecnico parla di sostituzione intendendo una ristrutturazione di qualcosa di esistente e non una nuova costruzione che in quel caso non avrebbe avuto diritto al bonus.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

@MauroMichelini il concetto è stato spiegato bene dall'ingegnere, lui dice che se aumento no perché molto probabilmente aumenterebbe la conducibilità della casa, quindi la semplice sostituzione di una finestra con una più grande non è detraibile.

Il punto è che se assieme alle nuove finestre viene fatto anche un cappotto termico che permette di avere una casa più coibentata di quello che era prima la modifica o l'aggiunta di nuovi serramenti risulta quindi essere detraibile. Anch'io avevo questo dubbio Perciò ho inviato una domanda direttamente all'Enea che mi ha risposto che nel mio caso la modifica della geometria degli infissi era ammessa.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MM

@AlessandroGuerrieri puoi condividere la risposta ottenuta?

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

@MauroMichelini

Domanda:

Salve,

Premetto che sono in ristrutturazione edilizia rilevante di primo livello (demolizione e ricostruzione mantenendo stessa sagoma, volume e sedime di un immobile senza alcun tipo di vincolo storico o architettonico). Facendo riferimento al c.4 dell’art. 11 del D.Lgs. 28/2011 per quanto riguarda caldaia e scaldabagno posso far detrarre solo la spesa sulla quota eccedente ai requisiti minimi obbligatori sulle energie rinnovabili. Invece per quanto riguarda il bonus sull' impianto fotovoltaico e gli ecobonus sulla coibentazione delle superfici opache e serramenti a taglio termico fra ambienti riscaldati ed esterno o ambienti non riscaldati vale la stessa modalità o posso portare in detrazione l'intera spesa?

Sempre nel mio caso, le spese per i serramenti che ho dovuto ingrandire ed altri aggiungere per rispettare i requisiti di superfice aeroilluminata le posso portare in detrazione?

Grazie.

Saluti,


Risposta


Per gli impianti può far detrarre solo la spesa sulla quota eccedente

ai requisiti minimi obbligatori sulle energie rinnovabili mentre per

le coibentazioni o sostituzione di serramenti può considerare il

tutto. Nel suo caso le geometrie dei serramenti possono essere

modificate.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MM

@AlessandroGuerrieri grazie, però parli di mantenere anche la sagoma, io invece manterrei solo i volumi, per il resto viene fuori un edificio totalmente diverso.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

@MauroMichelini non è importante, le finestre sono più che raddoppiate cone superficie

 
 Rispondi Mi piace (1)
11/11/2020

Ricordatevi che per l'enea L'importante è ottenere un risparmio energetico di edifici già esistenti. Sarà un tecnico a dichiarare il miglioramento termico ottenuto, Infatti se si sostituisce un vecchio Serramento con uno nuovo molto più performante, ma più grande, il miglioramento termico della finestra potrebbe essere sufficiente a tamponare l'aumento di conducibilità termica dovuta alla diminuzione di parete.

Ovviamente il termotecnico dovrà asseverare questa condizione facendo tutti i calcoli invece di limitarsi ad usare il metodo semplificato con cui si calcola il miglioramento semplicemente guardando se l'infisso vecchio ha prestazioni inferiori a quello nuovo

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri ringrazio per tutte le preziose info,

ma secondo voi in un intervento di demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria bisogna pagare gli oneri??

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MM

@MaurizioDIFRANCO poca roba credo, era già urbanizzato.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

@MaurizioDIFRANCO io li ho pagati in maniera ridotta a causa del passaggio da rurale a civile abitazione, se sei già a civile abitazione penso che li pagherai in modo ancora più ridotto.

Io per 640mc ho pagato 19500 euro di oneri, se l'abitazione non fosse stata rurale avrei pagato 11500 euro. Una nuova costruzione tanto per rendere l'idea sarebbe costata 36000 euro di oneri.

In ogni caso chiama in comune e chiedi a loro

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri grazie per l'info..nel mio caso è una casa degli anni 50 abitabile, quindi li pagherò in maniera ridotta.

tornando al discorso infissi quindi secondo te nella demolizione e ricostruzione calcolando globalmente la minor dispersione termica dell'edificio saranno detraibili anche serramenti più grandi? per la tua abitazione hai utilizzato il 110?

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MM

@MaurizioDIFRANCO il vero problema a questo punto è non poter godere del massimale ulteriore di 54k euro ma di dover stare nel massimale di 50k valido anche per il cappotto. Se demolisci e ricostruisci è una perdita importante, i 50.000 li fai prima ancora di arrivare ai serramenti!

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MD

@MauroMichelini quindi mi stati dicendo che non posso usare l'intervento infissi come trainato con il massimale di di 50 del cappotto + 54 euro infissi,

ma devo restare nei 50.000 globalmente??

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MM

@MaurizioDIFRANCO, secondo quello che dice Alessandro Guerrieri, non si può avere anche il massimale di 54k ma va tutto in quello da 50k.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri ma i 50.000 dell'involucro è definitivo oppure ci può esserci un chiarimento in merito?

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

@MauroMichelini come non detto, un punto di un chiarimento dell'agenzia delle entrate risolve il buco normativo, adesso è specificatamente riportato superfici disperdenti OPACHE perciò le finestre fanno un caso a parte.

 
 Rispondi Mi piace (1)
11/11/2020

@MauroMichelini a scanso di equivoci ho cancellato il post sui massimali finestre/cappotto a cui ho dato una risposta non aggiornata.

 
 Rispondi Mi piace (1)
11/11/2020
MM

@AlessandroGuerrieri Perfetto quindi posso sommare il massimale dei 54k! In effetti se si fa come intervento trinante il cappotto con limite di spesa di 50k si può aggiungere come intervento trainato quello relativo ai serramenti con limite di spesa di euro 54.545,00 come confermato anche da ENEA in diversi webinar e dall'Agenzia Entrate nella Risoluzione n. 607/E del 2020. Concordi?

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

Vorrei però ricordare la questione requisiti minimi non agevolabili per le case demolite e ricostruite che ho spiegato più in alto.

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri scusami io non l'ho capito la questione dei requisiti minimi,

poi fare un esempio? grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020

@MaurizioDIFRANCO è un concetto relativamente semplice se uno riesce ad entrare nel meccanismo, la copertura delle rinnovabili viene calcolata nella legge 10.

Il decreto requisiti minimi prevede l'utilizzo di almeno il 50% di energia per riscaldamento e produzione acs proveniente da fonti rinnovabili.

Il fotovoltaico ha una potenza minima obbligatoria in kwp pari alla superficie della proiezione a terra della casa(praticamente la superficie della casa vista dall'alto) /40.

i dati riportati sono solo esempi:


Spesa per impianto termico 10000 euro

Percentuale di copertura rinnovabili 88%

88-50=38% eccedenza

Quindi solo il 38% di 10000 euro (3800 euro) sarà detraibile al 65 o 110%


12kwp fotovoltaico pagato 12000 euro

Proiezione a terra della casa 120mq

120/40 = 3kwp di fotovoltaico obbligatorio e non detraibile

(12000/12)x(12-3)=9000 euro detraibili


Inoltre il fotovoltaico in caso di ristrutturazioni edilizie strutturali ha il massimale ribassato a 1600 euro/kwp su un massimo di 20kwp, più altri 48000 euro per le batterie che comunque non può eccedere i 1000euro/kwh.


Gli infissi in caso di demolizione saranno detraibili tutti, anche per le finestre aggiunte, al 50% in 10 anni o al 110% in 5.


Il cappotto sarà detraibile al 65 o 110% solo sulle pareti che delimitano le stanze riscaldate e zone non scaldate (locali senza riscaldamento, esterno, terreno).

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri ti ringrazio molto per i tuoi chiarimenti

 
 Rispondi Mi piace (0)
11/11/2020
MM

@AlessandroGuerrieri Quindi se spendo 60.000 euro per la parte termoidraulica (pompa di calore con pannelli solari), la detrazione si calcola così: 88% di 60.000 = 52.800; 52.800 - 60.000*0,5 = 22.800. Corretto?

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri ma i requisiti minimi si applicano a tutti gli interventi dell'ecobonus? serramenti, cappotto, impianto termico etc.

quindi c'è sempre una parte che si deve pagare?

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/11/2020

@MaurizioDIFRANCO solo acs e riscaldamento e fotovoltaico.

I pannelli solare termici, cappotto, infissi m, ecc... non hanno questo problema.

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri grazie ancora... info utilissime.,.

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/11/2020

@MauroMichelini hai la legge 10 per vedere quante rinnovabili sfrutti?

Se monti pompa di calore sicuramente installerai un impianto fotovoltaico il più grande possibile in quanto i primi kwp li paghi, gli altri no, quindi più è grande e più si ammortizzano i costi non rimborsabili.

Considerando che arriverai al 100% di rinnovabile potrai detrarre il 50% della spesa effettuata per il riscaldamento e acqua calda sanitaria.

Se spendi 50000 euro potrai detrarre al 110% 25000.

In ogni caso io per scaldare 120mq di casa e produrre 500litri di acs spendo in totale 6600 euro installazione e compresa.

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/11/2020

@MaurizioDIFRANCO l'impianto fotovoltaico invece si calcola in maniera diversa, se hai una casa da circa 120mq a piano(indipendentemente dal numero di piani) dovrai installare minimo 3 kwp. Quindi se metti un impianto da 3kwp non potrai detrarre la spesa del fotovoltaico. Se installi 6kwp potrai detrarre il 50% della spesa. Con 20kwp potrai detrarre:


Kwp totali - kwp obbligatori = kwp eccedenza


Kwp eccedenza ÷ kwp totali ÷ 100 = % spesa detraibile


Quindi


20 - 3 = 17 kwp eccedenza


17 ÷ 20 × 100 = 85% della spesa fatturata sarà detraibile al 110%


Senza però vedere la tua legge 10 non posso mettere dati compatibili col tuo caso, ma solo inventarmi dati per fare esempi.

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri Ti ringrazio sei chiarissimo.. per il momento non ho nulla devo ancora iniziare a fare tutto.. penso che inizierò a dicembre. io sono di brescia credo che in lombardia la legge 10 sia ancora più rigida

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/11/2020

@MauroMichelini per quanto riguarda il tuo calcolo

88% di 60.000 = 52.800; 52.800 - 60.000*0,5 = 22.800

è corretto, ovviamente l'88% è un dato che ho inserito io a caso, la probabilità che tu arrivi anche al 100% se abbondi col fotovoltaico è elevata.

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/11/2020

@MaurizioDIFRANCO no, il decreto requisiti minimi è uguale in tutta italia, la lombardia come l'emilia romagna è più stringente in altri requisiti, ma che non influiscono sulle percentuali di detraibilità delle spese

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri ok meglio così.. la mia sarà una demolizione e ricostruzione con diversa sagoma.

 
 Rispondi Mi piace (0)
12/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri mi sembra di aver capito che hai realizzato una casa attraverso demolizione e ricostruzione... volevo chiederti in percentuale quanto sei riuscito a recuperare attraverso gli incentivi sul totale speso?'

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/11/2020
MC

Salve a tutti. Volevo sapere se, per un immobile unifamiliare esistente, costruzione in legno, era possibile aderire al sisma bonus 110%. Fermo restando la regolarità urbanistica, che devo ancora accertare, è possibile demolire e ricostruire anche con tipologia costruttiva differente? Grazie per la risposta


 
 Rispondi Mi piace (0)
13/11/2020
MM

Sulla demolizione, così scrive Il Sole 24 Ore nella sua Guida: https://i2.res.24o.it/pdf2010/Editrice/ILSOLE24ORE/ILSOLE24ORE/Online/_Oggetti_Embedded/Documenti/2020/10/15/DOSSIER-COCCOBILL_20200820.pdf


Demolizione e ricostruzione

Anche senza dover effettuare almeno uno dei tre interventi «trainanti», possono beneficiare della detrazione Irpef e Ires del 110%, prevista per l’ecobonus (in 5 anni), anche gli interventi di demolizione e ricostruzione, previsti dall’articolo 3, comma 1, lettera d), Dpr 380/01, i quali dal 17 luglio 2020, possono prevedere non solo «sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche» diversi rispetto a quelli preesistenti, ma anche «incrementi di volumetria anche per promuovere interventi di rigenerazione urbana». Per questi interventi, non è necessario effettuare almeno uno dei tre interventi «trainanti», pertanto, la ricostruzione, ad esempio, può essere altamente isolante, anche senza dover utilizzare, per i materiali, criteri ambientali minimi del Dm dell’ambiente 11 ottobre 2017. Dovranno essere rispettate le condizioni previste dai requisiti tecnici dei DM 19 febbraio 2007 e 11 marzo 2008 (non sembra anche quelli dell’aumento delle classi energetiche). Relativamente ai limiti di spesa, poi, si applicano gli stessi che si utilizzano per il super bonus del 110% dedicato all’ecobonus e ai tre interventi «trainanti». Si ritiene poi che debbano essere rispettati i requisiti soggettivi e oggettivi dell’articolo 119, comma 9, Dl 34/20 (condomìni su parti comuni, «persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni»), oltre che quelli del comma , relativamente a un «numero massimo di due unità immobiliari», per le persone fisiche.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/11/2020
MD

@MauroMichelini secondo me nella demolizione e ricostruzione per forza di case si fanno tuti gli interventi trainanti

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/11/2020

@MauroMichelini ci sono molti punti su cui ho dubbi. Il supersismabonus va bene anche per l'ampliamento e qui ci siamo.

Il cappotto non deve obbligatoriamente rispettare i requisiti ambientali, se si accorpa quella spesa nei 96000 euro di sismabonus va bene, ma se su quella spesa si vuole usare l'ecobonus no.

Stessa cosa per i trainanti, l'unico intervento trainato dal sismabonus è il fotovoltaico con massimale di 1600 euro/kwp, tutti gli altri interventi di ecobonus al 110% vanno comunque trainati da cappotto o impianto termico.

Inoltre vorrei sottolineare che il cappotto e l'impianto termico non sono detraibili sui locali che prima degli interventi non sono riscaldati, perciò sugli ampliamenti non si possono sfruttare gli ecobonus


 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020

@MauroMichelini hanno proposto di far diventare il super sismabonus un trainante, in quel caso gli interventi di ecobonus dovranno rispettare i requisiti dei bonus vecchi in cui non è presente l'uso di materiali ecosostenibili. Ma per adesso è solo una proposta

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020
MM

@AlessandroGuerrieri Allo stato attuale credo che sarebbe opportuno fare interpello prima di partire perché ci sono troppi dubbi.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020
MD

@AlessandroGuerrieri se il sismabonus diventa trainante quali sono i vantaggi concreti?

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/11/2020

@MaurizioDIFRANCO che usi i bonus al 110% con le regole del 65/50% quindi asseverazioni più semplici, molte meno rotture di palle. Non ci sarebbe nemmeno bisogno di ape pre e post intervento.

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/11/2020
TS

Ciao a tutti, vi sottopongo di nuovo il quesito..

Possiedo un edificio diviso in tre subunità catastali (ognuna con una porta di ingresso autonoma).

L’edificio è accatastato come C2 (le subunità erano magazzini).

Vorrei trasformarlo in 4 piccole abitazioni intervenendo solo su due delle tre subunità. 

Il progetto consisterebbe in una demolizione e ricostruzione con mantenimento della sagoma e cambio di destinazione d’uso.

L’edificio non possiede impianti di riscaldamento. 

Posso accedere al sismabonus 110%? Se sì, per quale massimale?

Posso accedere all’ecobonus 110%?

Avrei diritto a qualche altra agevolazione? 

Gli interventi sul piazzale che circonda l’edificio sono agevolabili? (Es: permeabilizzazione del terreno)

Grazie in anticipo!


@Alessandro Guerrieri

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020

@TommasoStura scusa, se usi le 3 subunità per portarle tutte a residenziale, ne aggiungi 1 residenziale ed un'altra come garage in comune (non cambia nulla da come hai detto te se non a livello burocratico) otterrai 3 × 96000 euro per le unità residenziali più altri 96000 euro per le parti in comune (garage)

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020

Ecobonus no

Altre agevolazioni iva 10%

Interventi sul piazzale da far rientrare nel sismabonus

Super sismabonus solo 96000 euro, a meno che tu non intesti le altre subunità ad altri soggetti non in comunione dei beni. In quel caso potresti ottenere 96000 euro x 3

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020

Buongiorno a tutti, volevo sapere quale figura controlla in caso di demoricostruzione di edificio unifamiliare il corretto uso dei bonus nei limiti stabiliti. È forse il tecnico che assevera l accesso al superbonus , e che dovrebbe "guidare" la ditta che procede ai lavori? Spero di essere stato chiaro..grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020
MM

@GianlucaProietti un ulteriore aspetto interessante nella demolizione è questo: come si verifica la regolarità urbanistica dell’edificio se poi viene completamente demolito?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020

@MauroMichelini ho presentato al comune una istanza di demoricostruzione ove ci sono tutti i rilievi e le asseverazioni di architetto e e geometra che descrivono l'ante e il post. Il permesso di costruire mi verrà rilasciato entro 90 gg (spero) periodo nel quale il comune fara la sua parte...ora mi sento un po perso perche la ditta che procederà ai lavori non sa come intervenire e con quali misure entro i limiti stabiliti...

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020
MD

@GianlucaProietti anch'io sono dovrà iniziare un intervento di demolizione e ricostruzone, ma sono ancora all'inizio, devo ancora presentare la domanda in comune.. quanto riuscirai a recuperare dagli incentivi in percentuale? in base ai preventivi

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020
MM

@MaurizioDIFRANCO il massimo recuperabile mi sembra sia attorno ai 250k

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020

@MaurizioDIFRANCO ma c'è una tabella di riferimento che stabilisce gli importi max per ogni singolo intervento?


 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020
MD

@GianlucaProietti eccola qui sotto, ma bisona tenere conto dei requisiti minimi della legge 10 .. per il fotovoltaico sono 48.000 + 48.000 delle batterie te lo scrivo perchè non so se la tabella sotto è aggiornata


https://www.logical.it/progettazione-approfondimenti/efficienza-energetica-degli-edifici/superbonus-110-e-lavori-ammessi-ecco-la-guida-interattiva



 
 Rispondi Mi piace (1)
14/11/2020
MD

ma il sismabonus 96.000 euro + 96.000 ristrutturazione al 50..

ma il bonus non era unico cioè 96.000? da quello che leggo sotto no.


A maggior chiarezza volevo specificare che la circolare n. 24/E/2020 dell’Agenzia delle Entrate chiarisce che qualora si attuino interventi riconducibili a diverse fattispecie agevolabili (ad esempio, interventi ammessi al superbonus del 110% e interventi di ristrutturazione edilizia, per i quali spetta la detrazione del 50%), il contribuente potrà fruire di entrambe le agevolazioni. Ciò a condizione che siano distintamente contabilizzate le spese riferite ai due diversi interventi e siano rispettati gli adempimenti previsti in relazione a ciascuna detrazione.

La stessa soluzione si applica anche a superbonus e sismabonus.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020
MM

@MaurizioDIFRANCO il massimale di 96k del Sismabonus, anche nella versione 110%, non si può sommare con la detrazione 16-bis 50% in quanto è considerato intervento superiore che comprende anche le spese detraibili del 16-bis.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020

ma quello che non capisco è che se posso usufruire solo del sismabonus , nei 96.000 posso anche fare il cappotto termico? mentre per i serramenti deve essere una cosa a parte?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020
MD

@GianlucaProietti per il cappotto e serramenti c'è ecobonus

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020

@MaurizioDIFRANCO non so se ci rientro nell ecobonus... la casa a3 non era riscaldata , c era solo un camino in una stanza. Per questo chiedo

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020
MD

@GianlucaProietti haa ok ora capisco

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020

@GianlucaProietti Puoi accedere tranquillamente in quanto il camino viene considerato alla come "impianto di riscaldamento" pertanto non avrai problemi ad accedervi.

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/11/2020

@GianlucaProietti il cappotto sulla superficie delle pareti esterne della stanza col camino la puoi far detrarre, meglio di niente.

Se installi il ruscaldamento a pompa di calore aria/aria monosplit puoi detrarre anche quello su un volume uguale o inferiore nella casa ricostruita, ma se fai un impianto centralizzato unico no perché contestano il sovradimensionato del sistema di riscaldamento.

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/11/2020

@marcoscialpi si, ma solo per il volume della stanza riscaldata.

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/11/2020
MM

@AlessandroGuerrieri quindi per le case demolite, bisogna calcolare il volume riscaldato prima della demolizione e poi si detrae proporzionalmente per i nuovi volumi riscaldati, qualora questi crescano nel nuovo edificio?

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/11/2020

ma da quali atti risulterebbe che c è un camino o per esempio un impianto con stufa a gas non collegato alla rete? dall'attestato APE inserito nel rogito? nell'attestato riporta servizi presenti : climatizzazione invernale presente, produzione acqua calda sanitaria e poi sotto consumo gas naturale 1000smc...come si potra risalire alla condizione preesistente agli interventi di climatizzazione? dico cosi perche probabilmente quando è stata fatta l APE c era una stufa a gas...

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/11/2020

@GianlucaProietti sarà il termotecnico ad asseverare la presenza di una stufa, se dici che nel aoe di acquisto c'era un impianto a gas magari usa quello come prova. Bisogna vedere quanto è fiscale il tecnico. Capita non di rado che in vecchie case compaiano magicamente stufe o termoconvettori elettrici in qua e la nelle stanze...

 
 Rispondi Mi piace (3)
15/11/2020
VV

Infatti

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/11/2020
GD

@AlessandroGuerrieri ho letto le sue risposte in merito e di altri colleghi che ringrazio. Tuttavia volevo porre dei quesiti che riguardano il mio caso.

Demolizione e ricostruzione mediante sismabonus 110 per edifici collabenti F2 ante 67.

1. Quante unità rientrano per sismabonus 110 avendo il cliente più sub intestati? Se non erro non c'è vincolo max 2 ui per proprietario come ecobonus

2. Problema riduzione volumetria è stato ampiamente discusso quindi ok. Le ui si trovano in zona sottoposta a vincolo paesaggistico. Ovviamente si ricostruira' tenendo conto della zona agricola e della tipologia costruttiva.

3. Nei 96000 per ogni sub rientrano Iva per lavori al 10 e tutte le spese tecniche incluso Iva al 22 e 4% Inarcassa (progettista architettonico, strutturale, geologo, collaudatore e successiva abitabilità). Fra le opere rientramo tutte? Demolizione, strutturale impianti infissi? Perché sicuramente andremo a demolire le ui f2 ricostruendo con volumetria inferiore senza accollo spesa per il proprietario non sforando i 96mila.

4. Ecobonus 110 si può fare? Requisiti sempre la presenza dell'impianto termico? E Cosa rientra? rientra solo il fv come trainato come leggevo giorni fa x sismabonus? Fermo restando requisiti minimi che ha perfettamente spiegato che è detraibile solo parte eccedente il 50x100.

5. Infine nuovo accatastamento della ui va bene A3 o anche D10 essendo connesso alla attività agricola?

Grazie anticipatamente


 
 Rispondi Mi piace (0)
15/11/2020
GD

@GiuseppeDelfino aggiungo.. Per eff con ecobonus al 110 intendevo cappotto, fv e accumulo, solare termico e ricarica auto con i rispettivi massimali previsti in aggiunta al sismabonus. Come requisito vale sempre impianto riscaldamento anche se non funzionante? Es ho solo camino.. Per accumulo leggevo massimale sempre 48000 incluso Iva e costo da 1000 a 2400 a kW potenza o sbaglio? Grazie anticipatamente

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/11/2020
AD

Buonasera pongo il mio problema sono proprietario di 2 appartamenti al piano piano secondo ,accatastati come A/2, mio zio è propriatrio di un appartamento al piano primo (sotto i miei due appartamenti), poi al piano terra abbiamo 3 magazzini in C/2 (sotto appartamento di mio zio), inoltre abbiamo a distanza di 10 metri un magazzino c/2 in comproprieta', tutta la corte del fabbricato è in comproprieta'.

Il quesito è questo:

1- Demolizione e ricostruzione edificio principale usufruendo per sismabonus 96000x3 oltre ecobonus 40000x3 , fotovoltaico e pompe di calore.

2- Demolizione del C/2 staccato dall'abitazione ed accorpamento all'edificio principale con variazione di destinazione d'uso dello stesso, creando 4 unita' abitative .

In questo caso, posso usufruire del sismabonus 96.000 per la pertinenza che unirò all'edificio principale ?

Quindi con le demolizoni e ricostruzioni posso usufruire del sismabonus (96.000x 4) e dell'ecobonus (40000x3)?

Grazie in anticipo per la risposta

PS nelle faq dell'Agenzia delle Entrate si dichiara che se faccio demolizione e ricostruzione di un magazzino staccato dall'abitazione principale con variazione d'uso, posso fare solo sismabonus, non è spiegato se tale c/2 unito con l'edificio principale può usufruire lo stesso del sismabonus.

Secondo me si non vedo diferenze.

 
 Rispondi Mi piace (0)
4 giorni fa
MD

brutte notizie


SISMABONUS E FOTOVOLTAICO RIENTRANO NELLA CATEGORIA DEL BONUS RISTRUTTURAZONI - Fatta questa necessaria premessa, per avere un quadro chiaro e completo, occorre precisare anche che nella categoria delle detrazioni per interventi di ristrutturazione del patrimonio edilizio, disciplinati dall’art. 16-bis del D.P.R. 917/1986, rientrano anche quelli per interventi finalizzati alla riduzione del rischio sismico (Sismabonus) e anche quelli relativi all'installazione di impianti basati sull'impiego delle fonti rinnovabili di energia, come ad esempio gli impianti fotovoltaici.

Pertanto - poiché con riferimento al Superbonus l’art. 119 del D.L. 34/2020 richiama l’art. 16-bis del D.P.R. 917/1986 sia per gli interventi per la riduzione del rischio sismico che per gli interventi di installazione di impianti fotovoltaici - queste due tipologie di intervento non possono usufruire di un massimale unico in quanto non possono essere considerati interventi distinti, ma, se eseguiti congiuntamente, devono rientrare nel medesimo massimale previsto di 96.000 Euro.

Ancora, per quanto riguarda il fotovoltaico nell’ambito del Superbonus, si ricordi che:

- vi è l’ulteriore limite di 2.400 Euro per ogni kW di potenza nominale dell’impianto, ridotto a 1.600 Euro per ogni kW se l’installazione è effettuata nell’ambito di interventi di ristrutturazione edilizia, nuova costruzione o ristrutturazione urbanistica (art. 3 del D.P.R. 380/2001, comma 1, lettere d), e) ed f). Appare inutile e superfluo il richiamo agli interventi di nuova costruzione (lettera e) e ristrutturazione urbanistica (lettera f) in quanto è ben noto che tali interventi non sono ammissibili alle agevolazioni in commento, che sono tutte relative agli edifici esistenti;

- il limite complessivo di 96.000 Euro può essere suddiviso in 48.000 per l’impianto e ulteriori 48.000 per l’eventuale sistema di accumulo integrato (Risoluzione 28/09/2020, n. 60/E).

ESEMPI PRATICI - Un paio di esempi formulati qui di seguito - per semplicità riferiti a un edificio unifamiliare - potranno meglio chiarire il concetto.

Esempio 1. Intervento di isolamento termico + sostituzione impianto climatizzazione + miglioramento sismico.

Massimale complessivo teorico di spesa:

- 50.000 Euro per isolamento termico

- 30.000 Euro per sostituzione impianto climatizzazione

- 96.000 Euro per miglioramento sismico

Per un totale di 176.000 Euro di spesa e 193.600 Euro di detrazione.

Esempio 2. Intervento di isolamento termico + sostituzione impianto climatizzazione + miglioramento sismico + installazione di impianto fotovoltaico e sistema di accumulo.

Massimale complessivo teorico di spesa:

- 50.000 Euro per isolamento termico

- 30.000 Euro per sostituzione impianto climatizzazione

- 96.000 Euro per miglioramento sismico + installazione di impianto fotovoltaico e sistema di accumulo

Per un totale di 176.000 Euro di spesa e 193.600 Euro di detrazione.

 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa
AD

@MaurizioDIFRANCO ok invece per l'accorpamento della pertinenza esterna con cambio di destinazione d'uso posso usifruire di sismabonus oltre alla tre unita' immobiliari esistenti (vedi la mia domanda sopra) coe' quantro sismabonus?

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa

@AdrianoDiGiovenale se la pertinenza viene accorpata all'abitazione principale diventando un'unica unità avrai solo 96000 euro, se il volume della pertinenza forma un nuovo appartamento quindi otterresti 2 unità abitative sullo stesso immobile ci sono due possibilità:

1-sono entrambi intestati a tuo nome o ad un congiunto in comunione dei beni allora perdi totalmente tutti i superbonus

2-le due unità abitative sono intestate a due persone non in comunione dei beni, quindi otterresti 96000 euro x 2 unità immobiliari + 96000 euro ulteriori per le parti comuni.

 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa
gc

Sulla legge 10 non ho capito? Se sostituisco l'impianti di riscaldamento con pompa di calore e metto il FTV, c'è una quota che comunque pago ed è pari a circa Superficie a terra Ingombro fabbricato) / 40 * Importo della spesa per FTV e Impianti ? Oppure dette spese riguardano solo la Demolizione e ricostruzione ? Ma anche quì vi sono i bonus al 110% Sisma Bonus e a parte i 50k per cappotto e i 30 k per impianto termico per i volumi riscaldati dal camino (camino al piano superiore che scaldava le 3 stanze adiacenti priva di porte. Chiedo un chiarimento- Grazie


 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa

@giacomocapecci il decreto requisiti minimi si applica solo a demolizioni e ricostruzioni.

La mancanza di porte non rende 3 stanze una unica, quindi solo la stanza col camino sarà detraibile, non anche quelle adiacenti

 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa
gc

se si mettesse una stufa a pellets ... ad aria con canalizzazione ... senza FTV e pompa di calore... a quel punto la spesa sarebbe incentivata al 110% ?

Il discorso dei requisiti minimi e legge 10 non l'ho capito e non ho trovato il suo ragionamento pregresso... potrebbe re-inviarmelo per piacere. Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa

@giacomocapecci il discorso sui requisiti minimi l'ho fatto molto dettagliato, è più in alto in questo topic, postato l'11/11.

Se non demolisci non ti riguarda.

Non è un problema di fotovoltaico, ma dell'intero impianto termico indipendente dal tipo di generazione del calore.

 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa
gc

... dopo ricerche ... sembra che ciò a cui ti riferisci tu sia previsto dal c.4 dell’art. 11 del D.Lgs. 28/2011 che poi si rifà all.to 3 ... ma nel dl 34/2020 si parla del rispetto dei requisiti minimi del dl 2015 e non di quello del 2011, sicchè non capisco il collegamento ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa
gc

... dopo ricerche ... sembra che ciò a cui ti riferisci tu sia previsto dal c.4 dell’art. 11 del D.Lgs. 28/2011 che poi si rifà all.to 3 ... ma nel dl 34/2020 si parla del rispetto dei requisiti minimi del dl 2015 e non di quello del 2011, sicchè non capisco il collegamento ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa

@giacomocapecci i requisiti minimi del 2015 sono più stringenti, nel dl 2015 ci sono solo delle nuove metodologie di calcolo.

Il 28/2011 invece recita

"Gli impianti alimentati da fonti rinnovabili realizzati ai fini dell'assolvimento degli obblighi di cui all'allegato 3 del presente decreto accedono agli incentivi statali previsti per la promozione delle fonti rinnovabili, limitatamente alla quota eccedente quella necessaria per il rispetto dei medesimi obblighi."

Perciò non importa se nel superbonus non si menziona, questa legge c'è e vale per tutte le tipologie di bonus statali. Finché non mettono per iscritto che tale limitazione non vale per il superbonus non c'è nulla da fare.

 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa

.. Buonasera.....sono due mesi che architetto e ingegnere non riescono a spiegare chiaramente se posso sfruttare l'ecobonus e il sismabonus su una casa indipendente su due livelli che si trova in ZONA 2. È composta da piano terra A/2 di mq 112 (abitazione) con caldaia a metano ed un primo piano C/2 di mq 112. La mia Domanda è questa : posso abbattere tutto e ricostruire invertendo la destinazione d'uso tra il piano terra ed il primo piano ? Posso inoltre costruire un secondo piano ed adibirlo come zona notte? Per diventare un unica abitazione, al piano terra ripostiglio e garage, al primo piano zona giorno e secondo piano zona notte. La mia domanda è questa!!! posso usufruire dell'ecobonus e sismabonus 110 anche sul secondo piano?.ad esempio i 96000 euro per il sismabonus possono essere spalmati tra piano terra, primo piano e secondo piano (quest'ultimo non esiste allo stato attuale)??? E per l'ecobonus vale lo stesso ??? Aiutatemi grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
3 giorni fa

@GiuseppeMazzarelli sismabonus solo sul volume totale esistente, ecobonus solo su volume già riscaldato.

Puoi invertire i due volumi senza problemi se il comune te lo concede.

Se aggiungi un altro piano sicuramente andrai in nuova costruzione perciò non solo non potrai sfruttare i bonus sul secondo piano, ma li perderai per l'intero edificio.

 
 Rispondi Mi piace (0)
1 giorno fa

@AlessandroGuerrieri grazie mille. L'ultima cosa... Sotto l'abitazione ho una cantina interrata 7x 3m regolamente accatastata ha la botola all'interno dell'abitazione ( non ha l'ingresso dall'esterno) Posso abbatterla e ricostruire la cantina usufruendo del sismabonus?

 
 Rispondi Mi piace (0)
1 giorno fa
CM

Buongiorno. Sono un Ingegnere e vorrei porvi due domande. Per un cliente ho ottenuto regolare PDC per interventi di manutenzione straordinaria di un immobile costituito da un c/2(piano terra), un c/6 (piano terra) e un A/4 (piano primo), intervento che contempla la demolizione di parti del fabbricato, dei solai e della copertura e la ricostruzione con ridistribuzione del volume esistente, riduzione dell'interpiano ed ottenimento di un parziale 2° piano. Alla fine avremo un'unità immobiliare A/3( piano terra, primo e secondo), un c/2 (piano terra) e un c/06 (piano terra). Vi pongo due domande:

1)Si può usufruire del Superbonus 110% per gli interventi trainanti come la sostituzione degli impianti termici (è esistente un impianto termico nell'A/4) e l'isolamento termico dell'involucro, considerando che la nuova uiu A/3 e più grande della precedente avendo utilizzato una parte del volume del c/2 e c/6, ridotto l'interpiano e ricavato il 2° piano?

2)Se ho iniziato i lavori prima del decreto rilancio ed ancora non ho eseguito gli interventi sia sugli impianti che sull'involucro, cosa devo fare per usufruire degli incentivi 110?

 
 Rispondi Mi piace (0)
2 giorni fa

@CarmeloMule' se i lavori di demolizione sono già iniziati non è più possibile redigere l'ape pre intervento

 
 Rispondi Mi piace (0)
1 giorno fa

! Segnala questa discussione

Ok
Annulla

Grazie per la segnalazione

Chiudi

Segui la discussione

Ricevi le notifiche di nuove risposte via email

Segui
Annulla

Disattiva gli aggiornamenti

Non ricevere altre notifiche via email

Non seguire più
Annulla

Condividi con...

Thread Title

Impossibile caricare l'immagine

E' possibile inserire immagini del solo formato .jpg e di un peso non superiore ai 5mb complessivi.

Ho capito