Network
Pubblica i tuoi prodotti
Forum / Incentivi / Superbonus al 110%, per quali lavori?

Superbonus al 110%, per quali lavori?

Il 13 maggio, il Decreto Rilancio è stato approvato dal Consiglio dei Ministri, sismabonus ed ecobonus al 110% ci sono!


Ad oggi si tratta ancora di una bozza, ma, il testo del decreto dovrebbe essere pubblicato lunedì 18 maggio in Gazzetta Ufficiale.

Non ci resta che attendere la versione del testo definito!


Segui gli aggiornamenti:

https://www.edilportale.com/news/2020/05/risparmio-energetico/ecobonus-e-sismabonus-110-ecco-le-novit%C3%A0-in-arrivo-con-il-decreto-rilancio_76436_27.html


Se vuoi sapere se un intervento è agevolabile, segui la discussione.

Oppure inserisci nei commenti la tua richiesta circa la lavorazione che vorresti eseguire e riceverai risposta dalla community!

#followus

#staytuned



 
Rispondi Mi piace (12)
Modifica Elimina
 
Commenti (672)
Segui

Gli infissi saranno inclusi nel bonus del 110?

 
 Rispondi Mi piace (4)
13/05/2020
MG

@MicheleSerpico In effetti non si capisce bene quali siano gli interventi possibili e i criteri di applicazione dell'Ecobonus.

 
 Rispondi Mi piace (2)
13/05/2020

@MicheleSerpico anche io ho questo dubbio...ma poi posso anche nn pagare nulla a fine lavori usufruendo dello sconto del 100% della fattura?

 
 Rispondi Mi piace (1)
13/05/2020
VR

@MicheleSerpico Ma un appartamento prima casa non può concorrere? Devono essere lavori di tutto il condominio? Non mi è chiaro?

 
 Rispondi Mi piace (1)
13/05/2020

@MarcoCapati per quanto ne so l'impresa può farti lo sconto in fattura, ma non è obbligata.

Dipende quanto può esporsi a livello di liquidità e quanto si fidi di tutta la procedura di ritorno delle spese

 
 Rispondi Mi piace (2)
13/05/2020

@VitoRussoniello l'articolo dice "condomini e sulle singole unità immobiliari adibite a prima casa beneficeranno di ecobonus e sismabonus al 110%". Anche io mic ero posto il dubbio però messo giù così si intende non solo condomini

 
 Rispondi Mi piace (5)
13/05/2020
MG

@MicheleSerpico Da quello che si legge sul decreto gli infissi sono inclusi se fai uno dei tre interventi principali esempio rifai il tetto o cambi la caldaia a gasolio.

 
 Rispondi Mi piace (1)
13/05/2020

@EmanueleAuriemma infatti anche io ho capito cosi

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VR

@EmanueleAuriemma Purtroppo nella bozza che ho scovato parla di condomini o case unifamiliari. I singoli appartamenti sono fregati. Spero vivamente di sbagliarmi altrimenti è una grande fregatura

 
 Rispondi Mi piace (2)
14/05/2020
VD

@MicheleSerpico Se non ho capito male la circolare 7/E dell'agenzia dell'entrate, del 27 Aprile 2018, pagina 273 e seguenti, prevede per interventi finalizzati al risparmio enegetico, per quanto riguarda il punto, interventi sull'involucro degli edifici esistenti (pag283), gli infissi sono compresi anche delle strutture accessorie.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VD

@MicheleSerpico La bozza pubblicata oggi, art.128 comma 10, se non erro indica, che il 110% si applica agli inetrventi effettuati dai condomini + (nonche) sulle 1° case.


 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
MG

@VincenzoDifelice Gli infissi sono previsti esplicitamente al Art. 128 comma 2 (con riferimento ad altra legge) e sono finanziabili al 110% solo se fatti congiuntamente ai uno dei lavori del comma 1

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

@EmanueleAuriemma

La mia domanda è: il condominio (e quindi anche io per la mia quota) fa rifacimento facciata e cappotto termico con bonus al 110%, mentre io, appartamento privato nello stesso condominio, posso installare infissi nuovi e usufruire della detrazione al 110%???

Oppure visto che è una singola unità immobiliare, anche se in condominio, posso usufruire solo del bonus al 50%?

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020

@VitoRussoniello appartamenti da soli tutto il condominio si. Ma per interventi che, nei fatti, sono gratis dovreste avere gioco facile a convincere i condomini più’ recalcitrati. A loro non costera’ nulla e risparmieranno in bolletta.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

@MicheleSerpico aggiungerei se sono finanziabili con il sismabonus (e se non lo che provvidenze possono attingere), gli impianti elettrici, idirici, le ristrutturazioni edili tipo nuovi pavimenti, rifacimenti dei bagni, tramezzature, l'ascensore e i vani scala per abbattimento delle barriere architettoniche ecc

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
GM

@VitoRussoniello anche quegli edifici bifamiliari o plurifamiliari a più piani dove però ci sono due o più appartamenti resterebbero fuori?

 
 Rispondi Mi piace (2)
15/05/2020
FM

@MarcoCapati si certo. Se le ditte accettano si

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
VL

@EmanueleAuriemma non è "prima casa" ma "abitazione principale" e non è la stessa cosa.

 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
LS

@VincenzoDifelice concordo

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
LF

@EmanueleAuriemma a me pare che parli di edifici unifamiliari e non di unità abitative. la questione prima casa nasce dal fatto che si era affrontato il problema della seconda casa se spettava o meno e poi si è detto che se la seconda casa si trova nel condominio la detrazione spetta comunque. ergo la detrazione è fatta per i condomini


 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
LF

@VincenzoDifelice parla sempre di edifici unifamiliari adibiti a prima casa

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020
VR

@RobertoMaietta Spero che qualcuno raccolga queste richieste, mi aggrego a questo tipo di quesito. Io ho un caso analogo: condominio con unità immobiliari con riscaldamento autonomia, una di esse vuole cambiare la caldaia e gli infissi, il condominio vuole intervenire per l'involucro, la schermatura solare e l'installazione di colonnine per auto elettriche. Il quesito è: una u.i. può essere accostata ad una casa unifamiliare se ha il riscaldamento autonomo ed installare una pompa di calore, magari geotermica e la sostituzione degli infissi come proprio intervento autonomo e partecipare al contempo all'iniziativa del condominio?

 
 Rispondi Mi piace (0)
26/05/2020

@VitoRussoniello Non mi sembra corretto che chi vive in una casa singola possa fare tutto e avere il 110 e chi vive in appartamento no o almeno non al 110....in molt i condomini ci sono problemi che porteranno a nn poter accedere al superbonus.... per esempio nel mio ci sono appartamenti all asta del tribunale o penso a villette bifamiliari dove L ingresso è unico (chi vive al primo piano e chi giù ) Devono dare a tutti la stessa oppurttunita’ !!!! Il cappotto termico se nn si può fare esternamente diano la possibilità di farlo internamente a noi che viviamo in condominio !

 
 Rispondi Mi piace (1)
31/05/2020
MG

@ViadellecostellaziRoberto In effetti se l'appartamento in un condominio ha un riscaldamento autonomo gli dovrebbe essere data la possibilità di fare gli stessi interventi di una casa unifamiliare. Ma credo che si presenterebbero dei problemi a fare il salto di due classi energetiche.

 
 Rispondi Mi piace (1)
31/05/2020
SL

@MG nessun problema a fare non 2 salti ma quanti ne vuoi.

Puoi certamente operare sulla centrale termica con sistema a PdC e ove possibile mettere fotovoltaico per alimentare la PdC. Poi sostituendo infissi e ove possibile isolando dall’interno riesci ad avere dei risultati davvero notevoli, specie se la base di partenza è il tipico comdominio degli anni 70-80

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
MG

@SalvatoreLafauci Con pompa di calore e infissi, per i quali credo in un condominio si debba in ogni caso chiedere l'autorizzazione (il fotovoltaico dove lo mette ?) fa già un salto di due classi ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
fv

@GennaroMazzuoccolo come è scritto il decreto si interpreta proprio così

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
SL

@MG dalle simulazioni di APE che ho fatto di.

i dati però erano zona climatica B (sud Italia), sostituzione di una caldaia tipica anni 90 con PdC, radiatori e valvole termostatiche e Infissi con trasmittanza 1,3 rispetto a 5,7 degli attualmente presenti.

Con fotovoltaico si guadagna almeno un’altra classe.

se poi da qualche parte, ad esempio parete a nord, si fa un isolamento decente si guadagna davvero tanto

 
 Rispondi Mi piace (1)
31/05/2020
MG

@SalvatoreLafauci Ok, ma sostituzione radiatori e valvole termostatiche non sono agevolabili al 110% mi pare?

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
FT

@ViadellecostellaziRoberto Stesso problema: abito in un condominio che per conformazione non può fare il cappotto e dove il riscaldamento è autonomo. Mi pare di essere escluso da qualunque possibilità di bonus 110%, è corretto?

 
 Rispondi Mi piace (0)
05/06/2020
fv

@FrancescoTerzoli si infatti e non mi sembra proprio giusto rispetto a chi riqualifica un suo villone o addirittura una seconda casa in condominio?

 
 Rispondi Mi piace (0)
05/06/2020
BV

@GennaroMazzuoccolo SCUSAMI, HAI AVUTO QUALCHE NOTIZIA IN PIU' RIGUARDO LE UNITA' IMMOBILIARI BI O QUADRIFAMILIARI? INSOMMA ABITAZIONI DI FATTO SINGOLE MA NON LIBERE SU 4 LATI? GRAZIE

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/06/2020
fv

@BarbaraValli purtroppo non ancora, ma sicuramente sono stati sottoposti casi del genere come emendamenti per la conversione in legge. Speriamo bene

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/06/2020
BV

@filippoventrella IN REALTA' SE BASTA IL 25% DELL'INVOLUCRO PER QUANTO RIGUARDA AD ESEMPIO UNA VILLA BIFAMILIARE O TRIFAMILIARE (SECONDO ME FINO A 4 UNITA DI PARI MISURA) DOVREBBE POTERLO FARE ANCHE UNA SINGOLA PERSONA OPPURE BASTEREBBE COINVOLGERE ANCHE SOLO UNA PERSONA SE TUTTE NON SONO INTERESSATE. UNA QUALUNQUE PORZIONE DI IMMOBILE DI QUESTO TIPO DOVREBBE AVERE ALMEO IL 25% DELL'INTERO DA POTER RICOPRIRE CON UN CAPPOTTO.

 
 Rispondi Mi piace (0)
10/06/2020
VD

@BarbaraValli Non è cosi, la superfice al 25%, comunque deve consentire un isolamento termico di 2 classi (dello stabile/scatola/edificio/condominio), cosa non sempre possibile da fare con il solo isolamento del 25%.

 
 Rispondi Mi piace (1)
10/06/2020
fv

@VincenzoDifelice infatti si interpreta così ; solo che , se ho inteso bene dal decreto , al salto delle 2 classi dell'intero edificio (cielo-terra/scatola qual dir si voglia) contribuisce anche l'eventuale impianto FV , meglio anche con accumulo.

 
 Rispondi Mi piace (1)
10/06/2020
GB

@ViadellecostellaziRoberto

Art. 119 comma 1 lett. b): interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.


Art. 119 comma 1 lett. c): interventi sugli EDIFICI UNIFAMILIARI per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.


quindi se sei in un condominio, la tua unità abitativa non è un edificio unifamiliare ed è il condominio che può fare le opere relative all'ecobonus al 110 %,, nel tuo caso, sostituzione di tutti gli impianti autonomi con un impianto centralizzato a condenzazione, a pompa di calore, ibrido o geotermico.


Per quanto riguarda gli infissi, previsti al comma 2 dell'art. 119, possono essere sostituiti solo se si effettua l'isolamento termico, o la sostituzione dell'impianto di riscaldamento, ma dato che non sei tu a realizzare l'isolamento termico o la sostituzione dell'impianto, ma il condominio, è il condominio che può sostituire gli infissi.


Ora potrebbe farlo per tutti i condomini, oppure c'è da vedere se può sostituire solo parte degli infissi relativi a singole unità abitative.


Io la vedo cosi, ma resto disponibile a eventuali confronti.

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/06/2020
LF

@FrancescoTerzoli sembra che se vuoi fare lavori nel singolo appartamento di un condominio non puoi usufruire del superbonus

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/06/2020
LF

@DanieleMarcheselli non è così semplice perchè anche se recuperi tutto in 5 anni devi comunque provvedere a sborsare la tua quota ( salvo che miracolosamente l'impresa non ti faccia lo sconto in fattura o riesca a trasferire il credito alla banca) e credimi trattandosi di lavori importanti che costano non tutti hanno la possibilità di pagare

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/06/2020

Scusate ma questo Bonus 110% io l'ho insteso così: ipotesi IRPEF annua = 15.000€ x 1,1 = 16.500€ per 5 anni = 82.500€ questo sarebbe l'incentivo massimo ricavabile da un contribuente medio, sempre rispettando le prescrizioni tecniche (che non sono poca cosa CAM e quant'altro e quindi costi alti dei materiali) ..... troppo pochi per ristrutturare 100 mq.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
EP

@GabrieleColax Non è così. Se spendo 10.000 euro posso detrarre 11.000 euro in 5 anni, vale a dire che detraggo dall'irpef 2.200 euro ogni anno.

 
 Rispondi Mi piace (1)
13/05/2020

@GabrieleColax se cedi il credito fiscale non sei più’ legato al reddito quindi alla tua capacità’ fiscale, ai solo i limiti dati dal decreto per i diversi tipi di intervento.

 
 Rispondi Mi piace (2)
14/05/2020

@EnricoPiaia Ciao; non penso che sia così altrimenti significa che spendi quello che vuoi e lo stato ti da un 10% in più di quello che hai speso ... a beh secro è pensato per farti arrivare prima alla tua quota IRPEF annua (che è il massimo che lo stato da indietro) .... spalmando su 5 anni anzichè 10, come per ecobonus "normale già attivo", la fregatura è belle che servita

 
 Rispondi Mi piace (4)
14/05/2020
VV

@DanieleMarcheselli ..qualcuno conosce un istituto di credito che accetta il tuo credito d’imposta, sicuramente non a zero qualcosa ci devono guadagnare.

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020

@GabrieleColax tutto deve essere certificato dai tecnici incaricati che attestano la congruità si assumono la responsabilità civile e penale dei lavori eseguiti

 
 Rispondi Mi piace (2)
15/05/2020

@VincenzoVenuto fino a prima del decreto la cessione degli ecobonus alle banche era espressamente vietata (prima si poteva cedere il credito solo ai fornitori della filiera edile) Quindi è’ una novità’ assoluta. Le banche hanno iniziato a elaborare apposite soluzioni dalla scorsa settimana. Ci vorrà’ un po’ di tempo, difficilissimo siano pronte per Inizio luglio.

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020
FM

@EnricoPiaia In realtà non è così...110% perchè:

  • tu fai i lavori e ti viene scontata la fattura dall'artigiano/impresa che ti fà i lavori
  • l'artigiano/impresa va in banca con la fattura e si fà dare i soldi della fattura dalla bancha o dall'istituto finanziario.
  • l'istituto di credito o banca ha uno sconto fiscale pari al 110% della fattura che ha scontato.


i lavori sono detraibili solo in condomini e prime case. Ma solo per miglioramento sismico e termico. Se poi per miglioramento sismico bisogna fare altri lavori sono compresi nel 110%.


Bisognerà capire in quanto tempo le banche erogheranno i soldi, quanto costerà (anche se il giusto sarebbbe non farlo costare perchè guadagnano il 10% in tasse), se è possibile fare qualche SAL, altrimenti le imprese o gli artigiani restano senza liquidità, pertanto per grandi lavori è impossibile affrontare la situazione.

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020
VV

@DanieleMarcheselli capito, sicuramente il credito d’imposta che si potrà cedere sarà quello massimo che produci annualmente col lavoro dipendente che fai , credo d’aver capito così

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
FM

@VincenzoVenuto ora non vorrei aver interpretato male io le notizie, ma si vede il credito. Non il credito d'imposta. Ergo...

Io ti faccio il cappotto 20 Milà euro +IVA e stacco fattura. Tu non mi paghi e io con quella fattura vado in banca, la quale mi darà i 20 Milà euro di fattura. C'è da capire come verrà trattata l'iva... In quanti GG noi artigiani verremo pagati dalle banche, se ci saranno costi...

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
RS

@FantinMarco io che costruisco dopo aver demolito posso usufruire del 110%?

 
 Rispondi Mi piace (2)
16/05/2020
MN

@RobertoScibetta stessa domanda che volevo porre io, seguo

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
EC

@EnricoPiaia Mi scusi, ma mi sembra che lei abbia detto ESATTAMENTE la stessa cosa di Colax, solo vista da un punto di vista diverso.

 
 Rispondi Mi piace (0)
27/07/2020
rp

Ma per gli immobili unifamiliari che a seguito degli interventi di ristrutturazione ed efficientamento energetico saranno adibiti ad abitazione principale secondo il vs parere il superbonus al 110% potrebbe applicarsi? Mi riferisco in queo casi in cui si è acquistato un immobile che nn è al momento abitabile.

 
 Rispondi Mi piace (7)
13/05/2020
MG

@rosamariapagano è la stessa domanda che faccio anch'io, vale anche qui come per l'acquisto prima casa, il trasferimento della residenza nei diciotto mesi dall'inizio lavori?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
LS

@rosamariapagano Aspettiamo le linee guida.

 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
DP

Non ho capito molto, io sono in un appartamento Classe B, per godere della detrazione fiscale al 110% che devo fare?

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@DanielePenzo devi andare almeno in classe A2 per il bonus 110

 
 Rispondi Mi piace (1)
13/05/2020
DP

@GabrieleColax ok grazie mille, ma secondo te da una classe B ad una A2 che interventi dovrei fare?

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@DanielePenzo Non ti conviene, sei già in una classe alta. Passare da classe B ad A2 devi fare spese enormi per avere un presunto incremento del valore della casa molto discutibile. A spanne ti converrebbe forse sostituire solo i serramenti (se sono medio scarsi) e avere gli incentivi non bonus110 ma ristrutturazione.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
VR

@DanielePenzo Ma un appartamento prima casa non può concorrere? Devono essere lavori di tutto il condominio (25% condominio)? Non è chiaro

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@VitoRussoniello Ma certo che concorre, solo che in un appartamento di condominio è effettivamente più difficile, non è che ciascuno si mette i serramenti che vuole o la generazione che vuole; sicuramente per singola unità immobiliare è da interpretare l'applicazione (esistono i regolamenti di condominio).

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
VR

@GabrieleColax Non è molto chiaro per i singoli appartamenti in merito all'estendibilità del 110%. Io interpreto dei paletti con i punti base a, b, c.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
BN

@DanielePenzo io valuterei di utilizzare una pasta Tillica da pochi millimetri o un intonaco isolante ad alte prestazioni e poi se non hai le imposte le aggiungerei. Un calcolo della classe che potresti raggiungere te lo farebbe un buon termotecnico, ma ti consiglio di sceglierne uno che conosca bene queste nuove tecnologie altrimenti ti troverai di fronte ad un muro

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
BN

@VitoRussoniello se hai un termotecnico che ti fa la certificazione dell'attuale classe energetica e prevedi dei lavori interni (anche serramenti nuovi che rientrino nell'estetica scelta dal condominio) che ti permettano nell'insieme di migliorare di almeno due classi energetiche rientri, purché sia abitazione principale credo

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VR

@BarbaraNeri purtroppo da quello che leggo nella bozza per gli appartamenti sembra che se non intervieni sul 25% dell'intero involucro condominiale non si può...invece per le case unifamiliari c'è la possibilità tramite il punto C

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

Le schermature solari rientrano al 110%?

 
 Rispondi Mi piace (1)
13/05/2020
GB

@MaxMeia

Solo se fai l'isolamento termico o la sostituzione dell'impianto di riscaldamento. Se sei in un condominio il nuovo impianto di riscaldamento deve essere centralizzato, quindi dovrà essere il condominio ad effettuare i lavori

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/06/2020

Tutto ciò che concorre a migliorare la classe energetica (di due classi) rientra a mio avviso.

 
 Rispondi Mi piace (1)
13/05/2020
VR

@GabrieleColax Ma un appartamento prima casa non può concorrere? Devono essere fatti necessariamente lavori di almeno il 25% del condominio per rientrare? Ho capito bene?

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
RB

Ho letto il provvedimento e c'è qualcosa che non quadra sul Sismabonus. Il comma 4 elenca i commi del DL63/2013 che inquadrano i lavori di miglioramento: fra questi manca l'1-ter che riguarda proprio gli edifici in zona sismica 3. Inoltre, benchè l'1-septies faccia riferimento anche alle zone 3 (ma riguarda però la demolizione e ricostruzione), potrebbe essere che il comma 1-septies valga comunque solo per i lavori comunque solo in zona 1 e 2, in quanto la 3 è automaticamente esclusa mancando il preciso riferimento al comma 1-ter….

Stando a questa lettura, sembra che nelle zone 3 nulla cambi per il Sismabonus (una platea enorme di cantieri). Spero di sbagliarmi.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
DB

@RobertoBiondi sembra sia proprio così (ho controllato anche su Edilportale). Le abitazioni in zona 3 possono usufruire del sismabonus attuale ma per quello al 110% devono essere in zona 1 o 2

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
DB

@RobertoBiondi sembra sia proprio così (ho controllato anche su Edilportale). Le abitazioni in zona 3 possono usufruire del sismabonus attuale ma per quello al 110% devono essere in zona 1 o 2

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VR

Scusate ma per un appartamento prima casa non si può applicare a meno che non vengano eseguiti i lavori a tutto il condominio (almeno il 25%)? Ho capito bene?

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
LF

@VitoRussoniello

Ho un problema proprio in tal senso. volevo rifare cappotto termico al mio appartamento, prima casa, situato in un condominio.

i preventivi delle aziende sono altissimi ma sembra che la detrazione del 110 non si applichi alle singole unità del condominio ma solo all'intero edificio visto che la norma pare sia stata fatta proprio per incentivare interventi edilizi sui palazzi condominiali

 
 Rispondi Mi piace (0)
24/05/2020

@LorellaFusco è una grande ingiustizia!!! Chi ha una casa singola è uguale a chi ha un appartamento....tutti dobbiamo avere gli stessi diritti !!!! E se nn è possibile fare il cappotto esterno condominiale dobbiamo poterlo fare internamente al 110 !!!

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
MG

@LucaPaoloDebeni Ma fare il solo cappotto interno di un appartamento singolo (2-3 facciate), che quindi suppongo dovrebbe avere anche la caldaia autonoma, non sarebbe un grande efficientamento energetico (in che classe energetica ?) né per l'appartamento né per l'edificio nel suo insieme.

 
 Rispondi Mi piace (0)
31/05/2020
DF

Ma su una casa bifamiliare rientra il tetto?e il cappotto su tutta la superficie

 
 Rispondi Mi piace (2)
13/05/2020

@DiegoFurlan certo, ma sempre rispettando le prescrizioni tecniche per fare i lavori, che non sono cosa semplice da attuare.

 
 Rispondi Mi piace (1)
13/05/2020
IS

@GabrieleColax appunto! Che tipo di materiali dovrei prevedere affinché siano bei Criteri Ambientali Minimi - CAM (ex DM 11 ottobre 2017)?

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
MG

@DiegoFurlan E quindi se uno rifà il tetto e coibenta qualche balcone della villetta bifamiliare, poi può fare anche porte e finestre/infissi e quant'altro, giusto?

 
 Rispondi Mi piace (1)
13/05/2020
MZ

@MG Non credo. Hai comunque il voncolo che la classe energetica post-intervento deve essere migliorata di due classi. E dubito che ci rientri se non fai anche cappotto completo.

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
MG

@MassimilianoZanin Con un tetto e gli infissi penso proprio che in una casa bifamiliare, 2 classi energetiche le recuperi bene (soprattutto se parte bassa F o G)... Il problema è che non si capisce bene se la possibilità di sostituire gli infissi è vincolata al lavoro di un tetto..

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
GB

@MG

La possibilità di sostituire gli infissi e vincolata all'isolamento termico, quindi tetto o cappotto o alla sostituzione degli impianti di riscaldamento

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/06/2020
MR

È applicabile anche ai locali pertinenziali alla prima abitazione la detrazione del 110%?

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@MarioRotunno Non credo proprio.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@MarioRotunno io invece credo di sì.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
FG

Tutta fuffa !!!

Vuoi cambiare gli infissi? Valgono le vecchie detrazioni.

Vuoi cambiare la porta d'ingresso? Valgono le vecchie detrazioni.

Vuoi cambiare la caldaia? Valgono le vecchie detrazioni.

Ecc....

L'unica cosa sono gli interventi di efficientamento energetico sul condominio ma dubito fortemente che riconosceranno il 110%: ci saranno da rispettare tali e tanti di quei requisiti..... che si ritornerà, come nel gioco dell'oca, al vecchio 65%.

Ho già avuto una conferma con il famigerato 90% del bonus facciate 😁... applicabile solo in determinati contesti (pochi ovvio) e a copertura dei soli costi di intervento manodopera e pittura, NO intonaco per esempio.


Comunque dai la presentazione del Conte in conferenza è sempre da 👏👏👏👏


 
 Rispondi Mi piace (5)
13/05/2020
GS

@FabrizioGhiglione Perché dici che è una truffa? Per per avere lo sconto del 110% sugli infissi, porta d'ingresso, caldaia, ecc., sarà necessario mettere in cantiere qualche altro intervento di ristrutturazione in modo tale che il tutto avvenga in concomitanza con lavori più “incisivi”, che garantiscano l’abbattimento della classe energetica dell’edificio, come da attestazione A.P.E. 

 
 Rispondi Mi piace (2)
17/05/2020
DM

Buongiorno, io avevo in programma per luglio i lavori per rifare il tetto e isolarlo, avendo già dato un acconto a Maggio secondo voi il restante da pagare può rientrare nella casistica del 110% ? Grazie a che mi saprà rispondere.

 
 Rispondi Mi piace (2)
13/05/2020
AD

@DanieleMarconi bisogna scendere di 2 classi... solo col tetto non si fa proprio niente

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
MG

@AlfioDistefano Beh dipende in che classe uno è ora, quanto è grande il tetto e com'è il resto della casa. Magari uno aggiunge gli infissi..

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MM

Ciao a tutti!

Io ho una casa di 40 anni circa. Non conosco la classe energetica, ma suppongo G o F.

Pertanto cosa devo fare? Un APE prima e dopo gli interventi per dimostrare che ho guadagnato due classi?

Inoltre vorrei fare più interventi (cappotto + pannelli fotovoltaici con accumulo + condizionatore), i quali credo li farò con aziende diverse. Come dovrò fare per accedere al bonus per tutti questi interventi?

Grazie in anticipo da chi mi aiuta a capire! :)

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

Ciao, più o meno stessa situazine partita un anno fa, lavori non ancora partiti per via dei preventivi delle aziende che "sono pazze" ... comunque per arrivare accedere agli incentivi un po' seri bisogna fare praticamente tutto: cappotto, tetto, impiati pannello radiante a pavimento con pompa di calore elettrica (praticamente obbligati per rispettare i FER), pannelli FTV; x 100mq sappi sei sui 150k almeno.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
PD

@GabrieleColax sono tutti impianti tecnologicamente avanzati a risparmio energetico,li danno nello specifico questi contributi per incentivarne l''utilizzo

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
MM

@GabrieleColax

Si, ma se faccio 3 interventi per esempio:

  • azienda A: installazione fotovoltaici
  • azienda B: cappotto
  • azienda C: climatizzatore

Come faccio ad accedere alla detrazione per tutti e 3?

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@PietroDeMasi Secondo te una pompa di calore (tecnologia che ha 50 anni) da 10kWt con due sonde del cavolo possono costare più di 30k€? io sono del settore e ti posso assicurare che le poche aziende che fanno questi oggetti hanno prezzi ingiustificati e via così per tutto il resto; fatevi fare preventivi per cappotti "bio" ...vai vai !

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
PD

@GabrieleColax ,faccio questo mestiere dal 1995 conosco bene i prezzi

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@MicheleMilani Prima di tutto ci deve un professionista che fa un'analisi energetica delle scelte e capire se si scende di due classi energetiche. Con il Ecobonus si poteva chiedere a ENEA i costi delle spese a diversi "fornitori" tramite bonifico parlante con causale "giusta" (scritta nel sito ENEA); penso sarà la stessa cosa per Bonus110

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@PietroDeMasi Beh allora è ora di aggiornarsi; io per la mia casa ho chiesto moltissimi preventivi nell'ultimo anno per diversi materiali (tetto, cappotto, impiantidi diversa tipologia) e sono tutti molto (troppo) alti; è chiaro che ci marciano sopra "perchè ci sono gli incentivi" .... chi orecchie per intendere ....

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@MicheleMilani le conviene affidare i lavori ad un impresa di costruzione il tutto,così risolve il dubbio

 
 Rispondi Mi piace (2)
14/05/2020

@MicheleMilani che problema c’è’? e’ la normalità’.

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
GB

@MicheleMilani

Puoi pagare i singoli fornitori, e trasformare quanto dato in credito di imposta e poi cederlo tu ad altri soggetti, quindi banca o altri ( art. 121 comma 1 lett. b - decreto rilancio).

Oppure dovresti farti fare uno sconto in fattura da ogni fornitore, ma qui la faccenda diventa alquanto complessa e le pratiche da realizzare aumentano.

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/06/2020
ND

Buonasera a tutti. Sapete se un lavoratore all'estero di cittadinanza italiana - che paga le imposte sul reddito nel paese in cui lavora - può richiedere lo sconto in fattura per la ristrutturazione dell'abitazione in Italia? Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@NicolaD se si tratta di un appartamento in condominio si (per lavori condominiali), se si tratta di casa singola no, perché’ per le unifamiliari deve essere anche prima casa, beneficio che si perde andando a lavorare all’estero (sempre che tu sia iscritto Aire, altrimenti lo Stato non lo sa che sei residente all’estero...).

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VR

@DanieleMarcheselli Grazie e come avevo pensato. Quindi facendo un cappotto dell'intero edificio condominiale poi ogni condomino può estendere il bonus 100% (su fattura) o 110% (in 5-10 anni dichiarazioni) su tutto il resto della ristrutturazione interna come infissi, impianto con caldaia a condensazione classe a, ecc...giusto?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

@VitoRussoniello si, se il cappotto migliora la classe energetica dell’edificio allora gli interventi minori godono del superbonus.

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
ND

@DanieleMarcheselli grazie mille per la risposta. Si (purtroppo) sono iscritto all aire. La casa ha 3 appartamenti (gli altri due dei miei fratelli) quindi credo che il rifacimento delle facciate con cappotto - se ho capito bene dal tuo messaggio - rientri nei lavori condominiali e anche io possa beneficiare del bonus. Grazie ancora, Nicola

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
PB

@DanieleMarcheselli Scusa, ma se non erro, questo non vale per tutti gli iscritti AIRE. Per i pensionati AIRE che risiedono all'estero e hanno un solo immobile nel comune AIRE e percepiscono pensioni da parte di uno Stato estero, l' articolo 9-bis della Legge n 80/14 prevede l'agevolazione da abitazione principale (e l'esenzione IMU, per l'appunto). "A partire dall’anno 2015 è considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unita’ immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso.”


Se dunque è vero che in questi casi l'immobile è considerato "abitazione principale", dovrebbero anche potersi avvalere delle agevolazioni di ristrutturazione ? Che ne pensi ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
26/05/2020
GB

@DanieleMarcheselli

Non deve essere prima casa per le unifamiliari, deve essere prima casa solo per l'ecobonus, forse x i fotovoltaici vale pure la seconda casa.

Ma comunque molto probabilmente, si spera, porteranno tutto anche per le seconde case.


 
 Rispondi Mi piace (0)
22/06/2020
AM

Salve a tutti.

Mannaggia, anche in questa occasione credo di non potermi avvalere del c.d. "ecobonus Rilancio" !

Casa mia é stata costruita 40 anni fa in zona agricola (Zone E) del mio Comune.

Sanata regolarmente e anche dichiarata abitabile, la casa risulta a tutti gli effetti "a norma". Risulta "prima casa" anche fiscalmente.

Adesso, dopo quattro decenni, necessità di un nuovo prospetto. Necessità di una ristrutturazione generale . Magari di un cappotto termico.

Tuttavia, secondo l’articolo 2 del decreto n. 1444/1968 del Ministro dei lavori pubblici, richiamato con apposita Circolare dall'Agenzia delle Entrate nello scorso mese di febbraio, mi vedo (ancora una volta !) escluso da tutti i benefici fiscali e non.

Esiste qualche possibilità per rimediare a tale esclusione ?

Qualcuno qui potrebbe fornirmi qualche consiglio in merito. Oppure, ho compreso invece male io ?

Esiste una via alternativa per potere accedere ai benefici annunciati da Conte ?

Un sentito ringraziamento a chi potrà indirizzarmi.

Angelo


 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020

@AngeloM. Non sarei così’ pessimista anzi... devi rifare la facciata ma non rientri nel bonus facciate, perché’ sei zona E invece che A o B, se capisco bene. Però hai detto che vuoi fare anche Una ristrutturazione generale con degli interventi ad efficienza energetica quali cappotto termico, magari caldaia e infissi nuovi? Hai una casa di 40 fa quindi magari è’ una classe energetica bassa... se grazie agli interventi predetti fai un salto di due classi energetiche, allora rientri nell’eco bonus al 110% e grazie alla ristrutturazione generale a quel punto, sembrerebbe (ma si attendono chiarimenti su questo) ci sta anche la facciata al 110%.

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020
VD

@AngeloM. ce un motto che recita Ora, Lege, Lege, Lege, Relege, Labora et Invenies, si lo può fare c'è una norma che lo prevede, ma al momento non ricordo quale.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
PD

rieccoci come l''ultimo trimestre del 2019 da domani tutti i clienti a chiedere i lavori senza tirar fuori un euro dicendo che l''enel x si accolla la cessione dello sgravio ....e tu che cerchi disperatamente un istituzione che si prenda lo sgravio per trasformateli in denaro liquido quello che ti serve per vivere.

 
 Rispondi Mi piace (4)
13/05/2020
IS

Buonasera.Se una plurifamiliare a due piani è della stesso proprietario, questo può solo portare solo la.primacasa al 110? Quindi solo un piano?? E poi, Che tipo di materiali dovrebbe prevedere affinché siano bei Criteri Ambientali Minimi - CAM (ex DM 11 ottobre 2017)??

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
GB

@IvanSimonetti

In questo momento si. Può darsi che con la conversione in Legge del decreto Leveranno il vincolo della prima casa -

 
 Rispondi Mi piace (0)
22/06/2020
fc

Un aspetto da dover attentamente osservare sarà la paventata possibilità di modificare l'attuale termine di liquidazione del credito fiscale maturato. Ad oggi ciò avviene una volta l'anno e nel mese di Marzo. La voce che anticipava la creazione di un c.d. cassetto fiscale con regolazione mensile o trimestrale delle liquidazioni, credo che sia la vera chiave di volta al concreto sviluppo (o meno) del volano economico-finanziario nei desiderata del provvedimento. Se non girano i pagamenti in favore degli attori di ogni singolo cantiere, gli unici che (more solito) si faranno i "bagni" saranno solo le banche.



 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
IP

Quindi se ho capito bene un condominio composto prevalentemente da unità immobiliari in affitto, ovviamente non prima casa dei proprietari è tagliato fuori dai benefici fiscali al 110%, dovendo intervenire su parti comuni per realizzare ad esempio i cappotti esterni o interventi sui tetti per ottenere i requisiti prestazionali richiesti, con buona pace dei pochi che magari sono anche proprietari.

 
 Rispondi Mi piace (2)
13/05/2020

@IvanoPapa da dove l’hai capito? Da quello che leggo io qualunque condominio può usufruirne e non vi è la necessità che tutte le unità devono essere “abitazioni principali”

 
 Rispondi Mi piace (2)
13/05/2020
IP

Probilmente è così, anche se non mi sembra chiarissimo, ma la mia affermazione voleva essere volutamente provocatoria in quanto in questo modo l'applicazione del bonus fiscale risulta sbilanciata e poco democratica in quanto favorisce alcuni proprietari di seconde case (condomini) a discapito di altri proprietari di seconde case che non sono in condominio.

Si consideri che essere proprietari di seconda casa non vuol dire essere necessariamente abbienti e capaci economicamente di effettuare interventi di manutenzione straordinaria, ci sono famiglie con 2/3 figli, reddito normale, un mutuo sul groppone per la prima casa ed una seconda casa, probabilmente ereditata dai genitori defunti che avrebbe bisogno di drastici interventi di manutenzione, ma senza risorse per farli,.. il bonus capiterebbe a fagiolo, ma non gli tocca, mentre magari al proprietario di 10 appartamenti in un condominio invece il bonus spetta,... non mi sembra una misura equa.

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
VD

@IvanoPapa No, legga bene, art,128, comma10, anche,....

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
LD

Io ho un appartamento di proprietà in centro storico e vivo in un appartamento fuori città dove ho la residenza che non è mio... Volevo ristrutturare il mio appartamento in centro storico (facente parte di un condominio) per migliorarlo sismicamente e aumenta nto la classe energetica facendo un cappotto interno... Vorrei sapere se posso usufruire del super bonus del 110%...graxie a chi mi risponderà.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
LD

Io ho un appartamento di proprietà in centro storico e vivo in un appartamento fuori città dove ho la residenza che non è mio... Volevo ristrutturare il mio appartamento in centro storico (facente parte di un condominio) per migliorarlo sismicamente e aumenta nto la classe energetica facendo un cappotto interno... Vorrei sapere se posso usufruire del super bonus del 110%...graxie a chi mi risponderà.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
PP

Interessante, peccato che il tempo sia così breve, l'ufficio complicazioni e' intervenuto a complicare le procedure, solo sulle prime case e' un forte limite.

 
 Rispondi Mi piace (2)
13/05/2020

scusate la domanda forse stupida, ma non ho mai avuto a che fare con queste dinamiche.

Poniamo un caso:

L'acquisto di un rustico da ristrutturare completamente (con demolizione).

Il bonus vale ugualmente?

Se ci sono 200.000 euro di lavori per la costruzione della nuova unità, a vostro avviso quanto si riesce a recuperare? (Perchè mi sembra di capire che le spese per le fondazioni ad esempio non siano contemplate nel bonus......e nemmeno per le opere di muratura)

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
LL

@SimoneIdroAriot


Di base il rustico deve essere abitabile (e per 110% adibito a 1a casa) e già riscaldato!


Poi leggi FAQ11A

https://www.efficienzaenergetica.enea.it/component/jdownloads/send/31-ecobonus/156-faq-ecobonus.html


ciao


 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
LC

@LucaLeo

Buonasera,

noi stiamo acquistando un rustico (accatastato come C2) con una pratica edilizia per ristrutturazione edilizia già depositata in comune.

Non si prevedono lavori di ampliamento della sagoma.

Mutuo prima casa già deliberato e pratica notarile con beneficio prima casa.

Vorrei sapere se la nostra situazione rientra nel bonus 110% considerato che nel momento in cui verranno effettuati i lavori non sarà ancora accatastata come abitazione (in quanto la pratica di riaccatastamento verrà fatta a fine lavori) e che i lavori di efficientamento energetico partiranno, appunto, da un rustico non riscaldato.


Grazie,

Luca

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020
AP

@LucaCilli anche io mi trovo nella stessa situazione e vorrei capire come te se è possibile accedere a questo contributo o se ci dobbiamo "accontentare" del bonus ristrutturazione con detrazione del 50% della spesa.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020

@AbramoPiu e @LucaCilli uguale situazione, i vostri locali sono già riscaldati?

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/06/2020
PS

@LucaCilli stessa situazione... seguo per dettagli

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/06/2020
SL

@LucaCilli credo che si potranno applicare le medesime soluzioni fin qui praticate per situazioni analoghe, ovvero quello del generatore fittizio.

Difatti l’APE per il rogito l’avranno fatto, utilizzando appunto questo artifizio.

Ritengo il tutto ammissibile, tuttavia una Faq all’Enea non farebbe male

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/06/2020

@LucaCilli , ciao hai delle novità in merito?

 
 Rispondi Mi piace (0)
09/08/2020

@LucaCilli hai novità a proposito?

 
 Rispondi Mi piace (0)
09/08/2020

Salve a tutti. Se mi date un chiarimento vi sarei grato. Un villino a schiera Monofamiliare rientra o meno in questa fattispecie di agevolazioni? Dovrei coibentare il tetto e fare ristrutturazione delle due facciate nonché adeguamento dell’impianto interno di climatizzazione. Dovrei ricadere in zona B.

grazie per le risposte.

 
 Rispondi Mi piace (0)
13/05/2020
ml

Buonasera non è molto chiaro questo nuovo decreto ministeriale, ad esempio se io ho un rudere con progetto di ristrutturazione, naturalmente non abitabile, con questa norma è possibile usufruire dei vari bonus? Faccio presente che la casa è in una zona a rischio sismico 2 grazie

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020

@mauriziolanducci se il rustico è composto da minimo due unità immobiliari uguali si può usufruire del sismaecobus fino all’85% con cessione del credito se è una sola unità abitativa senza cessione soli lo sgravio fiscale per 10 anni.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

@mauriziolanducci Se il progetto di ristrutturazione del rudere lo rende abitabile e tu lo fai poi diventare prima casa si.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
ml

@DanieleMarcheselli grazie Daniele per la risposta, si finiti i lavori diventerà 1 abitazione, sai se ci sono delle novità, per questi bonus? Grazie Maurizio

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/06/2020

Salve, devo iniziare i lavori sul mio fabbricato che ora è grezzo ed è prima casa. Posso usufruire del 110% per installazione del fotovoltaico, pompa di calore e facciata? O è solo per ristrutturazione? Ci sono dei forti dubbi su questo. Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

@fabt no

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020

Io ho aperto la cila due anni fa e non l'ho ancora chiusa perche ho 3 anni di tempo. Potrei comunque usufruire dell'ecobonus al 110 % per condizionatori e infissi? Sempre se questi due interventi aumenterebbero la classe energetica da D a B almeno. Grazie a chi mi risponde

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
rp

Buongiorno,

posto il link al testo del decreto https://www.corriere.it/economia/aziende/20_maggio_13/dl-rilancio-l-ultima-bozza-provvedimento-che-approda-consiglio-ministri-testo-completo-1d700a0a-951e-11ea-b53d-888d5c72a186.shtml

L' Art. 128-ter "Trasformazione delle detrazioni fiscali in sconto sul corrispettivo dovuto e in credito d’imposta cedibile" sembra includere la possibilità di sconto in fattura anche per le detrazioni spettanti per il bonus facciate e il bonus ristrutturazioni. Ho ben compreso?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

Salve, qualcuno ha idea se la rimozione con relativo smaltimento delle coperture in eternit sarà compreso in questo decreto? Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
am

Buongiorno a tutti,

vorrei un vostro parere circa il comma 2 dell'art.128 del DL Rilancio:

"L’aliquota prevista al comma 1 si applica anche a tutti gli altri interventi di efficientamento energetico di cui all'articolo 14 del citato decreto-legge n. 63 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 90 del 2013, nei limiti di spesa previsti per ciascun intervento di efficientamento energetico previsti dalla legislazione vigente e a condizione che siano eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi di cui al comma 1"

Questo significa che posso avere il 110% anche sugli infissi se sostituiti congiuntamente a cappotto termico o pdc? cosa ne pensate?

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
MG

@attiliomarrese Anch'io la interpreto cosi' ovvero se fai dei lavori in una delle tre categorie poi anche gli infissi e/o il fotovoltaico ci possono rientrare. Non è ben chiaro pero' il primo intervento del comma 1 in cosa consiste esattamente per una casa uni o bifamiliare.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VR

@attiliomarrese Anche io ho interpretato così...il problema è per i singoli appartamenti in un edificio. Praticamente se non fanno lavori per l'intero condominio non si può accedere al bonus 110%!? Speriamo sia possibile per chi in un appartamento possa fare il cappotto interno

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
bp

Buongiorno ho fatto nel 2018 un progetto di ampliamento volumetrico del 35% usufruendo del piano casa. Ad oggi sto ancora ultimando i lavori, preciso che ho fatto demolizione e ricostruzione. Chiedo a qualcuno esperto nel settore se posso usufruire di qualsiasi agevolazione fiscale. Ringrazio anticipatamente


 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
LS

@bapiero l'ampliamento è una nuova costruzione per cui non gode di detrazioni fiscali, ma solo di iva agevolata al 4%


 
 Rispondi Mi piace (2)
14/05/2020

@LorenaSilanArchitetto Salve io invece ho buttato a terra e sto ricostruendo con la stessa volumetria e l intervento è stato indicato come riattivazione.

Posso adesso fare uso dell' ecobonus al 110?

Ovviamente porterò la residenza a fine lavori.

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
ES

Salve, io non ho ben capito se si può usufruire del bonus facciate ed ecobonus insieme a quello della ristrutturazione al 50%. Mi spiego meglio, se ho una ristrutturazione in atto( inizio lavori 2019) per i lavori che rientrerebbero nell'ecobonus e che effettuato dal 1°luglio avrò il 110%?

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
PP

@ElenaStefanizzi Conta il criterio di cassa. Ossia la data in cui effettui il pagamento con bonifico, non la data di effettuazione del lavoro.

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
EC

@ElenaStefanizzi La legge specifica che le detrazioni da Ecobonus 110 non sono cumulabili con altri incentivi (compresi quelli della detrazione 50%). Quindi i lavori iniziati con la detrazione del 50% vanno avanti con quel criterio, e puoi recuperare il 50% di ciò che spendi.


 
 Rispondi Mi piace (0)
30/07/2020
EM

Salve, qualcuno sa se è valido anche per cantieri giù avviati ma non terminati e con opere ancora da poter detrarre?

Esempio: se ho fatto lavori di miglioramento sismico nel 2019 con importi di 50000 € e da portare in detrazione in questi mesi con percentuali 80/85% come da sismabonus precedende, i restanti 46000€ per raggiungere il tetto di 96000 potrò detrarli al 110%?


Per abitazioni con cambio destinazione d'uso da C2 a unità immobiliare , valgono le detrazioni di cappotto-serramenti e impianto di riscaldamento per efficentamento energertico?


Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
PP

@EnzoMarella Il decreto dice: "per le spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021". Quindi per quanto hai già pagato non puoi usufruire. Per le spese che pagherai dopo il 1o luglio, potrai usufruire del 110%, purché per lavori che vi rientrano.

 
 Rispondi Mi piace (2)
14/05/2020
MZ

Con le modifiche introdotte dal decreto, se io effettuo interventi di risparmio energetico su di una seconda casa (e quindi agevolati al 50%), posso d'ora in poi cedere il credito d'imposta ad una banca? O vale solo per il superbonus e le abitazioni principali?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VD

@MZ dobbiamo attendere le linee guida.

 
 Rispondi Mi piace (0)
23/05/2020
LS

ciao, con un intervento complessivo di isolamento termico, cappotto facciate + isolamento copertura, la sostituzione dei serramenti rientrerà al 110 oppure manterrà le percentuali attuali?

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
MG

@LorenaSilanArchitetto Beh direi proprio di si' ! ... L'intervento complessivo di cui al comma 1 deve essere su almeno il 25% della superficie disperdente e fatto con i materiali di cui al decreto del 2017

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
PP

Se in un appartamento in condominio si fa il cappotto INTERNO agendo solo sulla singola unità immobiliare, il lavoro rientra nel 110%? Per chi deve ristruttuare è importante: il proprietario sarebbe autonomo nel fare lavori di risparmio energetico nel proprio appartamento e farvi rientrare anche serramenti, infissi, coperture solari senza dover dipendere da scelte di coibentazione esterna dell'intero edificio che richiedono delibera dell'assemblea.

 
 Rispondi Mi piace (3)
14/05/2020
RC

@PincoPallino hai avuto risposta a questa tua domanda??


Mi trovo nella stessa situazione, vorrei fare cappotto interno per npon dipendere da nessuno e allo stesso tempo sbloccare bonus per serramenti.


Fammi sapere, grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
21/05/2020

Salve, si parla sempre delle spese per i lavori. Ma le spese per i servizi professionali, vengono esclusi dal bonus? O anche il professionista può accettare il credito di imposta?


 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
ss

Salve,


al momento è ancora tutto molto nebuloso! Mi sembra che ci vorranno commercialisti, tecnici specializzati per la compilazione dei documenti, ecc. Il decreto spinge al coinvolgimento di aziende grandi o medio-grandi, mentre questi tipi di interventi, almeno sulle singole abitazioni come la mia, sono normalmente eseguiti da piccole aziende artigiane notoriamente con pochi capitali e quindi scarsa bancabilità. In altre parole molte chiacchiere e poca sostanza, come al solito! Staremo a vedere..

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

Posseggo una casetta di due appartamentini, il primo del quale intestato a me in separazione dei bene è utilizzato da mia moglie ed io come prima abitazione. Il piano superiore (intestato a mia moglie, sempre in separazione di beni). E' ovvia mente impossibile eseguire un cappottino solo su un appartamento, cosi' come la coimbentazione del tetto Inoltre devo rifare, per norma, l'impianto gas (che ora corre all'interno) in esterno con sostituzione di entrambe le caldaie con caldaie più efficienti a condensazione. Insomma è un vero mini condominio. Per quali spese pensate sia valido il nuovo ecobonus ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

@MarianoProfessione una bifamiliare con due proprietari diversi e’ un condominio. In quanto tale Non siete neanche obbligati al vincolo prima casa. Credo tu possa rientrare nel bonus al 110 se rispetti gli altri vincoli salto di doppia classe Etc.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

Posseggo una casetta di due appartamentini, il primo del quale intestato a me in separazione dei bene è utilizzato da mia moglie ed io come prima abitazione. Il piano superiore (intestato a mia moglie, sempre in separazione di beni). E' ovvia mente impossibile eseguire un cappottino solo su un appartamento, cosi' come la coimbentazione del tetto Inoltre devo rifare, per norma, l'impianto gas (che ora corre all'interno) in esterno con sostituzione di entrambe le caldaie con caldaie più efficienti a condensazione. Insomma è un vero mini condominio. Per quali spese pensate sia valido il nuovo ecobonus ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
ml

Buongiorno , ma esattamente cosa posso detrarre com materiali di ristrutturazione, in questo decreto, esempio se rifaccio la muratura esterna, con casseri armati compresi di cappotto, questo è un' intervento che posso detrarre? Solai tetto ecc si possono detrarre? Grazie Maurizio

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

Buon pomeriggio a tutta la community, vi informiamo che la news postata nell'OP (original post) è stata aggiornata. Riporta l'elenco degli interventi agevolabili.


Qui invece potete scaricare il testo della bozza del Decreto Legge:

https://www.edilportale.com/normativa/bozza-non-ancora-in-vigore/2020/bozza-misure-urgenti-in-materia-di-salute-sostegno-al-lavoro-e-all-economia-nonch%C3%A9-di-politiche-sociali-connesse-all-emergenza-epidemiologica-da-covid-19-(decreto-rilancio)-(coronavirus)_17701.html



 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

@VitoRussoniello nella news postata nel primo post di avvio a questa discussione.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
MG

@edilportale.com Il decreto Rilancio ce lo abbiamo... ;-) , addirittura una versione delle 17h30 di ieri. Manca pero' un'esplicitazione e dettaglio degli interventi finanziabili al comma 1 sino a 60.000 € per unità immobiliare : "interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo".

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
VR

@edilportale.com Dove sono riportati gli interventi agevolabili (aggiornati)??? Link? Quando nell'articolo si dice "Il superbonus 110% si applica: agli interventi effettuati dai condomini, sulle singole unità immobiliari adibite ad abitazione principale..." cosa si intende? Un singolo appartamento può fare il cappotto interno e usare l'ecobonus 110%?...cioè un singolo appartamento per poter usufruire dell'ecobonus 110% è necessario che almeno sul 25% delle parti comuni del condominio si facciano gli interventi di isolamento?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VD

@VitoRussoniello si intende che l'agevolazione è riferita al condominio, inteso come unico immobile, nel senso che le unità abitative devono poter accedere alle parti comuni, tipo vano scale. Non al singolo appartamente, che comunque puo beneficiare della sostituzione degli infissi.

Gli interventi agevolabili sono riportati sul sito dell'ENEA

https://www.efficienzaenergetica.enea.it/detrazioni-fiscali/ecobonus.html?tmpl=component&print=1&layout=default

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VR

@VincenzoDifelice Grazie e come avevo pensato. Quindi facendo un cappotto dell'intero edificio condominiale (almeno 25% superficie) poi ogni condomino può estendere il bonus 100% (su fattura) o 110% (in 5-10 anni dichiarazioni) su tutto il resto della ristrutturazione interna come infissi, impianto con caldaia a condensazione classe a, ecc...giusto?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VD

@VitoRussoniello Deve fare attenzione la norma si riferisce al condominio EDIFICIO, quindi alle parti comuni, quali infissi, muri esterni, portoncini d'ingressoo, ovvero per l'eco bounus si deve rendere la scatola (+ altre fonti diperdenti da consumo energetico) e/o involucro energetico. Gli spostamenti di tramezzature, il rifacimento dei bagni che non incidono sui consumi energetici, non sono inclusi. Praticamente non deve trattarsi di una modifica degli ambineti interni.

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020

Mi sarei aspettato un prolungamento della scadenza del 21/22/2021 per quando riguarda l’abbattimento e ricostruzione sisma eco bonus all’85%.speriamo in seguito.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

Salve vorrei sapere se tra gli interventi detraibili al 110% sono ricompresi anche:

-L'installazione di termocamini

-La sostituzione degli infissi

-L'installazione di condizionatori

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

Buongiorno, ho appeno acquistato un appartamento da ristrutturare in condominio e avevo in programma di effettuare i seguenti lavori:

- Sistema di riscaldamento/raffreddamento a pavimento con caldaia a condensazione

- Impianto elettrico

- Ristrutturazione bagni

- Infissi esterni/Interni

Inoltre il condominio approverà nel 2021 dei lavori di rifacimento della facciata.


Posso in qualche modo usufruire dell'ecobonus?

Il sistema di riscaldamento/raffreddamento a pavimento può rientrare? Se si il costo dei pavimenti sarebbe escluso?

Gli infissi mi conviene aspettare i lavori condominiali visto che potrebbero rientrare in un piano comune di efficientamento energetico dell'intero immobile?

Se non posso usufruire delle detrazione al 110% mi spettano comunque le altre detrazioni (50 e 65)? Se si questi crediti possono sempre essere scontati in fattura?


Grazie per le risposte che vorrete darmi

Saluti

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

un unico proprietario di un condominio di tre appartamenti abitata insieme si due figli.

rientra nel bonus 110% con cessione del credito?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

vivo in un condominio al quinto piano e sono proprietario anche di metà terrazza, pari a 170 mq, secondo voi rientra nel bonus 100% il rifacimento totale della terrazza con coibentazione ecc.ecc.?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VD

si, come da circolare dell'agenzia dell'entrate, il bonus è riservato agli stabili che hanno parti in comune, non ai proprietari dei singoli immobili.


 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

@VincenzoDifelice grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

Ma io lo farei come proprietario della mia parte di terrazza, ove tra l’altro ho un giardino d’inverno. Il condominio non verrebbe coinvolto.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VD

@MarcellaBon si puo rientrare, ma poi la detrazione spetta ai singoli condomini ed in quota pure a lei.

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
SR

Questo decreto mi ha lasciato con un mare di dubbi. Vi espongo il primo. Una persona è proprietaria di un immobile classe A3 adibito ad abitazione principale ed acquistato contemporaneamente ad un immobile classe C2 ristrutturato e un immobile classe C6 da recuperare. Visto che il decreto dice "le disposizioni si applicano agli interventi effettuati sulle singole unità immobiliari adibite ad abitazione principale", l'immobile C6, di pertinenza esclusiva dell'abitazione principale" secondo voi è agevolabile?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VD

se non ho sbagliatoa capire, c'è un ---condomini, nonchè,.... nel senso che il simabonus art. 10, si applica anche nel caso di una villetta singola, mentre l'articolo 11 recita che l'ecobonus si applica anche su abitazioni principali, come una villetta a schiera, ma non su una villetta che è concessa in fitto.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
AB

in poche parole qualcuno può spiegare per rientrare nel bonus cosa minimo deve fare un proprietario di un singola unità in condominio ?

Qualche esempio

Grazie

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
VD

@AndreaBurato Puo ristrutturare la sua casa con le aliquite esistente e non con il 110%, Puo ususfruire del 110% solo se l'amministratore del condominio e l'assemblea delibera di voler eseguire sisma bonus e/o ecobonus. La norma attuale, come quella di prima, è riferito al palazzo/ condominio, inteso come SCATOLA/Involucro che deve essere conforme alle norme energetiche. Condominio, nel senso parti comuni all'edificio, vano scala, muri esterni ed infissi dei singoli appartamenti. Il decreto modifica solo le ALIQUOTE % di detrazione, e non aggiunge tranne la possibilità di cedere il credito ed eseguire successive cessioni, altre norme, gli importi spettanti e le regole sono quelle che puo leggere su internet.

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020

Hai a disposizione un certo numero di mesi per trasferire la residenza. Ma puoi spendere da luglio.

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

L mia domanda è: il condominio (e quindi anche io per la mia quota) fa Rifacimento facciata e cappotto termico con bonus al 110%, mentre io, appartamento privato nello stesso condominio, posso installare infissi nuovi e usufruire della detrazione al 110%???

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VR

@RobertoMaietta Mi pare proprio di si

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020

@RobertoMaietta pare di sì, per Ora e’ solo l’interpretazione prevalente ....verra’ spiegato meglio, in ogni caso pare che nei condomini I cosiddetti interventi "minori" continuano ad esser agevolati per la loro strada, antecedente al dl Rilancio e che prevede ad esempio una detrazione al 50% in dieci anni per serramenti e condizionatori. Il supersconto al 110% in cinque anni scatta solo se questi lavori sulle singole unità immobilari vengono effettuati nell'ambito di un più ampio intervento che agisce sull'intero edificio. Quindi ok nel caso tuo.

 
 Rispondi Mi piace (1)
14/05/2020
TF

Sono in una abitazione bifamiliare, si può usufruire del bonus al 110% recuperando dal sottotetto un altro appartamento?


 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
VD

@TullioFerraris si, è stabilito in un interpello dell'agenzia delle entrate.


 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020

ho Acquistato casa unifamiliare in campagna come prima casa, Devo iniziare ristrutturazione globale, cambio caldaia tutti gli infissi, sono in classe G, sicuramente miglioro almeno due classi. Non avrei diritto a bonus facciate perché’ non sono in zona A o B. Adesso che rientro nel superecobonus al 110% posso estendere Bonus 110% anche a facciata Perché faccio “ristrutturazione globale”, oppure comunque no?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

Ma caldaie a condensazione e abbassamento con coibentazione in un appartamento rientrano nel bonus 110 ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
mb

Buonasera vivo nella mia prima casa un appartamento in una bifamiliare degli anni 60 e urge la sostituzione di tutti gli infissi. Ho letto i post precedenti e se non ho capito male posso usufruire del bonus 110 solo in abbinamento ad un altro intervento? ci sarebbe la caldaia da sostituire che ha già 25 anni ma non è a gasolio rientro comunque? infine siccome non ho un lavoro "regolare" come faccio a scalare questo sconto in tot anni se non ho redditi?

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020
AF

devo ristrutturare un appartamento all interno di un palazzo da zero che ha classe energetica g. Questo decreto cosa mi può far detrarre? E soprattutto tra impianto idrico elettrico riscaldamento infissi e caldaia cosa e quanto posso detrarmi nella ristrutturazione? Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
14/05/2020

Buongiorno a tutti, volevo chiedere se anche i lavori con detrazioni al 50% per un restauro casa rurale per prima abitazione dunque tetto solai impianti pompa di calore cappotti infissi essendo un rurale mi dicono che non avendo gli impianti Ecobonus non posso averlo OK MAH visto che è un restauro completo la mia domanda è posso cedere almeno il 50% alle banche o altri enti? 

grazie in anticipo.

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
sc

buongiorno

ho una casa monofamiliare, una parte deve essere demolita e poi ricostruita in bioedilizia, mi spetta il 110% considerato che faro' tutto in bio edil appunto?

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
RR

Buongiorno a tutti, secondo voi in una casa singola unifamiliare rifare il tetto ora non coibendato, istallare un impianto fotovoltaico con pompa di calore e alcune persiane e sostituire alcuni infissi rientra nell' ecobonus al 110%?

Il mio grande dubbio è sul tetto

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020
MG

@RobertaRomani Il rifacimento/coibentazione del tetto è secondo me uno degli interventi principali (art. 128, comma 1) che dà poi la possibilità di fare gli altri (infissi e fotovoltaico). Bisogna pero' che tutto l'intervento del tetto costituisca in sé almeno il 25% della superficie disperdente; il che in una casa unifamiliare 4 facciate sembra pero' difficile a meno che non ci sia un tetto a falde e balconi... In una bifamiliare (3 facciate) o villetta a schiera (due facciate) è più probabile che si possa raggiungere il 25 %. D'altra parte se si fa uno degli altri 2 interventi principali/trainanti gli infissi e il fotovoltaico rientrano ai sensi degli altri commi dell'articolo 128 e sempre che i lavori siano fatti congiuntamente, ma rimarrebbe poi fuori il tetto.

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
DC

Buon Giorno, il fatto di privilegiare i "condomini" è buona cosa, va bene il concetto di "Prima Casa" però se questi sono le 2 case in condominio, come accade per alcune costruzioni , non va bene. In particolare nei confronti di coloro che hanno la singola 2 casa, non in condominio. Questo è il caso di molte delle case ereditate dai genitori, nei paesi e paesini che si sono spopolati negli anni per mancanza di lavoro. Tutte queste persone sono emigrate in città, ed ora hanno la cd 2casa, al paese. A queste aggiungo anche per coloro che con sacrificio (mutuo) si sono potuto permettere di acquistare la cd 2casa in campagna, (non un container o una rulotte in riva al mare-campeggio) magari un rudere abbandonato, o una vecchia casa abbandonata dai vecchi proprietari, e che si stanno ristrutturando mano mano. Avendo la cd 2casa queste persone pagano tutti i Servizi energetici, TARI ad un importo maggiorato, non usufruendone per buona parte dell'anno. Queste persone poi pagano ingiustamente l'IMU/TASI , non usufruendo della totalità dei servizi come un residente.

Ora il Decreto emesso, continua l'iniqua distinzione.

Ora il Decreto emesso, farà si che nelle Città qualcosa si andrà a fare, mentre nei paesi semi abbandonati, questa "ristrutturazione ecobonus, FV Sismico avverrà a macchia di leopardo, in quanto , il non residente, non avendo agevolazioni in merito, ed avendo subito la medesima "Pandemia", non si potrà permettere di ristrutturare.

Inoltre mi occorre riferire, che oggi lo Stato, nel bene e nel male, darà un aiuto a tutti o quasi tutti, anche a "fondo Perduto", regalerà denaro prelevandolo dall'Erario, da quella Cassa Comune, che è comune solo per alcuni che correttamente, per non dire onestamente, hanno contribuito a creare e questo mentre molti (vediamo la previsione degli anni passati sull'evasione fiscale nel nostro Paese x oltre 150 miliardi di euro anno!), NON HANNO CONTRIBUITO A CREARE.

E allora privilegiamo i privilegiati.

Cordiali saluti

Domenico Cruciani

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020
MG

Come si calcola la superficie disperdente lorda, per l'intervento ai sensi dell'art. 128 comma 1, nel caso di una casa singola (2,3 o 4 facciate) ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
LL

@MG le superfici dell'involucro (misurate da fuori) che racchiudono il volume riscaldato (lecitamente). Quindi, immaginando una casa singola, i 4 prospetti + copertura e pavimento.

In appartamento invece non si contano i divisori verso altre unità riscaldate.

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020
BN

Ci sono intere città dove i cittadini lavorano in nero e le istituzioni lo sanno. Quando parlano di evasione fiscale se la prendono sempre con gli autonomi che spesso fanno la fame per pagare le tasse, perché escludendo i gruppi o le multinazionali questi piccoli non avrebbero nemmeno i mezzi per districarsi tra leggi fatte apposta per favorire i grossi imprenditori

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
RR

Sinceramente io ho già il cappotto su tutta casa quindi la mia unica superficie disperdere ora è il tetto. Ci rientro?

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020
MG

@RobertaRomani Non saprei. Il calcolo della superficie lorda disperdente è roba complicata. Non saprei se il fatto di avere già un cappotto interno o esterno la renda 100% non disperdente. Forse dipenderà anche dalla classe energetica. Le finestre e altro rimangono in ogni caso sempre superficie disperdente.

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
RR

@MG allora dovrò trovare un tecnico che mi faccia il calcolo puntuale.🤐

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020
MG

@RobertaRomani Se ha già un attestato APE dell'immobile il totale della superficie disperdente è indicato. Per fare i lavori e beneficiare in ogni caso un tecnico che certifica il tutto ci vorrà. Aspettiamo il decreto e circolari applicative perché certe cose non sono ancora chiare, soprattutto la differenziazione tra unità immobiliari singole e condomini.

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
EC

@RobertaRomani Oltre a dover salire di due classi di efficienza energetica, la legge prescrive che l'intervento di isolamento deve riguardare almeno il 25% della totale superficie disperdente...Con il solo tetto è difficile.

 
 Rispondi Mi piace (0)
30/07/2020
EC

@MG Il calcolo della superficie disperdente di un edificio non ha nulla di complicato: basta fare la somma della superficie delle facciate esterne, del tetto e del pavimento (più complicato, invece, è il calcolo della dispersione - che conduce poi alla famosa APE). Per quanto riguarda la percentuale di coibentazione, nessun oggetto reale può essere "non disperdente" al 100% (anzi, nel migliore intervento possibile di isolamento siamo comunque ben lontani dal 100%)...Se fosse fisicamente possibile avere oggetti che tattengono per intero, sena dispersione, il calore accumulato, il moto perpetuo sarebbe una realtà! La legge richiede, semplicemente, che dopo l'intervento l'edificio possa essere classificato in una classe energetica che sia di due gradi superiore a quella ddi partenza.

 
 Rispondi Mi piace (0)
30/07/2020
FE

Buongiorno a tutte/i. Vorrei chiedere una info. Il super bonus al 110% può essere utilizzato anche per il rifacimento delle facciate comprensivo di balconi, ringhiere? Tali lavori si debbono accoppiare a lavori di efficientamento energetico per usufruire del super bonus? Inoltre, dovrei rifare degli infissi, potrei usufruire del super bonus?

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020

Buongiorno a tutti. Vivo in un appartamento di proprietà termoautonomo, in condominio. Vorrei chiedere per info se in base al decreto rilancio si potrà usufruire della detrazione del 110% sostituendo la vecchia caldaia, con una a condensazione e sostituire i vecchi infissi di 35 anni fa con i più moderni ed efficienti energeticamente. Vi ringrazio in anticipo. Nicola

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020

@NickZanfardino sono anche io in questa situazione, ma ascoltando intervista di Fraccaro sembrerebbe di no.

L'intervento deve essere per tutto il condomino.

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020

Per i tanti (come me) che hanno il dubbio se l'intervento degli appartamenti in condominio possono usufruire SINGOLARMENTE del bonus 110%, da questa intervista di Fraccaro sembrerebbe proprio di no.


https://www-fanpage-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.fanpage.it/politica/fraccaro-a-fanpage-it-ecobonus-al-100-solo-se-si-ristruttura-tutto-il-condominio/amp/?amp_js_v=a3&amp_gsa=1&usqp=mq331AQFKAGwASA%3D#aoh=15895468751335&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.fanpage.it%2Fpolitica%2Ffraccaro-a-fanpage-it-ecobonus-al-100-solo-se-si-ristruttura-tutto-il-condominio%2F

 
 Rispondi Mi piace (2)
15/05/2020

@EmanueleAuriemma ti ringrazio per la sollecita risposta.

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
GL

Bella intervista.

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020

Buonasera a tutti, ho un rudere accatastato C/2 con progetto approvato per ristrutturazione e cambio di destinazione d'uso a civile abitazione, sono in attesa del permesso di costruire per avviare i lavori, secondo voi rientrerei nel bonus 110? grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
BN

Deve essere abitazione principale

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020

@BarbaraNeri...grazie per avermi risposto, si sara abitazione principale

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020
ml

@SaroCaci buonasera anch'io ho una casa simile ma per usufruire del bonus deve diventare prima casa dopo i lavori?

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020
dr

sul sito di repubblica si fa riferimento alla possibilità di detrarre anche i condizionatori, se realizzati congiuntamente all'intervento principale (es. caldaia condominiale). Però non mi convince: il DL rilancio fa rimando agli interventi previsti dall'art. 14 della legge 63 del 2013, che però non mi sembtra ricomprenda i condizionatori. Cosa ne pensate?

 
 Rispondi Mi piace (0)
15/05/2020

SALVE

HO ACQUISTATO UNA UNIFAMILIARE, PIANO SEMINTERRATO DI 70 MQ E PIANO TERRA DI 70 MQ, NEL LOTTO HO MQ RESIDUI PARI A 70MQ , VISTO CHE LA CASA E' SU BLOCCHETTI DI TUFO, IO VORREI ABBATTERLA E RICOSTRUIRLA CON AMPLIAMENTO DEI 70 MQ, USUFRUENDO DEL SISMA BONUS E DEL ECOBONUS. QUALE OPZIONI POSSO PERCORRERE?

INSERISCO NELLE SPESE SISMABONUS ED ECOBONUS SOLO LA RICOSTRUZIONE IDENTICA VOLUMETRICA DI CASA E LE SPESE DI AMPLIAMENTO COME RISTRUTTURAZIONE ???

IL LIVELLO SISMICO E' BASSISSIMO E LA CLASSE ENERGETICA E' G , QUINDI RIENTREREI NELLA LEGGE DI SUPERARE DI DUE LIVELLI LE CLASSI ENERGETICA E SISMICA.

GRAZIE ATTENDO CONSIGLI

 
 Rispondi Mi piace (1)
15/05/2020

Salve avrei bisogno di delucidazioni.

Io sto ristrutturando il mio "edificio unifamiliare" e a breve dovrò iniziare i lavori di intonaco con conseguente applicazione di pannelli isolanti.

Questo tipo di intervento può essere considerato come intervento di isolamento termico previsto dal decreto?

E qualora il mio credito d'imposta risulti esaurito (dato che ho portato in detrazione tutti i lavori di muratura) e la ditta che provvederà ai lavori di intonaco non accetti la cessione del credito, io posso comunque usufruire del bonus 110% per l'acquisto degli infissi o della caldaia a condensazione?

 
 Rispondi Mi piace (1)
16/05/2020
FM

@PaoloBove se il cappotto da un efficientamento energetico si. Dovrà rivolgersi a un tecnico, il quale farà i calcoli energetici di casa sua e le darà indicazioni sul tipo e la dimensione del cappotto.... Credo che funzionerà anche per chi ha già iniziato i lavori come lei. È ben chiaro che chi porta a sconto totale non scaricherà dalle tasse...

 
 Rispondi Mi piace (1)
16/05/2020

@FantinMarco grazie per la risposta.

Quindi secondo lei ai fini del bonus potrebbero essere validi i lavori già effettuati?

Chiedo questo perché tra i lavori che ho sostenuto a fine 2019 è compresa anche la muratura perimetrale con isolamento interno.

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
MG

@PaoloBove Per ora la bozza del decreto parla di "spese sostenute dal 1° luglio 2020" ovvero in teoria farebbe fede la data fattura non l'esecuzione dei lavori in sé. Può pero' darsi che tutto dipenderà invece da quando si fanno le pratiche e si dichiara l'inizio lavori e l'efficienza energetica a una certa data e alla fine dei lavori con incremento di almeno di due classi energetiche. Il tecnico dovrà fare una dichiarazione asseverata.

 
 Rispondi Mi piace (1)
16/05/2020
FM

@PaoloBove bisognerebbe chiedere, ma non credo sia retroattiva. Se invece il cappotto esterno lo farà adesso, credo rientri.

 
 Rispondi Mi piace (1)
16/05/2020
AT

Esclusione soggetti esercenti attività di impresa, arti e professioni (Partite Iva)

Non si comprende per quale ragione i soggetti che esercitano attività di impresa arti e professioni non possono beneficiare del superbonus 110%.

Forse che questi soggetti non sono stati colpiti dai disagi provocati dal Covid19?

Se così fosse perché nello stesso decreto sono state inserite misure importanti in aiuto a tali categorie?

Forse che i locali dove questi soggetti svolgono la loro attività contribuiscono in misura minore sulle emissioni climalteranti?

Che “peso” avrà il loro voto nelle assemblee condominiali?

Dovranno subire, nelle assemblee, le decisioni da parte dei condòmini cosiddetti Persone Fisiche quando questi avranno la maggioranza?

Nel caso in cui i soggetti con partita iva hanno la maggioranza dei millesimi, saranno, questa volta, le Persone Fisiche a subire le delibere di non adesione agli incentivi?

I soggetti con partita iva di quali agevolazioni potranno usufruire e in che misura?

I requisiti minimi che dovranno soddisfare i soggetti con partita iva saranno gli stessi delle Persone Fisiche?

Il miglioramento energetico dovrà essere lo stesso, oppure si dovrà fare un calcolo con parametri diversi?

Si sa che sono molto rari gli edifici condominiali nei quali non ci sono attività commerciali, artigianali, professionali etc. In questo modo si elude il principio in cui è l’edificio oggetto delle agevolazioni e non chi lo possiede. Uno dei concetti base delle norme agevolative è che l’edificio deve essere accatastato e riscaldato.

Inoltre tale esclusione è in totale contraddizione con l’ultima guada dell’Agenzia delle Entrate di marzo 2019 la quale a pag. 7 recita:

<< CHI PUO’ USUFRUIRNE

Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti residenti e non residenti, anche se titolari di reddito d’impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto di intervento.

In particolare sono ammessi all’agevolazione:

·        Le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni

·        I contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali)

·        Le associazioni tra professionisti

·        Gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

Dal 2018 anche gli Iacp e le cooperative di abitazioni.>>

Altro dubbio riguarda il punto b) degli interventi finanziabili degli edifici, che riguarda la sostituzione degli impianti termici con impianti centralizzati, tale punto non chiarisce, negli edifici dove gli impianti sono autonomi e tecnicamente impossibile da trasformare in centralizzati, se tali unità potranno efficientare il loro impianti singolarmente.  

Aggiungo infine un quesito alquanto delicato: I cessionari del credito d’imposta (quali Eni, Enel, Snam, altre c.d. utilities e ora anche le banche e finanziarie) potranno aggiungere dei costi di “commissioning” (c.d. costi di cessione) e inserirli nei costi totali del progetto dell’intervento e quindi essere portati anch’essi in detrazione? E se sì, ci sarà un massimale per tali costi aggiuntivi? E…il 10 % sarà il limite massimo che i cessionari potranno trattenere nell’operazione per assicurare al committente la copertura dei costi dell’intervento del 100%?

P.I. Termotecnico – Consulente Energetico

Michele Antonio Tagliareni

 
 Rispondi Mi piace (1)
16/05/2020
RR

Buongiorno. Superbonus ed ecobonus sono cumulabili? Qual è il limite massimo previsto su cui ottenere le detrazioni?

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
VD

@RiccardoRossi Quello di prima fino ad ora, salvo specifiche 136.000€uro, anche se ad ora è ecobonus 60.000+96.000 sismabonus, quindi qui occorre la specifica.

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
BP

Buongiorno, avrei bisogno di alcune informazioni. Io e la mia famiglia rientriamo nella cosiddetta No Tax Area, avendo un reddito estremamente basso. Da quanto capisco sarà praticamente impossibile per me accedere a questo nuovo ecobonus, giusto? Sto leggendo informazioni molto contrastanti tra di loro, in alcuni siti viene riportato che per i contribuenti incapienti c’è la possibilità di cedere il credito a istituti di credito o ad intermediari finanziari; mentre altri affermano esattamente il contrario. Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
FM

@BenedettaParisi io credo che, a rigore di logica, proprio chi ha redditi bassi può usufruire della cessione del credito... Mi pare illogico il contrario.



 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
VD

@BenedettaParisi Allora le spiego, può cedere il credito di 100 ad esempio ad una banca, ma la banca non le darà il controvalore 100, ma bendì 100-una somma +o- di 30, quindi le darà 70, sempre a condizione che esegue i lavori. In alternativa puo cederlo all'impresa, se essa è capiente. In alternativa dobbiamo aspettare il decreto che è in corso, e sempre a patto che realizzi l'investimento potrà cedere 100 ( la quota dell'investimento) al Sig x dietro ricevimento di 100, ma il sig x beneficerà di 100+10, Se non cambiano il decreto potrà cedere anche una frazione del 100 a + persone.

 
 Rispondi Mi piace (1)
16/05/2020
MG

@BenedettaParisi Sconto in fattura e cessione del credito sono proprio concepiti per gli incapienti e/o chi non ha i soldi per fare tutti i lavori.

 
 Rispondi Mi piace (1)
16/05/2020
VV

@VincenzoDifelice un esempio io che ho un imponibile IRPEF annuale di 6000€ x 5 sarebbero 30000€ ma se ne spendo 60000€ i restanti 30000€ non posso fare nulla o se cedo il mio credito d’imposta ad una banca e/o finanziaria non è considerato l’imponibile IRPEF e puoi cedere l’intera somma nel mio caso per il sismabonus???

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
VD

@VincenzoVenuto Vi spiego, con le regole in approvazione, lei avra 60.000 di credito, 30.000 se le compenza e 30.000 li vedi a me ad esempio, ed io le do 20.000 €uro cash, attendo la circolare esplicativi e sarò operativo con una apposita piattaforma per acquistare tutti i crediti che vogliono cedere ad una cifra che va dal 35 al 45% circa. del credito ad esempio 60.000/1.45= €uro 41.000 circa cash.

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MG

@VincenzoDifelice Cioè lei vorrebbe essere cessionario del credito a tassi di sconto da usura...

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
RS

Io a breve inizierò la costruzione di una casa(ex novo), la mia prima casa, dopo averla demolita. Rientro tra i possibili fruitori dell’ecobonus 110% ?

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020

@RobertoScibetta secondo me sì, perchè di fatto se c'era una casa si tratta di ristrutturazione/demolizione

 
 Rispondi Mi piace (1)
16/05/2020
FE

Salve a tutte/i. Vorrei chiedere una info. Il super bonus al 110% può essere utilizzato anche per il rifacimento delle facciate comprensivo di balconi, ringhiere? Tali lavori si debbono accoppiare a lavori di efficientamento energetico per usufruire del super bonus? Inoltre, dovrei rifare degli infissi, potrei usufruire del super bonus?

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
FM

@FrancescoElia le ringhiere non credo siano comprese, ma i balconi fanno parte dei serramenti, pertanto credo di sì

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
ll

Sarà possibile utilizzare il superbous 110 per quel che concerne la ristrutturazione delle parti comuni al condominio e la detrazione con ecobonus, ante coronavirus, per la ristrutturazione dell’appartamento?

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
ml

Buonasera non riesco a trovare una vostra gentile risposta. Allora la riscrivo, ma esattamente cosa posso detrarre? Esempio io ho un rudere da ristrutturare completamente in area rischio sismico 2 se rifaccio le fondazioni armate, a norma sismica, tutta la muratura esterna con casseri armati compresi di cappotto, Solai tetto ecc ecc cosa posso e quanto posso detrarre mettiamo su una spesa di 150.000 euro? Spero in una vostra risposta Grazie Maurizio

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
VD

@mauriziolanducci Le spigo, tutte le spese per rendere l'involucro antissimico, ovvero travi, pilastri, muratuira, intonaco armato, se fa anche ecobonus, cappotto esterno, puo agevolare anche infissi, se ha un impiato di riscaldamento, anche l'impiantoi di riscaldamento, l'impianto elettrico in adeguamneto se è esistente, i solai interni, compreso di pavimentazione, l'intonaco interno, tutto il cappotto esterno compreso di graffiato plastico oppure di pittura, il portoncino d'ingresso se condominiale, il tetto con relativo iusolamento, ecc... in definitiva tutto quello che il tecnico ritiene che rientri nell'adeguamento sismico/energetico. Per semplificare deve considerare la casa come una scatola, e quindi deve rendere sismicamente ed energeticamente la scatola, ovviamente la scatola/edificio, ha parti comuni, quali travi, pilastri scale, (se è necessario demolire la scala per conseguire un adeguamneto di 2 classi, anche il marmo ecc..).

 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
ml

@VincenzoDifelice grazie mille per la delucidazione

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MN

@VincenzoDifelice e se demolisco la mia attuale case rurale in cui abito per ricostruirla con minore volumetria con tutte le varie specifiche richieste (cappotto, impianti energetici , aumento di due classi energetiche rispetto ad ora ecc) secondo te posso accedere al Bonus 110%? Grazie mille

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VV

@VincenzoDifelice quindi ti devi limitare all’involucro esistente e se allo stesso tempo vuoi sopraelevare riceveresti il bonus 110% solo per la cubatura esistente e per il resto no, o perdi tutto???


 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
VD

@MatteoNati Tutto si puo fare in Italia, nell'edilizia, è come quando va dal medico, se è somaro, muore. Cmq, bisogna analizzare la sua casa e valutare l'intervento, poiche si rende necessario valutare 3 norme Abbattimento e ricostruzione/eco-sismabonus. Io sono un tecnico ed un costruttore www.segestasas.it. ( dal 1976 stessa p.iva) Gli interventi vanno valutati perchè bisogna ottenere il massimo vantaggio con il minimo sforzo, senza un'analisi puntuale del caso, per vedere cosa è più conveninete non saprei risponderla, perchè bisogna valutare i vari costi, vedere attualmente le condizioni energetiche, sapere quando è stato costruito l'edificio, valutare la consistenza statica ecc....

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020

@VincenzoDifelice è tutto chiaro il lavoro che si può fare ma quale importo massimo si può avere fra ecobonus e sismabonus?

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
VD

@MauroCiccarelli ad oggi 96+40, quando usciranno le linee guida forse 96+60.000 €uro

 
 Rispondi Mi piace (1)
19/05/2020
EB

Buonasera a tutti,

scrivo per chiedere se qualcuno può aiutarmi a capire il mio caso. Io sono proprietario di prima casa in un piccolo condominio di 11 appartamenti. Siamo tutti termoautonomi e quindi avrei intenzione di sostituire la mia vecchia calderina a metano con una a condensazione di classe A o superiore. Vorrei anche cambiare tutti gli infissi con tipo rispondente alle caratteristiche per essere ad alta efficenza. Secondo voi la sostituzione della calderina é contemplata nel bonus 110% per il mio caso? di conseguenza se lo fosse potrei anche includere gli infissi ? grazie molto a chi mi risponderà.

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
MP

Buonasera, sono proprietario al 50% con mia madre di una casa unifamiliare. Per mia madre è abitazione principale mentre per me è seconda casa. Posso detrarre l'ecobonus dalla mia IRPEF o i lavori posso essere detratti solo da mia madre? Lei non ha IRPEF per sfruttare il bonus. Grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
PB

buonasera

Io sono proprietario di uno stabile avente 2 appartamenti piu' un magazzino al piano terra...Nell'appartamento al primo piano abito io , nell'altro c'e un inquilino anche lui residente e poi c'e il magazzino al piano terra....Ho diritto all'ecobonus e al sisma bonus? Se si solo per il mio appartamento o per tutto lo stabile? Sarebbe pero' impossibile ristrutturare il mio appartamento sismicamente se non eseguo lavori nei altri 2 piani....spero che qualcuno mi sappia dare una spiegazione...grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
16/05/2020
VD

@PaoloBianchi si, l'interpello Ag. Entrate precisa che un condominio/palazzo, è formato da almeno 2 unità immobiliari + pertinenze, aventi parti comuni (si deve considerare il condominio/casa e non la proprietà).


 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
PB

@VincenzoDifelice grazie tanto

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
EE

Domanda: se ho per esempio 10000€ di capienza IRPEF annuale e faccio lavori come un cappotto esterno di 100000€, poi posso recuperare in 5 anni 50000€, le restanti 50000€ sono perse?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@EmanueleEmanuele in alternativa, cone perse.

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@EmanueleEmanuele Vi spiego, con le regole in approvazione, lei se ha 100.000 di credito, 50.000 se le compenza e 50.000 li vedi a me ad esempio, ed io le do 34.000 €uro cash, attendo la circolare esplicativi e sarò operativo con una apposita piattaforma per acquistare tutti i crediti che vogliono cedere ad una cifra che va dal 35 al 45% circa. del credito ad esempio 100.000/1.45= €uro 41.000 circa cash.

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MG

@VincenzoDifelice Cioè lei di un credito d'imposta pari a 100.000 € (che sarebbe +/- il 110% di 90.000 di spese lavori) si trattiene per se 55.000-65.000 ? Alla faccia della cessione del credito... Il sistema è congegnato affinché il cessionario sia remunerato con il 10% della spesa lavori non con il 55%...

 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
VD

@MG no, nel senso se lei sa che non può detrarre dall'imposta la somma X, che quindi andrà persa, (ad esempio paga 100 ed ha imposta da detrarre per 200) le conviene sicuramente cederla anche al 50-60-70%, tanto è gratis il cambio. Ovvero è disposto a fare un regalo al fisco e non a incamerare una somma per non regalarlo?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@MG no, nel senso se lei sa che non può detrarre dall'imposta la somma X, che quindi andrà persa, (ad esempio paga 100 ed ha imposta da detrarre per 200) le conviene sicuramente cederla anche al 50-60-70%, tanto è gratis il cambio. Ovvero è disposto a fare un regalo al fisco e non a incamerare una somma per non regalarlo?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MG

@VincenzoDifelice Conviene a lei...:-) A chi fa i lavori conviene cercare di cedere direttamente tutto il proprio credito e/o farsi fare il 100% di sconto in fattura dall'impresa edile;

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
EE

@VincenzoDifelice sono costretto a cedere il credito quindi ci perdo almeno 15000€ invece in 10 anni avrei potuto recuperare il 100%

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@EmanueleEmanuele C'è sicuramente un incomprensione, quando si cede un credito, che matura in 5 o 10 anni, il credito va attualizzato ad oggi, nel senso, se quando morirà Il sig x che ha oggi 20 anni riceverò 1.000.000 di €uro (considerando che la durata media della vita è 80 anni) quando ricevo oggi, se cedo il credito? questo è il calcolo per le imprese, per le banche, per i privati, e pure per tutti.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
VD

@MG è uguale, non cambia niente a livello di preventivo, se ne hai discusso con l'impresa prima.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020

Le opere devono riguardare condomini o unità immobiliari indipendenti, non in costruzione, che siano prima casa e potranno usufruire del bonus le persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni: fanno eccezione gli interventi compiuti dagli Iacp o da imprese e cooperative che hanno finalità sociale. Significa quindi che se si possiede una villetta che si utilizza come casa di vacanza o la si affitta non si ha diritto al bonus, se la seconda casa è in condominio invece si ha diritto al bonus.

il condominio minimo è quello composto da soli due proprietari. In verità, nella prassi, la disciplina del condominio minimo viene applicata a tutti gli edifici con non più di 8 condomini, ossia a tutti quegli immobili dove non è obbligatorio nominare un amministratore di condominio.

Come tutti i condomini, anche il condominio minimo si costituisce in via automatica, senza bisogno che ci sia una delibera dell’assemblea.

Ho scritto alcune notizie che possono essere utili per tanti come me che tra poco inizieranno i lavori della facciata e l'istallazione del fotovoltaico del mio appartamento (seconda casa) che si trova in un palazzo di cinque famiglie tutte composte da parenti stretti.

volendo potrei utilizzare il bonus del 110% anzichè quello previsto del bonus facciate al 90%.

Secondo voi rientro nel Bonus 110%?? Oppure solo nel bonus facciata al 90% e 50% nel fotovoltaico?

 
 Rispondi Mi piace (2)
17/05/2020
FM

Scusate l'ignoranza ma perché unite la cessione del credito alla riduzione irpef,? Io ho capito che questa legge è totalmente diversa da come la state interpretando qui


 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MG

@FantinMarco La cessione al 110% del credito d'imposta (a chiunque) e lo sconto in fattura (dell'impresa) sono alternativi alla detrazione d'imposta su l'IRPEF proprie o in caso d'incapienza

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020

@FantinMarco Allora chiarisci tu perchè se non c'è più il limite dell' IRPEF come ritorno massimo dallo stato allora è inutile anche cedere a qualcun altro il credito che ci fa la cresta per non fare nulla (un'altro "attore" finanziario già "pensato" per Legge?)

 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
FM

@GabrieleColax io ho capito che tu fai i lavori, miglioramento energetico, sismico, ecc non scarichi nulla ma cedi il credito. Pertanto

Io ti faccio il cappotto e stacco fattura per 10mila euro.


Tu non mi paghi e io vado in banca con la fattura, la banca mi dà i 10 mila euro e la banca scarica dalle tasse 11mila euro. 10 mila +10% ... Per questo 110% .


Chi fa i lavori non scarica la non paga...



 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
MG

@FantinMarco Esatto, chi fa i lavori ha 3 possibilità: detrarre dal proprio IRPEF; cedere a chiunque il credito che è 110% della fattura; farsi scontare la fattura al 100% dall'impresa edile o fornitore eppoi lui se la vedrà con le proprie imposte o con altri cessionari del credito.

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
FM

@MG il 110% lo ha la banca che anticipa i soldi all'impresa....

 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
MG

@FantinMarco Si certo è la via più semplice a meno che il contribuente IRPEF o l'impresa abbiano interesse loro alla detrazione del 110%.

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@FantinMarco no, è sempre il beneficiario che ne risponde, anche se lo stesso viene annullato dall'Ag. delle Entrate

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
MN

Salve a tutti,

se demolisco la mia attuale prima casa da me al momento abitata e dotata di impianto di riscaldamento, posso ricostruire con minore volumetria ed usufruire del Bonus 110%? Naturalmente rispettando le regole del miglioramento di 2 classi energetiche ecc ecc.


Grazie a chi mi può potrà rispondere.

Matteo Nati

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
FM

@MatteoNati per me no... Vale solo per le ristrutturazioni

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MN

@FantinMarco però nel 2019 ho letto nel sito della Agenzia delle Entrate che si poteva fare perché demolizione e ricostruzione erano equiparati a ristrutturazione..

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@MatteoNati si, basta che il suo tecnino non sbagli ad indicare nella pratica l'artico preciso del testo unico dell'edilizia se non erro uno dei commi all'art.3 del DPR380/2001

 
 Rispondi Mi piace (2)
17/05/2020
MN

@VincenzoDifelice però purtroppo in quell'articolo si riporta "nell' ambito degli interventi di ristrutturazione edilizia sono ricompresi anche quelli consistenti nella demolizione e successiva fedele ricostruzione di un fabbricato identico, quanto a sagoma, volumi, area di sedime e caratteristiche dei materiali, a quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica.". Mi pare però in questi giorni di aver trovato spiegazioni più recenti rispetto a quel Dpr2011 in cui si spiegava la possibilità di diminuire la volumetria e la metratura rispetto al demolito... Questo punto dovrò ben appurarlo prima di procedere.. intanto grazie!

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MN

@VincenzoDifelice ecco l'ho trovato.



CIRCOLARE N. 13/E  Agenzia delle entrate del 31/5/2019


Analogamente a quanto precisato in materia di detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio, anche alle detrazioni in commento si applicano i chiarimenti forniti dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici che, nell’affrontare alcune questioni interpretative relative all’art. 3, comma 1, lettera d), DPR n. 380 del 2001, ha precisato, che “la volumetria preesistente rappresenta lo standard massimo di edificabilità, cioè il limite massimo di volume edificabile, quando si tratta di interventi di ristrutturazione edilizia consistenti nella demolizione e ricostruzione, per i quali la norma non consente aumenti complessivi della cubatura preesistente”. Di conseguenza, secondo il citato Consiglio Superiore, “interventi di demolizione e ricostruzione che non sfruttino l’intera volumetria preesistente, ma ne ricostruiscano soltanto una quota parte (…) appaiono rientrare a pieno titolo nella fattispecie della ristrutturazione edilizia”. Pertanto, è possibile fruire della detrazione spettante per gli interventi di riqualificazione energetica nel caso in cui siano realizzati interventi edilizi di demolizione e successiva ricostruzione con una volumetria inferiore rispetto a quella preesistente. 

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
EE

Quindi non ho capito una cosa: se ho capienza fiscale IRPEF di 10000€ annuale e faccio lavori di cappotto, infissi, fotovoltaico etc per 200000€ cosa mi conviene fare?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@EmanueleEmanuele cedere il credito, ad esempio lavoro costa 100, capienza fiscale 10 in 5 anni, le rimane altro 50 inutilizzato, quindi lo venda anche al 10%.

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
EE

@VincenzoDifelice ma le fatture dei lavori poi chi le pagherà?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MP

@EmanueleEmanuele Prima paga le fatture e poi cede il credito

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
EE

@MarcoPaolucci pago le fatture per 200000€ e poi cedo il credito per 200000€? Alla banca o a chi fa i lavori o sulla nuova piattaforma?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MP

@EmanueleEmanuele può cederlo a chi fa i lavori di sicuro oppure agli istituti di credito. Di quale nuova piattaforma parla?

 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
EE

Posso fare i lavori gratis senza anticipare e sborsare nulla?


 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
VD

@EmanueleEmanuele Puo essere dipende dall'importo dei lavori.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
EE

Inoltre per lo sconto in fattura c’è un limite d’importo minimo?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@EmanueleEmanuele è molto difficile che trovi una ditta che le faccia i lavori gratis, se sono superiori a 100.000 €uro.

Le spigo la ditta deve anticipare tutte le somme fino a fine lavori, ovvero tutto quello che si puo incentivare deve terminare per quanto previsto ora da DL, entro il 31/12/2021.

Il che significa che il credito matura a marzo 2021, per i lavori eseguiti al 31/12/2020, mentre il credito matura il 01/03/2022 per i lavori eseguiti nel 2021.

Quindi la ditta, non avrà incassato fino a marzo 2021 nenache 1 euro, e dal 2 marzo 2021, avrà incassato su 100.000 €uro di lavoro 20.000 di Credito d'imposta (sismabonus da ripartire 5 anni) semprechè i lavori sono terminati il mese di Dicembre 2020.

Il limite d'importo combinato eco/sismabonus è 136.000 per unità immobiliare (96sism+40eco) presenti in condominio di minimo 2 unità.

Tenga presente che al massimo, se vuole pensare di fare lavori, anche avendo il credito da cedere, Se la spesa è 100, lei dovrà comunque sborsare un 40%,.

Le attuali cessione dei cretidi ad imprese e.o quello che sia si aggirano fra 35/40%.

Cioè se il lavoro costa 100, lei puo cedere il credito di 100, ma comunque deve sborsare un'altro 40, altrimenti i lavori non si faranno.

LA cessione del credito deve essere economica per chi la prende.

Penso che lei 100.000 €uro ad una persona per ricavarne 2000 €uro all'anno, non la concede (il 2% teorico).



 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
MG

@VincenzoDifelice Non è cosi'... Un'impresa edile appena prende il lavoro stacca subito una fattura di acconto e se si è accordata con la banca gliela porta a scontare a 110%. La cessione del credito è congegnata per far arrivare liquidità alle imprese...

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VV

@MG salve, ma io avrò un limite dato dal mio monte IRPEF o se vedo alla ditta il credito non avrò nessun limite quindi potrò spendere fino a 136mila€ sisma +eco bonus????

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VV

@MG salve, ma io avrò un limite dato dal mio monte IRPEF o se vedo alla ditta il credito non avrò nessun limite quindi potrò spendere fino a 136mila€ sisma +eco bonus????

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020

@VincenzoVenuto puoi spendere fino all 85% di 136.000

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
EE

@giuseppedipietro perché 85%?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VV

@giuseppedipietro senza imponibile IRPEF quindi?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@MG Si ma alla banca, considerando ad esempio che i lavori inizano a luglio, lo sconto fattura può essere 60/90/120 giorni. Chi gli dice aspetta 8 mesi.?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020

@VincenzoVenuto in questo caso anche imponibile irpef

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020
ab

buonasera a tutti, dopo aver letto e riletto questo decreto, vorrei chiedere a qualcuno che ha capito qualcosa in più di me qualche delucidazione. Sono proprietario di un appartamento in un edificio composto da 4 appartamenti. In tutto siamo in 3 proprietari e avevamo precedentemente pensato di fare un cappotto esterno che coprirebbe abbondantemente il 25% delle superfici e di isolare la soffitta. In queste condizioni potremmo avvalerci anche del bonus 110 per la sostituzione di infissi (tapparelle, zanzariere, soglie e quanto ne deriva)? Ogni appartamento ha riscaldamento autonomo con la propria caldaia a metano; é possibile sostituirla con un impianto a pompa di calore, ed eventualmente integrare impianto di raffrescamento, vmc e pannelli solari? Vi ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità.

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
ab

buonasera a tutti, dopo aver letto e riletto questo decreto, vorrei chiedere a qualcuno che ha capito qualcosa in più di me qualche delucidazione. Sono proprietario di un appartamento in un edificio composto da 4 appartamenti. In tutto siamo in 3 proprietari e avevamo precedentemente pensato di fare un cappotto esterno che coprirebbe abbondantemente il 25% delle superfici e di isolare la soffitta. In queste condizioni potremmo avvalerci anche del bonus 110 per la sostituzione di infissi (tapparelle, zanzariere, soglie e quanto ne deriva)? Ogni appartamento ha riscaldamento autonomo con la propria caldaia a metano; é possibile sostituirla con un impianto a pompa di calore, ed eventualmente integrare impianto di raffrescamento, vmc e pannelli solari? Vi ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità.

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@alessiobartoli Il tutto va letto nel senso che l'edificio/condominio è una scatola, è questa scatola deve essere messa in sicurezza con il sismabonus, oppure deve essere energeticamente conveniente ecobonus.

Quindi tutte le parti comuni dell'edifici/condominio, pilastri, finestre e quanto preciserà il tecnico sismico/energetico, rinetrano nei relativi benefici. Sicuro, non troverete nessuno che vi fa i lavori gratis, nenache con il 110%.

 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
PB

se io sono proprietario di piu unita' nello stesso condominio, il tetto massimo e' di 60000 in totale o devo moltiplicare i 60000 per il numero delle unita' di mia proprieta?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@PaoloBianchi moltipliche, moltiplichi!!!!

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VL

Nell'articolo non usate il termine "prima casa". Nel decreto si parla di "abitazione principale" che è tutt'altra cosa.

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
AB

Buongiorno,

Chiedo un parere interpretativo sul neo approvato decreto.

Un unità indipendente da terra-cielo ma inserita all'interno di un condominio potrebbe godere del bonus.

A titolo esemplificativo si pensi ad una villetta a schiera con due pareti in comune con le unità adiacenti e formalmente inserita in un cosiddetto condominio orizzontale.

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@AlbertoBenatti La norma prevede l'edificio/Condomio, ovvero che si operi sulle parti comuni, ora se la vua villetta ha la struttura comune con il resto, nel senso che sul confine non c'è il giunto tecnico, ovvero che è un unico solaio, si puo intervenire con il sismabonus, poi se la villetta ha spazi comuni, accessi ecc, rientra sicuramente.


 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
SS

Abito in una bifamiliare divisa per verticale con ingresso indipendente , in comune non abbiamo né impianti nemmeno l’antenna tv solo un muro divisorio verticale : si considera condominio o unifamiliare?

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@SerenaSalvietti deve considerare la scatola/edificio, se il solaio è intero, si

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020

l'ecobonus ammette una spesa massima di 60000 euro con detrazione 110%.Il sismabonus quale spesa prevede al massimo? E' in aggiuta alle 60000 euro o no?

 
 Rispondi Mi piace (1)
17/05/2020
VD

@MauroCiccarelli 96.000 sisma + 40.000 eco= 136.000, salvo diversa disposizione nel DL in adozione

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020

@VincenzoDifelice ma questo che dici non si riferisce al nuovo superbonus del 110%?

Perchè nel superbonus per l'ecoho letto che il massimo è 60000.Quello che chiedo è: quale è il massimo per il sismabonus ,è in aggiunta o è incluso?

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020
VD

@MauroCiccarelli seconddo le indicazioni attuali, per il sisma sono 96, per l'eco sono 40, i lavori possono farsi congiuntamente per 136.000€, Nel nuovo Dl non è precisato se si puo fare 96+60.000€uro. Per il simabonus è 96.000 €uro oggi, ora bisogna spettare per vedere se possiamo fare 96+60, oppure il limite è quello attuale 96+40.

 
 Rispondi Mi piace (1)
18/05/2020
RC

Perché il superbonus 110% non è applicabile anche alle abitazioni che non sono prima casa: tutte le agevolazioni degli anni precedenti erano x tutte le abitazioni di proprietà….sarebbe utile anche x il superbonus

 
 Rispondi Mi piace (0)
17/05/2020
VD

@ROBERTACAPODAGLIO è una questione di economia, la coperta è corta.

 
 Rispondi Mi piace (1)
18/05/2020
GS

La detrazione Irpef può essere data al proprietario come al convivente, ma in questo caso, viene divisa 50-50 o il pagamento e quindi la detrazione verrà fatta in modo "individuale", a colui che paga viene fatta la detrazione e quindi avverranno detrazioni differenti tra i 2 coniugi?

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020

Gentili users il topic della discussione è "quali lavori sono agevolabili con il superbonus al 110%".

Al fine di avere un filo conduttore che permetta immediatamente al lettore di "agganciarsi" allo scambio e fornire il proprio contributo, si invitano tutti gli utenti a postare commenti su questo tema.

In homepage ci sono altre room di discussione collegate al thread di questo topic.

Grazie per la collaborazione e per tutti i contributi che concorrono alla crescita della community.

 
 Rispondi Mi piace (1)
18/05/2020
AD

Buongiorno,

ho un lotto di terreno con due edifici (villette) separati con cancello, viale, recinzione e giardino in comune.

Un edificio è di mia proprietà prima casa ed il secondo di proprietà di mia moglie (seconda casa), ambedue distinti catastalmente.

E’ mia intenzione ristrutturare il secondo edificio (costituito da un appartamento e da un garage sottostante distinti catastalmente) utilizzando il sisma bonus.

L’intervento consiste nell'abbattimento e ricostruzione dell’edificio con stessa volumetria e forma essendo la zona vincolata paesaggisticamente.

Chiedevo, per poter usufruire del nuovo sismabonus previsto dal c.d.decreto rilancio, se era possibile costituire un condominio minimo (non mi sembra che ci siano vincoli sul fatto che siano villette separate è sufficiente che sia proprietari distinti ed avere delle parti comuni) ed applicare il nuovo sisma bonus al solo immobile di mia moglie ed alle parti comuni che andrebbero rifatte come piazzale, parte del viale etc.

Ritengo comunque che la limitazione alle sole case principali ed alle seconde case in condominio, secondo le ultime indiscrezioni, sia abbastanza limitante

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020
VD

Deve considerare la volumentria, abbattendo e ricostruente a parità di volumetria, non ci sono problemi. Per le limitazione, si ricordi che siamo in Italia, e che esistono i notai..............

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020
AD

Grazie, il dubbio che però però persiste è come.accedere al superbonus visti i vincoli. Il condominio minimo potrebbe essere una soluzione?

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020
VD

@AngeloDeSantis La norma e gli interpelli all'Ag Entrate sono chiari, si deve riferire al Condominio, inteso come edificio, scatola, con accessi comuni, e parti comuni, quali ad esempio un solaio, delle travi. Il condominio minimo è 2 unità imm.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
AD

@VincenzoDifelice

Salve,

Nella sua esplicitazione abbastanza chiara mi manca un tassello che poi è la mia fattispecie alla quale tu hai gentilmente risposto.

Se la villetta che è seconda casa la do a mio figlio (incapiente) tramite usufrutto o comodato d'uso gratuito posso usufruire del super bonus ed utilizzare il pagamento tramite intermediario? declinando il condominio minimo.

L'intervento che come accennavo consiste in abbattimento e ricostruzione fedele di una villetta con garage interrato accatastato separatamente può usufruire di più agevolazioni? Ossia 2x96.000€ per sismabonus (uno per la villetta l'altro x il garage) oppure 96.000€ per sismabonus e 96.000€ per ecobonus? sono certo per ristrutturazione senza abbattimento (ECO-Sisma bonus) ma in caso di abbattimento e ricostruzione?

Ultima questione riguardante il super bonus.

Per villetta unifamiliare prima casa o usufrutturio/in comodato abitazione principale il il cambio di caldaia per esempio con un sistema geotermico è fruibile (30.000€ max) in modo assestante o necessariamente deve essere associato al pacchetto ecobonus ossia con la dimostrazione di un miglioramento di efficienza energetica pari a due classi?

grazie

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
VD

@AngeloDeSantis i suoi dubbi richiedono di scrivere quasi oltre i caratteri ammessi, le consiglio per essere preciso, diretto e chiaro, di cercare gli interpelli dell'agenzia delle entrate sui casi da voi evidenziati, ora non li ricordo tutti a memoria, ma sono tutti indicati nei vari interpelli. Esegua una semplice ricerca su google. Puo trovare anche il caso dell'abbattimento e ricostruzione e tutti gli altri. SFORTUNATAMENTE l'agenzia dell'entrate è l'uniso organo che funziona.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
AD

@VincenzoDifelice

Ho seguito il suo consiglio ho letto quasi tutti gli interpelli etc, ma ho ancora dei dubbi. Farò allora una domanda più chiara e diretta in modo da semplificare il tutto.

Quanto è il limite di spesa (tra supersisma bonus ed ecobonus diciamo quello vecchio essendo una seconda casa) a cui posso accedere, considerando che l'edificio oggetto dell'intervento di abbattimento e ricostruzione fedele è costituito da una unità immobiliare A/7 ed una unità immobiliare C/6 con rendita propria.

Grazie in anticipo

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/06/2020
VD

@AngeloDeSantis Deve sommare eco+sismabonus, ovvero il limite di spesa è 96.000+40.000=136.000 per unità catastale se esegue entrambi gli interventi; quello che cambia è la detrazione ovvero 80% se si incrementa di 1 classe sismica 85% se si incrementa di 2 classi sismiche, ora poichè per adeguare sismicamente un immobile si deve per forza di cose rompere intonaco e mettere in evidenza le travi ecc.. ad esempio. Deve considerare anche che l'intervento maggiore (96) assorbe quello minore (40) e quindi vi spetta per il limite di 136.000 €uro per 80%.

In ogni caso le allego il link alla tabella ENEA che è molto piu precisa nel farle capire la questione. ---- https://www.efficienzaenergetica.enea.it/detrazioni-fiscali/ecobonus.html ---- e trovate altre indicazioni.

Vi allego inoltre la guida Ag. Entarte https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/documents/20143/233439/Sisma+bonus+le+detrazioni+per+gli+interventi+antisismici_Guida_Sisma_Bonus.pdf/ee5ec719-05ae-0584-897e-f60d34060498 ---- Saluti--

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/06/2020
FI

Nel caso in cui un immobile sia costituito da due o tre appartamenti, ed uno solo sia abitazione principale, è possibile costituire un condominio minimo ed applicare l'ecobonus al 110%. L'involucro è unico e verrà applicato a tutti i proprietari. Naturalmente affinchè ci sia un condominio sono necessari almeno due proprietari. I lavori interni a ciascun appartamento sono regolati dai bonus esistenti compresa la caldaia. Verranno finanziate solo le caldaie centralizzate per i condomini o per gli edifici unifamiliari (edifici isolati) adibiti ad abitazione principale. Sono inclusi anche gli infissi esterni se realizzati su tutto l'edificio condominiale. Per le seconde case in edifici isolati (villette) non verrà applicato il superbonus.

 
 Rispondi Mi piace (0)
18/05/2020
VD

@FabrizioImpala' Legga bene i commi 10 e 11 art. 128 del DL. La norma si riferisce ai CONDOMINI/condòmino, nel senso unità comuni, anche un singolo proprietario di 10 appartamenti in un unico stabile può usufruirne.

Il condominio è costituito da almeno 2 condomini, anche se è un solo proprietario (esempio uno prima casa+ casa in fitto).

In definitiva, in Italia poichè la coperta è sempre corta, si vuole far sistemare sisma/eco le case, e/o gli edifici.

Nel DL è precisato che solo se si ha 2 oppure 3 "edifici unifamiliari" non adibiti a prima casa, non si potrà usufruire delle detrazioni.

Questo perchè se una (n°1 proprietario) Persona Fisica, come accade di solito, ha ad esempio;

1 villetta al mare

1 villetta unifamiliare 1° casa

1 appartamento in condominio a Roma

1 appartamento in condominio a Caserta

1 fabbricato di 2 appartamenti adibito a prima casa che ha intestato al figlio,

Potrà beneficiare delle agevolazioni per:--------------

1)La VILLETTA A MARE, non, non, usufruisce

2)LA VILLETTA UNIFAMILIARE 1° casa ne usufruisce

3)APPARTAMENTO in condominio a Roma ne usufruisce

4) APPARTAMENTO in condominio a Caserta ne usufruisce

5) Fabbricato di 2 appartamenti adibito a prima casa che ha intestato al figlio, trattenendosi l'usufrutto, seconde le regole, ne usufruisce.


Comunque per chi è interessato io sono tecnico/costruttore e posso realizzare i lavori, posso acquistare il credito fiscale (Attualizzato- nel senso se il credito è 100 e matura in 10 anni, vediamo quanto vale oggi attualizzato ed inizio i lavori. Per la parte eccedente che rimane a saldo dei lavori risolviamo in qualche modo, il mio indirizzo e-mail è: [email protected] ----

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020

@VincenzoDifelice salve,

se è un Tecnico - Costruttore, la invitiamo ad iscriversi nella nostra sezione Tecnici e Imprese, così che possa avere un profilo pubblico e accessibile agli interessati.


 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
VD

@edilportale.com non mi fa modificare il profilo

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
PP

@VincenzoDifelice Buongiorno, vedendola competente ho una questione che ho già posto ma che finora non ha trovato risposta. Un appartamento in un condominio può accedere al 110% per sostituire finestre, infissi, schermature della propria unità immobiliare una volta che il condominio ha scelto di fare il cappotto esterno all'edificio? In un condominio infatti ci possono essere molte unità immobiliare che sono già a posto con i serramenti e non intendono sostituirli mentre altre invece lo vorrebbero fare. E' possibile agganciare i lavori di riqualificazione energetica sui singoli appartamenti al lavoro principale (trainante) del condominio?

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020

@VincenzoDifelice salve,

le faremo sapere come poter risolvere il problema e dunque editare il suo profilo su edilportale. Essendo un utente molto attivo in questo modo potrà inserire i suoi contatti e gli utenti interessati possono contattarla direttamente lì. Poichè, come da regole d'uso, sul forum non si possono pubblicare indirizzi e-mail e altri dati personali propri e di terze persone; grazie per la collaborazione .

 
 Rispondi Mi piace (1)
05/06/2020
VD

@edilportale.com


Fateci sapere, cosa possiamo allegare, Di Felice Vincenzo oppure ing. Ciarmiello Valeria

 
 Rispondi Mi piace (0)
05/06/2020

@VincenzoDifelice notando la sua competenza ho un informazione da chiederle anche io :

sto acquistando un attico in un condominio già in classe B perché dispone di cappotto esterno. Probabilmente ci sarà la possibilità di installare sul pergolato del mio futuro terrazzo un impianto fotovoltaico e vorrei abbinarlo anche a pompa di calore per alte temperature (radiatori in alluminio) per il riscaldamento e la fornitura di acqua calda sanitaria, così da staccare per sempre il Gas.

Prima domanda, questi interventi saranno sufficienti per migliorare di altre 2 classi? Magari aggiungendo anche gli infissi nuovi.

Queisito fondamentale, se la miglioro di 2 classi rientrerò nel ecobonus 110% anche se non si tratta di unità abitativa indipendente ma di appartamento singolo di un condominio?

 
 Rispondi Mi piace (0)
06/06/2020

La spesa del tecnico è detraibile?

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
VD

@DarioMirabile si 100%

 
 Rispondi Mi piace (2)
19/05/2020
MG

@DarioMirabile In linea di massima si' anche se pare che alcuni, soprattutto nel caso dello sconto in fattura, vorrebbero prima farsi anticipare la parcella del progettista/tecnico.

 
 Rispondi Mi piace (0)
05/06/2020
AD

La legge, per quello che ho letto, permette di costituire un condominio minimo anche con due villette separate aventi parti comuni e differenti proprietari. Pertanto il superbonus dovrebbe applicarsi comunque. Non riesco a capire perche due seconde case una sopra l'altra od affiancate dovrebbero usufruire del superbonus e separate no, non credo, aspettiamo i decreti attuativi, che un immobile debba avere necessariamente un condomino con appartamento ricadente come prima casa o abitazione abituale.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
FP

@AngeloDeSantis solo per prima casa

non centra niente abitazione abituale ,nel decreto non si accenna assolutamente ad abitazione ABITUALE.

SOLO PRIMA CASA !!!"


 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
AD

@FilippoPasco

Nel testo bozza si parla di abitazione principale e non di prima casa riporto:

"10. Le disposizioni contenute nei commi da 1 a 8 9 si applicano agli interventi effettuati dai condomini, nonché, sulle singole unità immobiliari adibite ad abitazione principale, dalle persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, salvo quanto previsto al comma 11,...". Vedremo in quello definitivo.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
bc

Buongiorno a tutti sono in procinto di ristrutturare, prima casa di residenza,in zona 3. La stessa passerà da classe G a classe A energetica e da classe G sismica a classe A. La mia domanda è la seguente: qual è il massimale che posso portare in detrazione ? 96000 € totali? essendo una singola unità abitativa oppure si possono sommare ecobonus e sismabonus?grazie a chi mi risponderà

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
VD

@boriscerello sommi, sommi.

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
MG

@boriscerello buongiorno, avrà diritto sia alla detrazione sismabonus che agli interventi di riqualificazione energetica, le consiglio di leggersi l'Interpello Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212- Detrazione per lavori antisismici ai sensi dell’art. 16, comma 1-quater, del DL n. 63 del 2013 del 29/11/2017

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
bc

@VincenzoDifelice intendi dire che potrei detrarne 96000 x 2? grazie per la celere risposta

 
 Rispondi Mi piace (0)
19/05/2020
bc

@MarioGigliotti grazie provvederò a leggere

 
 Rispondi