Carrello 0
Il Forum di Edilportale

PAVIMENTO IN SOVRAPPOSIZIONE

Messaggi 2 di 2
Visite 43
   
Maurizio
14 Mar 2019, 12:34

salve ho in progetto di ristrutturare casa, ma non vorrei demolire tutto il massetto posso sovrapporre la pavimentazione?
La mia attuale pavimentazione credo sia tipo marmo, quella classica pavimentazione che si trova un po' in tutte le case degli anni 70’
Se è possibile farlo quali sono i pro e i contro?
Grazie si da ora per tutti i consigli
   
Redazione Edilportale
14 Mar 2019, 14:24

Salve Maurizio,
dunque, si può optare per il pavimento in sovrapposizione ma con i giusti accorgimenti.
Prima di tutto quello che sentiamo di suggerirle è di farsi seguire in questa importante scelta da un professionista, perché sono davvero tanti gli aspetti da tener conto al fine di avere un lavoro ottimale.
In questa sede le daremo qualche consiglio, prima di tutto va verificato di quale tipologia è il pavimento esistente e quale sarà la tipologia del pavimento che vorrà sovrapporre perché alcuni casi sono incompatibili.
Per esempio, non può incollare un gres porcellanato su un preesistente parquet, oppure l’incollaggio di un gres su gres è sconsigliato, se posa invece un nuovo parquet su un pavimento preesistente bisogna valutare il sistema di posa, incollato o flottante? Come vede già nella sola scelta del materiale e del sistema di posa le cose non sono semplicissime.
Ma vediamo un po' più da vicino il suo caso, ha detto che la sua attuale pavimentazione è tipo marmo, dunque negli anni ’70 spesso la pavimentazione era eseguita in lastroni in marmo o delle marmette in graniglia, questa tipologia di supporto ben si presta alla sovrapposizione sia di pavimento incollato come il gres porcellanato, sia di pavimento flottante come il parquet, o anche per la sovrapposizione a secco fatta con i pavimenti in vinilico ma anche per pavimenti continui come in resina – cementizi- cemento resina.
Ovviamente un “ma” ci sarà, se nell’ambito dell’ intervento di ristrutturazione che lei farà, verranno rifatti tutti gli impianti, questi verranno tracciati essenzialmente a pavimento, quindi la situazione che va valutata non è tanto quella iniziale ma soprattutto quella post tracciamento. Perché bisogna valutare a seguito di tutte le tracce la tenuta del massetto sottostante. Se questo risulta essere compatto, cioè si evince che non è friabile quindi non è solo sabbioso e vengono chiuse in maniera opportuna le tracce a pavimento, allora si può procedere. Ma se nell’apertura delle tracce emerge che il massetto si rompe e fessura allora è meglio evitare la sovrapposizione avrebbe davvero tanti problemi in seguito.
Se non fa alcuna traccia a pavimento faccia fare delle opportune verifiche al piastrellista, tipo battere a campione su parti del pavimento per vedere se alcune zone suonino a vuoto o meno, se questo accade generalmente si elimina quella parte e si ripristina con malta già pronta, oppure se delle parti sono fessurate o lesionate vanno fissate con apposito collante.
Solo dopo aver fatto tutte le opportune verifiche sul supporto si può procedere alla sovrapposizione.
Anzi c’è ancora un passaggio: la preparazione del supporto, che deve essere pulito, per cui si può utilizzare uno sgrassatore adatto, deve essere in quota se non lo è va livellato, ed eventualmente è possibile stendere del primer per migliorare l’aderenza.
Ora si può procedere alla sovrapposizione.

Messaggi 2 di 2


 
PAT
Easy Wand

Edilportale Tour 2019
Stylish

Bacchi