Network
Pubblica i tuoi prodotti
Gino Sarfatti

Gino Sarfatti Designer

Gino Sarfatti

Gino Sarfatti

Designer

Venezia (VE)

Profilo di Gino Sarfatti

Gino Sarfatti è nato a Venezia nel 1912 e ha studiato ingegneria aeronavale all'Università di Genova. Costretto a interrompere gli studi, si trasferisce a Milano e, nel febbraio del 1939, fonda Arteluce. Dal 1939 in poi ha lavorato nel settore dell'illuminazione e Arteluce divenne presto un punto di riferimento nazionale e internazionale per il movimento dell'architettura moderna nell'illuminazione. Nel 1943, a causa delle leggi razziali e dei bombardamenti su Milano, si rifugia con la famiglia in Svizzera. Immediatamente dopo la liberazione, rientra a Milano e riorganizza la produzione.   Durante i suoi trent'anni di attività, Gino Sarfatti ha progettato e prodotto oltre 400 apparecchi di illuminazione e condotto ricerche continue sull'innovazione in termini di tipologia, materiali, tecnologie di produzione, sorgenti luminose, effetti tecnici di illuminazione e aspetti del design. Nel 1950 compie un importante viaggio negli Stati Uniti, affidando la direzione artistica di Arteluce a Vittoriano Viganò. Nel 1953 il negozio viene completamente ristrutturato da Marco Zanuso e diventa centro di attenzione internazionale. Nel 1954, i modelli 1063 e 1065 ottengono il “Gran Premio” alla X Triennale e il modello 559 vince il Compasso d’Oro. L’anno seguente, il premio viene replicato con il modello 1055. A 10 anni circa dal prestigioso negozio Arteluce in Corso Matteotti progettato con M. Zanuso nel 1951, nel 1962 Vittoriano Viganò, suo amico per tutta la vita, progetta un nuovo negozio Arteluce in via della Spiga. Nel corso del loro lavoro, Gino Sarfatti e Arteluce hanno vinto numerosi premi e riconoscimenti tra cui il Compasso d'Oro nel 1954 e il 1955 e il Diploma onorario della Triennale di Milano.   Arteluce è stato anche un luogo di incontro e un forum importante per molti dei principali designer italiani negli anni '50 e '60. Hanno collaborato con Arteluce: F. Albini - F. Helg, C. Belgioioso - Peressuti - E. Rogers, G.F. Frattini, V. Viganò, S. Asti, V. Latis, C. Santi, M. Vignelli, I. Parisi, U. Gregotti - L.Meneghetti - G. Stoppino, M. Huber. Gino Sarfatti è morto a Gravedona nel 1984.

Attività
  • DESIGN

Progetti di Gino Sarfatti

Team di Gino Sarfatti

x Sondaggi Edilportale
Il Coronavirus stravolge il lavoro. Come uscirne? Partecipa