Carrello 0
Bagnoli: cinque siti di produzione
URBANISTICA

Bagnoli: cinque siti di produzione

Dalla fabbrica alla ricerca: almeno un anno e mezzo i tempi di approvazione definitiva del piano esecutivo per l’ambito di Bagnoli-Coroglio.

Almeno un anno e mezzo i tempi di approvazione definitiva del piano esecutivo per l’ambito di Bagnoli-Coroglio. Oltre al maxi-investimento da duemila miliardi per l’operazione, 250 dobrebbero andare alle strutture di trasporto, alle 4 nuove stazioni della metropolitana a servizio dell’area del grande parco. Secondo gli studi avviati dai tecnici del servizio di pianificazione urbanistica, il 20 per cento delle aree destinate alla trasformazione sono già disponibili, così come il 50 per centro delle aree edificabili. Nel complesso ci saranno cinque cosiddette piastre per insiediamenti produttivi di alta tecnologia e ricerca per complessivi 310mila metri cubi. Novecentomila metri cubi sono per la produzione di servizi, 150mila per le attrezzature commerciali e la distribuzione. Una grossa fetta è destinata alle residenze in cinque punti dell’area di Coroglio, per i reinsediamenti in seguito alla probabile delocalizzazione del borgo marinaro di fronte a Nisida. Diventerà un borgo anche la zona dell’approdo turistico. Gli alberghi non saranno direttamente sul mare, ma si affacceranno sulla darsena e godranno della vista sui siti di archeologia industriale, a cominciare dalla ciminiera denominata «Agl», che diventerà il simbolo del legame tra passato e futuro di Bagnoli e che probabilmente ospiterà anche un ristorante.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati