Carrello 0
Tutela del patrimonio storico prima guerra mondiale: é legge
NORMATIVA

Tutela del patrimonio storico prima guerra mondiale: é legge

Il provvidimento ha terminato il suo iter professionale

ROMA-Approvata una prima volta dalla Camera, la legge per la tutela del patrimonio storico della prima guerra mondiale e' stata modificata dal Senato; riesaminata dalla Camera, e' stata nuovamente modificata, e cosi' approvata anche dal Senato. Il provvedimento ha ora terminato il suo iter parlamentare. La commissione istruzione di Palazzo Madama, nel votare la nuova disciplina, ha approvato un ordine del giorno - accolto dal sottosegretario ai Beni culturali Carlo Carli - che impegna tra l'altro il governo a ''dettare regole chiare e di facile applicazione per il collezionismo e la compravendita di cimeli''; a ''valorizzare il ruolo del collezionismo privato nell'opera di ricognizione, studio e tutela delle vestigia della Prima Guerra Mondiale'', e a promuovere le opportune intese fra le amministrazioni dello Stato interessate e segnatamente fra il ministero per i Beni e le attivita' culturali e quello della Difesa per evitare la distruzione o comunque la perdita di beni che vengono dismessi dall'amministrazione titolare ma hanno rilevanza per la storia militare o la storia della tecnica''. La nuova legge dispone ''la ricognizione, la catalogazione, la manutenzione, il restauro, la gestione e la valorizzazione delle vestigia relative a entrambe le parti del conflitto'', e cioe': i forti, le trincee, i camminamenti, i cippi, gli stemmi, le lapidi, i reperti mobili e i cimeli, gli archivi e ''ogni altro residuato avente diretta relazione con le operazioni belliche''.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa