Carrello 0
Wwf: bocciate a metà le politiche ambientali di Governo e Parlamento
URBANISTICA

Wwf: bocciate a metà le politiche ambientali di Governo e Parlamento

Bilancio agrodolce per le politiche ambientali dell’uscente Governo di centrosinistra

Qualcosa di buono è stato fatto, ma secondo il Wwf si poteva sicuramente fare di più: politica ambientale sotto lente quindi, in un ecopagella che vede il Governo impreparato su molti fronti. La legge sull’elettrosmog, quella sulla mobilità ciclistica, la revoca dei contratti TAV, la legge quadro in materia di lavori pubblici, il mancato recepimento della Direttiva Ue sugli Ogm (che ha permesso una nuova direttiva maggiormente cautelativa), la mancata approvazione del progetto di Legge Berlusconi sullo snellimento per nuove infrastrutture: queste le novità più interessanti ed ecocompatibili del Governo. Ma la promozione a pieni voti non può avvenire se guarda alla mancata approvazione della legge quadro in materia urbanistica, quella sulla VIA, il mancato inserimento della tutela ambientale nella Costituzione, la legge sulla contabilità ambientale, la sospensione della Carbon Tax, la legge contro l’abusivismo e uso degli animali nei circhi e il mancato inserimento nel Codice Penale dei delitti ambientali.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati