Carrello 0
Approvata la Legge obiettivo. Berlusconi: “Trasformerà il Paese in un cantiere”
NORMATIVA

Approvata la Legge obiettivo. Berlusconi: “Trasformerà il Paese in un cantiere”

Passata al Senato attende ora di essere pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.

06/12/2001 – “La legge obiettivo trasformerà il nostro Paese in un grande cantiere. Una volta inserite nella Finanziaria, le opere diverranno strategiche e nessuno dovrà opporsi ritardandone la realizzazione”. Lo ha assicurato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, prendendo parte all’inaugurazione della galleria Raticosa per l’alta velocità ferroviaria sulla linea Bologna-Firenze. Contemporaneamente arrivava l’approvazione definitiva del cosiddetto Ddl Lunardi, da parte del Senato. Con la legge obiettivo, che contribuirà ad accelerare la fase progettuale delle opere e aprirà una corsia preferenziale alle opere strategiche, “potremo – ha aggiunto il premier – ridurre il ritardo rispetto agli altri Paesi”. Berlusconi ha inoltre confermato che il piano destinerà al Sud “oltre il 50% delle risorse”. Dei giorni scorsi il sì delle commissioni Lavori pubblici e Ambiente del Senato che non avevano accolto alcun emendamento presentato dall’opposizione. Per quanto riguarda le modifiche che Governo e maggioranza stanno mettendo a punto per superare il nodo della costituzionalità del testo, questione aperta dopo l’entrata in vigore della riforma federalista, queste dovrebbero rientrare come emendamenti nel disegno di legge collegato alla Finanziaria sulle Infrastrutture. Sarà un’apposita commissione, presieduta dall’ex presidente della Corte costituzionale, Antonio Baldassarre, già insediatasi presso il ministero delle Infrastrutture, ad occuparsi degli emendamenti. Sono circa 70-80 i progetti che saranno avviati con le procedure semplificate della legge obiettivo. Delle opere inserite, solo quattro sono cantierabili dal 2002 e canalizzeranno risorse già dal prossimo anno. Per le altre l’inserimento nel piano servirà soprattutto per utilizzare gli snellimenti procedurali previsti dalla legge obiettivo nella fase di programmazione e di progettazione. I quattro interventi sono la Variante di Valico, la nuova autostrada Milano-Brescia, il passante di Mestre e l’autostrada Asti-Cuneo. In breve la legge delega al Governo l'indicazione di procedure per la realizzazione delle grandi opere; la realizzazione viene affidata a un general contractor che segue l'opera (non la gestisce). La Legge estende inoltre la DIA (Denuncia Inizio Attività) all'ampliamento demolizione e ricostruzione e in alcuni casi anche alle nuove costruzioni. >> Accedi allo speciale "Legge Obiettivo"
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui