Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, proposta alla Camera la proroga al 2023
NORMATIVA Superbonus 110%, proposta alla Camera la proroga al 2023
NORMATIVA

Testo unico sugli espropri.<br> Prorogata l'entrata in vigore al 30 giugno 2002.

Riordina e semplifica le procedure di espropriazione.

Commenti 1563
Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 16 agosto 2001, il testo unico sugli espropri che impone a tutte le strutture degli enti locali procedure di esproprio più snelle chiare e veloci a tutela dei cittadini che le subiscono. E' previsto per tutti i comuni l'ufficio espropri che gestiranno l'esproprio in un'unica pracedura. Scompare l'occupazione d'urgenza per cui l'ente pubblico entrerà in possesso dell'immobile solo dopo aver determinato l'indennità e aver emesso il decreto di esproprio. Il procedimento si articola in varie fasi; in primo luogo è previsto il vincolo d'esproprio e successivamente la dichiarazione di pubblica utilità dell'opera. Viene in seguito determinata l'indennità di esproprio che è inizialmente provvisoria perchè il privato espropriato può, nei successivi trenta giorni dalla determinazione dell'indennità, far pervenire all'amministrazione dell'ente la sua stima. Una volta determinata l'indennità a seguito del confronto fra le due parti, la somma deve essere corrisposta nel termine di 60 giorni e le parti stipulano la cessione volontaria. Con il decreto di esproprio viene disposto il passaggio di proprietà dell'immobile che è condizionato all'esecuzione del decreto che avviene con il verbale di immissione in possesso. Tuttavia segnaliamo che il testo unico rischia di essere considerato incostituzionale, con l’entrata in vigore della riforma federalista che ha ripartito nuove competenze tra Stato e Regioni, assegnando a queste ultime la potestà legislativa in materia di grandi reti infrastrutturali e lasciando allo Stato la possibilità di intervenire sui principi fondamentali. Il Dpr sugli espropri, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 327 del 16 agosto scorso, vede già slittare al 30 giugno 2002 la data di entrata in vigore prevista per gennaio. È stato infatti pubblicato, sulla Gazzetta ufficiale 275 del 26 novembre 2001, il decreto legge 23 novembre 2001, n. 411, riguardante “Proroghe e differimenti di termini”, approvato dal Consiglio dei ministri il 21 novembre scorso. All’articolo 5 del provvedimento si legge: “Il termine di entrata in vigore del decreto del presidente della Repubblica 8 giugno 2001, n. 327, recante Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità, è prorogato al 30 giugno 2002". vedi il testo A con l'aggiornamento vedi il testo B con l'aggiornamento vedi il testo C con l'aggiornamento

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui