Carrello 0
Appalti, Oice: “Nel 2001 crescita fittizia - domanda pubblica stazionaria o diminuita”
LAVORI PUBBLICI

Appalti, Oice: “Nel 2001 crescita fittizia - domanda pubblica stazionaria o diminuita”

Positivo lo stanziamento approvato dal Cipe. Cautela su appalto integrato

10/01/2002 – Negli ultimi cinque anni, per quanto riguarda i bandi pubblicati sulla Gazzetta comunitaria, l’Italia è passata da un livello dell’8,3% al 5,5%. Nel corso del 2001, il valore delle gare pubblicate in tutto il territorio nazionale ha registrato un incremento pari al 7,3%: “una crescita fittizia”, commenta Massimiliano Di Torrice, presidente dell’Oice (l’associazione delle società di ingegneria). “Nelle precedenti rilevazioni – spiega – mancava una quota consistente di domanda pubblica. In termini reali nel 2001 la domanda pubblica è rimasta stazionaria o è diminuita”. Per Di Torrice, “un aspetto positivo è comunque rappresentato dallo stanziamento approvato dal Cipe di 327 milioni di euro per il 2002 dedicato a progettazioni e studi di fattibilità nell’ambito delle opere strategiche della legge obiettivo, legge – aggiunge – che è un’importante occasione per il rilancio infrastrutturale”. Per quanto riguarda, infine, l’appalto integrato, il presidente dell’Oice invita alla cautela: “È fondamentale – dice – che si candida abbia gli stessi requisiti e le capacità del progettista che intende realizzare un progetto esecutivo. Le imprese di costruzioni – conclude – devono organizzarsi e possono associarsi con le società di ingegneria o con un progettista. Altrimenti si rischia di impoverire fortemente la qualità del progetto”. Altre notizie sull’argomento: Appalti, Oice: +7,3% il valore nel 2001
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati