Carrello 0
Appalti, Ance: “Soglia 250 mln euro non è sufficiente”
LAVORI PUBBLICI

Appalti, Ance: “Soglia 250 mln euro non è sufficiente”

Per limitare l’affidamento dei lavori a general contractor

09/04/2002 – La soglia dei 250 milioni di euro sotto la quale il general contractor non potrà operare e lascerà spazio alle regole della legge Merloni, negli appalti della legge obiettivo, non è sufficiente a tutelare gli interessi delle piccole e medie imprese edili. È questo il parere dell’Ance, l’associazione nazionale dei costruttori edili, che aggiunge: “Applicando questa norma emerge che le modalità ordinarie di realizzazione dei lavori riguarderebbero una porzione estremamente limitata dei progetti, pari al 4% dei fondi complessivamente programmati con la legge obiettivo. Per il restante 96% – continua il presidente Claudio De Albertis – e per gran parte dei 200 progetti inseriti nel programma del Cipe si prospetterebbe invece l’affidamento ai general contractor”. La soglia dei 250 milioni di euro, conclude De Albertis, “non risolve i timori più volte espressi dalla nostra categoria sul rischio di un drastico e improvviso mutamento negli assetti del mercato dei lavori pubblici”.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui