Carrello 0
Via, competenza non dipende dallo scopo dell’opera
URBANISTICA

Via, competenza non dipende dallo scopo dell’opera

La decisione del Consiglio di Stato

18/06/2002 – Se la Via (valutazione di impatto ambientale) debba essere affidata allo Stato o alla Regione dipende dalla dimensione geografica dell’opera e dalla ricaduta che sul territorio e non dal suo scopo. È quanto ha chiarito il Consiglio di Stato con la decisione 2696/02. La questione riguardava, in particolare, il progetto di collegamento ferroviario tra l’aeroporto di Malpensa e la stazione di Milano centrale. Il Tar Lombardia aveva stabilito che la Via dovesse essere di competenza statale perché, a suo parere, è “il tipo di scopo cui è rivolta l’opera” e non “l’ambito territoriale in cui essa ricade” a differenziare il “carattere locale o regionale dal rilievo nazionale”. Secondo il Consiglio di Stato, invece, “la rilevanza nazionale e regionale dell’opera ferroviaria, agli effetti della Via, non può essere basata sulle sue finalità in rapporto all’utenza, bensì tenendo conto delle caratteristiche intrinseche dell’opera e dell’ambito territoriale in cui essa ricade”. Quindi, poiché si tratta della realizzazione di 300 metri su un percorso di 8 chilometri già esistente “è indubbia – ha concluso – la valenza esclusivamente regionale del progetto”.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Come cambia l’edilizia italiana: la domanda Partecipa