Carrello 0
NORMATIVA

Amianto

di Daniela Colonna

Dall'Unione Europea nuove norme per la potezione della salute dei lavoratori

Vedi Aggiornamento del 13/09/2006
23/05/2003 - Il 7 marzo 2003 è stata emanata una direttiva della comunità europea che ha dettato nuove regole per garantire ai lavoratori maggiormente esposti al pericolo dell'amianto maggiore sicurezza e protezione da questo pericoloso materiale. Le regole riguardano in particolare la metodologia utilizzata per misurare la quantità di amianto nell'aria per mezzo dei prelievi e il metodo di conteggio delle fibre. Lo scopo è quello di consentire di individuare l'amianto all'interno degli edifici per poter consentire a coloro che ci lavorano una protezione adeguata contro l'esposizione che inevitabilmente subirebbero, realizzando gli interventi. A tale proposito la direttiva sottolinea l'importanza che i lavori di demolizione e di rimozione dell'amianto siano esguiti da una azienda specializzata che metta in atto tutte le misure precauzionali atte a garantire la massima sicurezza e protezione dei lavoratori. I datori di lavoro, secondo la direttiva devono provvedere affinché nessun lavoratore sia esposto a una concentrazione di amianto in sospensione nell'aria superiore a 0,1 fibre per cm 3 ,misurata in rapporto a una media ponderata nel tempo di riferimento di 8 ore. Quando il valore limite fissato all'articolo precedente viene superato, la direttiva prevede che siano individuate le cause di questo superamento e adottate il più presto possibile le misure appropriate per ovviare alla situazione. I datori di lavoro per garantire la piena sicurezza dovranno prevedere periodi di riposo necessari nel corso di attività e un'idonea formazione per tutti i lavoratori esposti o potenzialmente esposti a polveri contenenti amianto.Tale formazione deve avvenire senza alcun onere a carico dei lavoratori e ad intervalli regolari. Il contenuto della formazione deve essere facilmente comprensibile per i lavoratori e deve consentire loro di acquisire le conoscenze e le competenze necessarie in materia di prevenzione e sicurezza,in particolare per quanto riguarda in particolare; a)le proprietà dell'amianto e i suoi effetti sulla salute, incluso l'effetto sinergico dovuto al fumare; b)i tipi di prodotti o materiali che possono contenere amianto; c)le operazioni che possono comportare un'esposizione all'amianto e l'importanza dei controlli preventivi per ridurre al minimo tale esposizione; d)le procedure di lavoro sicure,i controlli e le attrezzature di protezione; e)la funzione,la scelta,la selezione,i limiti e la corretta utilizzazione dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie; f)le procedure di emergenza; g)le procedure di decontaminazione; h)l'eliminazione dei residui; i)la necessità del controllo sanitario. Gli orientamenti pratici per la formazione degli addetti all'eliminazione dell'amianto sono messi a punto a livello comunitario. Vedi di seguito il testo integrale della nuova direttiva; Direttiva CEE 27/03/2003 n. 2003/18/ce Consiglio Comunità Europea - Modifica alla direttiva 83/477/CEE del Consiglio sulla protezione dei lavoratori contro i rischi connessi con un'esposizione all'amianto durante il lavoro (Gazzetta Europea 15/04/2003 n. L97/48)
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati