Carrello 0
2010: la prima città eliotermica
ARCHITETTURA

2010: la prima città eliotermica

di Giusy Ottonelli

Sembra non essere solo un’utopia la realizzazione di una città del sole in Spagna

08/09/2003 – Contamina (Aragona, Spagna). “Aragona 2010”: questo il nome dell’iniziativa nata dalla collaborazione tra il comune di Contamina, il luogo scelto per la realizzazione della città del sole, la società Ibe (in partnership con istituti e laboratori internazionali), e e l’Unione Europea che ha cofinanziato gli studi. Non è solo un progetto aleatorio ma assolutamente reale: situata a Contamina, in Spagna, sarà una città indipendente energicamente al 100%. Al suo interno si svolgeranno tutte le attività che contraddistinguono un centro urbano: residenze, scuole, servizi, un centro per la salute e una innovativa fattoria bioecologica. Il fulcro della città sarà una piazza centrale attorno a cui ruoteranno circa 50 edifici e una galleria solare, cioè un asse coperto, lungo 600 metri e dotato di pannelli solari termofotovoltaici. Ma dove si produrrà l’energia necessaria ad una intera cittadinanza? Ogni anno la galleria solare produrrà 246 mila kwh di energia elettrica e 1,103 milioni di kwh di energia termica; inoltre un sistema idroelettrico costituito da un bacino artificiale e da un impianto generatore a turbina dovrà compensare la discontinuità dello sfruttamento del sole, senza dover installare batterie di accumulo. A rendere la città completamente autosufficiente contribuirà lo sfruttamento delle risorse geotermiche del sito, caratterizzato da sorgenti termali a bassa entalpia a temperatura inferiore ai 35 °C e la dotazione di impianti per la captazione dell’ energia solare per energia termica ed elettrica calibrata su ogni edificio, applicati sia a tetto che a parete.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati