Carrello 0
Una tecnica per il risparmio energetico: i camini di sole
ARCHITETTURA

Una tecnica per il risparmio energetico: i camini di sole

di Roberta Dragone
Commenti 12702

La biblioteca di Massimo Pica Ciamarra a Pistoia esempio di progettazione bioclimatica

Commenti 12702
04/02/2004 – La biblioteca di Pistoia progettata dall’architetto Massimo Pica Ciamarra costituisce un esempio di applicazione di una tecnica di risparmio energetico: dei “camini di sole” per l’illuminazione e la ventilazione naturale degli spazi a grande profondità sostituiscono la ventilazione forzata ed il condizionamento. Negli ultimi anni si assiste nel mondo dell’architettura ad una particolare sensibilizzazione al problema del miglioramento della qualità ambientale all’interno degli edifici, e ad una consequenziale attenzione nei confronti della ventilazione e delle luci naturali. L’architetto Massimo Pica Ciamarra ha realizzato un progetto, la “Biblioteca Forteguerriana”, in cui sono previsti camini di sole per il controllo della luce solare e ventilazione naturale. Ciò con l’obiettivo di ridurre il consumo di energia elettrica e di ottenere un maggiore comfort interno. “Elemento portante del sistema spaziale interno è la galleria centrale a tutta altezza, contrapposta alle zone laterali a più piani. Sulle volte di copertura è introdotta una sequenza di "camini di sole" di grande diametro, a doppia pelle in acciaio inox. Questi camini, dotati di copertura in vetro basso-emissivo, assicurano l'illuminazione naturale degli ambienti più profondi e consentono la ventilazione nell'intero edificio: l'aria esterna entra negli ambienti alle quote più basse e dopo essersi riscaldata per i carichi termici interni, viene estratta attraverso l'intercapedine dei camini, per naturale differenza di pressione. Quando la pressione del vento è insufficiente o il numero di persone troppo elevato, un sistema di controllo sensibile alle variazioni di anidride carbonica attiva i ventilatori disposti all'interno delle intercapedini dei camini, garantendo la corretta estrazione. L'aria esausta degli ambienti non serviti direttamente dai camini viene estratta dalla galleria centrale nella quale emerge un albero di grande altezza ed un piccolo patio adiacente il quale, oltre alla luce, consente l'ingresso dell'aria nella galleria e l'estrazione dagli spazi adiacenti, in particolare da quelli destinati a biblioteca ragazzi”. Questa la descrizione del progetto dello studio Pica Ciamarra associati. Il tiraggio dei sistemi di ventilazione è, dunque, garantito da dispositivi di estrazione collegati agli stessi camini di sole: entrano in funzione quando la differenza di temperatura non è sufficiente a garantire la portata d'aria richiesta e, d'estate, per permettere, con la ventilazione notturna, il raffrescamento della struttura. Vedi il progetto sul sito del Comune di Pistoia
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa