Carrello 0
“Risk and crisis management”: il modello interdisciplinare per le strade
CERTIFICAZIONE

“Risk and crisis management”: il modello interdisciplinare per le strade

di Roberta Dragone

Presentato ad un convegno tenutosi alla fiera Europolis

27/02/2004 - “Risk and crisis management”, un sistema multidisciplinare finalizzato al controllo degli standard di sicurezza stradale, che mette insieme dati su mobilità, incidenti e manutenzione delle strutture. La presentazione è avvenuta in occasione del convegno “Il cuore della strada - Verso una Legge Obiettivo n°2. Le dotazioni tecniche e logistiche della sicurezza stradale: messa a norma, manutenzione programmata e certificazione”, tenutosi lo scorso 6 febbraio nell’ambito della fiera Europolis. Il modello, elaborato da Irsa (Istituto ricerca studi assicurativi dell’Ania), Aises (Associazione Italiana Segnaletica e Sicurezza) e Astra (Associazione trasporti), fornisce gli standard minimi di sicurezza riguardanti messa a norma, manutenzione e monitoraggio delle infrastrutture. Il sistema prevede una fase di sperimentazione alla quale segue un’autocertificazione. L’obiettivo è quello di fissare standard minimi di sicurezza destinati a diventare punti di riferimento uniformi a livello nazionale. Le linee guida per la certificazione delle dotazioni di sicurezza che accompagnano il modello “Risk and crisis management” si basano su: - due indici: adeguatezza della infrastruttura e funzionalità dell’organizzazione dell’ente proprietario o concessionario della strada; - due coefficienti: sostenibilità del traffico e sicurezza, misurata in base ai dati relativi agli incidenti sulla tratta di strada in questione. In occasione del convegno è stata, inoltre, presentata al ministro dei lavori pubblici e alla consulta nazionale per la sicurezza una proposta di legge, la “legge obiettivo 2” che mira ad un apposito finanziamento per la sicurezza delle infrastrutture nelle grandi opere.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati