Carrello 0
Atene: ultimata la copertura made in Italy del nuovo stadio
AZIENDE

Atene: ultimata la copertura made in Italy del nuovo stadio

di Roberta Dragone

È l’azienda friulana Cimolai a ricongiungere le due giganti metà della struttura

18/06/2004 – L’azienda friulana Cimolai ha ultimato la copertura del nuovo stadio di Atene progettato dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava che ospiterà le Olimpiadi 2004. Il tetto dello stadio rappresenta nel mondo un caso di eccellenza del made in Italy, che acquista ancora più valore nella misura in cui rende giustizia all’unica azienda italiana aggiudicataria di un appalto di costruzione per le strutture delle Olimpiadi di Atene. Il ricongiungimento delle due metà, enormi archi da 7 mila tonnellate l’uno, che costituiscono la struttura è avvenuto pochi giorni fa. Tempo record per la realizzazione di un’opera da 75 milioni di euro con una capienza di 74mila persone, se si considera che tutto il lavoro è stato portato a termine nel giro di nove mesi. La procedura ha coinvolto 220 operai, dei quali i due terzi italiani, mentre la gestione dei lavori dell’intera area rientra nei compiti dell’azienda greca Aktor. Cimolai realizza in tutto il mondo ponti, stadi,installazioni per il settore aeronautico, viadotti per alta velocità in Italia ed in Francia. Tra le altre opere che l’azienda di Pordenone ha realizzato nel mondo ricordiamo: capannone per l’Airbus 380 a Tolosa, piattaforme petrolifere off-shore in Medio Oriente, basi militari nel Qatar, il Second Severn Crossino Bridge in Inghilterra, il viadotto Chavanon in Francia, Oval di Torino, il progetto dei tre ponti a Reggio Emilia.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Partecipa