Carrello 0
Arrivano modifiche alla Legge Biagi
NORMATIVA

Arrivano modifiche alla Legge Biagi

di Daniela Colonna

Controlli più serrati per il settore edile

22/06/2004 – E’ stato di recente approvato dal Consiglio dei Ministri uno schema di decreto che modifica in alcune sue parti la legge Biagi che ha riformato il settore lavoro. Anche per il settore edile arrivano delle novità volte essenzialmente a ridurre e a eliminare il fenomeno del lavoro sommerso che in questo settore provoca rischi molto alti per i lavoratori dei cantieri. Una prima novità è contenuta nell’art. 15 del disegno di decreto che prevede una comunicazione di assunzione da inoltrare ai servizi per l’impiego sulla base dell’art. 9-bis, comma 2 del decreto legge 510/96. Per il settore edile in particolare, la comunicazione deve essere effettuata il giorno precedente alla data di instaurazione dei rapporti. Questa regola imposta per il settore edile è differente rispetto agli altri casi per i quali attualmente il legislatore impone la comunicazione nei cinque giorni successivi l’assunzione. Costituendo eccezione, non si poteva non prevedere una sanzione in caso di inadempimento. A questo riguardo lo schema di decreto prevede una sanzione amministrativa che va da 100 a 500 euro per ogni lavoratore interessato cui va aggiunta quella che va da 250 a 1500 euro in caso di mancata denuncia contestuale da consegnare al lavoratore al momento dell’instaurazione del rapporto di lavoro. Novità sempre per il settore edile è costituita da quanto prevede lo schema di decreto in caso di mancanza di certificato di regolarità. La nuova disposizione prevede sia sospesa l’efficacia della concessione edilizia e della denuncia di inizio attività. Ultima novità per il settore edile è inoltre l’art. 14 del decreto di modifica che rimuove il divieto per i datori di lavoro di adibire gli apprendisti a lavori di manovalanza e di produzione in serie.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati