Carrello 0
Bio-Architettura in mostra a Valencia
ARCHITETTURA

Bio-Architettura in mostra a Valencia

In rassegna progetti che sfidano i lughi comuni della non-realizzabilità della architettura bioclimatica

17/08/2004 - Il tema della bioarchitettura è sicuramente il più discusso degli ultimi tempi, quello che richiama la maggiore attenzione da parte degli operatori del settore, progettisti, amministrazioni pubbliche, media. Effetto della crescente attenzione che l’opinione pubblica ha nei confronti della sostenibilità dello sviluppo, dello sfruttamento delle risorse, dei consumi energetici, dell’inquinamento. Nonostante questa attenzione, però, il costruire “sostenibile” stenta a decollare. Complessità progettuale, difficoltà nel superare prassi consolidate, impatto poco consueto delle forme, ostacoli burocratici rendono oggi difficile una diffusione su larga scala dei principi della architettura bioclimatica; costi di progettazione, realizzazione e manutenzione spesso più elevati rispetto alla comune edilizia, inoltre, ne limitano ulteriormente le potenzialità, confinandola nel ristretto cerchio di committenze “illuminate”. La mostra “ Naturalezas artificiales ”, inaugurata lo scorso giugno a Valencia, si propone di superare questi luoghi comuni sulle difficoltà della architettura sostenibile, proponendo una serie di progetti in cui biocompatibilità, efficienza energetica ed innovazione tecnologica si coniugano sapientemente a risultati estetici raffinati e costi confrontabili con gli edifici realizzati in maniera tradizionale. Una esposizione multimediale organizzata dall'ANAVIF, l’associazione spagnola di architettura del futuro, che permette ai visitatori di lanciare uno sguardo al futuro dell'architettura e della residenza, e che ha come assoluto protagonista Luis de Garrido , le cui realizzazioni sono tutte saldamente centrate su severi criteri di bioclimaticità, cura del design, contenimento dei costi. Abitazioni nelle varie tipologie unifamiliari e collettive, edifici e spazi pubblici, hotel, architetture innovative e rispettose dell’ambiente ma non strettamente riservate agli “addetti ai lavori”. Tutti lavori che testimoniano la preziosa ricerca di Luis de Garrido. La mostra, allestita nel Museo de las Ciencias Príncipe Felipe presso la Ciudad de las Artes y de las Ciencias (C.A.C.) di Valencia, resterà aperta fino al prossimo maggio. Per maggiori informazioni: Sito web CAC: www.cac.es Sito web ANAVIF: www.anavif.com Sito web Luis de Garrido: www.luisdegarrido.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Partecipa