Carrello 0
A Bilbao premio speciale “Città d’acqua” alla Biennale
ARCHITETTURA

A Bilbao premio speciale “Città d’acqua” alla Biennale

di Roberta Dragone

Il progetto di trasformazione della città basca tocca aspetti urbanistici, ambientali ed economici

27/09/2004 – “Abandoibarra e Galindo – Perimetri industriali, perimetri urbani”. È questo il titolo del progetto con il quale la città di Bilbao ha partecipato alla mostra “Città d’acqua” - sezione promossa nell’ambito della nona edizione della Biennale di Architettura di Venezia, dedicata ai progetti di recupero urbanistico realizzati in aree marittime e fluviali - ottenendo il riconoscimento speciale come migliore progetto. La Giuria ha premiato la ricchezza dei risultati ottenuti dal progetto di Bilbao – Rìa 2000 (società che si occupa dello sviluppo urbano di Bilbao) di rivalorizzazione delle rive del Nerviòn, il fiume che attraversa il territorio urbano, di sviluppo e riqualificazione di molte aree degradate, nonostante fossero prossime al centro urbano. Degna di menzione non solo la “riconfigurazione degli spazi pubblici”, ma anche le “scelte architettoniche”. Se fino a pochi anni fa le attività minerarie, industriali e portuarie vantavano un ruolo privilegiato rispetto al rapporto tra la città ed il corso d’acqua, il progetto Bilbao – Rìa 2000 ha inaugurato un nuovo spirito riformatore dando alla città basca la possibilità di recuperare il suo fronte fluviale. In perfetta sintonia con il principio ispiratore della mostra “Città d’acqua”, che vuole sottolineare la dinamicità dei progetti finalizzati al recupero della qualità della vita urbana attraverso la riscoperta dell’acqua. Si tratta di un cambiamento che tocca aspetti urbanistici, ambientali ed economici: spostamento del porto dall’interno dell’estuario del Nerviòn verso l’esterno, chiusura di alcune grandi industrie, e riordinamento della rete ferroviaria. La rive del fiume stanno gradualmente cambiando aspetto, e le zone che prima ospitavano industrie e magazzini si stanno trasformando in spazi pubblici per passeggiate, gallerie d’arte all’aperto, nonché luoghi dove prendono forma diversi progetti di architetti locali ed internazionali. Abandoibarra Area situata nel cuore della città che si estende su una superficie di 348.500 metri quadrati. Per molti anni l’accesso all’area è stato negato al pubblico, finchè non è stata aperta La Ribera promenade sulle banchine dell’Evaristo Churruca. In corso ancora i lavori per la realizzazione della “Avenida de Abandoibarra”, che collegherà Alameda de Mazarredo con la sala musica e congressi Euskalduna mediante un viale alberato, con una pista ciclabile e tre fermate del tram. Dei complessivi 348.507 metri quadrati 115.714 ospiteranno vegetazione. Parque de Ribera Disegnato da J.L. Chollet and associates, si stende per 800 metri lungo il fiume. È ora in programma un ampliamento su entrambe le rive del fiume; lo spazio per il passeggio sarà ampio dai 40 ai 120 metri, per una superficie complessiva di 48mila metri quadrati. Il parco ospita anche le sculture esposte lungo il Paseo de la Memoria, una sorta di vicolo della memoria che riporta il passante indietro nel tempo, all’epoca in cui l’area ospitava attività industriali. Ponte pedonale Pedro Arrupe Il progetto del ponte pedonale Pedro Arrupe fu avviato dall’ingegnere José Antonio Fernández Ordóñez e, dopo la sua morte, ultimato da suo figlio Lorenzo e da Francisco Millanes, ingegnere civile. È stato poi inaugurato insieme alla “Abaindobarra promenade” ed alla “Avenida de las Universidades”. Si tratta di una struttura in acciaio duplex e legno di lapacho la cui realizzazione è costata 7,4 milioni di euro. Barakaldo - Galindo Il progetto per Barakaldo consiste nel recupero delle aree lungo il fiume. In programma la costruzione di edifici residenziali, spazi per il tempo libero, e di uno stabilimento per attività commerciali. Metà dell’area ospiterà del verde, mentre per l’infrastruttura stradale sono previsti collegamenti tra i diversi quartieri e l’autostrada A8.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati