Carrello 0
Accordo Anie-Imq per la tutela dei condizionatori
MERCATI

Accordo Anie-Imq per la tutela dei condizionatori

di Roberta Dragone

Iniziativa finalizzata a rafforzare i controlli di traffici illeciti

16/11/2004 – Anie (Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche), IMQ (Istituto Italiano del Marchio di Qualità), Ministero delle Attività Produttive ed Agenzia delle Dogane, danno il via alla lotta contro l’importazione dei condizionatori contraffatti siglando un accordo per rafforzare i controlli dei traffici illeciti. L’iniziativa è stata presentata in occasione della Tavola Rotonda sull’Etichettatura energetica e sulla contraffazione nel settore del condizionamento domestico svoltasi lo scorso 20 ottobre presso la sede milanese dell’IMQ. Nonostante, dopo il boom del 2003, il mercato dei condizionatori sia nel nostro paese in costante crescita, i prodotti contraffatti a basso costo che giungono per il 90% dal Sudest asiatico e dall’Europa dell’est costituiscono una minaccia per il settore. Nel 2004 è entrata in vigore la direttiva europea che rende obbligatoria l’etichettatura energetica. La direttiva è stata tuttavia recepita soltanto in Germania, Italia e Grecia. “L’incremento della domanda di condizionatori ad uso domestico ha comportato anche l’aumento di un’offerta extra europea a basso costo e conseguentemente a basso contenuto tecnologico – spiega Roberto Taranto, Direttore Generale di Federazione ANIE. “Questi prodotti riportano in etichetta informativa dichiarazioni spesso non conformi alle reali prestazioni e in più casi non rispettano i requisiti fondamentali di sicurezza imposti dalla Comunità Europea”. Il danno economico che il mercato italiano ha subito nel 2003 a causa dell’importazione di prodotti contraffatti ammonta a più di 4 miliardi di euro. È quanto risulta da un’indagine condotta dall’American Chamber of Commerce in Italia. Di qui l’iniziativa per combattere il fenomeno. L’accordo prevede: - realizzazione per gli uffici doganali di una banca dati di aziende i cui prodotti saranno contrassegnati da un codice di Informazione tariffaria vincolante (Itv); - attivazione presso l’Anie di uno “Sportello contraffazione”; - istituzione da parte dell’Imq del laboratorio “Imq Clima, Centro di Innovazione tecnologica Agemont” per la certificazione dei prodotti di climatizzazione.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati