Carrello 0
Un ponte sull’Adriatico per collegare Italia e Croazia
LAVORI PUBBLICI

Un ponte sull’Adriatico per collegare Italia e Croazia

di Roberta Dragone
Commenti 19433

A “Infrastructura 2005” la presentazione del progetto firmato dall'architetto De Romanis

Commenti 19433
04/04/2005 – Un ponte che attraversa l’Adriatico collegando l’Italia alla Croazia. Il progetto, firmato dall’architetto romano Giorgio De Romanis, è stato presentato a Torino lo scorso 10 marzo in occasione del workshop “Il Progetto del ponte sull’Adriatico Ancona-Zara”, nell’ambito di “Infrastructura 2005” (Lingotto Fiere, 9-12 marzo). Una prima presentazione del progetto era avvenuta nel maggio dello scorso anno ad Ancona, presso l’Università Politecnica delle Marche. Recentemente, nella prospettiva di un inserimento del nostro paese nel programma delle grandi infrastrutture trasportistiche europee, lo studio romano ha voluto riproporre il progetto, per il quale ha anche creato l’apposita società “Il ponte sull’Adriatico S.r.l.”. Il progetto è stato battezzato “dream-bridge”, probabilmente in virtù della eccezionalità del servizio che offrirebbe collegando Ancona a Zara, sulla sponda croata, ed ottimizzando gli scambi economici e commerciali. Il grande contenitore di traffico ha una lunghezza di 120 km ed è sorretto da 420 pilastri verticali e orizzontali posti a 250 metri l’uno dall’altro ed immersi nel mare fino a 65 metri. La struttura distribuirebbe il traffico su tre livelli destinati rispettivamente al traffico ferroviario, dei camion e delle auto, con due autostrade di quattro corsie ciascuna. Sospeso sul mare ad un’altezza dai 30 ai 70 metri, il grande ponte ferroviario e stradale sarà in grado di reggere un traffico di circa 80 milioni di veicoli all’anno. Non solo. Consentirà anche la posa di condotti per acqua, petrolio e gas, nonchè l’alloggiamento di cavi per le telecomunicazioni. Il progetto è stato, inoltre, studiato secondo criteri di compatibilità ambientale, consentendo di sfruttare energia solare, eolica e moto ondoso. Dispositivi fotovoltaici e pale eoliche montati sulla copertura consentiranno non solo l’illuminazione interna ed esterna della struttura, ma anche a mantenere costante la temperatura della superficie stradale, evitando la formazione di ghiaccio e umidità. La struttura, il cui costo è stato stimato pari a 20 miliardi di euro, sarà costantemente monitorata per tutta la sua lunghezza da migliaia di sensori. La sua durata vitale minima dovrebbe essere di 120 anni.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui
Altri commenti
thumb profile
mauro

Ovvio che per una simile realizzazione occorrerebbe il concorso di tutti gli stati beneficiari e ne sarebbero diversi.

thumb profile
lorenzo

salve, sono uno studente di scienze ambientali e sono nato ad Ancona. In merito a questo progetto definirei l'iniziativa "IMPROPONIBILE"!!!! Tra i principali problemi di Ancona c'è proprio quello della viabilità! Attualmente le infrastrutture esistenti non permettono un deflusso decente del traffico veicolare dalla zona portuale a quella autostradale ( in ore di punta ci si impiega anche un'ora!!!chiedere ai residenti nel quartiere di Torrette e ai camionisti greci...), figuriamoci se si dovesse costruire un ponte che colleghi Ancona a Zara... considero il tutto una pura FANTASCIENZA INGEGNERISTICA!!! P.S.:....ma non basta il ponte di Messina per capire l'idiozia di questi interventi?????


x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa