Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus, ok alla detrazione per gli immobili senza rendita
RISTRUTTURAZIONE Superbonus, ok alla detrazione per gli immobili senza rendita
APPALTI

Ponte sullo Stretto: due le offerte per la gara

di Roberta Dragone

Guidate da Astaldi e Impregilo le due cordate candidate al ruolo di general contractor per il ponte di Messina. In estate il verdetto finale

Vedi Aggiornamento del 13/10/2005
26/05/2005 – Questa volta nessuna proroga. Si scioglie finalmente l’enigma “due offerte, una sola offerta, oppure offerta congiunta?”. Alla scadenza del termine fissato alle ore 12:00 di ieri 25 maggio sono state due le offerte pervenute alla Società Stretto di Messina per la gara di affidamento della progettazione definitiva, esecutiva e la realizzazione del ponte sullo Stretto ed i suoi collegamenti stradali e ferroviari sul versante Calabria e Sicilia. In estate si scoprirà il nome del general contractor.

Le offerte sono state presentate dalle due cordate temporanee guidate rispettivamente da Astaldi e Impregilo:
• il raggruppamento guidato da Astaldi Spa è partecipato dalla società spagnola Ferrovial Agroman SA e dalle imprese italiane Maire Engineering Spa, Ghella Spa, Vianini Lavori Spa e Grandi Lavori Fincosit Spa.
• la cordata guidata da Impregilo Spa è composta dalla spagnola Sacyr S.A., dalle italiane Condotte D’Acqua Spa, Cooperativa Muratori & Cementisti-C.M.C. di Ravenna, dai giapponesi Ishikawajima-Harima Heavy Industries CO Ltd., e dal Consorzio Stabile “A.C.I. F.c.p.a”.

“Si apre con oggi – commentava subito dopo la presentazione delle offerte Pietro Ciucci, Amministratore delegato della Stretto di Messina - la fase finale di gara per la realizzazione del ponte sullo Stretto. È la più grande gara mai realizzata in Italia, ha un valore pari a 4,4 miliardi di euro e avviene mediante licitazione privata”.

“Per quanto riguarda i criteri di aggiudicazione - ricorda Pietro Ciucci - l’offerta economicamente più vantaggiosa sarà selezionata sulla base di: prezzo, organizzazione del General Contractor, valore tecnico ed estetico della varianti, costo di utilizzazione e manutenzione, riduzione dei tempi di esecuzione, maggiore quota delle imprese affidatarie nominate nonché maggiore entità del prefinanziamento”.

Grande soddisfazione dunque per la Stretto di Messina Spa, soprattutto dopo il ritorno sulla scena degli spagnoli Ferrovial Agroman, rientrati nella cordata di Astaldi con una quota percentuale cresciuta dal 13% al 35%. Lo scorso 5 maggio era infatti la stessa Astaldi che con un comunicato annunciava ufficialmente la rinuncia delle spagnole Ferrovial e Necso. Rientrata dunque Ferrovial, mentre Necso non ha mostrato alcun ripensamento sulla questione.

In attesa di conoscere il nome del futuro general contractor per la realizzazione della tanta discussa opera, Ciucci ha tempestivamente annunciato la prossima tappa:
“L’impegno della Stretto di Messina prosegue senza sosta per la realizzazione di questa straordinaria opera che vedrà entro il mese di giugno l’avvio della terza gara, quella per il monitoraggio ambientale, confermando gli impegni annunciati e la forte attenzione della Società per l’ambiente e le ricadute socio-economiche dell’opera”.

Ma le associazioni ambientaliste non rinunciano a combattere contro la realizzazione di un’opera ritenuta altamente rischiosa, e annunciano una nuova richiesta di annullamento della gara.
“Stretto di Messina e Governo - denuncia Gaetano Benedetto del Wwf - si assumono la responsabilità di mettere a rischio ingenti fondi pubblici procedendo nella gara del general contractor», una gara «azzoppata (come dimostra la presenza di solo due cordate per un’opera così importante) dalle numerose defezioni dei grandi gruppi europei».

Vengono poi ancora una volta sottolineati i problemi economici, tecnici e legali legati alla vicenda ponte: i fondi sono solo pubblici, i costi rischiano di lievitare, il general contractor può “anticipare il finanziamento dell’opera emettendo obbligazioni totalmente garantite dallo Stato per costruire un’infrastruttura che potrà sub-affidare a terzi senza alcun controllo”.
“La conseguenza di tutto ciò – conclude Benedetto – è che gli unici a guadagnarci sarebbero le società di progetto dei general contractor”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui