Carrello 0
NORMATIVA

Albo gestori rifiuti: iscrizione senza minimo di quantità

di Rossella Calabrese

Sentenza della Corte di Giustizia modifica il decreto Ronchi

Vedi Aggiornamento del 24/08/2005
14/06/2005 - Dovrà essere modificato il decreto Ronchi 22/1997 sulla gestione dei rifiuti. È quanto ha stabilito la sentenza C-270-03 emessa dalla terza sezione della Corte di Giustizia europea il 9 giugno scorso. L’art. 30 comma 4 del decreto contrasta con l’art. 12 della direttiva comunitaria 91/156/CEE, in attuazione della quale lo stesso decreto è stato emanato; più precisamente il Ronchi stabilisce che per le imprese che trasportano rifiuti pericolosi propri in quantità inferiore a 30 kg o 30 lt non è richiesta l’iscrizione all’Albo nazionale gestori rifiuti. La direttiva, invece, prescrive che l’obbligo valga per tutti i trasportatori senza limiti minimi di quantità. La sentenza, che non essendo interpretativa non produce effetti immediati ma obbliga a modificare la legge, è l’atto finale di un lungo contenzioso aperto da una diffida che l’Unione Europea ha inviato all’Italia il 24 ottobre 2001; a ciò ha fatto seguito una serie di atti tra Roma e Bruxelles e, il 24 giugno 2003, la Commissione si è rivolta alla Corte. La Corte ha accolto la tesi della Commissione riconoscendo alla locuzione “a titolo professionale” il significato che l’attività di trasporto dei rifiuti deve essere un’attività ordinaria e regolare delle imprese, bocciando quindi l’interpretazione della suddetta locuzione data dal Ministero dell’Ambiente che la riferiva ad un’attività abituale e redditizia, svolta da un imprenditore in possesso dell’esperienza necessaria per svolgerla; altrimenti, secondo il Ministero, migliaia di imprenditori dovrebbero iscriversi all’Albo. Ma nessuna disposizione della direttiva prevede deroghe in base al tipo o alla quantità dei rifiuti trasportati, e l’Italia non ha motivato la fissazione del limite a 30 kg o 30 lt. Lo scopo della direttiva è, invece, quello di incrementare il controllo dei rifiuti dalla produzione allo smaltimento.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui