Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, meno burocrazia per i lavori di efficientamento energetico e antisismici
RISTRUTTURAZIONE Superbonus 110%, meno burocrazia per i lavori di efficientamento energetico e antisismici
NORMATIVA

Schema di decreto rendimento energetico edifici

di Roberta Dragone

Le Commissioni parlamentari esprimono parere favorevole

Vedi Aggiornamento del 16/02/2006
Commenti 11598
29/07/2005 – Nella seduta dello scorso 27 luglio la X Commissione Attività produttive ha concluso l’esame dello schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2002/91/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2002, sul rendimento energetico nell’edilizia: parere favorevole con condizioni e osservazioni (vedi pdf in allegato) . La bozza di decreto, approvata dal Consiglio dei Ministri nella seduta dello scorso 27 maggio, disciplina il rendimento energetico in edilizia. L’obiettivo è promuovere ed ottimizzare l’efficienza energetica negli edifici di nuova costruzione, in rapporto all’ambiente ed al contesto climatico, con il fine di contribuire al conseguimento degli obiettivi nazionali di limitazione di gas ad effetto serra prescritti dal Protocollo di Kyoto. Il decreto disciplina in particolare: - la metodologia per il calcolo della prestazione energetica degli edifici; - l’applicazione dei requisiti minimi in materia di prestazioni energetiche degli edifici; - i criteri generali per la certificazione energetica; - le ispezioni periodiche degli impianti di climatizzazione; - i criteri per garantire la qualificazione e l’indipendenza degli esperti incaricati della certificazione energetica e dell’ispezione degli impianti; - la raccolta delle informazioni per l’orientamento alla politica del risparmio energetico; - la promozione dell’uso razionale dell’energia. Tra le condizioni poste dalle Commissioni parlamentari compare l’adozione di una disciplina transitoria che tracci un percorso graduale di continuità in materia di prestazioni energetiche degli edifici, e l’estensione della normativa introdotta dallo schema di decreto – rivolta ai soli edifici di nuova costruzione – anche agli edifici oggetto di ristrutturazione sugli edifici la cui superficie sia superiore ai 1000 metri quadrati. La parola spetta ora alla Conferenza Stato-Regioni.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui