Carrello 0
NORMATIVA

Tutela da fallimenti immobiliari: in vigore il decreto

di Roberta Dragone
Commenti 11415

Da oggi ufficialmente operativo il Dlgs che dà attuazione della legge che tutela gli acquirenti di immobili da costruire

Vedi Aggiornamento del 29/01/2007
Commenti 11415
21/07/2005 – Addio all’incubo del costruttore che chiude bottega e scappa prima ancora che l’acquirente dell’immobile sia riuscito a stipulare il rogito. Entra oggi in vigore il decreto legislativo 122/2005 emanato in attuazione della legge 210 dell’8 agosto 2004 per la tutela dei diritti patrimoniali degli acquirenti di immobili da costruire. Approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri nella seduta dello scorso 10 giugno e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale lo scorso 6 luglio, il provvedimento è operativo da oggi. Nuovi obblighi per i costruttori ed ulteriori garanzie per gli acquirenti. Fideiussione Diventa obbligatorio per il costruttore procurarsi e consegnare all’acquirente, precedentemente oppure al momento dell’atto di stipula di un contratto che non implica il trasferimento immediato della proprietà, una fideiussione a garanzia delle somme riscosse o ancora da riscuotere prima del trasferimento della proprietà. Il mancato adempimento dell’obbligo rende il contratto nullo. Si tratta tuttavia di una nullità relativa, poiché può essere fatta valere soltanto dall’acquirente. La fideiussione può essere rilasciata da una banca, da una assicurazione o da intermediari finanziari iscritti nell’elenco speciale che compare nel Dlgs 385/1993 all’articolo n. 107. L’importo della fideiussione deve essere pari alle somme e al valore di ogni altro corrispettivo che il costruttore ha riscosso o deve ancora riscuotere prima che sia avvenuto il trasferimento della proprietà dell’immobile. Assicurazione dell’immobile Il costruttore dell’immobile è obbligato a contrarre una polizza assicurativa indennitaria decennale a beneficio dell’acquirente. La polizza, con effetto dalla data di ultimazione dei lavori, è finalizzata a tutelare il compratore per dieci anni contro danni materiali derivanti da rovina e difetti della costruzione manifestatisi successivamente alla stipula del contratto definitivo di compravendita o di assegnazione. Contenuto del contratto preliminare Il costruttore è obbligato a evidenziare nel compromesso una serie di informazioni, anche sulla fideiussione: identificazione dell’immobile, estremi di convenzioni comunali, vincoli urbanistici, artistici ed ambientali, ipoteche e trascrizioni pregiudizievoli; è obbligatorio anche allegare il capitolato. Istituzione del Fondo di solidarietà Il decreto prevede anche un meccanismo di tutela retroattiva per gli acquirenti che sono stati vittime di fallimenti immobiliari negli anni passati. Il 4 per mille della somma coperta da fideiussione andrà ad alimentare un fondo di solidarietà della durata di quindici anni, che servirà a indennizzare le vittime dei fallimenti immobiliari precedenti all’entrata in vigore del decreto. Potranno usufruire del fondo gli acquirenti di immobili i cui costruttori siano falliti tra il 31 dicembre 1993 e la data di entrata in vigore del decreto, ovvero il 21 luglio 2005. Le modalità di accesso al fondo per gli aventi diritto, qualora si sua verificata una situazione di “crisi”, saranno definite da un decreto del Ministero della Giustizia e del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Trascorsi sei mesi dalla pubblicazione del suddetto decreto, potranno essere presentate le domande di indennizzo. L’acquirente dovrà allegare alla richiesta scritta di indennizzo la documentazione recante prova dei versamenti effettuati al costruttore nonché della loro entità. L’importo dovrà essere risarcito entro 30 giorni dalla ricezione della richiesta. Nel caso di mancata liquidazione entro i termini previsti, il garante dovrà farsi carico, oltre delle spese dovute, anche dei relativi interessi.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa