Carrello 0
TECNOLOGIE

Arrivano le norme sui conglomerati bituminosi

di A cura di www.uni.com

Prevista una serie di requisiti sui materiali costituenti la miscela

Vedi Aggiornamento del 29/07/2005
12/07/2005 - Ha raggiunto la fase di votazione finale l'intera serie di norme di prodotto sui conglomerati bituminosi prEN 13108: parte 1: Conglomerati bituminosi tradizionali parte 2: Conglomerati bituminosi per strati di usura molto sottili parte 3: Conglomerati confezionati con bitumi molli parte 4: Conglomerati bituminosi per strati di usura irruviditi parte 5: Conglomerati bituminosi per strati di usura ad elevata rugosità confezionati con mastice bituminoso parte 6: Asfalti colati per strati di usura a bassissimo tenore di vuoti parte 7: Conglomerati bituminosi ad elevato contenuto di vuoto parte 8: Conglomerati bituminosi riciclati (leggi la notizia) parte 20: Prove iniziali di tipo parte 21: Controllo di produzione in stabilimento. Le norme prevedono una serie di requisiti sui materiali costituenti la miscela (aggregati, legante, additivi, conglomerato riciclato); per quanto riguarda la miscela, i requisiti sono divisi in: requisiti generali (composizione e granulometria dell'aggregato, contenuto di vuoti, rivestimento ed omogeneità, sensibilità all'acqua, resistenza all'abrasione da parte di pneumatici chiodati, resistenza alla deformazione permanente, resistenza al fuoco, resistenza ai carburanti e ai fluidi antigelo per applicazioni negli aeroporti, temperatura della miscela); requisiti per l'approccio empirico (composizione, granulometria, contenuto di legante e additivi, valori Marshall per applicazioni negli aeroporti, percentuale di vuoti riempiti con bitume, contenuto di vuoti nell'aggregato minerale, contenuto di vuoti in funzione della compattazione); requisiti per l'approccio fondamentale (granulometria e contenuto di legante, resistenza a fatica e alla deformazione permanente). L'approccio empirico specifica il conglomerato in termini di ricette di composizione e requisiti per i materiali costituenti, insieme a ulteriori requisiti basati su prove di prestazione. L'approccio fondamentale offre un maggiore grado di libertà: il conglomerato bituminoso viene specificato in termini di requisiti prestazionali legati a prescrizioni limitate sulla composizione e sui materiali costituenti. Le attività normative sui conglomerati bituminosi sono portate avanti a livello europeo dal gruppo di lavoro CEN/TC 227/WG 1 "Bituminous mixtures", seguito a livello nazionale dal GL "Conglomerati bituminosi" della Commissione UNI "Costruzioni stradali e opere civili delle infrastrutture". Tutti i progetti di norma, esclusa la parte 8, sono stati elaborati in risposta al mandato M/124 "Prodotti per la costruzione di strade", quindi i conglomerati bituminosi -a partire da una data che sarà indicata dalla Commissione Europea- dovranno riportare la marcatura CE sulla documentazione di accompagnamento. Poiché il mandato M/124 indica un sistema di attestazione di conformità di tipo 2+, sarà necessario l'intervento di un organismo notificato per l'ispezione inziale dello stabilimento e del controllo di produzione in stabilimento, e per la sorveglianza continua sul controllo di produzione in stabilimento. -------------------------------------------------------------------------------- Per informazioni: UNI, Anna Rossi Comparto Costruzioni e-mail: costruzioni@uni.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Bonus per la casa, come migliorarli? Leggi i risultati