Carrello 0
NORMATIVA

Anche i fisici triennalisti nell’albo impianti

di Rossella Calabrese

Il Ministero AP consente ai fisici l’accesso all’attività di impiantista

08/09/2005 - Una circolare del Ministero delle attività produttive dà il via libera all’iscrizione all’albo degli impiantisti a chi è in possesso di laurea triennale in fisica. L’attività di impiantista, disciplinata dalla legge 46/1990, comprende i lavori di installazione, trasformazione, ampliamento e manutenzione di impianti elettrici, radiotelevisivi, di riscaldamento e condizionamento, idrosanitari, del gas, di sollevamento. Col parere positivo del Consiglio Universitario Nazionale dunque, la laurea di primo livello in fisica abilita a tutte le attività dell’articolo 1 della legge 46/1990. L’impiantista dovrà possedere uno dei seguenti requisiti: - laurea in materia tecnica specifica (fisica, ingegneria, architettura); - diploma di scuola superiore di secondo grado e un anno di esperienza lavorativa in un’impresa del settore; - attestato di formazione professionale e due anni consecutivi di esperienza lavorativa in un’impresa del settore; - tre anni di esperienza lavorativa in un’impresa del settore in qualità di operaio installatore specializzato. L’impiantista non deve aver avuto condanne per reati di tipo mafioso. L’attività deve essere denunciata, al momento dell’iscrizione dell’impresa nel registro delle imprese o all’albo delle imprese artigiane, ed è soggetta alla denuncia di inizio attività ai sensi della legge 241/1990 modificata dal recente decreto competitività (legge 80/2005). L’albo degli impiantisti, che doveva essere istituito a partire dal 1° luglio scorso, è stato rinviato al 1° luglio 2006 (legge 148/2005); la proroga vale anche per l’installazione degli impianti negli edifici scolastici.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui