Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Professionisti, la Puglia stanzia 125 milioni di euro per la ripartenza
PROFESSIONE Professionisti, la Puglia stanzia 125 milioni di euro per la ripartenza
NORMATIVA

Architettura rurale: valorizzazione e tutela

di Rossella Calabrese

Un decreto individua le tipologie e definisce i criteri tecnici per la realizzazione degli interventi

Vedi Aggiornamento del 10/12/2008
Commenti 20614
18/10/2005 - È stato pubblicato sulla G.U. n.238 del 12 ottobre scorso, il Decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali relativo alla valorizzazione e tutela dell’architettura rurale, ai sensi della legge 24 dicembre 2003, n. 378. Il decreto è finalizzato al recupero di edifici ed insediamenti, realizzati tra il XIII e il XIX secolo, che siano testimonianze significative dell’articolazione e della stratificazione storica, antropologica ed urbanistica del territorio, della storia delle popolazioni e delle comunità rurali, delle economie agricole tradizionali e dell'evoluzione del paesaggio. Sono comprese, nelle tipologie suddette, recinzioni, pavimentazioni di spazi aperti, sistemi di canalizzazione, irrigazione e di contenimento dei terrazzamenti. Il decreto individua gli interventi ammissibili a contributo ai sensi della legge 24 dicembre 2003, n. 378. Si tratta di interventi di ricomposizione del rapporto funzionale tra immobili e terreni agrari, interventi minimi su solai e spazi interni, modifiche delle destinazioni d'uso per comprovate esigenze abitative e produttive, interventi di riuso funzionali alle attività agricole. Per i progetti relativi agli edifici rurali in zone sismiche, l’accesso al contributo è subordinato agli interventi di miglioramento sismico ai sensi della legge 2 febbraio 1974, n. 64. Gli interventi di restauro, adeguamento e ricostruzione devono essere effettuati con l'impiego di materiali appartenenti alla tradizione locale. Come stabilito dalla legge 378/2003, l'individuazione degli insediamenti rurali e l'elaborazione dei programmi di recupero, riqualificazione e valorizzazione è di competenza delle Regioni, in collaborazione con gli uffici ministeriali del Ministero per i beni culturali, con il Ministero delle politiche agricole e forestali e con il Ministero dell'ambiente. La stessa legge 378 ha istituito un Fondo nazionale per la tutela e la valorizzazione dell'architettura rurale.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui