Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus e altri bonus edilizi, ecco le Guide aggiornate
NORMATIVA Superbonus e altri bonus edilizi, ecco le Guide aggiornate
NORMATIVA

Finanziaria 2006, imposta di registro sul valore catastale

di Rossella Calabrese

L'imposta di registro negli atti di compravendita immobiliare sarà calcolata in base al valore catastale

Vedi Aggiornamento del 15/04/2008
20/12/2005 - Il maxiemendamento alla Finanziaria 2006, approvato questa mattina alla Camera, contiene una norma destinata a ridurre le spese notarili per le compravendite di immobili. È previsto, infatti, che l'imposta di registro negli atti di compravendita immobiliare sia pagata in base al valore catastale, a prescindere dalla cifra pattuita nell'atto di compravendita. Potranno così essere diverse la cifra dichiarata nel rogito e quella sulla quale applicare l’imposta di registro. Ad oggi la legge prevede che tale imposta sia calcolata sulla base del prezzo dichiarato nell’atto oppure il valore venale del bene oggetto della transazione. Di fatto però, la tendenza è quella di dichiarare comunque nei rogiti un valore inferiore a quello pagato. Con la nuova disciplina, il valore sul quale calcolare l’imposta sarà quello catastale. Il gettito per lo Stato non aumenterà perché le parti quasi sempre dichiarano il valore catastale. La norma avrà l’effetto di far emergere i veri prezzi degli immobili oggetto delle compravendite, di eliminare i rischi relativi alla dichiarazione di un valore falso e di avere un monitoraggio continuo del mercato immobiliare. I contribuenti otterranno una riduzione dell’imposizione fiscale, mentre l’erario vedrà calare i suoi introiti. Ora il testo della Manovra tornerà al Senato per l'approvazione definitiva.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

Imposta la nazione di spedizione

La scelta della nazione consente la corretta visualizzazione dei prezzi e dei costi di spedizione