Carrello 0
LAVORI PUBBLICI

Affidamenti diretti di servizi pubblici: chiarite le condizioni

di Rossella Calabrese

Per il CdS è necessario che la società affidataria sia totalmente partecipata dall’amministrazione aggiudicatrice

Vedi Aggiornamento del 24/01/2007
05/01/2006 - Con la sentenza n. 7345 del 22 dicembre 2005, il Consiglio di Stato ha stabilito che gli enti pubblici possono procedere agli affidamenti “in house” di lavori, forniture e servizi solo nei confronti di società totalmente partecipate dall’amministrazione aggiudicatrice e sulle quali la stessa amministrazione esercita un controllo analogo a quello esercitato su proprie strutture. Inoltre, la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce che il controllo analogo a quello esercitato su proprie strutture, che costituisce uno dei requisiti per poter affidare i lavori in house, non è da intendersi come rapporto di subordinazione gerarchica. Di conseguenza, è improponibile l’impostazione della circolare n. 12727 del Dipartimento per le politiche comunitarie della Presidenza del Consiglio dei Ministri che presuppone proprio una sorta di subordinazione gerarchica. Si tratta dello stesso criterio ripreso nel Codice dei contratti pubblici recentemente approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri, il quale esclude, appunto, dalle normali procedure di gara l’affidamento di lavori, forniture e servizi a società il cui capitale sia totalmente posseduto dall’amministrazione aggiudicatrice. Il nuovo codice degli appalti, che recepirà le direttive comunitarie 2004/17 e 2004/18, fa riferimento anche ad una sentenza della Corte di Giustizia europea (sentenza del 18 novembre 1999, causa 107/98) nella quale si afferma che l’affidamento diretto è consentito ove l'ente locale eserciti sull'affidatario un controllo analogo a quello che esso esercita sui propri servizi e questo realizzi la parte più importante della propria attività con l'ente controllante.
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati