Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Bonus mobili, via libera a sconto in fattura e cessione del credito
NORMATIVA Bonus mobili, via libera a sconto in fattura e cessione del credito
LAVORI PUBBLICI

In arrivo la tassa sulla gara: si pagherà da 30 a 100 euro

di Rossella Calabrese

A carico delle imprese partecipanti e delle stazioni appaltanti. Servirà per sostenere l’Authority dopo i tagli della Finanziaria

Vedi Aggiornamento del 02/04/2010
Commenti 9070
09/01/2006 - Dalla Finanziaria 2006 sono in arrivo nuovi oneri a carico delle imprese che parteciperanno alle gare d’appalto per lavori pubblici. La decisione del Governo di tagliare drasticamente i finanziamenti all’Autorità di vigilanza sui Lavori Pubblici costringerà la stessa Authority a trovare nuovi modi per autofinanziarsi. A fronte dei 18 miliardi di euro ricevuti nel 2005, l’Authority riceverà nel 2006 soltanto un’anticipazione di 3,5 miliardi da restituire a fine anno. Quasi certamente verrà istituita una tassa sulle gare. È già pronta una bozza che prevede la suddivisione del mercato in tre fasce sulla base degli importi a base d’asta: per le gare fino a 500 mila euro ciascun concorrente pagherà 30 euro; per le gare tra 500 e un milione di euro la tassa ammonterà a 50 euro; per quelle superiori ad un milione di euro ogni partecipante sborserà 100 euro. Ma anche per le stazioni appaltanti ci saranno nuovi costi: una tassa da 50 a 150 euro per ogni gara bandita. In compenso però l’Authority offrirà loro un nuovo servizio di consulenza con risposta in tempo reale. Il nuovo provvedimento riguarderà dapprima le gare di lavori pubblici, poi sarà esteso a quelle di progettazione, in concomitanza con l’estensione delle competenze dell’Authority su servizi e forniture (come previsto dal nuovo codice degli appalti pubblici). Infine, anche le Soa saranno obbligate a versare un contributo annuale in proporzione al proprio fatturato. È prevista anche l’introduzione di nuovi servizi a pagamento come la consulenza conciliativa per ridurre il contenzioso tra stazioni appaltanti e imprese. E a pagamento potrebbero diventare la risposta ai quesiti e la consultazione del massimario dell’Authority. E' infine da segnalare che la legge finanziaria 2006 affida all'Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici la “sicurezza sui binari”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Partecipa