Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
NORMATIVA Nuovo Testo Unico Edilizia, passi avanti per la proposta di legge
GEOTECNICA

Accordo Anbi - Protezione civile su rischio idrogeologico

di Rossella Calabrese

Una task force si occuperà della creazione di una rete di sicurezza

Vedi Aggiornamento del 21/11/2007
Commenti 4156
16/02/2006 - È stato siglato nei giorni scorsi a Roma un accordo tra la Protezione Civile e l'Associazione nazionale bonifiche e irrigazioni (Anbi) per la creazione di una rete di sicurezza contro il dissesto idrogeologico. Per far fronte al costante pericolo di frane e alluvioni che affligge la quasi totalità del territorio italiano, nascerà una vera e propria task force che opererà per la prevenzione, avvalendosi delle informazioni che l’Anbi metterà a disposizione della Protezione Civile. In Italia circa il 70% dei comuni è a rischio, e addirittura Valle d'Aosta, Umbria e Calabria hanno il 100% del proprio territorio a rischio idrogeologico, a causa della cementificazione selvaggia, dell'antropizzazione dei litorali e della sempre maggiore fragilità dell'entroterra. Ma notevoli sono anche i danni economici conseguenti a questa situazione: tutelare il territorio richiederebbe 39 miliardi di euro, a fronte dei 5 attualmente stanziati. La rete gestita dai consorzi di bonifica, costituita da opere di scolo idraulico su 7 milioni di ettari, oltre 92.000 chilometri di canali di bonifica e 754 idrovore con una potenza di circa 430mila kWh, è fondamentale per garantire la sicurezza del territorio, ma necessita di manutenzione e ammodernamento per mantenere le indispensabili condizioni per lo sviluppo sul territorio italiano sul quale, nel decennio 1990-2000, la Superficie Agricola Utilizzata (S.A.U.) si è ridotta di oltre un milione e ottocentomila ettari.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, come sta andando e cosa ci aspetta? Leggi i risultati