Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Ecobonus e bonus ristrutturazioni, cosa accade se cambia la destinazione d’uso dell’immobile
RISTRUTTURAZIONE Ecobonus e bonus ristrutturazioni, cosa accade se cambia la destinazione d’uso dell’immobile
NORMATIVA

Concorsi di progettazione: da oggi in vigore le regole Ue

di Roberta Dragone

Ancora in fase di elaborazione il recepimento italiano

01/02/2006 – Da oggi è ufficialmente in vigore la direttiva 2004/18/CE concernente le procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, forniture e servizi. Nonostante il recepimento italiano della disciplina europea sia ancora in fase di elaborazione, alcune delle disposizioni in essa contenute entrano in vigore da oggi 1° febbraio 2006. Tra queste ricordiamo le regole per i concorsi di progettazione, cui la direttiva europea dedica il Titolo IV (articoli da 66 a 74). Le modalità di trasmissione di bando e avvisi da parte dell’amministrazione aggiudicatrice sono tra le maggiori novità che diventano operative con la direttiva 2004/18/CE. In merito alle disposizioni sulla pubblicazione dei bandi l’art. 69, paragrafo 3, rimanda all’articolo 37: “Le amministrazioni aggiudicatrici trasmettono i bandi e gli avvisi alla Commissione per via elettronica secondo il formato e le modalità di trasmissione precisate nell’allegato VIII, punto 3 o con altri mezzi di trasmissione”. Nel caso di procedura accelerata, i bandi e gli avvisi devono essere trasmessi mediante fax o per via elettronica secondo il formato e le modalità di trasmissione precisate nell’allegato VIII, punto 3 (all’indirizzo Internet http://simap.eu.int oppure via Fax all’ufficio pubblicazioni Guce). In tal caso i bandi saranno pubblicati entro cinque giorni dalla loro trasmissione. I bandi e gli avvisi non trasmessi per via elettronica saranno invece pubblicati entro dodici giorni dal loro invio. L’art. 71, paragrafo 2, fornisce indicazioni sulle modalità di archiviazione delle informazioni: “Le comunicazioni, gli scambi e l'archiviazione di informazioni sono realizzati in modo da garantire l'integrità dei dati e la riservatezza di qualsiasi informazione trasmessa dai partecipanti al concorso e da non consentire alla commissione giudicatrice di prendere visione del contenuto dei piani e dei progetti prima della scadenza del termine previsto per la loro presentazione”. L’art. 72 disciplina le modalità di selezione dei concorrenti: “Quando ai concorsi di progettazione è ammessa la partecipazione di un numero limitato di partecipanti, le amministrazioni aggiudicatrici stabiliscono criteri di selezione chiari e non discriminatori. Per quanto riguarda il numero di candidati invitati a partecipare, si deve comunque tener conto della necessità di garantire un'effettiva concorrenza”.

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui