Network
Pubblica i tuoi prodotti
Vai al prossimo articolo
Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
NORMATIVA Superbonus 110%, la caldaia a condensazione permette il ‘salto di classe’?
NORMATIVA

Conto energia: novità su incentivi al fotovoltaico

di Roberta Dragone

Pubblicato su Gazzetta Ufficiale, il nuovo decreto è già in vigore

Vedi Aggiornamento del 20/11/2006
Commenti 23573
20/02/2006 – Novità sull’incentivazione agli impianti fotovoltaici. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 15 febbraio scorso il Decreto Ministeriale 06/02/2006 recante i “Criteri per l’incentivazione della produzione di energia elettrica mediante conversione fotovoltaica della fonte solare”. Il giorno successivo alla pubblicazione su GU il decreto è entrato in vigore. Il provvedimento, elaborato dal Ministero delle Attività produttive di concerto con il Ministero dell’Ambiente, apporta alcune modifiche al Decreto 28 luglio 2005 (pubblicato su Gazzetta Ufficiale il 5 agosto scorso ed entrato in vigore a settembre 2005), con cui è stato introdotto in Italia il cosiddetto “conto energia”- il sistema di incentivazioni che promuove la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Il contributo non è assegnato all’installazione dell’impianto, bensì all’energia prodotta dai pannelli solari; questa viene poi venduta dai proprietari dei pannelli solari alla rete elettrica nazionale. Le novità introdotte dal DM 06/02/2006 Tra le maggiori novità introdotte dal nuovo decreto vi è l’innalzamento della potenza incentivabile, la riammissione del moduli fotovoltaici a film sottile, un incremento del 10% della tariffa incentivante per impianti integrati in edifici di nuova costruzione, le variazioni dei termini di presentazione delle domande. - L’obiettivo nazionale di potenza nominale fotovoltaica cumulata da installare entro il 2015 passa da 300 MW (art. 11 del decreto 28 luglio 2005) a 1000 MW. - Incrementato anche il limite massimo di potenza incentivabile, che passa da 100 a 500 MW: 360 MW per gli impianti di potenza inferiore a 50 kW e 140 MW per impianti di potenza superiore a 50 kW. - Per tutto il 2006 e sino al 2012 incluso viene introdotto un limite di potenza annuale pari a 85 MW: 60 MW per gli impianti di potenza inferiore a 50 kW e 25 MW per impianti di potenza superiore a 50 kW. - Per gli impianti la cui potenza è compresa tra i 50 kW e i 1.000 kW, il decreto 28/07/2005 prevede l’obbligo di una cauzione definitiva di 1.500 euro, attestata da una dichiarazione da allegare alla domanda di ammissione alla tariffa incentivante. Il decreto 06/02/2006 riduce tale cauzione a 1.000 euro. - Le domande di ammissione alle tariffe incentivanti potranno essere presentate soltanto nei mesi di marzo, giugno, settembre e dicembre, dal 1° all’ultimo giorno del mese. - Alla incentivazione sono ammessi anche gli impianti per i quali siano stati utilizzati moduli a film sottile, esclusi invece dal decreto 28/07/2005. La clausola per l’ammissione è che la domanda sia presentata da persone giuridiche. Le domande presentate prima dell’entrata in vigore del decreto 06/02/2006 non ammesse in ragione dell’utilizzo dei moduli a film sottile saranno riammesse, con priorità di accesso. - Il nuovo decreto introduce un incremento del 10% delle tariffe incentivanti – che resteranno costanti sino al 2012 incluso – per gli impianti fotovoltaici che siano stati integrati in edifici di nuova costruzione, o esistenti oggetto di ristrutturazione (definiti dall’art. 3, comma 2, del dlgs 192/2005). I soggetti interessati dovranno allegare alla domanda di ammissione una dichiarazione che certifichi il rispetto dei criteri dettati dal Dlgs 192/2005. - Per quanto riguarda gli impianti di potenza inferiore a 20 kW, il Grtn spiega che è possibile optare per il servizio di scambio sul posto o per la cessione in rete dell’energia prodotta. Nel primo caso l’incentivazione è riconosciuta solo all’energia prodotta e consumata in loco. Ricordiamo che con la delibera 188/05 del 14 settembre l’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha individuato il “soggetto attuatore” del nuovo programma di incentivazione nella società “Gestore della rete di trasmissione nazionale S.p.a.” (GRTN). E ha stabilito modalità e condizioni di erogazione delle “tariffe incentivanti”, nonché le modalità di presentazione delle domande e le necessarie verifiche. Il Grtn ha il compito di promuovere azioni e campagne informative finalizzate a favorire la corretta conoscenza della procedura per usufruire degli incentivi. A tal fine fornirà a breve tutti gli aggiornamenti sull’argomento. Maggiori informazioni sul fotovoltaico

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Superbonus 110%, si parte col piede giusto? Partecipa