Carrello 0
UNI: online lo spazio “Ascensori Sicuri”
NORMATIVA

UNI: online lo spazio “Ascensori Sicuri”

di
Commenti 3501

Respinto il ricorso di Confedilizia al TAR del Lazio

Commenti 3501
23/02/2006 - UNI, l’Ente Nazionale Italiano di Unificazione, ha aperto sul proprio sito Internet lo spazio “Ascensori sicuri” all’indirizzo http://www.uni.com/it/grandi_temi/ascensori/ per mettere a disposizione delle imprese di settore, dei proprietari immobiliari, degli amministratori condominiali - ma anche del consumatore - tutte le informazioni necessarie a conoscere la norma UNI EN 81-80, il punto di riferimento normativo in tema di sicurezza per gli ascensori installati prima dell’entrata in vigore della specifica direttiva europea nel 1999. Lo spazio “Ascensori sicuri” è una vera e propria guida alla norma UNI EN 81-80, per comprenderne i contenuti, fugare i dubbi e gli eventuali equivoci sugli oneri economici e per chiarire il rapporto tra la norma e la legislazione. Inoltre, per alimentare lo scambio di opinioni e il dibattito sul tema del miglioramento della sicurezza degli ascensori esistenti, UNI ha aperto sul proprio sito Internet un forum di discussione - libero e non moderato- per favorire la formazione di una grande comunità virtuale su questa tematica molto sentita dai consumatori. Il forum è accessibile a tutti, indipendentemente dal livello di esperienza, dalla qualifica professionale e dai motivi per i quali si è deciso di interessarsi all'argomento. Nelle scorse settimane si è molto dibattuto sul tema dell’incremento della sicurezza degli ascensori "vecchi" (cioè installati prima del 1999), tema molto delicato che vede coinvolti gli interessi dei consumatori - e il loro diritto alla salute e alla sicurezza, sancito dalla Costituzione - ma anche gli interessi economici degli operatori della filiera: i proprietari immobiliari, gli organismi di controllo, le aziende di produzione, installazione e manutenzione degli impianti, oltre che l’Autorità Pubblica. Lo scorso 9 febbraio il TAR del Lazio ha respinto il ricorso di Confedilizia che chiedeva l’annullamento previa sospensione del decreto ministeriale 26 ottobre 2005 sul miglioramento della sicurezza degli ascensori, ritenendo che il ricorso “…difettasse del pregiudizio grave ed irreparabile, presupposto della tutela cautelare…”. Resta quindi valido il decreto del Ministero delle Attività Produttive che stabilisce: • che la norma tecnica UNI EN 81-80 sia il riferimento da adottare per lo svolgimento dell'analisi dei rischi presenti negli impianti installati prima dell'entrata in vigore della direttiva 95/16/CE • le tempistiche secondo le quali devono essere effettuati gli interventi di adeguamento (da un minimo di 6 mesi a un massimo di 6 anni, salvo casi di particolari ed eccezionali rischi per l'incolumità delle persone per i quali è previsto il blocco dell’ascensore). Per Informazioni: AdnKronos Comunicazione Alessandro Gelmi Alessandro.gelmi@adnkronos.com Tel. 02/8545161 UNI - Ufficio Comunicazione News@uni.com Tel. 02/70024.471
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
Lucernari e cupole per illuminare dall'alto, quali usi nei tuoi progetti? Partecipa