Carrello 0
Acustica: la nuova UNI ISO 8297 sul rumore ambientale
NORMATIVA

Acustica: la nuova UNI ISO 8297 sul rumore ambientale

di A cura di www.uni.com

Il metodo tecnico progettuale a supporto della 2002/49/CE

16/03/2006 - Lo scorso febbraio è stata pubblicata la norma UNI ISO 8297:2006 "Acustica - Determinazione dei livelli di potenza sonora di insediamenti industriali multisorgente per la valutazione dei livelli di pressione sonora immessi nell'ambiente circostante - Metodo tecnico progettuale", messa a punto dalla Commissione Acustica dell'UNI. Nel gennaio 2005 la Commissione Acustica decise di adottare in lingua italiana la norma internazionale ISO 8297:1994, richiamata nella direttiva 2002/49/CEE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale, recepita il 19 agosto 2005 con il decreto legislativo n. 194. La nuova UNI ISO 8297 specifica un metodo tecnico progettuale per determinare i livelli di potenza sonora di grandi insediamenti industriali multisorgente, da utilizzare per la valutazione dei livelli di pressione sonora immessi nell'ambiente circostante. Questi livelli di pressione sonora possono essere utilizzati in un appropriato modello previsionale per detta valutazione. Il metodo è limitato a grandi insediamenti industriali con sorgenti multiple di rumore (combinazione di un numero imprecisato di sorgenti individuali), le cui dimensioni principali giacciono prevalentemente su un piano orizzontale e che irradiano il rumore in modo sostanzialmente uniforme in tutte le direzioni sul piano orizzontale. I risultati ottenuti sono espressi in livelli di potenza sonora in banda di ottava e, se richiesto, in livelli di potenza sonora ponderati A. Il metodo è valido per insediamenti industriali per i quali la maggiore delle dimensioni sul piano orizzontale è compresa tra 16 m e 320 m circa. La norma è applicabile ad aree industriali in cui la maggior parte degli impianti funziona all'aperto, come per esempio, complessi petrolchimici, insediamenti, cave di pietra, impianti di macinazione e installazioni minerarie che irradiano rumore a banda larga, a banda stretta e con presenze tonali e/o impulsive. Il procedimento descritto è applicabile sia ad un rumore stazionario sia ad un rumore non stazionario, purché quest’ultimo sia statisticamente stazionario. I dati ottenuti usando la UNI ISO 8297 sono adatti per: calcolare il livello di pressione sonora in punti prestabiliti intorno a un insediamento in condizioni atmosferiche determinate, purché la distanza di questi punti dal centro geometrico dell'area dell’insediamento sia uguale ad almeno 1,5 volte la dimensione più grande dell'area dell’insediamento. Tutte le singole sorgenti entro l'area dell’insediamento sono trattate, in tal modo, come un'unica sorgente puntiforme posta nel centro geometrico dello insediamento; identificare aree industriali o particolari parti di esse al fine di determinare il loro contributo di pressione sonora in determinati punti dell'ambiente circostante; confrontare sorgenti diverse (insediamenti interi o installazioni che li costituiscono) in termini di livello di potenza sonora; tenere sotto controllo i rumori emessi da un insediamento. Per informazioni tecniche: UNI, Roberto,Bottio Comparto Meccanica e-mail: meccanica@uni.com Per informazioni commerciali: UNI, Settore Diffusione e-mail: diffusione@uni.com
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui

x Sondaggi Edilportale
BIM: professionisti italiani, siete pronti? Leggi i risultati