Carrello 0
“Premio Città di Barcellona 2005”
RISULTATI

“Premio Città di Barcellona 2005”

di Cecilia Di Marzo

Allo studio EMBT il premio per il Mercato di Santa Caterina

Vedi Aggiornamento del 12/07/2006
26/04/2006 - Allo studio EMBT - Arquitectes Associats , diretto da Benedetta Tagliabue , è stato riconosciuto il Premio “Città di Barcellona”, nella categoria “architettura e urbanistica”, per la riabilitazione del Mercato di Santa Caterina. La giuria ha affermato che il progetto "contribuisce al rinnovamento di un frammento della città e della sua memoria e converte l’edificio in porta e invito ad inoltrarsi nelle intricate strade della Ribera”. Durante la cerimonia di premiazione, l’assessore alla Cultura Mascarell ha iniziato il suo intervento ricordando che «Barcellona è vista da tutte le parti come una città di creatività e di talento, di innovazione e di coraggio di osare. Una città di creatori è una città libera e per questo è necessario non solo che esista questa creatività come "materia prima", ma è anche necessario l’accordo della città con la gente creativa». Omaggio, dunque, alla creatività, elogio alla diversità culturale e alla libertà di espressione, che, secondo l’arch. Tagliabue, fanno di Barcellona una città pioniera, che combina modernità e qualità della vita. L’architetto, inoltre, in riferimento al progetto, ha aggiunto che creare un nuovo mercato “è sottolineare la qualità di vita di Barcellona attraverso un’architettura di qualità”. L'intervento di ristrutturazione del vecchio mercato si è esteso fino a comprendere la riqualificazione dell'intero barrio (quartiere) proposta dagli stessi progettisti. Il progetto dialoga perfettamente con il quartiere, con la storia e con la gente. La copertura ondulata, ricoperta da 300.000 esagoni di ceramica policroma, su cui sono riprodotte immagini di frutta e verdura, avvolge l’intero edificio ed è la protagonista incontrastata di questo vivace progetto che riassume in sé tutte le caratteristiche di questa città mediterranea, eclettica e variopinta. La struttura sottostante è composta da una selva di pilastri in acciaio dalle forme più strane, che contribuiscono alla realizzazione di quanto richiesto dall’Ayuntamento, ossia la totale integrazione della nuova struttura con quella originaria. Per maggiori informazioni Mercato di Santa Caterina
© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione ( commenti) Utilizza il mio account Facebook Non hai un account Facebook? Clicca qui